Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 01-05-2006, 16.51.06   #1
Ulysses
Ospite
 
Data registrazione: 08-04-2006
Messaggi: 20
Leopardi? uhm...

che idee vi siete fatti di una personalità come quella di Leopardi? e della sua poesia? io personalmente la trovo bella. bella ma... ripetitiva. insomma, mi sembra un pò sopravvalutata. in ogni suo componimento si ritrovano gli stessi temi e le stesse conclusioni, è proprio ripetitivo, ti fa venir da dire "che p... 'sto Leopardi!". e non è una lettura superficiale perchè viene da un'attenta analisi delle sue opere. Insomma, secondo me ha espresso molto meno di quello che in realtà con la sua poesia avrebbe potuto esprimere.

voi cosa dite?
Ulysses is offline  
Vecchio 01-05-2006, 18.57.07   #2
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
...secondo me un genio assoluto....

...e le sue opere lo dimostrano in pieno...

Spaceboy is offline  
Vecchio 01-05-2006, 20.10.10   #3
nuvola^
silenzio-sa
 
L'avatar di nuvola^
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 146
se dovessi definirlo in una parola direi *delicato.

probabilmente è nella sua stessa sincerità la causa della *ripetività di certi temi.
ognuno è ossessionato da particolari sfumature. tu no?

un saluto a tutti
nuvola^ is offline  
Vecchio 02-05-2006, 15.59.05   #4
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Leopardi ,vorrei ricordare, è stato il più grande poeta lirico del nostro Ottocento.
La sua poetica è contrassegnata dalla profonda nostalgia del passato,lui guarda al suo passato con malinconia,non ha vissuto con pienezza la sua gioventù.
Beh, sicuramente conosciamo tutti la vita di Leopardi, le sue sofferenze fisiche e di conseguenza anche d'animo.
Anche questo ha dato vita alla sua lirica.

Lirica che per altro è per Leopardi,canto che sgorga, trovando ordine ,armonia al suo interno, rifiutando la metrica precostituita.


Dire di Leopardi "che noia...! Che ripetitivo" , mi sembra un pò superficiale, ma questa è una mia opinione.

Leggere le poesie di Leopardi per me è come ascoltare una sinfonia di un musicista stuggente.

Pantera Rosa is offline  
Vecchio 02-05-2006, 17.37.38   #5
Guccia
ad maiora
 
L'avatar di Guccia
 
Data registrazione: 02-01-2005
Messaggi: 275
Citazione:
Messaggio originale inviato da Pantera Rosa
Leopardi ,vorrei ricordare, è stato il più grande poeta lirico del nostro Ottocento.
La sua poetica è contrassegnata dalla profonda nostalgia del passato,lui guarda al suo passato con malinconia,non ha vissuto con pienezza la sua gioventù.
Beh, sicuramente conosciamo tutti la vita di Leopardi, le sue sofferenze fisiche e di conseguenza anche d'animo.
Anche questo ha dato vita alla sua lirica.

Lirica che per altro è per Leopardi,canto che sgorga, trovando ordine ,armonia al suo interno, rifiutando la metrica precostituita.


Dire di Leopardi "che noia...! Che ripetitivo" , mi sembra un pò superficiale, ma questa è una mia opinione.

Leggere le poesie di Leopardi per me è come ascoltare una sinfonia di un musicista stuggente.


Concordo in pieno: hai centrato anche la mia opinione.
Inoltre questo è proprio vero:


Citazione:
Messaggio originale inviato da Space Boy
...secondo me un genio assoluto....

...e le sue opere lo dimostrano in pieno...

Guccia is offline  
Vecchio 02-05-2006, 17.37.46   #6
Ulysses
Ospite
 
Data registrazione: 08-04-2006
Messaggi: 20
Citazione:
Messaggio originale inviato da Pantera Rosa
Leopardi ,vorrei ricordare, è stato il più grande poeta lirico del nostro Ottocento.
La sua poetica è contrassegnata dalla profonda nostalgia del passato,lui guarda al suo passato con malinconia,non ha vissuto con pienezza la sua gioventù.
Beh, sicuramente conosciamo tutti la vita di Leopardi, le sue sofferenze fisiche e di conseguenza anche d'animo.
Anche questo ha dato vita alla sua lirica.

Lirica che per altro è per Leopardi,canto che sgorga, trovando ordine ,armonia al suo interno, rifiutando la metrica precostituita.


Dire di Leopardi "che noia...! Che ripetitivo" , mi sembra un pò superficiale, ma questa è una mia opinione.

