Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 05-05-2004, 00.32.23   #1
nemamiah
Utente bannato
 
Data registrazione: 03-11-2002
Messaggi: 601
Il Tempo Delle Magie....

L'estate per me è tempo di magie,ed io amo più della mia vita la magia,perchè mi offre sensazioni uniche,un mix di tensione nervosa e gioia,quasi in una forma strana di masochismo.
La magia è immaginare un insieme di persone che fanno qualcosa e quel qualcosa si materializza e viene apprezzato dalla gente.

Osservo chilomentrici mari di grano dorato,e i giorni passano e poi di quel grano non resta che grosse ruote di paglia.Osservo chilometri di vite e di ulivi,vallate e scogliere ed il mare sempre desiderato ma solo osservato come un frutto propibito.I profumi dell'estate non sono inebrianti come quelli della primavera,e i colori imparagonabili a quelli dell'autunno,ma l'estate ha il suo grande fascino.

Ho imparato a memoria paesaggi e luoghi e ogni centimetro di lingue asfaltate.E poi i bianchi paesi del sud,le piccole piazze barocche e assolate.

Noi arriviamo sempre di primo pomeriggio,quando gli altri sono al mare,o all'ombra in casa,nelle estati torride del sud.
Nei piccoli paesi, nell'era della globalizzazione,resti sorpreso se incontri ancora il vedidtore di chiaccio grattato e condito con sciroppi di melograno.Oppure la bottiglietta di gassosa che resiste alle marche americane,berla in una piazza barocca,ricca di freggi e statue incastonate nella pietra delle facciate di chiese,in un clima di desolazione,silenzio assoluto,lacerato puntualmente dalla motoretta dalla marmitta scassata,e mi ripeto sempre,il perchè passa sempre una motorietta rumorosa a lacerare il silenzio d'estate,e quando passa pare che faccia più caldo.
Passa e lascia dietro di se il lezzo dello scarico e le parolacce dei facchini che scaricano strumenti sul palco.
In questo clima ha inizio la magia.La piazzza desolata,dopo tre ore di duro lavoro,organizzato come un motore,fatto di facchini,allestitori,tecnici,p resenta il preludio di ciò che avverrà la sera.

All'imbrunire parte la musica sottofondo e la gente comincia a prendere posto.
C'è sempre tranquillità e sicurezza.E pochi attimi prima di cominciare,ci si solleva sui piedi o su un grandino del palco,per scrutare la gente,e ripetere sempre le stesse parole.cazzo c'è una marea di gente!
La tranquillità sta per abbandonare tutti,e tutti entrano nei primi minuti d'inizio spettacolo,in una tensione che è quasi panico,poi tutto comincia a filare liscio come al solito,e la tensione lascia il posto ad uno strano sentimento,un misto di timore-sicurezza-pignoleria-distrazione-affanno-allegria ed ironia.
Le situazioni previste si susseguono,sempre in una apparente calma con tempeste interiori.
Due ore passano in un baleno ed è il momento di maggior caos,calca di gente,scie di sudori,gola secca,l'ennesima sigaretta,i commenti banali dei buontemponi,che ornmai non ascolti neanche più,non vedi neppure chi ha parlato.La stretta di mano delle autorità presenti,chiacchiere di circostanza mentre non vedi l'ora di andare in bagno,bere qualcosa di fresco.

La magia è fatta!
La piazza assolata e deserta si è popolata di gente che adesso va via soddisfatta.Poi nuovamente il silenzio,la notte e lieve ondate di frescura proveniente dal fogliame degli alberi,che si mescola al profumo della vicina pizzeria.

