Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 07-04-2007, 15.40.45   #11
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Salvare un uomo di terra...

Oggi,torna il nome di Mastrogiacomo e Karzai..nei Tg

Non siamo ancora alla fine di niente...qualcuno ha rapito adesso due francesi.
Cosa vogliono?vogliamo aiutare questi paesi?
o questi paesi prima o poi ci
dovranno aiutare?

Scusatemi ma sono un pò arrabbiata..c'è confusione e tutti noi guardiamo
questo gioco..gioco di scacchi senza potere muovere un pedone.

Karzai ha voluto aiutare Prodi durante la liberazione di Mastrogiacomo.Dobbiamo ringraziarlo?

Karzai secondo quello che ho sentito...è stato molto vicino a Prodi.

DIPENDIAMO DA DELLE PERSONE STRANIERE ESTERNE PER EQUILIBRARE
LA BILANCIA DIFFETTOSA DEL GOVERNO..
klee is offline  
Vecchio 08-04-2007, 11.54.54   #12
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Salvare un uomo di terra...

Domani scade l'ultimatum dei talebani per l'interprete di Mastrogiacomo

Militanti talebani hanno ribadito oggi la minaccia di uccidere l'interprete afgano di Daniele Mastrogiacomo se nelle prossime ventiquattr'ore il governo di Kabul non accetterà di scarcerare un certo numero di combattenti islamici detenuti.

"Domani scade l'ultimatum. (Ajmal Naqshbandi) sarà ucciso se il governo non accetterà le nostre richieste", ha detto il portavoce talebano Yousuf Ahmadi contattato telefonicamente dall'agenzia France Presse.

La stessa fonte ha detto che il destino dei due cooperanti francesi sequestrati martedì insieme con tre assistenti afgani sarà deciso quando sarà scaduto l'ultimatum per l'interprete del giornalista di 'la Repubblica'. "Sono nelle nostre mani e il loro fato sarà deciso una volta chiuso il caso Ajmal", ha affermato il portavoce.

Venerdi' il presidente afgano, Hamid Karzai, affermò che dopo il caso Mastrogiacomo -definito "eccezionale"- non avrebbe più negoziato con i talebani.


radionews 24 8.4.07
klee is offline  
Vecchio 08-04-2007, 21.17.42   #13
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Salvare un uomo di terra...

La pace non è assenza di conflitto.

La pace non è assenza di conflitto. Il conflitto è un fatto inevitabile della vita quotidiana: conflitti interiori, interpersonali, tra gruppi e internazionali.
La pace consiste nell’affrontare in modo creativo i conflitti.
Pace è il modo di procedere per risolvere i conflitti in modo tale che entrambe le parti vincano, con accresciuta armonia come conseguenza del conflitto e della sua risoluzione.
La risoluzione è pacifica se i partecipanti arrivano a voler cooperare in modo più completo e si trovano nella condizione di poterlo fare.

J. e K. McGinnis
klee is offline  
Vecchio 10-04-2007, 10.31.32   #14
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Salvare un uomo di terra...

Emergency: "Via dall'Afghanistan senza condizioni di sicurezza"

Gino Strada parla dall'Afghanistan, il vicepresidente di Emergency da Milano. Ma il risultato è uno: l'associazione mette alle strette Prodi sulla liberazione di Hanefi.

E' guerra a distanza sul caso di Rahmatullah Hanefi, il mediatore di Emergency decisivo nella liberazione di Daniele Mastrogiacomo e ancora in mano ai servizi segreti del governo Karzai. Prima il fondatore dell'associazione, Gino Strada, ha attaccato il presidente afghano e il premier Romano Prodi. Poi le condizioni messe dall'organizzazione umanitaria attraverso il numero due Carlo Garbagnati. "Restiamo se rilasciano Hanefi e possiamo lavorare in sicurezza". Lo scontro è nato un giorno dopo la decapitazione di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di Mastrogiacomo ucciso dai talebani. Il giornalista afghano freelance, interprete dell'inviato de La Repubblica, aveva venticinque anni. In cambio della sua vita, i signori della guerra chiedevano al governo di Karzai il rilascio di alcuni guerriglieri detenuti. Rahmatullah Hanefi è in mano ai servizi segreti del governo di Kabul, accusato di essere colluso con i talebani.

l'unione sarda.it 10.4.07
klee is offline  
Vecchio 10-04-2007, 21.02.19   #15
padulo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-10-2006
Messaggi: 64
Riferimento: Salvare un uomo di terra...

Citazione:
Originalmente inviato da klee
Emergency: "Via dall'Afghanistan senza condizioni di sicurezza"

Gino Strada parla dall'Afghanistan, il vicepresidente di Emergency da Milano. Ma il risultato è uno: l'associazione mette alle strette Prodi sulla liberazione di Hanefi.

