Home Page Riflessioni.it
Aletheia di Emanuela Trotta

Aletheia

di Emanuela Trotta - indice articoli


Dove sei?

Maggio 2022


La domanda "Dove sei?" che Dio rivolge ad Adamo nella Genesi è una domanda sulla consapevolezza del nostro vivere, dovrebbe provocare nell'uomo una reazione, stimolare un cambiamento. Adamo si nasconde per non rendere conto, per sfuggire alla responsabilità della propria vita, proprio nascondendosi e persistendo in questo nascondimento, l'uomo scivola nella falsità. Cercando di nascondersi a Dio, si nasconde anche a sé stesso. La domanda vuole turbare l'uomo, vuole mostrargli dove lo ha condotto una strada sbagliata e far nascere in lui un desiderio di venirne fuori. Dove sei è la domanda che rivolge ad un'umanità smarrita, che ha perso il senso del suo essere, non ha come scopo generare il senso di colpa, ma è una richiesta di assunzione di responsabilità. Di fronte alla disobbedienza, Dio non ha parole di condanna, ma si limita a porre un interrogativo, che accompagna il cammino di ogni uomo. Adamo è un uomo disorientato, che ha perso il suo posto nel mondo, ma affronta la voce, riconosce di essere in trappola e confessa "mi sono nascosto", è qui che inizia il cammino dell'uomo, quando ribalta le priorità e riesce a mantenere umanità in mezzo alla paura, quando giudica ogni situazione e non si limita ad obbedire, quando accetta che la vita sia intrisa di rischio, quando impara che non si può avere tutto e nulla di quello che abbiamo sempre avuto è scontato.

Dare risposta a questa domanda è essenziale per lasciarci trovare e per ri-trovarci e tornare a casa. Non sfuggire la domanda, significa decidere di vivere l'esistenza in pienezza, è una domanda che richiede coraggio e onestà, senza nascondersi dietro l'orgoglio, la paura o la superficialità. Sempre più raramente abbiamo la capacità di fermarci, di interrogarci e prenderci cura di noi stessi, siamo viaggiatori che hanno ormai dimenticato la meta. L'uomo, preso dal vortice degli impegni e dal delirio di onnipotenza, è costretto a costatare di aver dato vita a idoli che gli rubano la libertà; lo spirito del capitalismo lo ha ridotto a puro consumatore, grazie alla riduzione del desiderio a puro bisogno. Desiderare è una delle capacità costitutive dell'uomo, il desiderio è una tensione verso una realtà che è altra rispetto alla quotidianità, ma l'oggetto del desiderio rimane sempre inappagabile. Il bisogno, invece, potendo essere soddisfatto, schiaccia l'uomo sulla dimensione esclusivamente materiale. Nel mondo contemporaneo vi è un abbassare lo sguardo per spostarsi dalle altezze del desiderio verso qualcosa di più concreto e a portata di mano. Il sistema deve continuare a produrre nel soggetto sempre nuovi bisogni, determinando un uomo che si trova in uno stato di permanente sollecitazione. Il sistema economico che ha ridotto l'uomo a macchina di consumo necessita di essere ripensato, riportando al centro la persona, recuperando l'umanesimo. La dimensione umana e relazionale deve essere compresa all'interno delle relazioni economiche, ripensando una nuova reciprocità e una nuova solidarietà, elemento costitutivo dei veri rapporti umani. Solo così sarà possibile ritrovare Adamo e custodire il giardino prezioso, che è la comunità umana. La domanda provoca ciascuno di noi a un cammino, spesso doloroso, ma solo così si riprendono in mano le redini dell'esistenza. Accogliere la domanda non è una fuga dal dolore, ma la decisione di attraversarlo. Il nostro orizzonte è costituito dalla fragilità del limite, siamo consapevoli che l'essere umano è sempre frammentario, condizionato dalla parzialità nei suoi progetti e nei suoi giudizi. Il nostro primo dovere è di non fuggire di fronte alla realtà e alla caducità che contrassegna le nostre intenzioni.

Dove sei? è un invito a sostenere e custodire le imperfezioni dell'altro o la nostra, è un esporsi alla vita, senza nascondersi. Siamo fragili, ma la fragilità apre al riscatto, esalta le qualità positive dell'animo umano, è il ponte che mette in relazione gli uomini.


Emanuela Trotta


Altri articoli di Emanuela Trotta


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - copyright©2000-2022

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT - Dove il Web Riflette! - Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo