Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 30-10-2007, 13.04.40   #1
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

Un tale che si chiama Guillermo Habacuc Vargas, sedicente artista, ha esposto ad agosto nella Galeríam Códice (in Nicaragua) quella che secondo lui e' una sua "opera d'arte". In realta' si trattava di un cane tenuto a catena, lasciato morire di fame e sete, e l'opera d'arte consisteva nel guardare la sua agonia. Il pazzo non lasciava che nessuno desse da mangiare o da bere all'animale.
Questo succedeva ad agosto 2007, per cui questo cane e' certamente morto.
La cosa davvero incredibile non e' che questo individuo abbia avuto questa "pensata", di pazzi ce ne sono tanti al mondo, ma che:

1. La galleria l'abbia lasciato fare - certamente in Nicaragua non esistono leggi a protezione degli animali d'affezione, qui in Italia sarebbe ovviamente stato illegale. Lo sarebbe stato perfino se fatto su un animale "da reddito". Ma questo non e' un buon motivo per lasciarglielo fare.

2. NESSUNO sia andato li' a prendere il cane e portarlo via. Nei commenti alla vicenda dicono che l'"artista" allontanava con insulti chiunque tentasse di accudire l'animale. Ma chi se ne frega?! Si va li'e si porta via il cane, e basta! Percio', non meno colpevoli del pazzo sono state tutte le persone che sono state a guardare e non hanno fatto nulla, e questo ci fa capire quanto orribile sia la specie umana.
Inoltre, in seguito a quella mostra in Nicaragua, il pazzo e' stato scelto per rappresentare il suo Paese nella "Biennale Centroamericana 2008" che si terra' in Honduras! Chi e' piu' colpevole, il pazzo o chi gli da' retta e lo sostiene?

Qui ci sono le terribili foto del cane in questa mostra della tortura:

http://www.marcaacme.com/blogs/analo...zas_de_habacuc

Articolo tratto da:

http://spiritodeglialberi.forumcommu...et/?t=10069804

Inoltre, per capire meglio...

http://liberoblog.libero.it/cultura_...o/bl7513.phtml


Di fronte a fatti di "arte contemporanea" come questi... che dire?
Io, per ora, solo un no comment a denti stretti e cuore in sofferenza... e voi?

Mirror is offline  
Vecchio 30-10-2007, 14.42.18   #2
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

Citazione:
Originalmente inviato da Mirror
Un tale che si chiama Guillermo Habacuc Vargas, sedicente artista, ha esposto ad agosto nella Galeríam Códice (in Nicaragua) quella che secondo lui e' una sua "opera d'arte". In realta' si trattava di un cane tenuto a catena, lasciato morire di fame e sete, e l'opera d'arte consisteva nel guardare la sua agonia. Il pazzo non lasciava che nessuno desse da mangiare o da bere all'animale.
Questo succedeva ad agosto 2007, per cui questo cane e' certamente morto.
La cosa davvero incredibile non e' che questo individuo abbia avuto questa "pensata", di pazzi ce ne sono tanti al mondo, ma che:

1. La galleria l'abbia lasciato fare - certamente in Nicaragua non esistono leggi a protezione degli animali d'affezione, qui in Italia sarebbe ovviamente stato illegale. Lo sarebbe stato perfino se fatto su un animale "da reddito". Ma questo non e' un buon motivo per lasciarglielo fare.

2. NESSUNO sia andato li' a prendere il cane e portarlo via. Nei commenti alla vicenda dicono che l'"artista" allontanava con insulti chiunque tentasse di accudire l'animale. Ma chi se ne frega?! Si va li'e si porta via il cane, e basta! Percio', non meno colpevoli del pazzo sono state tutte le persone che sono state a guardare e non hanno fatto nulla, e questo ci fa capire quanto orribile sia la specie umana.
Inoltre, in seguito a quella mostra in Nicaragua, il pazzo e' stato scelto per rappresentare il suo Paese nella "Biennale Centroamericana 2008" che si terra' in Honduras! Chi e' piu' colpevole, il pazzo o chi gli da' retta e lo sostiene?

