Home Page Riflessioni.it

Meditazione come osservazione della mente

Discorsi di Dharma

di Geshe Gedun Tharchin

Indice articoli

 

Insegnamenti del Venerabile Lama Geshe Gedun Tharchin, Lharampa. Incontri, lezioni e scritti su Dharma, Meditazione e Buddhisimo.

 

 

Mahamudra
Essere senza essere

- Febbraio 2019

 

La meditazione è “essere senza essere”, semplicemente dimorare in sé naturalmente, sciolti da ogni vincolo, consapevoli che tutte le cose sono come immagini di sogno, illusioni.

Essere presenti a sé stessi in ogni circostanza non significa affatto cedere all’inganno di voler fuggire dal mondo carico di stress, al contrario è accogliere la verità della visione della realtà, poiché anche tutto ciò che regola il mondo fisico è realtà e come tale non deve essere rinnegato, ma osservato nella giusta prospettiva, in quella dimensione che la meditazione mostra.

Così possiamo affrontare lo stress senza stress, perché lo stress è oggettivamente reale, ma soggettivamente lo si può evitare, tutto dipende dalla corretta visione dell’io.

Le svariate distinzioni: sofferenza e non sofferenza, felicità e non felicità, pace e non pace… sono soltanto concetti inventati artificiosamente in quanto sono espressioni della stessa realtà, dove c’è l’una coesiste l’altra, naturalmente.

Tutti le costruzioni mentali: oggi sono felice, domani soffrirò ecc… sono il risultato delle nostre illusioni e per abbandonare questo fraintendimento ingannevole non serve né felicità, né sofferenza, né nessun’altra costruzione mentale.

La meditazione dunque è fondamentale e in particolare nella scuola Vajrā-yana si basa prima di tutto sulla consapevolezza della vacuità del sé e per questo ogni pratica inizia con la recita del mantra relativo di “Sunyata” (vacuità) che si esprime con la sillaba OM.

Om significa essenza di corpo, parola e mente, la mia essenza che non è diversa da quella del Buddha, è una condizione equanimemente universale sul piano spirituale, sottile, nel mondo alternativo.

Nella formulazione del mantra si ripete spesso “io” che sottintende la natura stessa della vacuità di tutti i fenomeni privi di esistenza intrinseca.

Dicendo “io e mio” affermiamo la vacuità di ogni cosa che è la realtà ultima della nostro essere e infondiamo grandezza e importanza a questa espressione nella misura in cui siamo coscienti della realtà dell’io e mio nella sua vacuità e quindi illimitatezza. Noi imprimiamo il valore alla nostra esistenza, ne determiniamo la grandezza o la piccolezza, tutto l’universo vi può essere contenuto o dissolto nella vacuità dell’io, nell’essenza del sé.

Questo è il mondo alternativo in cui possiamo sperimentare, creare o limitare ogni essenza, la scelta è nostra ed è illimitata.

In questa consapevolezza abbiamo contatti con i mondi mentale e materiale in ogni loro espressione, ma nella realtà profonda, personale, intima dell’io viviamo nel mondo alternativo, ed è fondamentale averne costante consapevolezza in qualsiasi circostanza e se spesso si è distolti dalle varie necessarie attività quotidiane, è necessario ritrovare questa conoscenza nel silenzio della meditazione che insegna ad utilizzare interamente le proprie risorse anche quando si incontrano ostacoli e difficoltà.

 

   Geshe Gedun Tharchin

 

Indice dei Discorsi di Dharma

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2019

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...