Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > Altre sezioni del sito
Vecchio 24-03-2009, 12.02.49   #1
GiacomoArt
Ospite
 
L'avatar di GiacomoArt
 
Data registrazione: 14-10-2008
Messaggi: 9
Spirito

https://www.riflessioni.it/enciclopedia/spirito.htm

Che cosa è lo spirito, qual'è la sua funzione, come si manifesta, qual'è il suo significato?

Purtroppo nel testo allegato non si fa tanto riferimento allo spirito santo. Cos'è lo spirito per i cristiani?
GiacomoArt is offline  
Vecchio 13-12-2010, 20.33.11   #2
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Spirito

Citazione:
Originalmente inviato da GiacomoArt
https://www.riflessioni.it/enciclopedia/spirito.htm

Che cosa è lo spirito, qual'è la sua funzione, come si manifesta, qual'è il suo significato?

Purtroppo nel testo allegato non si fa tanto riferimento allo spirito santo. Cos'è lo spirito per i cristiani?
Ho sempre avuto una certa difficoltà con parole come "Spirito" o "spirituale": non mi pare giusto o sensato utilizzarle solo in relazione a caratteri esoterici o trascendentali…magari in relazione ad una qualche religione…o a sensazioni che dal trascendente derivano o di chi guarda il cielo.

O, forse, così mi pare perchè io non sono “spirituale”.

Nella mia primitiva ed elementare formazione religiosa, infatti, ho sentito parlare quasi esclusivamente di “Spirito Santo” o di “Spirito Cristiano” ed ho creduto a lungo fosse esclusivamente quello….lo “Spirito”.
Sempre più scopro, invece, che l’attribuire un aggettivo alla parola “Spirito” significa che l’accezione cristiana o esclusivamente religiosa è limitante: lo “Spirito” e, di conseguenza, l’essere spirituali, è anche altro…molto altro.

Una specie di illuminazione mi viene, oltre che dall' articolo di Luciano Peccarisi (La storia dello Spirito), anche dallo stralcio seguente, in cui Giulio Giorello (filosofo e matematico) commenta Einstein.

….dice Einstein: “La ricerca del sapere fine a se stessa, un amore quasi fanatico per la giustizia, il desiderio di indipendenza personale: sono questi i tratti che mi fanno rendere grazie alle stelle perché ne faccio parte”….
Einstein perseguiva una sua religione “cosmica” che nasce dalla gioia per la spiegazione razionale di tanti “fenomeni meravigliosi dell’universo” …..…… I concetti ed i principi di ogni teoria/disciplina scientifica sono creazioni libere dello “Spirito Umano” di cui sarebbe vano pretendere di dare una giustificazione definitiva invocando questa o quella proprietà essenziale del pensiero.….


Quindi alle domande poste …senza tuttavia pretendere di dare una giustificazione universale o assolutamente razionale e plausibile…si potrebbe rispondere così:

1)- Che cosa è lo spirito?
È lo spirito dell’Universo, “Spirito Cosmico”, che non è né materiale, né immateriale, magari non esiste, se ci atteniamo alla nostra concezione dell’esistere. Esso, per quanto immaginario, agisce nello stesso tempo globalmente e per ogni particella dell’universo. E’ eterno, …eterno almeno quanto l’Universo.
2)- Qual'è la sua funzione?
Far girare l’Universo, mantenerlo vivo, interattivo: far crescere l’entropia!
3)- Come si manifesta?
E’ la nostra percezione dei fenomeni dell’Universo sul piano della materia, del vivente, dello psicofisico di tutti i viventi..fino ad ogni esplicazione del pensiero umano..o di qualunque essere possa esplicarsi nell’universo.
4)- Qual'è il suo significato?
Il significato del'universo...cioè nessun significato, nessuno scopo: solo energia e spinta di variazione e sviluppo verso un infinito indeterminato...magari verso il baratro! E’ il divenire dell’Universo…Lo equiparerei, appunto, al crescere continuo dell’entropia.

Sul piano cristiano e cattolico lo “Spirito Santo” è concepito, forse, come fosse lo “Spirito Cosmico” stesso, cioè Dio. Mi pare, tuttavia, che la religione, forse ogni religione, lo interpreti in maniera limitata e distorta…secondo propri fini…i fini di chi ne ha elaborato la descrizione…cioè dell’uomo considerato nella sua pretesa centralità.

