Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  17° ANNO

Dizionario Religioni   Indice

 

Religione Azteca

 

L'universo azteco era concepito come uno spazio formato da due piramidi cosmiche le cui basi, coincidenti, costituivano la superficie terrestre: la piramide superiore, divisa in tredici cieli, era sede degli dèi luminosi, la piramide inferiore, divisa in nove parti, era sede degli dèi inferi. Nel cielo più alto, detto Omeyocan (luogo della dualità), dimorava il potente Ometeotl, "dio della dualità", che assumeva le forme di Ometecutl e Omecihuatl ("il signore e la signora della dualità" o, anche, "padre nostro" e "madre nostra"): un dio-dea, insomma, da cui derivava l'intera creazione. Al di sotto di questa divinità, una e bina, si sviluppava un rigoglioso pantheon nel quale emergevano, sopra a tutti, Coatlicue (colei che ha una veste di serpenti), dea della terra madre, e Huitzilopochtli (colibrì di sinistra), suo figlio, dio del sole e della guerra, principale protettore dell'antica tribù azteca nella sua migrazione dal nord verso l'altopiano centrale del Messico: a lui, dio della vita, venivano sacrificati i prigionieri di guerra. Il sacrificio umano è una delle caratteristiche più note della religione azteca: sembra che esso fosse sia "simbolico" (un giovane di rara bellezza sacrificato ogni anno) che "rituale" (migliaia di vittime scorticate vive o a cui veniva strappato il cuore). Tra le altre divinità si possono ricordare Tezcatlipoca ("specchio fumante"), dio dell'Orsa maggiore, signore dell'inverno e della morte; Tlazolteotl, dea della fertilità; Xipe Totec, dio della primavera; Centeotl, dio del mais; Chihucoatl, dea del parto; Xochipilli, dio della gioia e della musica; Xechiquezatl, dio dei fiori e dell'amore; Chalchiuitlicue, dea delle acque e Xiuhtecutl, suo sposo, dio del fuoco; infine, Mitlontecutli e Mictlancihuatl, signore e signora dei morti. Un posto speciale, tra le divinità azteche, occupava Quetzalcoatl (il serpente dalle piume preziose o "serpente piumato verde"). Costui era, in realtà, un antico re tolteco, sovrano di Tollan (977-999), che si impegnò per abolire i sacrifici umani praticati dal suo popolo. Osteggiato dalla casta sacerdotale di Tula (Tollan), fu costretto all'esilio. Costruì, allora, una zattera fatta di serpenti intrecciati e salpò verso il Paese dell'aurora promettendo però che sarebbe ritornato. Dopo la sua scomparsa fu divinizzato e, in suo onore, vennero istituiti sacrifici umani. Lo sbarco di Cortés e degli spagnoli (1519) fu visto dagli aztechi come il "ritorno di Quetzalcoatl". Gli spagnoli, da parte loro, interpretarono i riti della religione azteca come deformazioni "diaboliche" del cristianesimo: così vennero giudicati la purificazione in acqua dei bambini (battesimo), la denuncia dei propri peccati (confessione), il sacro pasto a base di mais delle ossa e carne di Huitzilopochtil (comunione) e le due assi di legno incrociate che simboleggiavano l'albero su cui dimorava "il serpente piumato" (la croce).

P. Concetti
Fonte: www.pbmstoria.it

Utenti connessi


Cerca nel sito


Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook



I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2017

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...