Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 07-11-2002, 09.33.41   #31
Tupi Tokata
Ospite abituale
 
L'avatar di Tupi Tokata
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 66
Trentesimo pensiero:

Un Guerriero della Luce ha bisogno di amore. L'affetto e la tenerezza fanno parte della sua natura, quanto il mangiare, il bere e il piacere del Buon Combattimento. Quando il Guerriero non si sente felice davanti al tram,onto, c'è qualcosa di sbagliato. In quel momento, interrompe il combattimento e va in cerca di compagnia, per assistere insieme all'imbrunire. Se ha difficoltà nel trovarla, si domanda: "Ho avuto paura di accostarmi a qualcuno? Ho ricevuto affetto, e non l'ho capito?". Un Guerriero della Luce usa la solitudine, ma non ne viene usato.

Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Tupi Tokata is offline  
Vecchio 11-11-2002, 13.49.23   #32
Tupi Tokata
Ospite abituale
 
L'avatar di Tupi Tokata
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 66
Trentunesimo pensiero:

Il Guerriero della Luce sa che è impossibile vivere in uno stato di completo rilassamento. Ha imparato dall'arciere che, per scagliare lontano la freccia, è necessario mantenere l'arco ben teso. Ha appreso dalle stelle che solo un'esplosione interna consente loro di brillare. Il Guerriero nota il cavallo, al momento di superare un ostacolo, contrae tutti i muscoli. Ma egli non confonde mai tensione con nervosismo.


Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Tupi Tokata is offline  
Vecchio 11-11-2002, 13.52.43   #33
Tupi Tokata
Ospite abituale
 
L'avatar di Tupi Tokata
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 66
Trentaduesimo pensiero:

Il Guerriero della Luce riesce sempre a equilibrare Rigore e Misericordia. Per realizzare il proprio sogno, ha bisogno di una volontà salda, e di un'immensa capacità di abbandono. Sebbene egli abbia un obiettivo, il cammino per raggiungerlo non è sempre quello che immagina. Perché il Guerriero usa la disciplina e la compassione. Dio non abbandona mai i propri figli, ma i Suoi
disegni sono inossidabili, ed Egli costruisce la strada con i nostri stessi passi. Usando la disciplina e l'abbandono, il Guerriero si entusiasma. L'abitudine non può mai governare le mosse importanti.


Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Tupi Tokata is offline  
Vecchio 11-11-2002, 13.54.23   #34
Tupi Tokata
Ospite abituale
 
L'avatar di Tupi Tokata
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 66
Trentatreesimo pensiero:

A volte il Guerriero della Luce si comporta come l'acqua, e fluisce fra gli ostacoli che incontra. In certi momenti, resistere significa venire distrutto. Allora egli si adatta alle circostanze. Accetta, senza lagnarsi, che le pietre del cammino traccino la sua rotta attraverso le montagne. In questo consiste la forza dell'acqua: non potrà mai essere spezzata da un martello, o ferita da un
coltello. La più potente spada del mondo non potrà mai lasciare alcuna cicatrice sulla sua superficie. L'acqua di un fiume si adatta al cammino possibile, senza dimenticare il proprio obiettivo: il mare. Fragile alla sorgente, a poco a poco acquista la forza degli altri fiumi che incontra. E, a partire da un certo momento, il suo potere è totale.


Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Tupi Tokata is offline  
Vecchio 23-11-2002, 09.40.42   #35
Kya
Ospite abituale
 
L'avatar di Kya
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 63
Trentaquattresimo pensiero

Per il Guerriero della Luce non esiste niente di astratto. Tutto è concreto, e tutto lo riguarda. Egli non se ne sta seduto al riparo della sua tenda, osservando ciò che accade nel mondo; accetta la sfida come un'occasione che gli si presenta per trasformare se stesso. Alcuni suoi compagni, passano la vita a criticando la mancanza di scelte, o commentando le decisioni altrui. Il Guerriero, però, trasforma il proprio pensiero in azione. A volte fallisce l'obiettivo, e paga, senza lagnarsi, il prezzo dell'errore. Altre volte si allontana dal cammino, e perde molto tempo per ritrovare la meta originaria. Ma un Guerriero non si distrae.


Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Kya is offline  
Vecchio 23-11-2002, 09.42.11   #36
Kya
Ospite abituale
 
L'avatar di Kya
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 63
Trentacinquesimo pensiero

Un Guerriero della Luce possiede la qualità della roccia. Quando si trova su un terreno pianeggiante, dove intorno a lui tutto ha trovato l'armonia, egli si mantiene stabile. Su ciò che è stato creato, gli uomini possono costruire le case, perchè la tempesta non distruggerà niente. Quando, però, lo mettono su un terreno inclinato, dove le cose intorno a lui non mostrano nè equilibrio nè rispetto, egli rivela la sua forza, rotolando verso il nemico che insidia la pace. In quei momenti, il GUerriero è devastante, e nessuno riesce a trattenerlo. Un Guerriero della Luce pensa contemporaneamente alla guerra e alla pace, e sa agire in base alle circostanze.


Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Kya is offline  
Vecchio 25-11-2002, 12.29.43   #37
Tupi Tokata
Ospite abituale
 
L'avatar di Tupi Tokata
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 66
Trentaseiesimo pensiero:

Un Guerriero della Luce che confida troppo nella propria intelligenza, finisce per sottovalutare il potere dell'avversario. E' necessario non dimenticare: ci sono momenti in cui la forza si mostra più efficace della strategia. Una corrida dura quindici minuti. Il toro capisce ben presto ci essere stato ingannato: e il suoi passo successivo è quello di scagliarsi contro il torero. Quando ciò accade, non c'è vivacità, motivazione, intelligenza o fascino che possano evitare la tragedia. Perciò il Guerriero non sottovaluta mai la forza bruta. Quando questa è troppo violenta, si ritira dal campo di battaglia, fintantochè il nemnico non abbia esaurito la propria energia.

Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Tupi Tokata is offline  
Vecchio 25-11-2002, 12.31.29   #38
Tupi Tokata
Ospite abituale
 
L'avatar di Tupi Tokata
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 66
trentasettesimo pensiero:

Il Guerriero della Luce sa riconoscere un nemico più forte di lui. Se decidesse di affrontarlo, sarebbe immediatamente distrutto. Se accettasse le sue provocazioni, cadrebbe nella trappola. Allora usa la diplomazia per superare la difficile situazione in cui si trova. Quando il nemico si comporta come un bambino, egli fa lo stesso. Quando lo invita al combattimento, finge di non capire. Gli amici commentano: "E' un codardo". Ma il Guerriero non vi bada. Sa che tutta la rabbia e il coraggio di un uccello sono inutili davanti al gatto. In situazioni del genere, il Guerriero ha pazienza. Ben presto il nemico andrà a provocare qualcun altro.

Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Tupi Tokata is offline  
Vecchio 25-11-2002, 12.32.43   #39
Tupi Tokata
Ospite abituale
 
L'avatar di Tupi Tokata
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 66
trentottesimo pensiero:

Un Guerriero della Luce non assiste a un'ingiustizia con indiffernza. Sa che tutto è una cosa sola, e che ogni singola azione colpisce tutti gli uomini del pianeta. Perciò, quando si trova dinanzi alla sofferenza altrui, usa la spada per mettere le cose in ordine. Ma, benchè lotti contro l'oppressione, non cerca mai, in nessun momento, di giudicare l'oppressore. Ciascuno risponderà delle proprie azioni dinanzi a Dio. Una volta terminato il proprio compito, il Guerriero non fa alcun commento. Un Guerriero della Luce è presente nel Mondo per aiutare i suoi fratelli, e non per condannare il prossimo.


Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Tupi Tokata is offline  
Vecchio 03-12-2002, 11.02.19   #40
Kya
Ospite abituale
 
L'avatar di Kya
 
Data registrazione: 18-09-2002
Messaggi: 63
Trentanovesimo pensiero

Un Guerriero della Luce non è mai codardo. La fuga può risultare un'eccellente tattica difensiva, ma non può essere impiegata quando la paura è grande. Nel dubbio, il Guerriero preferisce affrontare la sconfitta e poi curarsi le ferite, perchè sa che, se fuggisse, darebbe all'aggressore un potere maggiore di quanto meriti. Durante i momenti difficili e dolorosi, il Guerriero fronteggia la situazione svantaggiosa con eroismo, con rassegnazione e con coraggio.


Paulo Coelho, manuale del guerriero della luce, assaggi bompiani
Kya is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it