Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 19-02-2003, 11.48.20   #1
scultore
 
Messaggi: n/a
Parole mal comprese e non comprese

Ciao

La parola mal compresa è più pericolosa di quella non compresa. Sapere di non sapere qualcosa è comunque una consapevolezza. Certamente è meglio sapere, piuttosto che non sapere, però la visiona della realtà è obbiettiva anche nel caso che si sappia di non sapere qualcosa. Al contrario la parola mal compresa dà l’illusione di sapere. Il flusso della conoscenza, considerando il percorso che va dal testo di chi scrive:

TESTO>>>>>>>>>>>CHI LEGGE>>>>>>>VITA/REALTA’

La parola non compresa interrompe il flusso di informazioni dal testo a Chi legge; la parola mal compresa lo devia creando effetti diversi nella vita/realtà da quelli prefigurati dal testo, senza che chi scrive e legge se ne renda conto

Possono esserci concetti/frasi/pensieri mal compresi o non compresi se tutte le parole che li compongono sono chiare?

Sì, perché Chi legge a una velocità superiore a quella per lui necessaria a mettere insieme il significato delle parole che vanno a formare il concetto. Posso dire che se il Livello di Casualità di chi legge è più basso della velocità in cui "interpreta lo scritto", lui non sarà in grado di comprendere quanto legge. Inoltre un concetto può essere sintetizzato in una riga come può essere spiegato in 10 pagine; va da sé che una spiegazione più o meno esauriente può facilitare la comprensione oppure impedirla. Da un punto di vista teorico però è sempre il flusso che va da chi legge alla realtà quello che viene sminuito da concetti formulati male o sbagliati. Avendo la piena comprensione delle parole possiamo arrivare sempre alla comprensione di quello che è scritto. Se leggo una equazione di matematica come la formula della relatività di Einstein io posso arrivare a capire l’equazione chiarendo i simboli espressi. Chiaramente non ci potrò fare nulla con quanto appreso se non conosco pagine e pagine di spiegazioni e di implicazioni sull’argomento. Essendo un linguaggio specialistico probabilmente sarò costretto, per chiarire i vari simboli contenuti, a studiarmi a poco a poco tutta la matematica e la fisica superiore. E’ un po’ come il discorso sulle dinamiche: facendo un parallelo si potrebbe dire che le parole sono tante prime dinamiche e i concetti tante terze dinamiche. E’ impossibile chiarire veramente una terza dinamica se le prime dinamiche che la compongono sono aberrate. Si può ragionevolmente supporre che delle terze dinamiche composte da prime dinamiche liberate dalle proprie aberrazioni siano notevolmente sane e capaci già in partenza.

A noi quindi sul forum interessano le parole mal comprese e non comprese. Lunghe spiegazioni servono a poco in mancanza di una comprensione delle parole. Allora chi scrive deve essere allora sempre vigile come un falco,(falcorum e falco antonio non centrate )sulla possibilità che chi legge sia andato oltre ad una o più parole mal comprese.

Allora chi scrive e chi legge deve usare il dizionario in modo adeguato e su questo deve essere istruito fin dall’inizio:

a) Deve chiarire tutte le definizioni della parola, meno quelle specialistiche (a meno che la parola sia proprio usata con un significato specialistico, ad esempio matematico o filosofico).

b) Deve conoscere le abbreviazioni usate dal dizionario.

c) Deve avere una conoscenza di base della grammatica italiana, per capire le abbreviazioni relative del dizionario.

d) Deve chiarire le etimologie.

c) Deve saper usare la parola in alcune frasi (anche molto semplici) o deve saper fornire degli esempi.

MA che CAZZO Torniamo a Scuola a Studiare Per Scrivere sul FORUM.................

W le persone schiette che dicono tutto quello che pensano
nella maniera giusta........

