Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 22-02-2007, 10.59.35   #1
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Rivedere la legge elettorale?

Aiutatemi a ragionare ragazzi, perché dopo questa clamorosa dimostrazione che la maggioranza al senato non esiste si parla di mettere mano alla legge elettorale?
Non è la legge la vera fregatura quanto che l’elettorato è spaccato in due esatte metà.
Allora qual è il fine di non rassegnare le dimissioni e andare di nuovo al voto, ma piuttosto restare con la fiducia il tempo necessario per rimetter mano alla legge?
Nemmeno dalla fazione opposta viene richiesto con tanta enfasi il ricorso alle elezioni anticipate, ….
E io penso, questa crisi è stata cercata e ottenuta per arrivare a liberarsi di quelle fazioni scomode, quelle più radicali, quelle dei dissidenti …
Visto che da un lato si cerca di dar vita al partito democratico (che se qualcuno mi spiega esattamente di che si tratta sarei eternamente riconoscente -mi pare sia un idea di Rutelli, Prodi D‘Alema giusto?, gli stessi che sono andati all‘incontro con Ruini e Bertone-) dall’altro si tenta di dar vita all’Italia di mezzo.

Che questa crisi si sia voluta ottenere proprio al fine di sbarazzarsi delle forze più vicine all’elettorato, quelli per intenderci che non sono per allargamenti Nato, Tav, rigassificatori e ingerenze della chiesa? Quelli che davvero si oppongono ai poteri forti? USA, Vaticano, capitalismo?
Pensate a chi ha votato contro:
Il cattolico Andreotti, il capitalista Pinin Farina, e … questo non so che c’azzecca … Cossiga (proprio non so che gli passasse a questo per la testa)…

Che mi dite?
La_viandante is offline  
Vecchio 22-02-2007, 16.14.44   #2
bside
Ospite abituale
 
L'avatar di bside
 
Data registrazione: 09-09-2005
Messaggi: 383
Riferimento: Rivedere la legge elettorale?

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
Quelli che davvero si oppongono ai poteri forti? USA, Vaticano, capitalismo?
Pensate a chi ha votato contro:
Il cattolico Andreotti, il capitalista Pinin Farina, e … questo non so che c’azzecca … Cossiga (proprio non so che gli passasse a questo per la testa)…

E tu pensi che regalare altri 5 anni di governo a berlusconi sia lottare contro i poteri forti? Che voti contro Andreotti ci può stare, dato che non è stato eletto coi voti dell'Unione, ma non può essere che siano proprio due senatori della maggioranza a mandare sotto il governo. Due senatori che tra l'altro sono espressione di una minoranza della minoranza e che da soli probabilmente non sarebbero in grado di farsi eleggere nemmeno come presidenti di una bocciofila.
E tutto per cosa? Per la base di vicenza? Con Berlusconi al governo la base la faranno ancora più grossa!

bside is offline  
Vecchio 22-02-2007, 18.50.20   #3
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Riferimento: Rivedere la legge elettorale?

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
Aiutatemi a ragionare ragazzi, perché dopo questa clamorosa dimostrazione che la maggioranza al senato non esiste si parla di mettere mano alla legge elettorale?
Non è la legge la vera fregatura quanto che l’elettorato è spaccato in due esatte metà.
Allora qual è il fine di non rassegnare le dimissioni e andare di nuovo al voto, ma piuttosto restare con la fiducia il tempo necessario per rimetter mano alla legge?
Nemmeno dalla fazione opposta viene richiesto con tanta enfasi il ricorso alle elezioni anticipate, ….
E io penso, questa crisi è stata cercata e ottenuta per arrivare a liberarsi di quelle fazioni scomode, quelle più radicali, quelle dei dissidenti …
Visto che da un lato si cerca di dar vita al partito democratico (che se qualcuno mi spiega esattamente di che si tratta sarei eternamente riconoscente -mi pare sia un idea di Rutelli, Prodi D‘Alema giusto?, gli stessi che sono andati all‘incontro con Ruini e Bertone-) dall’altro si tenta di dar vita all’Italia di mezzo.