Mi preme ad ogni modo sottolineare che lo “Spirito”, come da enunciazione, non è un carattere esclusivamente religioso…e che non è spirituale solo chi tratta di religione o fa discendere da enunciazioni religiose il proprio sentire e pensare. Anzi le enunciazioni religiose sono spesso distorcenti, orientate e specifiche della particolare società che le esprime.

Lo “Spirito Cosmico”, oltre che nella fenomenologia cosmica, considerata nel suo sviluppo: del passato, in essere e in divenire.... si manifesta, in particolare, in ogni essere vivente…nel suo esplicarsi…comunque.

Nell’essere umano, secondo una concezione che diciamo laica, lo “Spirito Cosmico” ha relazione di qualità, sul piano sociale, con le grandi utopie dell’umanità come libertà, giustizia, dignità, qualità della vita, ecc… Sul piano personale lo spirito ha relazione qualitativa, con la coscienza, l’intelligenza, l’elevatezza intellettuale ed esperienziale, l’etica, l’empatia, la solidarietà, l’amore e la sensibilità verso gli altri viventi, ecc…

In conclusione, mi pare che la negazione del Dio esistente che richiede attenzione come esplicato dalle religioni, implichi di necessità l’intervento di un Dio inesistente (Spirito Cosmico) che magari è privo di volontà, giudizio e direzione, ma che è comunque dotato della forza/energia/carattere che muove l’Universo stesso.

O, è questa mia elucubrazione, una ovvietà…. magari anche partigiana?

Ultima modifica di ulysse : 14-12-2010 alle ore 19.20.00.
ulysse is offline  
Vecchio 19-02-2011, 16.41.12   #3
Emy76
Ospite
 
L'avatar di Emy76
 
Data registrazione: 30-08-2010
Messaggi: 16
Riferimento: Spirito

Citazione:
Originalmente inviato da GiacomoArt
https://www.riflessioni.it/enciclopedia/spirito.htm

Che cosa è lo spirito, qual'è la sua funzione, come si manifesta, qual'è il suo significato?

Purtroppo nel testo allegato non si fa tanto riferimento allo spirito santo. Cos'è lo spirito per i cristiani?


Io ho una visione , forse troppo semplice, che non si appoggia ad alcun testo letterario o pensiero filosofico. Lo spirito è un anelito di vita, un'energia che ti fa sentire l'altro empaticamente, è soffio vitale che vibra con altri soffi vitali ed è eterno. E' molto vicino al sentire la propria coscienza, ma è anche di più.
Lo spirito lo avverti quando guardi la natura, il mare, un paesaggio dall'alto, e senti la brezza entrare nei polmoni, il profumo dei boschi o del mare: lì senti di essere parte di un tutto, senti la nostalgia di un'armonia perduta.
Lo spirito è come una bussola interiore che ti fa sentire in armonia con gli altri e con la natura, o in disarmonia.
Lo spirito è soffio vitale, bussola con la quale vivi ma è anche ricerca continua di un perchè, o più perchè: si è in continua crescita, che procede per passi lunghi o piccolissimi, ma si cresce e si cambia e lo spirito interiore vibra come corde di violino, e non puoi dire che non lo senti...forse non vuoi, a volte.
Sono contenta di poter esprimere queste riflessioni, sono importanti, così come lo è vivere senza pensare soltanto. Lo spirito non è un concetto religioso , da Chiesa, è innanzitutto un sentire idiosincratico.
Emy76 is offline  
Vecchio 19-12-2011, 21.31.10   #4
paul11
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-12-2011
Messaggi: 899
Riferimento: Spirito

La domanda deve avere almeno un tentativo di risposta ontologica.
Veniamo dal nulla e torniamo al nulla? O siamo degli eterni (Parmenide)?
Che senso ha l'essere stati gettati nel mondo(Heidegger)? Per provare gioia e sofferenza, felicità e dolore?
Penso che la filosofia non sia riuscita a dare una risposta.
Il salto dell'abisso può forse solo darlo la fede.
Ma le religioni e le spiritualità hanno una genesi ed una escatologia, perchè alla fine le domande rimangono quelle: da dove veniamo? perchè siamo qui? Che senso ha la nostra esistenza? C'è una vita dopo la morte?
Lo spirito appare alla fine della morte, dopo che si è incarnato nel mondo, per una sua evoluzione, dicono tutte le spiritualità.
E siamo quì per imparare , per apprendere ed evolverci per utilizzare il libero arbitrio. E su questi contenuti e metodi che si dividono le spiritualità e le religioni, come il comune pensiero umano. Perchè è sempre l'umano che dice. Dov'è la risposta di Dio?
Ma è una verità, oppure è solo una speranza?
paul11 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it