Ciao a tutti Giorgio Scultore
 
Vecchio 19-02-2003, 12.15.43   #2
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Carissimo Giorgio, innanzi tutto buon giorno. Argomento interessante quello da te proposto, molto interessante. Purtroppo, nei forums si legge, talvolta, di sfuggita ciò che altri scrivono, lo si interpreta a seconda di ciò che è il nostro pensiero (che non sempre è il medesimo di colui che scrive), se ne trae delle conclusioni (spesso affrettate)... e poi si risponde.

Ora, a parte che prediligo la "chiarezza verbale", piuttosto che scritta...ma anche questo non è sempre possibile, quindi...senza dilungarmi troppo.... si finisce con il mal capire, rispondere a caso (sbagliando...magari)....

metto anche me stessa nell'elenco di tutti quelle persone che, talvolta, si comportano cosi.

Altra cosa che manca nello scritto è l'inflessione della voce, il tono...che parecchio indica sullo stato della persona che sta dicendo una qualsivoglia frase.....

Manca l'espressione del viso.... i movimenti del corpo...insomma tutto quel contesto che permette di capire....
Siamo soliti intuire non solo attraverso ciò che ci viene detto, ma anche osservando il nostro interlocutore.....

venendo meno tutto questo è molto facile prendere un granchio... questo è da mettere in conto.

ciao
deirdre is offline  
Vecchio 19-02-2003, 14.22.58   #3
anael_la
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2003
Messaggi: 41
Smile

Ciao,
mi trovi daccordissimo con te, ma purtroppo il forum è fatto solo di parole, niente voci, niente volti, niente movimenti, ma è bello anche immaginare e credere in quello che si legge e in colui che scrive, che pensa, che dice qualcosa che può aiutare a riflettere, a migliorare.

Un saluto...misterioso...ma anche affettuoso, ciao, ciao, ciao
anael_la is offline  
Vecchio 19-02-2003, 22.23.34   #4
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
Elogio della schiettezza

Era ora...
Io amo la scrittura,ne amo le infinite ed inesplorate potenzialità espressive.Ma non l'amo più dei contenuti che essa è chiamata ad esprimere,che ne costituiscono la ragion d'essere,e rispetto ai quali la scrittura deve mantenere un ruolo,come dire..."ancillare".
Maestri di stile:Goethe,Stendhal,Stevenso n...
E,prima ancora,Omero,Virgilio,Orazio.. .
Gli haiku giapponesi...
I fuochi d'artificio giocati sul nulla mi annoiano,anzi,mi irritano;li sgamo subito,e procedo innanzi.
La parola,le parole,devono essere capaci di coniugare,nel loro articolarsi,la razionalità e l'emozionalità che è la maniera giusta di guardare al mondo.Senza cadere nei due eccessi antiteci del periodare eccessivamente "scarno" (che non riesce ad aderire alle cose,per difetto),e del periodare eccessivamente "barocco" (che dalle cose si allontana,per eccesso).
Va da sè che certi argomenti,complessi,esigono discorsi complessi.Un'eccessiva semplificazione condurrebbe,essa sì,al rischio di fraintendienti.
Per quanto mi è possibile,io cerco di attenermi a questo vademecum.
1)Scrivere solo quando si pensa di avere qualcosa da dire,e di non poter fare a mano di dirlo.
2)Rileggere almeno due volte il thread,o il post,a cui si intende rispondere.
3)Concentrare i propri interventi in spazi non "fluviali"
4)Sfrondare.Prosciugare.Sintet izzare.
5)Considerare il Forum come luogo di comunicazione,più che di esibizione.
(Posto e premesso che ,in chi ama la scrittura,una certa dose di esibizionismo non è mai assente...cerchiamo,tutti,di circoscriverla in termini e proporzioni "veniali" ... )

Buona serata a tutti!
irene is offline  
Vecchio 20-02-2003, 10.16.52   #5
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
Cara Irene,
se mi permetti vorrei sottolineare almeno un milione di volte queste tue:

1)Scrivere solo quando si pensa di avere qualcosa da dire,e di non poter fare a mano di dirlo.

