Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 23-11-2007, 16.09.46   #1
fundy
Ospite
 
L'avatar di fundy
 
Data registrazione: 15-11-2007
Messaggi: 14
Realismo

Pensate che la corrente Realista, Più specificatamente il Verismo e il Naturalismo nella letterartura abbiano dei limiti? Secondo me la rappresentazione oggettiva della realtà impone una visione pessimistica degli eventi. Ho letto Verga, Zola, Flaubert e ho scoperto molta tragicità. In fin dei conti la vita non è poi così tragica, non vi pare? Cosa ne pensate?

Ciao

fundy
fundy is offline  
Vecchio 13-03-2008, 21.38.37   #2
Pipoca
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2008
Messaggi: 89
Riferimento: Realismo

Hai detto : " la rappresentazione oggettiva della realtà impone una visione pessimistica degli eventi"

In Verga non è la rappresentazione oggettiva della realtà ad imporre una visione pessimistica degli eventi , ma Verga stesso in relazione ai suoi ideali .
Credo che il suo verismo, se inteso come rappresentazione oggettiva, vada cercato maggiormente nel suo stile, nella sua ricerca e scelta linguistica, nella scelta dei suoi personaggi .
Nella scelta degli eventi invece, credo vada ricercato maggiormente il suo ideale di pessimismo progressista.
Che i Malavoglia perdano il carico di lupini in mare non è realtà , è una probabilità che Verga ha scelto . Anche che Gesualdo muoia di cancro allo stomaco (il centro energetico del potere e del possesso, la roba), è una probabilità su mille altre.

Amo Nanà non perché muore , ma perché rappresenta anche una parte di me ; nella realtà non è detto che muoiano tutte le prostitute, alcune diventano gloriose . Nanà non rappresenta la realtà : la sua morte è simbolica, è la morte della Francia, con il dilagare del malcostume, della vacuità di alcune classi sociali. Zola è reale, perché si appoggia alla realtà, ma solo per narrare la sua ideologia, che è comunque soggettiva.

Amo Madame Bovary perché ha turbamenti comuni a molte altre donne , ma non è detto che tutte li manifestino alla stessa maniera .

Il realismo di per sé lo si trova anche nel Decameron , dove io personalmente trovo ottimismo.

Pipoca is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it