E' guerra a distanza sul caso di Rahmatullah Hanefi, il mediatore di Emergency decisivo nella liberazione di Daniele Mastrogiacomo e ancora in mano ai servizi segreti del governo Karzai. Prima il fondatore dell'associazione, Gino Strada, ha attaccato il presidente afghano e il premier Romano Prodi. Poi le condizioni messe dall'organizzazione umanitaria attraverso il numero due Carlo Garbagnati. "Restiamo se rilasciano Hanefi e possiamo lavorare in sicurezza". Lo scontro è nato un giorno dopo la decapitazione di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di Mastrogiacomo ucciso dai talebani. Il giornalista afghano freelance, interprete dell'inviato de La Repubblica, aveva venticinque anni. In cambio della sua vita, i signori della guerra chiedevano al governo di Karzai il rilascio di alcuni guerriglieri detenuti. Rahmatullah Hanefi è in mano ai servizi segreti del governo di Kabul, accusato di essere colluso con i talebani.

l'unione sarda.it 10.4.07

Si vabbè..........e allora??
padulo is offline  
Vecchio 11-04-2007, 10.40.15   #16
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Salvare un uomo di terra...

Vabbè?cosa?non capisco bene quando fai le domande?

Copio soltanto quello che mi sembra interessante da leggere..lascio a voi la libertà
di leggere e di capire quello che desiderate capire.

Le guerre si fanno anche con i discorsi...la COMUNICAZIONE ..in questo "dolce" mondo non esiste..
Mi interessa questo passaggio "salvare uomo di terra"...vorrei soltanto capire
chi ci "fa girare la testa"...

Gli amici sono diventati nemici
e i nemici amici..

Desidero smascherare la Falsità..desidero fare capire ai Grandi che i piccoli
ragionano con la testa e il cuore.

noi siamo delle marionette davanti alla tv
e
i giornali..e davanti al computer cosa siamo?



Quante cose strane succedono "nel prato del vicino"..
Mentre lentamente il nostro prato sta ingiallendo..


as-tu compris le message Padulo? hai capito il messaggio?
klee is offline  
Vecchio 21-04-2007, 08.05.47   #17
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Salvare un uomo di terra...

«Chiuderemo gli ospedali»
Strada: Karzai deve liberare Hanefi e smentire le infamie
Il prezzo della mancata liberazione di Rahmatullah Hanefi potrebbe essere alto per l'Afghanistan: se il suo operatore afghano resterà in carcere, l'ong di Gino Strada chiuderà i suoi ospedali.
È la presidente Teresa Strada che, nel pomeriggio durante una manifestazione a Roma per la liberazione dell'uomo, spiega il percorso: «Se il governo di Karzai non smentisce le infamie su di noi venute dal responsabile dei servizi segreti e non libera Hanefi, chiuderemo gli ospedali. In questo caso l'Afghanistan perderà molto». Il tutto dovrebbe avvenire nel giro di due-tre settimane.
«Per ora - ha proseguito - ancora stiamo accettando malati ma nei prossimi giorni saremo costretti a rifiutarli e a dimettere i pazienti. Gli afghani non sono in grado di dare assistenza di alto livello».
Intanto da ieri, fino a quando ci sarà bisogno, in piazza Farnese, a Roma, una teca in plexiglas raccoglierà le chiavi, con tanto di benda bianca (quella della pace), di chi simbolicamente chiede la libertà per Hanefi. Circa duecento persone hanno partecipato alla manifestazione, "Una chiave per Rahmatullah". Fra questi, il vignettista Vauro, Michele Santoro, Amanda Sandrelli, Massimiliano Fuksas. Una presenza su tutte, inaspettata, è stata notata. Quella del giornalista Daniele Mastrogiacomo, rapito in Afghanistan, che insieme alla moglie, ha posto la sua chiave.
«Sto male, sto male per Rahmat, sto male per Adjmal che è morto». Ha risposto ai colleghi. Emozionato, Mastrogiacomo ha ricordato l'uomo ora in carcere: «È la persona che mi è venuta a prendere nel profondo territorio afghano. È stata la prima mano amica che mi ha accolto, i primi occhi che ho visto sono stati i suoi, quelli verdi. È la persona a cui devo moltissimo, per il suo coraggio. Non sta a me giudicare, io lo giudico come persona e per me rappresenta moltissimo».
Sulla presenza di Emergency in Afghanistan, già in mattinata, il vicepresidente Carlo Garbagnati, aveva detto che la chiusura degli ospedali appare ora l'ipotesi più probabile. La posizione ufficiale dell'ambasciata afghana in Italia di giovedì, a favore della ong, non ha prodotto risultati tangibili. «Sono solo parole di cortesia. Il ritorno del personale internazionale in Afghanistan avverrà solo dopo atti concreti. Siamo stati messi in stato di accusa e una ripresa delle attività non avviene in relazione a buone parole, peraltro non disinteressate, ma per fatti concreti, la liberazione di Rahmat»

corriere com. 21.4.07
klee is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it