2)Rileggere almeno due volte il thread,o il post,a cui si intende rispondere.

aggiungerei .... accertarsi oltre ogni ragionevole dubbio di aver veramente compreso l'intento e le intenzione dello scrivente, altrimenti togliersi il dubbio chiedendone delucidazioni!!!!!

Buona giornata a tutti!
kri is offline  
Vecchio 20-02-2003, 10.28.30   #6
scultore
 
Messaggi: n/a
Buongiorno

Ciao Irene


Credi, non è per caso
che il nostro sguardo sia posato adesso
su questo enorme e invisibile forum......
stralcio di mondo nel nostro spazio interiore -
a vedere un'umanita'diversa,
ma uguale a te, a me, milioni di altri noi
che scrivono
Siamo, e certo non a caso,
uomini, umani, cellule viventi,
impregnate di indicibile bellezza,
di forza, luce e incredibili miserie
e molto altro, che non sappiam di avere......

Contraddizioni - eppure - non ne vedo.........?(bravo Ivo)

Noi siamo - noi possiamo - noi scegliamo
e questo di sicuro non per caso che
scriviamo su questo forum.........

Ciao Giorgio Scultore

(Molto bella la tua riflessione)


 
Vecchio 20-02-2003, 10.33.59   #7
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Questo è vero carissima Kri, ma deve avere valore per tutti e non solo per alcuni. Ho visto troppa gente con la verità in tasca dire una infinità di fandonie nella piena consapevolezza di essere nel giusto ed aver capito ciò che stava scritto. Ho riso di fronte ad affermazioni completamente assurde e fuori luogo. Mi sono arrabbiata al cospetto di chi presume di sapere ed invece non sa un tubo, o poco e nulla.... (non che io sappia, ma tali talune affermazioni... sono davvero spassose se non ridicole)
Capire, capire, capire, porsi come ascoltatori e non come detentori della verità.
Magari soffermarsi su ciò che si legge un po' di più... e poi, indispensabile, essere umili e partire dal presupposto che tutti quanti scrivono perchè hanno qualcosa da dire, quindi, concedere a tutti la possibilità di dire la propria nel rispetto altrui. saluti
deirdre is offline  
Vecchio 20-02-2003, 11.28.59   #8
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
"fiumi di parole in profondi oceani di silenzio"

Tutto ciò che uno scrive lo scrive perché gli va di farlo e basta, le motivazioni per cui uno/a lo faccia le conosce solo l'interessato, ma soprattutto il vero significato di ciò che vuole intendere e trasmettere lo conosce solo chi scrive.
Chi legge purtroppo, senza un impatto visivo della gestualità delle espressioni del viso, e senza ascoltare l'inflessione vocale dello scrivente, trae conclusioni opinioni solo soggettive, sbagliate o giuste che siano, sono solo opinioni soggettive.

Non tutti hanno il dono di saper scrivere come grandi scrittori di romanzi che fanno volare con la fantasia, ma anche nei romanzi più famosi l'interpretazione è sempre soggettiva.

Chi scrive dovrebbe avere bene in mente che ciò che verrà letto avrà sempre un interpretazione diversa da chiunque si cimenterà nella lettura del suo scritto.

Armonia is offline  
Vecchio 20-02-2003, 11.52.42   #9
scultore
 
Messaggi: n/a
X Armonia e tutti......

Citazione:
Messaggio originale inviato da Armonia
Tutto ciò che uno scrive lo scrive perché gli va di farlo e basta, le motivazioni per cui uno/a lo faccia le conosce solo l'interessato, ma soprattutto il vero significato di ciò che vuole intendere e trasmettere lo conosce solo chi scrive.

Chi scrive dovrebbe avere bene in mente che ciò che verrà letto avrà sempre un interpretazione diversa da chiunque si cimenterà nella lettura del suo scritto.


Ciao Armonia

Oggi mi va di scrivere Così
Come lo interpretate Voi?