Qui ci sono le terribili foto del cane in questa mostra della tortura:

http://www.marcaacme.com/blogs/analo...zas_de_habacuc

Articolo tratto da:

http://spiritodeglialberi.forumcommu...et/?t=10069804

Inoltre, per capire meglio...

http://liberoblog.libero.it/cultura_...o/bl7513.phtml


Di fronte a fatti di "arte contemporanea" come questi... che dire?
Io, per ora, solo un no comment a denti stretti e cuore in sofferenza... e voi?


Costui è veramente un pazzo!...o forse mica tanto! L’artista si è indubbiamente procurato una pubblicità mondiale e tu Mirror lo stai aiutando

Chissà quale impressione artistica avrà voluto dare all’opera…forse dimostrare la sofferenza e la cattiveria dell’uomo ed il suo potere decisionale sugli altri…
…parlerei però più di arte antica che contemporanea. L’arte vergognosa che ha sempre accompagnato l’uomo fin dalla sua comparsa sulla terra…
…di opere come questa il mondo ne è pieno zeppo…ne vengono sviluppate ogni istante e sono tutte uscite dallo stesso stampo dell’indifferenza umana!
Ogni anno, 6 milioni di bimbi muoiono della stessa identica arte.

maxim is offline  
Vecchio 30-10-2007, 16.30.16   #3
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Costui è veramente un pazzo!...o forse mica tanto! L’artista si è indubbiamente procurato una pubblicità mondiale e tu Mirror lo stai aiutando


Lo so, purtroppo. Questo personaggio sfrutta chiaramente la cassa di risonanza che il sistema mass mediatico gli offre, facendo scandalosamenente parlare sì sè.
Hai ragione, non è l'unico caso. Però, quando leggo cose come questa non riesco a non indignarmi, per non dire altro.

Sulla questione dei milioni di bambini che muoiono di fame, nell'indifferenza quasi generale, sono d'accordo con te. Ti ringrazio per avere commentato questo treahd...

Mirror is offline  
Vecchio 31-10-2007, 23.40.39   #4
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

Che ci siano dei pazzi a questo mondo è inevitabile ma che si tenti di far passare il sadismo per opera d'arte è un insulto ad ogni artista di questo mondo.

Mi vergogno di appartenere al genere umano troppo spesso.

L'indifferenza è un'arma terribile, il non ascolto è un'arma efficace.

Ma non indignarsi, non rimanere turbati da una cosa del genere è ancora peggio.

Non ho guardato le foto, non sarebbe stato rispettoso per quel povero animale.

Forse un'opera d'arte potrebbe essere, ovvero un simbolo dell'ombra che prende il sopravvento nel cuore degli uomini.

Solo chi si è liberato della Pietà, della Compassione, dell'Amore può attuare simili malvagità.

I pazzi sono tanti, ma ancor più pazzi e ancor di più sono coloro che seguono il pazzo.
Mary is offline  
Vecchio 01-11-2007, 01.59.36   #5
DaphneArgent
Ospite
 
L'avatar di DaphneArgent
 
Data registrazione: 31-10-2007
Messaggi: 27
Riferimento: L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

E' forse vero che questo 'artista' abbia avuto l'intenzione di condannare la malvagità dell'uomo, ma in questo modo condanna anche se stesso, e anzi a mio parere lui è forse peggiore di tutti gli altri.
Perchè tu, uomo, che maltratti un cane, in nome dell'Arte, non offendi solo te stesso e le potenzialità del genere umano, ma offendi soprattutto l'Arte e la dignità dell'animale.
Personalmente non sopporto l'arte contemporanea perchè persone pazze (e non in senso positivo) sfruttano questo loro titolo che si danno di artisti, per inscenare cose orribili, che non hanno nulla di artistico. Sono d'accordo che sia l'espressione massima dell'uomo, del suo essere più intimo e creativo, ma l'arte non deve ledere la natura, perchè essa è l'essenza stessa dell'arte e in nessun modo si può concepire un autodegradamento del genere! (ovviamente è una mia personale opinione)