Leggere le poesie di Leopardi per me è come ascoltare una sinfonia di un musicista stuggente.



insomma, non è che ci siano stati molti altri poeti lirici in Italia nell'Ottocento... quel che intendo dire che le sue opere sono ripetitive, ed è innegabile, dai! gli stessi sentimenti erano anche in Foscolo, ma nessuna delle sue opere è ripetitiva. anzi, pur nel suo profondo sentimento nichilismo riesce a comporre opere che vanno oltre, non si barrica(come invece fa Leopardi) dietro alle sue ossessioni.
Ulysses is offline  
Vecchio 02-05-2006, 18.42.38   #7
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Citazione:
Messaggio originale inviato da Ulysses
insomma, non è che ci siano stati molti altri poeti lirici in Italia nell'Ottocento... quel che intendo dire che le sue opere sono ripetitive, ed è innegabile, dai! gli stessi sentimenti erano anche in Foscolo, ma nessuna delle sue opere è ripetitiva. anzi, pur nel suo profondo sentimento nichilismo riesce a comporre opere che vanno oltre, non si barrica(come invece fa Leopardi) dietro alle sue ossessioni.

Anche Foscolo mi piace molto,io però non mi soffermo sulla ripetitività delle opere, in generale, ma cerco di capire il risultato finale,la sintesi che ne scaturisce.

Poi scusa Foscolo era bello e seduttivo,a differenza di Leopardi che ha sofferto per la sua fisicità.
Bisogna tener conto anche delle personalità e del carattere per capire in pieno anche l'opera.
Pantera Rosa is offline  
Vecchio 03-05-2006, 14.46.23   #8
oizirbaf
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 11-01-2005
Messaggi: 168
L'arido vero di Leopardi non è pessimismo ma realismo, accettato coraggiosamente. Il suo "io poetante" lo aiuta a superare il dolore (piu' che il male, dato che un Maligno non c'e'): ecco la centralita' e la modernita' di Leopardi non solo in letteratura ma nella storia del pensiero, in quel suo intenso umano, troppo umano interrogarsi:


"dimmi: ove tende
Questo vagar mio breve,
Il tuo corso immortale?"


Le sue contraddizione e la coscienza del limite sono la sua grandezza, che sfocia nella solidarietà comunitaria de "La ginestra".
oizirbaf is offline  
Vecchio 04-05-2006, 13.05.23   #9
Esias
Ospite
 
L'avatar di Esias
 
Data registrazione: 29-04-2006
Messaggi: 5
Ognuno di noi - come persona, prima che come artista - ha i suoi "chiodi fissi", quelli che in psicologia si chiamano "motivi o situazioni ricorrenti"...sono anche quelli su cui ognuno di noi si deve soffermare se vuole capire se stesso, e spesso sono anche quelli che costituiscono nodi problematici.
Leopardi, nella sua ripetitività di tematiche, non si allontana dalla maggiornaza degli altri artisti e poesi che conosco...la sua "ripetitività" dà forse più nell'occhio perché è drammatica, angosciante, come dire "scomoda", a volte...e naturalmente molto influisce lo stile, che non è troppo variato non per incapacità sua (con la cultura che aveva, Leopardi possedeva una varietà di lessico tale da fare le scarpe agli artisti di mezzo mondo) ma perché aveva scelto di usare "parole indefinite", che dessero senso di indeterminatezza e di soavità.
Tra l'altro, trovo che leopardi sia anche uno dei poeti che invece mostra una evoluzione notevole...dalla nostalgia, le speranze (deluse ma sempre "ultime a morire") all'accettazione dell'arido vero...da una sorta di "fuga" dall'umanità per rifugiarsi nella poesia ad un desiderio di alleanza e di comunità per combattere conto la natura crudele.
Idea che, per quanto espressa in modo così pessimista e drammatico, è anche di una potenza grandiosa...e forse l'unica che permetterebbe di superare certe prove che la vita ci impone comunque, e che non dipendono da noi, come le malattie, il dolore, la morte...
Lo trovo uno dei più grandi non solo dell'Ottocento ma di tutta la letteratura in genere. E niente affatto sopravvalutato...semmai, sottoposto ad essere presentato nelle scuole con un taglio un po' troppo scontato e unilaterale.
Esias is offline  
Vecchio 04-05-2006, 17.22.03   #10
Guccia
ad maiora
 
L'avatar di Guccia
 
Data registrazione: 02-01-2005
Messaggi: 275
E poi anche Foscolo (che amo, stimo e adoro) non è un po' ripetititvo (il termine non mi piace: come si può dire? gli erano cari certi argomenti.)? Dopo tutto mette il tema della patria, precursore del Romanticismo, anche "In morte al Fratello Giovanni", oltre che in "A Zacinto" e le "Ultime lettere di Jacopo Ortis" ne sono pregne.
Guccia is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it