La piazza è nuovamente quasi deserta,qualche coppietta a passo veloce e che si tiene per mano,gruppeti di anziani che parlano della strada dissestata e del giardino con troppe cacche di cani.
Poi si fa il deserto,solo i facchini che veloci smontano e caricano i camioncini.Le ultime parole e l'appuntamnto per domani,già,come la famosa canzone "Una città per cantare",si parte non c'è tempo ,c'è un'altra città che ti aspetta,con una piazza diversa,il caldo è sempre lo stesso.
Ma la voglia di andare via è forte,uscire da quella piazza, della quella città è come uscire dall'ufficio.
nemamiah is offline  
Vecchio 05-05-2004, 09.19.58   #2
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile

atmosfere
da rimanere senza fiato
...
complimenti vivissimi
wahankh .
dawoR(k) is offline  
Vecchio 05-05-2004, 22.37.21   #3
Vi@nne
Ospite abituale
 
L'avatar di Vi@nne
 
Data registrazione: 14-09-2003
Messaggi: 299
Magia...come le tue parole...
Mentre leggevo...ero in quella piazza, le sensazioni che hai descritto sono passate dentro di me...le ho vissute parola per parola...magia...
Vi@nne is offline  
Vecchio 06-05-2004, 23.48.43   #4
nemamiah
Utente bannato
 
Data registrazione: 03-11-2002
Messaggi: 601

grazie gentili amici.
Credo che capiti a tutti noi,di esere assaliti da ricordi lontani o recenti,e rivivere le stesse sensazioni,lo stesso clima.
A me succede spesso,e se sono al pc, ben volentieri posto tali ricordi e sensazioni,certe volte non finisco il racconto per riprenderlo successivamente,ma se nelle narici non pssano quei lievi profumi,la mente non riaelabora.
nemamiah is offline  
Vecchio 07-05-2004, 12.20.34   #5
nemamiah
Utente bannato
 
Data registrazione: 03-11-2002
Messaggi: 601
Spesso mi sento come quel solitario guerriero giapponese della serie televisiva di anni fa, che andava a spasso con la carrozzina e il suo bambino.
Beh,ormai è qualche anno che la corrozzina non è più un problema.Ma quando penso ai viaggi alle nottate che il piccolo ha dovuto e si fà con me,mi viene il magone,è penso se è giusto che sia praticamente cresciuto tra cavi e mixer,palchi e microfoni,se è giusto che ancora adesso gioca a fare schede tecniche,disegni di allestimenti.Ed ogni anno dico a me me a me stesso:-costi quel che costi,ma lo porterò al mare.
Ricordo un ferragosto di 4 anni fà,in un paesino trovammo una pizzeria verso la chiusura,eravamo affamati,nonostante la pizza fosse una specie di galletta condita,la divorammo per fame,e lui il mio piccolo amico,appoggiato col mento su di un braccino,riverso sulla sedia,masticava con gli occhieti chiusi...tra il boato di risate di tutti,rosate dolci.Fu la prima volta per tutti osservare un esserino dormire e mangiare contemporaniamente,ma poi crollò col trancetto di pizza in mano.

Anche per questo,a fine serata,cerco di spaprire di correre via,magari per cercare un posto tranquillo ancora aperto e mangiare qualcosa.Non è facile,certe volte dobbiamo inventarci delle travate originali.

Corremmo via da un paese turistico del gargano e lungo la litoranea a metà strada con un altro paesino,trovammo una pizzeria ancora aperta.Nonostante fossero le 3,era abbastanza affolata.Quei locali baracca poste tra la strada e la spiaggia,senza pretese,un mix di rusticità autentica e cattivo gusto. Trovammo li la vocalist col figlio,stessa età del mio, e il marito,oltre a Marco,uscivano sconsolati,niente piazza tutto finito.
Spontaneo l'occhio scrutava l'interno,cammerieri assonnati,una anziana signora sudaticcia dai capelli scompigliati, che avrebbe affascinato Fellini, si vetagliava con un pezzo di cartone...e un profumo terribilmente buono,faceva intuire che la bontà della pizza,ma a noi andava bene di tutto,purchè si mangiasse.

