Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum Ŕ in modalitÓ solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 15-01-2006, 13.54.00   #11
Venusta
Ospite abituale
 
L'avatar di Venusta
 
Data registrazione: 25-12-2005
Messaggi: 129
ahahah che carina !!

io faccio a botte solo dal vivo

Venusta is offline  
Vecchio 18-01-2006, 23.14.14   #12
Step
Ospite
 
Data registrazione: 18-01-2006
Messaggi: 34
Il rumore delle macchine nel traffico rompeva la monotonia del cadere della pioggia, di quella giornata che da poco soleggiata si era trasformata in una vera e propria tempesta, contornata di nuvole nere e lampi ad illuminare ogni tanto il cielo; nel caos dei rumori **** avanzava sotto la pioggia in groppa alla sua moto, una Ducati Monster Dark, mentre malediceva il tempo avverso e quella dannata pioggia, che sembrava toccargli anche le ossa per quando oramai gli sbatteva contro. Il suo sguardo era attento e vigile, non perdeva occasione per guardare all'interno delle macchine che sorpassava con cautela, cercava di incontrare qualche sguardo o di riuscire a capire il movimento delle labbra di qualcuno che stesse parlando, cercando di rubare una storia, di interessarsi dei casini di un altro o semplicemente di guardare qualche bella ragazza; nella prima macchina, una Fiat Panda, accoglieva tra i suoi sedili una coppietta che sembrasse litigare, come infervorati da chissÓ quale ragione..lui capiva solo parole come: "*******, .. perchŔ, .. dovevi, .." e infine le lacrime; era meglio proseguire. Alla seconda macchina invece, un Mercedes, un anziano si godeva il suo cd preferito a tutto volume, era una canzone di Freddy Mercury, The Great Pretender, "Ah, quanti ricordi.." pensava tra se e se **** che aveva ascoltato quella canzone mille volte visto che Ŕ il gruppo preferito del padre; partecipando alla felicitÓ dell'uomo cominci˛ a cantare con lui, muovendo la testa su e gi¨ e nascondendo sotto il casco una bella risata per la situazione strampalata. Superata anche questa macchina arriv˛ accanto ad una Golf, con all'interno un boro, forse della sua etÓ; l'aveva preso di mira giÓ da lontano e arrivati al semaforo rosso si scambiarono un occhiata, un accento di sfida mischiato al sapore del rischio dell'asfalto non sicuro, in fondo **** era svantaggiato, ma decise comunque di buttarsi a capofitto nella situazione..concentrato al massimo guardava il semaforo, attento e preciso con la mano sull'accelleratore, pronto a partire a tutto gas..pass˛ qualche istante quando ai suoi occhi arriv˛ la luce del faro verde..e subito a tutto gas!
Vedeva l'asfalto correre veloce sotto la sua moto mentre la Golf gli restava attaccata di lato, poi il momento decisivo, diede una l'ultimo grido di gas passandogli davanti e andando a zig zag per non farlo sorpassare e decelerando lentamente fino all'altro semaforo; "gli rode sicuramente, ma sti c***" e continuo a ridere al pensiero..rosso di nuovo.
Decise di riprovocarlo, questa volta con sguardo altrettanto deciso, aspettando la luce tanto agoniata del verde, e quando arriv˛ non diede per niente gas, anzi partý normalmente mentre quello sul Golf cominciava a sgasare di brutto andando al massimo, ma **** era prevenuto.. "povero stupido.." si ricordava che subito dopo la curva la polizia si era messa a fare controlli per il gran numero di incidenti quindi come previsto fermarono la Golf; **** non potŔ fare altro che passare accanto alla Golf bussandogli sul vetro e facendogli una bella risata!
Dallo scorrere della strada, fatto il pezzo con i s.pietrini continu˛ verso il Colosseo, quando subito sulla destra intravide una ragazza su un motorino, uno Scarabeo, completamente zuppa, che andava pianissimo stando quasi nascosta dietro il parabrezza per non prendere troppa acqua..guardandosi allo specchietto **** si sistemava, pensando all'opportunitÓ di andargli vicino e magari di fargli qualche complimento, ma la sicurezza del momento, mischiata un p˛ all'incertezza di sempre vennero spezzate dal rumore sordo di un motorino che toccava l'asfalto e di un "ahi" sommesso..**** si guard˛ intorno e vide la stessa ragazza a terra che si toccava il ginocchio, non potŔ fare altro che avvicinarsi per vedere come stava..

Credo che sarÓ rozzo..non so usare la punteggiatura
Step is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright ę Riflessioni.it