Si, è vero, lo stiamo pubblicizzando proprio nel parlargli male, ma avesse avuto le scatole si sarebbe vestito lui da cane, e si sarebbe fatto morire lui di fame chiuso in quella stanza. In 'questo' modo ti metti a livello dell'animale, e in 'questo' modo denunci a pieno l'orrore dello sfruttamento degli animali. Come ha fatto, non è riuscito a far altro che pestarsi da solo coi piedi la sua dignità, e offendere il genere animale stesso.

P.S.: primo post in questo forum! Sono soddisfatta di aver trovato questo posto, c'è molta roba interessante da leggere, e pian piano mi sto aggiornando!
DaphneArgent is offline  
Vecchio 01-11-2007, 12.41.05   #6
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

E' sconcertante quel che ci scrive Mirror.
Non ne so nulla di più, ma seguirei la indicazione sensata di Mery che preferisce non andare a guardare le foto.

Se è andata così, avvilisce pensare che ci sia un (sedicente) artista che cerchi pubblicità a buon mercato, in qualunque modo lo faccia; ma soprattutto quando ad essere afflitta la propria arte (o sedicente tale) a scopi pubblicitari.

D'altra parte, l'arte richiede libertà di pensiero e di gesto.
A quale prezzo? E senza limiti?
Interrogativi questi che, nel caso sollevato da Mirror (caso che, ripeto, non conosco), sembrerebbero assai stridenti.

La vicenda della fontana romana tinta di rosso ad opera di un mitomane (o artista?) pone - forse in maniera meno macabra rispetto al caso che Mirror ci ha sottoposto - gli stessi interrogativi.


Personalmente, pur interessandomi assiduamente all'arte (in specie quella contemporanea), sono dubitativo; nel senso che non sono nè critico, nè mi spertico in apprezzamenti vacui.
Valuto questi fenomeni con prudenza.

Duchamp esibì un cesso in un museo. 100 anni fa. E naque il dada. E tutto il resto.
Un mondo di imprudenti non lo avrebbe permesso.

Torno a dire: l'arte richiede libertà di pensiero e di gesto. Ma a quale prezzo ed entro quali limiti?
Non saprei, compresso come sono dalla mia agnostica prudenza.

Forse è solo importante che il prezzo non sia insensato.
E' importante che i limiti - pur da considerare - siano minimizzati.
E' importante - comunque - la libertà dell'arte.
Quando è genuina beninteso, non appiattita sulla propria mercificazione.
marco gallione is offline  
Vecchio 01-11-2007, 17.31.39   #7
nemesies
Ospite
 
L'avatar di nemesies
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 14
Angry Riferimento: L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

tutto questo e' a dir poco vergognoso..io non riesco nemmeno a commentare piu' di tanto...
certo che di questi avvenimenti ne e' pieno zeppo il mondo..ma arrivare addirittura ad elogiarli etikettandoli "artistici" mi sembra quasi irreale...
nemesies is offline  
Vecchio 01-11-2007, 17.50.31   #8
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
.....
Duchamp esibì un cesso in un museo. 100 anni fa. E naque il dada. E tutto il resto.
Un mondo di imprudenti non lo avrebbe permesso.

Torno a dire: l'arte richiede libertà di pensiero e di gesto. Ma a quale prezzo ed entro quali limiti?
Non saprei, compresso come sono dalla mia agnostica prudenza.

Forse è solo importante che il prezzo non sia insensato.
E' importante che i limiti - pur da considerare - siano minimizzati.
E' importante - comunque - la libertà dell'arte.
Quando è genuina beninteso, non appiattita sulla propria mercificazione.

