Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

TESTI Canzoni - Indice

 

I Want You - Bob Dylan

Di Bob Dylan
Dall'album: Blonde on Blonde - Columbia Records, 1966


The guilty undertaker sighs
the lonesome orangegrinder cries
the silver saxophone says
I should refuse you
the cracked bells and washed out horns
blow into my face with scorn
but it's not that way
I wasn't born to lose you
I want you I want you
I want you so bad honey
I want you
the drunken politician leaps
upon the streets where mothers weep
and the saviors who are fast asleep
they wait for you
and I wait for them to interrupt
me drinking from my broken cup
and ask me to open up
the gate for you
now all my fathers
they've gone down
true love
they've been without it
but all their daughters
put me down
cause I don't
think about it

well I return to the queen of spades
and talk with my chamber maid
she knows that I'm not afraid to
look at her
she is good to me and there's
nothing she doesn't see
she knows where I'd like to be
but it doesn't matter
now your dancing child with the chinese suit
he spoke to me I took his flute
no I wasn't very cute to him
was I
but I did it because he lied
because he took you for a ride
and because time was on his side
and because I
want you I want you
I want you so bad
honey I want you

 




Il becchino colpevole sospira
lo spremiaranci solitario grida
il sassofono d'argento ripete
che io dovrei rifiutarti
le campane incrinate i corni sbiaditi
mi soffiano in faccia con disprezzo
ma non sarà così
non sono nato per perderti
ti voglio ti voglio
ti voglio così tanto
amore ti voglio
il politicante ubriaco salta
sulla strada dove le madri piangono
e i salvatori in un sonno profondo
tutti aspettano te
e io aspetto che facciano cessare
il mio bere da questa tazza incrinata
e mi dicano di spalancare
i cancelli per te
ora tutti i miei padri
sono finiti sotto terra
il vero amore
non l'hanno mai conosciuto
ma tutte le loro figlie
mi hanno disprezzato
perché io
non ci penso
allora ritorno dalla regina di picche
e parlo con la mia fantesca
lei sa che non ho paura
di guardarla
è buona con me e non c'è
niente che non veda
sa dove io vorrei essere
ma non importa
ora il tuo bambino danzante con la veste cinese
mi ha parlato e io gli ho preso il suo flauto
non sono stato molto gentile con lui
è vero
ma l'ho fatto perché ha mentito
perché ti ha portato a fare un giro
e perché il tempo era dalla sua parte
e perché io
ti voglio ti voglio
ti voglio così tanto
amore ti voglio

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...