Home Page Riflessioni.it

EnciclopediaEnciclopedia   Indice

 

Enzo Biagi

 

Biografia

Enzo Biagi nasce il 9 Agosto 1920 a Lizzano in Belvedere, un paesino dell'Appennino tosco-emiliano in provincia di Bologna.
Il padre è aiuto magazziniere di uno zuccherificio. Appena diciottenne inizia la carriera giornalistica lavorando come cronista al Resto del Carlino, e diventa professionista a 21 anni, età minima per entrare nell'albo professionale. Protagonista della guerra partigiana entra a Bologna con le truppe di liberazione e annuncia la fine del conflitto dai microfoni del Pwb.
Dal 1952 al 1960 dirige a Milano il settimanale Epoca; di questi anni è l'inizio del suo rapporto con la televisione destinato a rafforzarsi e durare nel tempo: entra alla Rai, e nel 1961 diventa direttore del telegiornale; nel 1962 fonda il primo rotocalco televisivo RT, e nel 1969 cura Dicono di lei, un programma d'interviste a personaggi famosi, alternando al lavoro in televisione l'attività di scrittore di libri e la collaborazione con La Stampa (di cui è inviato per una decina d'anni), la Repubblica, Il Corriere della sera e Panorama.
Le principali trasmissioni televisive sono Proibito, inchiesta di attualità sui fatti della settimana, due grandi cicli di inchieste internazionali, Douce France (1978) Made in England (1980) e un serie di servizi sul traffico d'armi, la mafia ed altri temi di stretta attualità della società italiana.
Ideatore e conduttore del primo ciclo di film dossier, nel 1982, e di questo secolo: 1943 e dintorni, nel 1983, ha conquistato il pubblico anche con numerose altre trasmissioni: 1935 e dintorni, Terza B, facciamo l'appello (1971), Linea Diretta (1985, 76 puntate); nel 1986 presenta le quindici puntate del settimanale giornalistico Spot, nell'87 e '88 Il caso (rispettivamente undici e diciotto puntate), nell'89 ancora Linea diretta cinquantacinque puntate, seguita in autunno da Terre lontane (sette film e sette realtà) e Terre vicine, sui mutamenti dei paesi ex comunisti dell'est.
Dal 1991 ad oggi Biagi realizza con la Rai un programma televisivo all'anno: I dieci comandamenti all'italiana (1991), Una Storia, Tocca a noi, La lunga marcia di Mao (sei puntate sulla Cina), Processo al processo su tangentopoli, Le inchieste di Enzo Biagi e il Fatto programma giornaliero di cinque minuti su avvenimenti e personaggi italiani (1995-1998).
Nel 1998 conduce due nuovi programmi, Fratelli d'Italia e Cara Italia.
Nell'ottobre 1999 parte la sesta edizione del Il Fatto.
Nel luglio 2000 è autore e volto del programma di RaiUno Signore e Signore, mentre nell'ottobre dello stesso anno è di nuovo in video con la settima edizione de Il Fatto.

Fonte: www.ilmolinello.it

 

Dopo più di ottocento puntate de Il Fatto, Enzo Biagi è costretto a interrompere la trasmissione e terminare la propria collaborazione con la RAI a seguito di aspre polemiche a causa di una sua presunta faziosità negativa nei confronti dell'allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il quale mentre si trovava in visita ufficiale a Sofia, rilasciò una dichiarazione passata alla cronaca con la definizione giornalistica di Editto bulgaro.
Dopo cinque anni di silenzio torna in tv nella primavera del 2007 con il programma "RT - Rotocalco Televisivo".
A causa di problemi cardiaci Enzo Biagi muore a Milano il 6 novembre 2007.
Nel corso della sua lunghissima carriera ha pubblicato oltre ottanta libri.

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2018

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...