Se l'arte esprime "lo spirito" contemporaneo, il cesso ne era un chiaro esempio, il primo rappresentate dell'età che stava per esprimersi.

Sono troppo dura? sono troppo dispregiativa? No, ammetto che ci può essere un arte del "cesso" e che venga liberamente espressa, e nessuno deve venirmi a dire che non è rappresentativo. Altrimenti avrebbero disegnato un albero magari fatto di ceramica.

L'opera d'arte (sono del tutto ignorante) dovrebbe essere la sublimazione del sentire umano, della bellezza espressiva che viene toccata e percepita in quel tempo. Leonardo, Michelangelo, Giotto che cosa sono?

Sapete come distinguo l'arte dalla non arte? semplice mi immagino che l'oggetto artistico venga smarrito e ritrovato da abitanti della terra dopo cento anni: se lo riconoscono come tale, vuol dire che è arte. Se lo buttano nella spazzatura, non è arte.

Pensate ai dipinti rupestri che dopo migliaia di anni conservano tutto il loro splendore e trasmettono qualcosa che gli artisti "moderni" ignorano.

Giustamente come dice DaphneArgent sarebbe stato il caso che l'autore avesse preso il posto del cane ed espresso personalmente tutto il malessere di questa società. In quanto ritengo che arte sia anche la capacità di comunicare sentimenti agli altri.

Può piacere o non piacere, essere ritenuto bello o brutto, ma qualsiasi vera forma d'arte ha la capacità di comunicare, di fornire un messaggio sia agli addetti ai lavori che a tutti gli altri secondo le capacità di ciascuno.
Mary is offline  
Vecchio 01-11-2007, 19.16.26   #9
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Riferimento: L'incredibile "opera" di un... sedicente artista

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Se l'arte esprime "lo spirito" contemporaneo, il cesso ne era un chiaro esempio, il primo rappresentate dell'età che stava per esprimersi.

Sono troppo dura? sono troppo dispregiativa? No, ammetto che ci può essere un arte del "cesso" e che venga liberamente espressa, e nessuno deve venirmi a dire che non è rappresentativo. Altrimenti avrebbero disegnato un albero magari fatto di ceramica.

L'opera d'arte (sono del tutto ignorante) dovrebbe essere la sublimazione del sentire umano, della bellezza espressiva che viene toccata e percepita in quel tempo. Leonardo, Michelangelo, Giotto che cosa sono?

Sapete come distinguo l'arte dalla non arte? semplice mi immagino che l'oggetto artistico venga smarrito e ritrovato da abitanti della terra dopo cento anni: se lo riconoscono come tale, vuol dire che è arte. Se lo buttano nella spazzatura, non è arte.

Pensate ai dipinti rupestri che dopo migliaia di anni conservano tutto il loro splendore e trasmettono qualcosa che gli artisti "moderni" ignorano.

Giustamente come dice DaphneArgent sarebbe stato il caso che l'autore avesse preso il posto del cane ed espresso personalmente tutto il malessere di questa società. In quanto ritengo che arte sia anche la capacità di comunicare sentimenti agli altri.

Può piacere o non piacere, essere ritenuto bello o brutto, ma qualsiasi vera forma d'arte ha la capacità di comunicare, di fornire un messaggio sia agli addetti ai lavori che a tutti gli altri secondo le capacità di ciascuno.

Sono incuriosito dal post di Mary, al quale avrei voluto rispondere perchè tratta di un argomento - l'arte - che trovo molto interessante.
Solo che non l'ho capito bene. Dico sul serio, non so come leggerlo...

Cosa intendi per rappresentativo, Mary?

Vuoi dire "didascalisco"?
Oppure intendi "figurativo"?
Oppure "formale", nel senso di "opposto all'informale"?
Oppure rappresentativo di un concetto sottostante, diciamo "concettuale"?
Oppure ancora "storico", ossia rappresentativo dell'epoca in cui l'opera è prodotta?

Grazie
marco gallione is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it