Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 27-06-2003, 00.34.34   #21
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Allora siamo in due a sperare in questo Fragola.

Oltre alla speranza io aggiungo una certa convinzione che sia l'unica soluzione per una crescita di entrambe le culture entrate in simbiosi.

Buonanotte.
Attilio is offline  
Vecchio 27-06-2003, 19.01.14   #22
the_irish_song
ágætis byrjun
 
Data registrazione: 20-06-2003
Messaggi: 17
Capisco e trovo giusto nutrire delle speranze. Essere degli inguaribili idealisti è tutto fuorchè un difetto Fragola. Ma la realtà resta purtroppo una: nei macroambiti la cultura dominante finisce sempre con lo schiacciare tutte le altre. Di queste, una volte scomparse, possono al massimo restare alcuni tratti, contaminazioni più o meno marcate, proprio nella cultura dominante. E' chiaro che questo avviene per società radicalmente diverse.
Sono convinto che il relativismo culturale sia l'unica teoria che permetta realmente a tutte le culture di sopravvivere, proprio perchè le considera ambiti incomunicabili, completamente separati.
Guardiamo la realtà, ragazzi, la cultura occidentale pecca, e ha sempre peccato, di etnocentrismo e dunque rifiuta di vivere in simbiosi con le altre...
the_irish_song is offline  
Vecchio 27-06-2003, 19.24.21   #23
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
Credo che noi occidentali possiamo considerarci inferiori ai popoli africani o asiatici per mille cose, per le filosofie, per il tipo di società, per il nostro modo di relazionarci e di vivere alcuni aspetti della vita.
Sono la prima a dire che se potessi scegliere deciderei di vivere in un posto come l'Africa per lo spirito della gente, per i paesaggi infiniti, per la sensazione che ti dà quella terra rossa...

Ma l'infibulazione (così come altre pratiche) non può considerarsi una prerogativa di una cultura e non può essere preservata.
Ci sono tanti motivi alla base di questa pratica, non per ultimo il controllo sulle donne e l'apparenza che ha l'organo femminile dopo, cioè il fatto di apparire "chiuso"...però questa non è conservazione di cultura, è non-cultura.
Certo, non adeguare una cultura alla nostra, tutte le pratiche magiche, la religione animista, ecc sono dapreservare.
Ma non queste barbarie...
Un abbraccio,
Rain
rain is offline  
Vecchio 27-06-2003, 19.53.14   #24
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
the_irish_song dice:
Citazione:
Sono convinto che il relativismo culturale sia l'unica teoria che permetta realmente a tutte le culture di sopravvivere, proprio perchè le considera ambiti incomunicabili, completamente separati.
Non so se sia giusto parlare di cultura quando il tema del discorso è infibulazione. Questo atto è semplicemento una crime crudele che crea una sofferenza enorme per le donne, e rende impossibile l´esperienza dell´orgasmo sessuale, e crea infezioni ecc. Non è un "rito d´iniziazione", che ha detto qualcuno, siccome non ha luogo una volta sola ma è rifatta ogni volta che la donna ha partorito, su tv ho sentito parlare di una donna che l´aveva subito 13 volte !
Ha ragione Willov quando dice:
Citazione:
Ed è per questo che non posso trovarmi d'accordo con tale pratica.E' vero che è una tradizione, ma questo non vuol dire che debba essere eterna. L'uomo cambia, si evolve per sopravvivere ed è folle l'idea che tutto debba essere immobile. Alcuni cambiamenti sono più veloci, altri più lenti. Alcuni sono spontanei, altri si basano sull'esempio. Che sia giusta o sbagliata il fatto è che l'infibulazione presto o tardi è destinata a morire come usanza o comunque a modificarsi, divenendo per esempio simbolica con una piccola incisione, come già accennato in questa discussione.

Entro ogni cultura del nostro pianeta lo sviluppo va verso lo stesso scopo, cioè verso l´umanità ed il rispetto per i diritti della persona umana. Dunque non possa mai essere espressione di "etnocentrismo" difendere questi principi, comuni per tutti i popoli civilizati.
Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 27-06-2003, 22.04.23   #25
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da the_irish_song
Sono convinto che il relativismo culturale sia l'unica teoria che permetta realmente a tutte le culture di sopravvivere, proprio perchè le considera ambiti incomunicabili, completamente separati.
Guardiamo la realtà, ragazzi, la cultura occidentale pecca, e ha sempre peccato, di etnocentrismo e dunque rifiuta di vivere in simbiosi con le altre...

Sono perfettamente d'accordo ma ... mi dispiace. Coltivo le mie speranze senza farmi illusioni. E credo che se il rispetto e il dialogo tra due culture che si incontrano senza sopraffarsi si realizza anche solo tra due persone questa può già essere una grande cosa. So benissimo cosa succede nei macroambiti.
Quello che i media ci hanno raccontato dell'islam il questo mesi ne è la prova più lampante.
Tu non lo sai ma con questa discussione abbiamo toccato una uno dei temi che mi sono più cari.
Mi piacerebbe continuare a parlarne. Purtroppo la comunicazione via forum ha i suoi limiti.
Grazie
Fragola is offline  
Vecchio 27-06-2003, 22.32.09   #26
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da rain
Credo che noi occidentali possiamo considerarci inferiori ai popoli africani o asiatici per mille cose, per le filosofie, per il tipo di società, per il nostro modo di relazionarci e di vivere alcuni aspetti della vita.
....
Certo, non adeguare una cultura alla nostra, tutte le pratiche magiche, la religione animista, ecc sono dapreservare.
Ma non queste barbarie...
Un abbraccio,
Rain

Credo che ogni cultura abbia pregi e difetti e che nessuna sia inferiore o superiore. Solo diversa.
Per questo riporpongo (ma perchè nessuno accoglie questa proposta) di cercare le barbarie presenti nella cultura occidentale.

