Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

TESTI Canzoni - Classici in lingua francese - Indice

Testi canzoni originali con traduzione in italiano di Ermanno Tassi

 

Les Feuilles Mortes - Yves Montand

Di: Jacques Prévert, Joseph Kosma

 

Testo della canzone (lingua originale)

 

Les Feuilles Mortes

 

Oh, je voudais tant que tu te souviennes 
Des jours heureux où nous étions amis 
En ce temps-là la vie était plus belle 
Et le soleil plus brûlant qu'aujourd'hui.

 

Les feuilles mortes se ramassent à la pelle
Tu vois, je n'ai pas oublié
Les feuilles mortes se ramassent à la pelle
Les souvenirs et les regrets aussi.

 

Et le vent du Nord les emporte,
Dans la nuit froide de l'oubli.
Tu vois je n'ai pas oublié,
La chanson que tu me chantais...

 

Les feuilles mortes se ramassent à la pelle
Les souvenirs et les regrets aussi,
Mais mon amour silencieux et fidèle
Sourit toujours et remercie la vie.

 

Je t'aimais tant, tu étais si jolie,
Comment veux-tu que je t'oublie?
En ce temps-là la vie était plus belle
Et le soleil plus brûlant qu'aujourd'hui.

 

Tu étais ma plus douce amie
Mais je n'ai que faire des regrets.
Et la chanson que tu chantais,
Toujours, toujours je l'entendrai.

 

C'est une chanson qui nous ressemble,
Toi tu m'aimais, moi je t'aimais
Et nous vivions, tous deux ensemble,
Toi qui m'aimais, moi qui t'aimais.

 

Mais la vie sépare ceux qui s'aiment,
Tout doucement, sans faire de bruit
Et la mer efface sur le sable
Les pas des amants désunis.

 

C'est une chanson qui nous ressemble,
Toi tu m'aimais et je t'aimais
Et nous vivions tous deux ensemble,
Toi qui m'aimais, moi qui t'aimais.

 

Mais la vie sépare ceux qui s'aiment,
Tout doucement, sans faire de bruit
Et la mer efface sur le sable
Les pas des amants désunis


Testo della canzone (Traduzione in italiano)
Traduzione a cura di Ermanno Tassi

 


Le Foglie Morte

 

Oh, io vorrei tanto che tu ti ricordassi
Dei giorni felici nei quali eravamo amici
In quei momenti la vita era più bella
Ed il sole più brillante di oggi

 

Le foglie morte si radunano nella paletta
Tu vedi, non ho dimenticato
Le foglie morte si radunano nella paletta
Cosi pure i ricordi ed i rimpianti

 

E il vento del nord se li porta via
Nella notte fredda dell’oblio
Tu vedi, non ho dimenticato
La canzone che mi cantavi

 

Le foglie morte si radunano nella paletta
Così come i ricordi ed i rimpianti
Ma il mio amore silenzioso e fedele
Sorride sempre e ringrazia la vita

 

Ti amavo tanto, eri così bella
Come vuoi che io ti dimentichi?
In quei momenti la vita era più bella
Ed il sole più brillante di oggi

 

Tu eri la mia amica più dolce
Ma io non ho a che fare coi rimpianti
E la canzone che cantavi
La sentirò sempre, sempre

 

E’ una canzone che ci assomiglia
Tu mi amavi, io t’amavo
E noi vivevamo tutte e due assieme
Tu che mi amavi, io che t’amavo

 

Ma la vita separa quelli che si amano
Molto dolcemente senza fare chiasso
Ed il mare cancella sulla sabbia
I passi degli amanti separati

 

E’ una canzone che ci assomiglia
Tu mi amavi, io t’amavo
E noi vivevamo tutte e due assieme
Tu che mi amavi, io che t’amavo

 

Ma la vita separa quelli che si amano
Molto dolcemente senza fare chiasso
Ed il mare cancella sulla sabbia
I passi degli amanti separati

 

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...