Chiesi se ci facevano mangiare qualcosa,ma la risposta fu negativa,avevano finuto tutto,dissero.
Marco,mi guardò sconsolato con espressione per dire:-visto?-
Voleva ripartire,gli dissi di prendere la chitarra,Rodolfo capì al volo,prese dal bagagliaio il mio sax,così invademmo la sala, cominciammo a suonare,per il gradimento dei commensali e ben presto altri entrarono e si creò una comunella di ragazzi,che partecipavano battendo le mani,poi Mary cominciò a cantare e la folla diventava sempre di più,che prese a consumare bibite, e vi partecipavano anche i commensali.
Monya di capelli rossi e bianchissima di pelle e Haraem senegallese dalla chioma a treccine,improvvisarono,si fa per dire,una coreografia che noscevano a memoria,erano una attrazione anche in quella circostanza,mentre i due bambini erano scesi in spiaggia a giocare sull'altalena,caspita,di giorno non possono farlo,almeno di divertono tra la notte e la soglia del mattino.

Di colpo anche la signora felliniana prese a ventagliarsi a ritmo e sorrideva,e lo sfatto pizzaiolo batteva la pasta anche lui a ritmo,di colpo i due ragazzi dalla faccia di contadini vestiti da cammerieri,si svegliarono in smaglianti sorrisi,...la signora felliniana bisbiglio qualcosa a uno dei due cammerieri,che a sua volta bisbigliò a l'orecchio di Rodolfo,nostro ispettore di produzione,pensai si mangia!
Unirono tre tavoli,e come per magia compervero portare di melanzane e peperoni sott'olio,polipo ad insalata,fette di pane a bruschetta con rucola e pomodori...beh,pizza niente,alle 4 del mattino non è il massimo della colazione,ma...
Facemmo fuori 6 bottiglie di buon bianco pugliese ben freddo,forse il vino,ma lo show continuò ,ci chiedavamo dove fossero imboscate tante coppiette....tutte ad aspettare l'alba sulla spiaggia? I due bambini si divertirono da morire.

La signora felliniana,ci salutò,facendoci sapere che eravamo stati ospiti della casa.Giunsero due bagnini ed altra gente muniti di scope,capimmo che era il tempo del caffè e filare via,lunga calca di coppiette assetate di cappuccini,poi l'onda frangrante provenire da un furgoncino, di cornetti appena sfornati.

Scesi in spiaggia per recuperare il bambino,che correva felice,il primissimo sole del mattino,e il forte profumo di mare mi invogliarono ad una passeggiata sulla spiaggia con gli ombrelloni ancora chiusi e dormenti,respirai forte e poi ripresi quasi meccanicamnte a mettere qualche nota col sax,mi avvicinai alle cabine,per sedermi,ma vidi due ragazzi che facevamo l'amore,mi sentiti un intruso,ero un intruso,mi voltai felice per loro,era proprio giunto il momento di andare,ma eravamo tutti privi di adrenalina,che ci tiene svegli e in tensione.Al primo buco che trovammo,andammo tutti a dormire.
nemamiah is offline  
Vecchio 08-05-2004, 17.25.12   #6
phoenyx
Ospite
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 18
Thumbs up

sei davvero un grande scrittore nemamiah....
riesci a trasmettere emozioni sensazioni e atmosfere in modo spettacolare e poi le ute righe catalizzano incredibilmente l'attenzione...
metti a frutto la tua ispirazione ogni volta che ne hai la possibilità per il piacere di tutti noi e poi chissà...un domani potrebbe venire fuori qualche bella occasione....
phoenyx is offline  
Vecchio 08-05-2004, 18.10.15   #7
nemamiah
Utente bannato
 
Data registrazione: 03-11-2002
Messaggi: 601
Citazione:
Messaggio originale inviato da phoenyx
sei davvero un grande scrittore nemamiah....
riesci a trasmettere emozioni sensazioni e atmosfere in modo spettacolare e poi le ute righe catalizzano incredibilmente l'attenzione...
metti a frutto la tua ispirazione ogni volta che ne hai la possibilità per il piacere di tutti noi e poi chissà...un domani potrebbe venire fuori qualche bella occasione....








nemamiah is offline  
Vecchio 08-05-2004, 18.54.08   #8
laura2804
Ospite
 
L'avatar di laura2804
 
Data registrazione: 23-04-2004
Messaggi: 34
Sì......un vero angelo...regalaci altre perle come queste.....mi riconciliano con il mondo...
clap clap
laura2804 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it