Sono tante.
Secondo te, il trattamento e l'isolamento che subiscono i malati, l'accanimento terapeutico, sono davvero meno barbari? (perchè mentre mio padre stava morendo tra le braccia di mia madre i medici ci hanno cacciate fuori per tentare una rianimazione dolorosa e che sapevano assolutamente inutile? Perchè non lo hanno lascianto morire in pace? Perchè ha dovuto morire, e come lui tanti altri, con un tubo in gola e scosse elettriche sul petto? E' una forma di tortura!)
La sedia elettrica è meno barbara della lapidazione? Ci pare così solo perchè non si vede il sangue?
L'emarginazione dei diversi e degli anziani? L'alienazione? La solitudine? Un aficano inorridirebbe!
Per non parlare delle incredibili barbarie che compiamo SULLE altre culture. E con questo non difendo una pratica. Dico solo che, per quanto barbara ci possa sembrare, noi non siamo migliori. Nemmeno in questo. Abbiamo i nostri orrori. E forse è meglio iniziare a guardarli e smettere di sentirsi tanto a posto.
Quanto è barbaro indossare scarpe che sappiamo fatte da bambini sfruttati un corea? Chi è barbaro? I coreai o chi compra le scarpe? Quanto è barbaro il turismo sessuale? Chi è barbaro? I bambini o gli occidentali che li comprano?

Smetto.
Non so se a qualcuno interessa parlare di questo. Temo di no.
ciao a tutti
Fragola is offline  
Vecchio 27-06-2003, 22.52.11   #27
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Carissima Fragola
concordo pienamete e con tutto il cuore con te.

Le barbarie di questi popoli occidentali che si ritengono civili non sono certo da meno di altri!

L'infibulazione è solo un poco più barbara di altre perché praticata su bambine ignare ed indifese.

Forse possiamo ritenere culturamente accettabile la violenza fisica o psichica sui bambini occidentali? che dire delll'incesto? dello sfruttamento?
Che dire di genitori che considerano i figli proprietà privata?!

No, se andiamo a cercare troveremo che i veri barbari siamo noi.

Malati trattati come oggetti, o peggio come numeri, come macchine da risistemare.

Io non ritengo di appartenere ad un popolo civile, evoluto.
Io vivo in un mondo alienato, creato da gruppi alienati.

Un popolo può ritenersi civile quando è capace di rispetto verso se stesso e il mondo che lo ospita.

Ma chi si rivolge verso la visione di un mondo civile viene tacciato di utopia. E così si continua ad andare avanti nella più totale barbarie. Schiacciati dal senso di impotenza.

Parlare di infibulazione vuol dire parlare e vedere tutte le barbarie di questo mondo, senza sentirsi minimamente superiori a niente e a nessuno.

Non crediamo che sia inutile parlarne. Ho imparato che anche i pensieri e le intenzioni, oltre alle nostre azioni, produco effetti importanti sul mondo che ci circonda. Ed il Pianeta Terra è divenuto ormai la nostra piccola casa, che lo vogliamo o no.

Il lago che i cinesi hanno creato è lontano mille miglia da noi, ma credete che non ci toccherà da vicino? Lo farà e forse anche molto presto.

Per questo le urla di quelle bambine non deve restare inascoltato, deve risuonare dentro di noi e farci restare svegli ogni giorno. Riaddormentarsi è facilissimo.
Quando si è al volante e si ha sonno ci si può addormentare anche senza renderse conto?!

Cerchiamo di restare svegli, per favore.

Un grande abbraccio
Mary
Mary is offline  
Vecchio 11-07-2003, 14.07.35   #28
artista
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-05-2003
Messaggi: 91
Mary

Direi che non si tratta di tradizioni o usi e costumi ma piuttosto che in certi paesi vige ancora il patriarcato con tutti i suoi peggiori lati negativi e nessuna considerazione per la donna. Speriamo che il patriarcato venga sconfitto anche in quei paesi.

Ciao
Artista
artista is offline  
Vecchio 12-07-2003, 00.57.19   #29
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da artista
Mary

Direi che non si tratta di tradizioni o usi e costumi ma piuttosto che in certi paesi vige ancora il patriarcato con tutti i suoi peggiori lati negativi e nessuna considerazione per la donna. Speriamo che il patriarcato venga sconfitto anche in quei paesi.

Ciao
Artista
Perchè, qui invece le donne sono tenute in considerazione?
Mi sembra che basti alzare gli occhi sui muri delle città, sugli screen saver del colleghi maschi oppure guardare per dieci minuti la televisione e leggere qualche rivista per capire in quale considerazione sono tenute le donne (le donne, prego, la donna cos'è?) in occidente.

ciao
Fragola is offline  
Vecchio 12-07-2003, 11.35.18   #30
artista
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-05-2003
Messaggi: 91
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Perchè, qui invece le donne sono tenute in considerazione?
Mi sembra che basti alzare gli occhi sui muri delle città, sugli screen saver del colleghi maschi oppure guardare per dieci minuti la televisione e leggere qualche rivista per capire in quale considerazione sono tenute le donne (le donne, prego, la donna cos'è?) in occidente.

ciao


FRAGOLA

Qui le donne qualcosa hanno conquistato.... sarà forse difficile mantenerlo per cui occorrerà ancora lottare. Ad ogni modo mi hai dato lo spunto per un nuovo argomento che presto porterò qui e cioè sull'emancipazione, parità di diritti ecc.. della donna.

Ciao
Artista
artista is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it