Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 09-03-2003, 09.54.26   #1
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Sentirsi diversi.

Sentirsi diversi...essere diversi...percepire la diversità in ogni istante, cercare d'allontanare quel pensiero che infrange ogni sicurezza e mina la stabilità della mente.
Diversi non per scelta ma per fato. Essere differenti...
Lo siamo tutti?
No... non credo, credo che tutti siamo unici ma non diversi.

Convivere con la diversità ed accettarla non è facile... talvolta si ha l'impressione d'aver raggiunto quella stabilità che permette di vivere in modo, come dire, normale... poi, inevitabilmente, accade qualcosa che cancella tutti gli sforzi, tutta la fatica fatta e si torna ad esser catapultati nella propria diversità..un volo che finisce con un pesante tonfo. Un dolore acuto, un senso d'intorpidimento, d’inesorabile staticità e impossibilità di cambiamento.
Un vetro da scalare, scivoloso...e sotto..sotto un liquido limaccioso che avvolge le membra e penetra con le sue tossine fino al cervello....
Un pensiero fisso torna a far capolino tra le mille figure che balenano nella mente..."Sei diverso..qualsiasi cosa tu possa fare, sarai e rimarrai sempre cosi...."

Paura, angoscia, talvolta panico... veleno che scorre nelle vene e rende acida anche la visione sublime...
E' facile divenire cattivi in queste condizioni..perché se è vero che esiste un dio che tutto può e tutto vede...allora si è dimenticato d’alcune persone oppure le ha rese tali solo per un suo meschino e perverso gioco di ruoli.

Pensieri e parole perdono peso, divengono piume che volano al primo soffio di vento...e la paura, il senso d’impotenza di perversa auto distruzione, che nasce dal cuore, scorre nelle vene e porta a divenire la fotocopia di se stessi....

I ricordi, le sensazioni, le speranze, i sogni... non sono più gli stessi..e tu resti ad essere spettatore di una vita che non hai voluto e che il destino ha scelto per te..solo per te...solo ed esclusivamente per te...

Non so perché, ma questa mattina mi sei tornato in mente, tu che da anni ormai non respiri altro che terra nera, tu che da lontano continui a vivere nei miei torbidi pensieri.
La vita ha designato per te fine prematura e sofferenza estrema...
Quanto vorrei tu potessi sentire i miei pensieri e ciò che non ho potuto dire...il tempo tiranno ha messo la parola fine prima che io potessi dirti mille parole che, sole, rimarranno compagne di un vivere insolito e particolare.
Chiudo gli occhi e le immagini si susseguono, i ricordi..solo quelli mi restano, un pugno di mosche che ronzano e massacrano quella parte di sentimento che ancora vive e vorrebbe esistere nonostante il dilemma.
Nella tua diversità hai trovato la pace e con lei hai rubato una parte della mia... portata con te lontano, persa tra spazio e tempo..in un luogo per me impossibile...
Forse doveva essere così....

(in memoria del Conte)
deirdre is offline  
Vecchio 18-03-2003, 03.28.45   #2
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
diversi

Se siamo unici siamo per forza diversi, che è diverso dal sentirsi
diversi. Lo so bene, sentirsi diversi è cercare di essere uguale,
non riuscire ad accettarsi che crea ansia, frustrazione. Il vero di-
verso non si sente diverso, non ne è consapevole.Le persone
che non ci sono più rimangono legate al loro ambiente sotto un altra forma.Sul fato non ci vuole molta intelligenza per capire che
influenza le nostre vite.Quando rimpiangiamo i nostri cari dimostra la nostra ignoranza e il nostro infantilismo. Notare la nostra eccentricità equivale a dire:"Avrei voluto essere normale
ma adesso vi faccio vedere io".Chi è unico non se ne rende nean-
che conto.La nostra identificazione con persone o cose può essere tale che si può uccidere per essi. Che maturità...!
osho is offline  
Vecchio 18-03-2003, 12.33.04   #3
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
E' così...ma rimaniamo comunque fragili ai dolori della vita, a volte una tristezza sconfinata ti attanaglia il cuore e sorge dentro un pena infinita.
Che sia il male di vivere? non lo so, ma negli occhi di chi soffre vedo la mia sofferenza e allora che dire di più e di meglio se non un tenero abbraccio.
visir is offline  

 

« ipocrisie | war »


Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it