E adesso?
adesso che il tuo sole e' scomparso
che fai?
Adesso che le tue luci si sono spente,
adesso che il vento e'cessato,
adesso che tutto e'deserto,
che il buio ti opprime
che il freddo ti copre
che fai?
Adesso che hai chiuso il tuo cuore
in un'urna d'acciaio
che hai scacciato i fantasmi
che ingannevoli ti addolcivano il cammino
che fai?
che fai adesso?
...non so...ma sono ancora in piedi!

Ciao Antonella

E' solo per capire il mio pensiero? da voi che leggete sul forum

Ciao Giorgio Scultore
 
Vecchio 20-02-2003, 21.51.38   #10
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Ciao Irene,
so bene che il tuo intervento non è riferito direttamente a me (ci mancherebbe altro!), sappi però che mi ci sono trovato coinvolto in pieno, mi hai fatto sentire piccino piccino (sob!).
Sfrondare, prosciugare, sintetizzare etc…
Non ho dubbi, evidenzi dei limiti che io ho. Sono patologicamente impossibilitato a sfrondare, prosciugare, sintetizzare etc…
In troppe altre occasioni sono tenuto, per dovere, a sfrondare, prosciugare, sintetizzare etc… Non ho voglia di farlo anche qui.
Scrivo contorto perché evidentemente sono contorto;
scrivo prolisso perché mi piace esprimere quanto penso e sento nel modo che mi è più congeniale. Scrivendo m'immergo in me stesso;
scrivendo scopro me stesso;
scrivendo mi sfogo.
Lo faccio ogni qualvolta avverto il piacere di dire la mia, ogni qualvolta sento di poter dire la mia. Per me non è esibizionismo … forse … almeno spero. Chissà, forse non mi sono mai soffermato sufficientemente ad analizzare questo mio modo di pormi … magari, un giorno, ci proverò…

Altro concetto: contenuto dello scritto, interpretazione del lettore e intenzioni di chi scrive.
- Il contenuto dello scritto è quello che normalmente si legge. Le parole che sono utilizzate per comporlo. Asettiche in sé e per sé.
- L'interpretazione che il lettore dà allo scritto è il risultato combinato delle forze interagenti date dall'intelligenza, cultura, aspettative ed emotività del lettore oltreché, per ovvie ragioni, di chi scrive.
- Le reali intenzioni sono depositate nell'animo e nella volontà esclusiva di chi ha scritto.

Cosa assume maggiore rilevanza ai fini di una corretta comunicazione che contempli un tragitto bidirezionale (scrittore/lettore - lettore/scrittore) del messaggio complessivo (scritto, risposta, repliche etc…)?
AUTOANALISI - fra il serio e il faceto
Io evidenzierei tre strati:
- la chiarezza di chi esprime un concetto … qui pecco di eccesso di contorsionismo dialettico;
- la capacità, insita in chi legge, di comprendere il concetto … alle volte ci riesco, quando sono impossibilitato prima rileggo, solo dopo chiedo lumi a chi ha scritto, poi, se ancora non capisco, talvolta mi arrendo non partecipando, sovente baro confidando in una chiarificazione, raramente stravolgo, scientemente, il senso della comunicazione;
- ma, ai soli fini del rispettoso confronto, soprattutto l'intenzionalità di chi legge e di chi scrive … quando ho intenzione di offendere penso si percepisca chiaramente, quando ho intenzione di scherzare e giocare con le parole, immagino si capisca, quando ho intenzione di provare a discutere con serietà, spero si veda … non credo di essermi mai mimetizzato troppo. Credo di poter dire, con presunzione, di essere abbastanza bene rappresentato da ciò che esprimo scrivendo.

A questo punto una sola voce, un coro … <ma chi se ne frega?> … mi andava di scrivere e ho scritto.

Non so neppure io che cazzo stò scrivendo … forse.
Ciao … belli, complessi ed interessanti i tuoi interventi … ma questo te l'ho già detto a più riprese, un giorno mi dichiarerò (azz… pardon, l'intenzione è solo lo scherzo).
visechi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it