Che questa crisi si sia voluta ottenere proprio al fine di sbarazzarsi delle forze più vicine all’elettorato, quelli per intenderci che non sono per allargamenti Nato, Tav, rigassificatori e ingerenze della chiesa? Quelli che davvero si oppongono ai poteri forti? USA, Vaticano, capitalismo?
Pensate a chi ha votato contro:
Il cattolico Andreotti, il capitalista Pinin Farina, e … questo non so che c’azzecca … Cossiga (proprio non so che gli passasse a questo per la testa)…

Che mi dite?


Ricevo e ritrasmetto volentieri:

Cittadinanzattiva su dimissioni Governo Prodi: urgente riforma elettorale maggioritaria per garantire governabilità


"Questa crisi di governo dimostra ancora una volta, se mai ce n'era bisogno, l'urgenza di una riforma della legge elettorale in senso maggioritario, per assicurare la stabilità dei governi ed una vera democrazia dell'alternanza.
E' per questo motivo che abbiamo scelto di promuovere la raccolta di firme per un referendum che abroghi l'attuale antidemocratica legge elettorale".
Queste le dichiarazioni di Teresa petrangolini, segretario generale di
Cittadinanzattiva, a poche ore dalle dimissioni del Governo Prodi, in
occasione dell'avvio delle consultazioni.

"Quale che sia il governo che verrà, dovrà farsi carico di raccogliere il
desiderio dei cittadini di scrivere nuove norme rispettose del loro diritto
di voto, e che levi la scelta dei candidati dalle sole segreterie di
partito.

L'interesse del Paese è quello di avere un esecutivo capace di governare e di rispondere ai propri elettori. Fin quando I Governi saranno ricattabili
per una manciata di voti in Parlamento I cittadini resteranno esclusi dalla
possibilità di incidere davvero sulla politica nazionale".
Monica 3 is offline  
Vecchio 22-02-2007, 19.54.21   #4
justinian
Avanti è la vita
 
Data registrazione: 06-04-2006
Messaggi: 129
Riferimento: Rivedere la legge elettorale?

La legge elettorale deve essere cambiata a prescindere perchè per parafrasare chi la scritta "è una porcata" e aggiungo io una vergogna per un paese democratico.

Chi decide oggi chi deve andare al parlamento i cittadini o i partiti?

Per quanto riguarda la sinistra estrema o radicale come gli piace chiamarsi io dire che questa crisi se le cercata.Non si può fare opposizione all'interno del governo,non è ammissibili il continuo ricatto verso questo o quest'altro poi alla fine è naturale che esce fuori il p.... di turno che alla fine fa cadre il governo.Inoltre non si piange sul latte versato.Se avessero voluto avere una politica responsabile determinate persone non le candidavano.

Quando si è al governo serve responsabilità già nel 98 fecere cadere prodi per le 36 ore con il risultato poi che adesso il lavoro è tutto precario mentre adesso che non volevano la base di vicenza come risultato cosa avranno?che la base la faranno gli americani come vogliono e noi aumenteremo il nostro impegno in afghanistan senza proporre soluzioni alternative .

Alla stupidità non c'è mai fine soprattutto in certi partiti.Per una cretinata hanno sacrificato i DiCo per una cretinata hanno sacrificato le varie liberalizzazioni,per una cretinata hanno sacrificato UN PAESE.

La colpa non è dei senatori a vita loro posso votare come vogliono la colpa è di quelle persone che si erano prese un impegno con gli italiani che gli avevano votati per mantenere il governo prodi non per fare ciò che loro volevano.

E adesso?Spero che tutti i pacifisti senza se e senza ma siano contenti via il governo filo-imperialista,guerrafondaio di prodi viva il vero governo di vera sinistra operaia di berlusconi.

Ciao

P.S. Vi prego non mi venite a dire che quei senatori hanno fatto quello che hanno fatto per una questione di idee.Se non si volevano sporcare le mani o non si candidavano o una volta visto che per la politica estera quella era la linea della coalizioni si dimettevano lasciando il posto ad altri senatori.Invece "gli idealisti" sono rimasti lì fino alla fine per prendersi uno stipendio e ancora oggi l'esimio senatore Rossi diceva che non si sarebbe dimesso.Veramente COMPLIMENTI.
justinian is offline  
Vecchio 22-02-2007, 23.25.50   #5
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Rivedere la legge elettorale?

