Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

TESTI Canzoni - Classici in lingua francese - Indice

Testi canzoni originali con traduzione in italiano di Ermanno Tassi

 

Sous Les Ponts De Paris - André Claveau

Di: Vincent Scotto, Jeann Rodor

 

Testo della canzone (lingua originale)

 

Sous Les Ponts De Paris

 

Pour aller à Suresnes ou bien à Charenton
Tout le long de la Seine on passe sous les ponts
Pendants le jour, suivant son cours
Tout Paris en bateau défile,
L' cœur plein d'entrain, ça va, ça vient,
Mais l' soir lorsque tout dort tranquille...

 

Sous les ponts de Paris, lorsque descend la nuit,
Tout's sort's de gueux se faufil'nt en cachette
Et sont heureux de trouver une couchette,
Hôtel du courant d'air, où l'on ne paie pas cher,
L'parfum et l'eau c'est pour rien mon marquis
Sous les ponts de Paris.

 

A la sortie d' l'usine, Julot rencontre Nini
Ça va-t-il, la Rouquine, c'est ta fête aujourd'hui.
Prends ce bouquet, quelqu's brins d' muguet
C'est peu mais c'est tout' ma fortune,
Viens avec moi; j' connais l'endroit
Où l'on n' craint même pas l'clair de lune.

 

Sous les ponts de Paris, lorsque descend la nuit
Comme il n'a pas de quoi s' payer une chambrette,
Un couple heureux vient s'aimer en cachette,
Et les yeux dans les yeux faisant des rêves bleus,
Julot partage les baisers de Nini
Sous les ponts de Paris.

 

Rongée par la misère, chassée de son logis,
L'on voit un' pauvre mère avec ses trois petits.
Sur leur chemin, sans feu ni pain
Ils subiront leur sort atroce.
Bientôt la nuit la maman dit
Enfin ils vont dormir mes gosses.

 

Sous les ponts de Paris, une mère et ses petits
Viennent dormir là tout près de la Seine
Dans leur sommeil ils oublieront leur peine
Si l'on aidait un peu, tous les vrais miséreux
Plus de suicid's ni de crim's dans la nuit
Sous les ponts de Paris.



Testo della canzone (Traduzione in italiano)
Traduzione a cura di Ermanno Tassi

 


Sotto I Ponti Di Parigi

 

Per andare a Surennes come pure a Charenton
Lungo tutta la Senna si passa sotto i ponti
Durante il giorno, seguendo il suo corso
Tutta Parigi sfila in battello
Il cuore pieno di brio, si va, si viene
Ma la sera quando tutto dorme tranquillo

 

Sotto i ponti di Parigi, quando scende la notte
Tutti i generi di mendicanti s’intrufolano di nascosto
E sono felici di trovare un giaciglio
L’Hotel delle correnti d’aria, dove non si paga caro
Il profumo  e l’acqua non s’addicono affatto
Sotto i ponti di Parigi

 

All’uscita dalla fabbrica, Julot incontra Nini
Come va? la Rossa, oggi è la tua festa
Prendi questo mazzo di fiori, qualche stelo di mughetto
E’ poco ma è tutta la mia fortuna
Vieni con me, io conosco i luoghi
Dove non si teme nenche il chiaro di luna

 

Sotto i ponti di Parigi, quando scende la notte
Siccome non hanno di che pagare una cameretta
Una coppia felice viene ad amoreggiare di nascosto
E con gli occhi negli occhi fanno sogni celestiali
Julot si scambia  baci con Nini
Sotto i ponti di Parigi

 

Logorata dalla miseria, scacciata dalla sua casa
Si vede una povera madre con i suoi tre piccini
Sulla strada, senza calore ne pane
Subiranno una sorte atroce
Di notte  poco dopo la madre disse
Finalmente i miei figlioli dormiranno

 

Sotto i ponti di Parigi una madre ed i suoi figlioli
Dormiranno là  molto vicino alla Senna
Nel loro sonno scorderanno la loro pena
Se si aiutassero un po’ tutti i veri miserabili
Niente più suicidi e crimini di notte
Sotto i ponti di Parigi.

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...