Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 01-02-2004, 09.32.21   #1
David45
Ospite
 
Data registrazione: 26-01-2004
Messaggi: 27
"e' Nel Silenzio Delle Pause Che Si Esprime L'anima"

"E’ nel silenzio delle pause che si esprime l'anima". (David)


La punteggiatura è l'unica “non-regola” della grammatica.
Nella letteratura e specie nella poesia poi, trova , della sua arbritarietà,la spiegazione.

Dal mio punto di vista il segno di interpunzione ha lo stesso grande valore delle pause sullo spartito musicale e, anzi, ne rappresenta proprio quella affinità elettiva di espressione che la accomuna a tutte le arti.
In pittura la punteggiatura è il chiaro scuro, di cui la pausa rappresenta l'ombra, che interrompe e modula la rappresentazione visiva; nella scultura si invera nel vuoto che si interpone al pieno materico, e così in architettura.

Perchè la punteggiatura deve necessariamente essere arbritaria? semplice: senza la scelta SOGGETTIVA di essa non vi sarebbe TIMBRICA, COLORITURA, CARATTERE, IMPRONTA caratteristica di QUEL poeta.
Sembrerà paradossale, ma proprio tra i punti e le virgole, cioè nel "silenzio-assenza" delle pause, esiste una eloquenza infinita:
sposta una virgola della "Ave verum" di Mozart, e crolla la melodia, togli la mela rossa dal cesto con la frutta di Caravaggio e inverti l'uva nera con la bianca posta sulla sinistra, e distruggi un capolavoro;prova a cancellare questo doppio "errore" grammaticale e perdi… Leopardi:

Tutta vestita a festa
la gioventù del loco
lascia le case, e per le vie si spande;
e mira ed è mirata, e in cor s'allegra.


(Passero solitario) Ditemi se non è questa MELODIA!

David.

David45 is offline  
Vecchio 01-02-2004, 13.49.21   #2
David45
Ospite
 
Data registrazione: 26-01-2004
Messaggi: 27
Risp. da Chiara


E la percezione cade nelle pause della scrittura e della vita.
Una vita automatica che scorre.
Un tempo senza tempi.
Nelle pause, nel silenzio, nell'abbandono.
David45 is offline  
Vecchio 02-02-2004, 16.16.45   #3
Stefa
Ospite abituale
 
L'avatar di Stefa
 
Data registrazione: 21-10-2003
Messaggi: 14
Sono completamente daccordo con te..
Stefa is offline  
Vecchio 02-02-2004, 21.48.08   #4
Vi@nne
Ospite abituale
 
L'avatar di Vi@nne
 
Data registrazione: 14-09-2003
Messaggi: 299
E' melodia David...sì, lo è!
Vi@nne is offline  
Vecchio 02-02-2004, 21.57.23   #5
David45
Ospite
 
Data registrazione: 26-01-2004
Messaggi: 27
E' un piacere condividere con voi queste mie riflessioni.

Baci, David.
David45 is offline  
Vecchio 07-02-2004, 09.18.46   #6
sanjaya
Ospite
 
L'avatar di sanjaya
 
Data registrazione: 20-01-2004
Messaggi: 17
Il fascino della Ragione

In fondo, anche la penombra ha il suo fascino..
Gli intervalli di infinito non si possono leggere nell'ombra.
sanjaya is offline  
Vecchio 30-04-2004, 18.13.52   #7
Empy
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 15-01-2004
Messaggi: 2
Sinceramente non sono molto d'accordo con le vostre affermazioni, secondo me la punteggiatura deve essere arbitraria. Deve essere la bravura nello scrivere a comunicarla al lettore, infatti un racconto è fatto di ritmi lenti e veloci, quella è la "punteggiatura" del racconto, così in musica, le pause non sono scritte alla fine di un periodo, di una frase o semifrase, altrimenti ogni 2 battute ci si dovrebbe fermare. La pausa di un racconto secondo me deve essere soggettiva anche se c' è scritta. Senza poi dimenticare che lo scrittore nel momento in cui scrive non gli va di mettere le pause perchè non sat in lui in quel momento.
Quindi secondo me non bisogna lamentarsi delle ultime pagine dell ' Ulisse di Joyce, ma magari pensare il perchè di quella scelta.
Ciao
Empy is offline  
Vecchio 01-05-2004, 18.34.08   #8
rdlea
Ospite
 
Data registrazione: 23-06-2003
Messaggi: 13
Re: "e' Nel Silenzio Delle Pause Che Si Esprime L'anima"

Citazione:
Messaggio originale inviato da David45
"E’ nel silenzio delle pause che si esprime l'anima". (David)
Dal mio punto di vista il segno di interpunzione ha lo stesso grande valore delle pause sullo spartito musicale e, anzi, ne rappresenta proprio quella affinità elettiva di espressione che la accomuna a tutte le arti.

Rossana Campo asserisce che bisognerebbe abolire il punto e virgola, a quasi tutti gli editor sono d'accordo.
Voi cosa ne pensate?
A me sembra che a volte sia necessario.


rdlea is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it