Mi sembra che questa ultima notizia sia fondamentalmente veritiera e concorde con quanto sostengono La Viandante, Bside e Monica


(AGI) - Roma, 22 feb . - "Il governo in nove mesi di attività' ha raggiunto obiettivi e risultati molto importanti per il Paese, completamente coerenti con il suo programma elettorale". Lo si legge nel documento sottoposto da Prodi ai leader dell'Unione.

"Tuttavia, contemporaneamente, questi risultati e questi obiettivi non hanno avuto modo di essere percepiti dall'opinione pubblica in tutta la loro novità' e di esplicare tutti i loro effetti perché' il comportamento e le azioni dei singoli, ministri e forze politiche, hanno costantemente provocato una litigiosità' e una strisciante contrapposizione di posizioni che ha oggettivamente logorato tutto il governo".

Quindi ....

Per La viandante: cosa sia il partito democratico non so dirtelo: solo che così a naso mi piace poco.
Patri15 is offline  
Vecchio 24-02-2007, 11.24.18   #6
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Riferimento: Rivedere la legge elettorale?

X Bside
Non credo che il Governo Berlusconi possa essere un alternativa affatto, lungi da me fare qualche valutazione di sorta in questo thread. Avevo passato la notte in bianco per il nervoso, e quando sono al colmo del nervosismo l’unica soluzione che ho è ragionarci su.
Razionalizzando infatti la situazione mi sono resa conto che quella rabbia era per l’assurdità della situazione, era per cose che non mi tornavano affatto.
Così ho messo in ballo qualche elemento per tirare le somme.
Credo di averci visto bene, se pure non vedevo le altre alternative alle nuove elezioni, oltre alla possibilità di farsi eleggere in una nuova coalizione presa tra schieramenti di centro sx (partito democratico) e centro dx (italia di mezzo), c’era la possibilità che non avevo contemplato di allargamento della maggioranza, includendo solo poche altre voci per mettere a tacere definitivamente i dissidenti scomodi.

Quello che mi ha dato la conferma definitiva di quanto dicevo qui è l’eliminazione dei dico dal programma e la denigrazione totale delle voci pacifiste quasi fossero i peggiori criminali delle brigate rosse.

Ma anche tanti tasselli che non avevo considerato, l’associazione br = popolo della pace era già stata fatta prima della manifestazione a Vicenza dando tanto immenso risalto alla morte di Raciti (al cui funerale si sono visti membri della famiglia (ex) reale), in onda abbiamo visto la storia delle BR con Lucarelli e un tam tam continuo su tutte le reti di sicura strumentalizzazione dei fatti del calcio e gli arresti dei presunti terroristi.

Non ultimo (nel senso che è solo una questione tra le tante alla quale tante altre seguiranno su questa linea) l’avvio della pratica di beatificazione da parte di Ruini di quel martire cristiano vittima della lotta armata comunista.

Bene se il quadro non è completo così, … non saprei che altro aggiungere.
Facciamo un passettino indietro e vediamo come mai alla gogna sono stati messi due comunisti, (dei quali uno era già passato a un’altra lista e non era più tra i comunisti italiani ma nella lista consumatori), i cui voti fossero pure stati a favore non avrebbero cambiato il quadro di sconfitta del governo.

D’Alema non è certo uno che tralascia fatti come il non avere il consenso unanime nella coalizione, non avrebbe affidato il voto ai senatori a vita, sapeva di non avere possibilità, ma non solo non ha chiesto la fiducia, come era da farsi, ma addirittura ha anticipato una cosa che sapeva con assoluta certezza sarebbe andata male.
Perché ??????????

Torno alla mia ipotesi principale: tutto questo era già stato deciso, cercato e ottenuto per far passare dalla ragione al torto la volontà popolare. Dal sempre più crescente consenso a idee pacifiste e sulla linea di diritti civili (e contro tav rigassificatori e … ponti sugli stretti?) al più completo linciaggio popolare verso chi rappresentava le loro idee.

Un’idea geniale e una strategia certamente di matrice dalemiana.

E ora per uno strano sortilegio tutti vogliamo la guerra, allargamenti basi nato, ponti sugli stretti, la distruzione dell’Iran, senza se e senza ma.
W il mago D’Alema.
La_viandante is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it