Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 15-10-2005, 13.04.40   #1
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
Astropittura come indagine del talento

Gentili amici,
credo che sia interessante questo tipo di critica. Usando le posizioni degli astri in un tema natale di un pittore, o di uno scultore, musicista o scrittore, si può, attarverso uno studio analitico del tema Radix, individuare la reale predisposizione dell'animus dell'artista. La considerazione degli aspetti planetari come le precise "Corde celesti" ci portano alla individuazione di come l'artista manifesterà il suo talento.

E. S. E. M. P. I. O:

ESAME ASTROPITTORICO DI :
#
R. L. nato l’ 11 LUGLIO 1952 , H. 6.10 (pittore affermato)
#


# La pittura dell’artista non è facile da comprendere in modo subitaneo poiché dietro la forma, l’essenza dell’essere e del suo divenire astorico si perde nei meandri delle fugaci apparizioni.

# A causa di tre pianeti lunarizzati e di una LUNA nettunian-giovializzata, è facile comprendere come il pittore sia un navigatore dell’alto mare; a lui piace arrivare verso punti dove ci sono gli scogli colorati, quindi: immergersi, vivere, percepire e manifestare attraverso l’arte, il celato, il segreto, il “cosmico vivente sotto gli abissi.

# Per completare la tematica generata dalla posizione delle influenze lunari, bisogna aggiungere che queste sensibili ed emotive energie, sono attivate dalla presenza dei pianeti nel segno del Cancro. Tali pianeti sono il Sole, (simbolo dell’ io) , la VENERE (che simboleggia l’amore, l’amicizia e la bellezza) e URANO, simbolo dei cambiamenti). Questo piccolo Stellium conferisce una carica di intuizione e di emozioni non comuni.

# A causa di queste influenze: ora venusian-lunari, ora uranian-lunari, ma anche pronte a realizzare le “nozze mistiche” fra Eros e Psiche, fra il SOLE e la LUNA, il conscio e l’inconscio, il razionale e l’irrazionale, il SOLE si trova a vivere in modo lunarizzato.

Da questo insieme planetario è facile comprendere come il nativo riesca a percepire realtà fenomeniche dell’ipersensibile e a manifestarle oltre la IV^ dimensione einsteniana del tempo attraverso la creazione di opere d’arte.

Si può attestare con certezza che i dipinti di Raimondo Librano, sono opere generate da forti combattimenti interiori che scaturiscono da una profonda lotta fra l’elemento Acqua e l’elemento Fuoco.
#
Infatti, in segni d’acqua il nativo possiede oltre i pianeti sopra descritti (SOLE-VENERE-URANO) in larga congiunzione fra loro, anche il pianeta dell’irruenza MARTE (equivalente di Ares, dio della guerra, sempre raffigurato con un’armatura da guerriero, anche quando è impegnato nelle avventure amorose) che da luogo a un bell’aspetto di trigono con la sensibile LUNA nell’area più nettuniana dello zodiaco; questa corda celeste diventa la fonte di tensioni vissute soprattutto a livello inconscio.

# Posizioni celesti nel segno del Leone conferiscono al nativo capacità creative assai sviluppate a causa della presenza di 2 pianeti e 4 punti fittizi in questo solare e creativo segno: fra questi troviamo presenti le due magnetiche ed occulte LUNE NERE (sia quella media che quella corretta) e il pianeta dell’intelletto MERCURIO congiunto al dio degli inferi PLUTONE, l’Ascendente e la CODA del DRAGO.

# Da questo insieme di energie scaturisce la capacità di percepire anche realtà fenomeniche nascoste sotto la cenere, ma pronte a rendersi manifeste attraverso le opere pittoriche.

Infatti, è proprio a causa delle LUNA NERE solarizzate che emerge una creatività pronta a vivere in modo occulto e spesso apparentemente manifesto.

# E’ da aggiungere che quando l’infero PLUTONE si trova a vivere accanto all’intelligente MERCURIO, le capacità di percepire e di verificare le cose celate della realtà aumentano., si accrescono sino a diventare il “motus proprio” che conferisce una logica occulta pronta a celarsi dietro le forme; ma basta soffermarsi su queste per individuare la consistenza nascosta di un ‘Foat’ teosofico immerso in una luce particolare, complessa e atipica.

# E’ proprio a causa di questa congiunzione MERCURIO-PLUTONE che il nativo riesce a percepire, quindi ad imporre nel “Regno del Pensiero” idee razional-plutoniane che portano nella pittura un velato sapore di antico, di primitivo o primordiale sapore di vita vissuta un tempo che fu e che ritorna con impeto ad essere oggi, come ieri in maniera vera.

# Non va dimenticata la presenza dell’Ascendente nel solare segno del Leone: da questo parametro emerge che l’artista è trascinato dalla forza dei raggi solari che lo spingono a dipingere in modo ora figurativo, ora impressionista; a volte trascinato dalle influenze lunaneriane verso un particolare astrattismo.
#
Comunque sia, la forza vitale del Sole, immersa nell’Ascendente è fonte, non solo di vari stili pittorici, ma anche di un modo di voler affrontare la realtà con forza e volontà per riuscire a tutti i costi ad emergere fra gli altri pittori.
#
Dai quadri dell’artista si percepisce come il tempo, pur passando, rimane fermo lì, nei suoi dipinti come voler dimostrare che l’eterna vibrazione micro-macrocosmica del ‘Basso’ rapportata all’Alto’ , rimane inalterata in modo aspaziale ed atemporale.

Tentate anche voi a fare grafici astrologici agli artisti, troverete cose interessantissime!!!!!
Siete pronti?

Saluti da

Alessandro D’Angelo

alessandro.dangelo@fastwebnet. it
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 15-10-2005, 16.55.05   #2
oizirbaf
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 11-01-2005
Messaggi: 168
Re: Astropittura come indagine del talento

Citazione:
Messaggio originale inviato da Alessandro D'Angelo
Gentili amici,
Siete pronti?

alessandro.dangelo@fastwebnet. it

... io no: osservo soltanto se il dipinto mi comunica emozioni (le mie, dato che il dipinto una volta mostrato al pubblico non è più solo del pittore ma interagisce anche con me). Se non interagisce, A ME non piace ... ma dipende pur sempre da me, dato che qualunque imbrattatele qualcosa vuol comunicare di sicuro, fosse pure il suo vuoto (poi dipingere davvero il vuoto penso sia arte suprema).

... il troppo parlare e in pompa magna di Arte la uccide: non servono critici (... magnano) o Maestri (... quasi nessuno magna: qualche volta gli eredi dei grandi).

Serve umiltà ed autentico piacere di comunicare con quel linguaggio straordinario della pittura che infrange ogni barriera linguistica (come ogni altra forma non scritta d'arte fà o il nostro humilis silere di fronte alla Natura sà).

un abbraccio a te Alessandro,

fabrizio

p.s.

... scusa Ale se quel cavallo pazzo della mia mente resuscita un vecchio ricordo di scuola media inferiore: non essendo il disegno il mio modo di comunicare, -ohibò: sarà per questo che ho sposato una pittrice? - alla fine della lezione di disegno presentai alla mia professoressa esterrefatta ... un foglio quasi bianco ... spiegando MINUZIOSA-MENTE come il soggetto fosse un iceberg in un mare di ghiaccio. ... va bè che colui che guarda il disegno lo completa osservandolo, ma qui si trattava di completarlo ... al 99,9%. ;-)

Ultima modifica di oizirbaf : 15-10-2005 alle ore 17.01.53.
oizirbaf is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it