Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 22-06-2003, 11.40.16   #1
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
infibulazione

Carissimi
che brutto e orrendo termine ho scritto. Ma è ancor più orrendo per le bambine che lo subiscono.

Ieri ne sentivo parlare in tv. Rabbrividisco e mi prende una gran collera ogni volta che ne sento parlare.

Ma far finta di niente è ancora più terribile.
Giustificare orrende nefandezze con il termine "tradizione" è offesa alla umana intelligenza.

Tradizioni, usi e consuetudini andrebbero rivisti dagli esseri umani dotati di un cervello e cuore funzionanti.

Penso che ciascun essere umano, giunto ad una età adulta, possa fare di se stesso quello che vuole. E' nel suo pieno diritto e libertà. Purché non limiti la libertà degli altri.
Ma una creatura che non può difendersi non deve subire nessuna violenza.

Il grande gesuita A. De Mello raccontava questa storiella.
Durante una cerimonia sacra comparve nel tempio un gatto. Cercarono in tutti i modi di allontanarlo, ma invano. Alla fine il sacerdote diede ordine di legarlo all'altare. Passarono gli anni e il gatto, prima che iniziasse la cerimonia, veniva legato all'altare.
Si avvicendarono molte persone intorno a quell'altare.
Quando il sacerdote morì chi prese il suo posto si ritrovò con questo cerimoniale e, pur ignorandone il senso, si guardò bene dal cambiarlo. Morì anche il gatto e furono costretti a trovare subito un altro gatto che prendesse il posto del primo. Senza un gatto legato all'altare non era più possibile iniziare alcuna cerimonia.

Siamo nella generazione dei computer e dei telefonini perché i nostri avi delle caverne si ponevano domande e cercavano risposte. Siamo qui perché altri esseri cercavano di intuire, immaginare le conseguenze di determinate azioni.

Ho la vaga idea che stiamo tornando al di sotto dell'uomo delle caverene.

Un abbraccio
Mary
Mary is offline  
Vecchio 23-06-2003, 04.08.38   #2
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
Scusa, ma non so cosa sia l'infibulazione. Ma intuendo a grandi
linee posso immaginare. Non penso che stiamo regredendo, certe
cose ci son sempre state e ci saranno sempre solo che adesso
siamo al corrente di tante realtà. Per certi fatti non ci sono più
parole, si resta esterrefatti e impotenti. Forse fa tutto parte di un
equilibrio universale di cui analizzando i singoli avvenimenti non ri-
usciamo a comprendere.
osho is offline  
Vecchio 23-06-2003, 14.29.44   #3
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Occorre distinguere tra infibulazione ed escissione. I resoconti delle varie associazioni per la difesa dei diritti umani compilano statistiche raggruppando tutte e due le pratiche con il nome di MGF (mutilazione genitali femminili).
L'escissione è la pratica più soft. Si tratta dell'asportazione di una parte del cappuccio che protegge la clitoride e a volte dell'asportazione di una piccola parte della clitoride stessa. Nei paesi africani islamici (l'islam è contrario all'infibulazione) dove per rispetto a tradizioni preislamiche si praica l'escissione, essa è spesso solamente simbolica. Un piccolo taglietto. Le famose sei gocce di sangue.
Caso a parte è forse l'Egitto dove nel sud, nonostante l'influenza dell'Islam l'infibulazione è largamente praticata.

L'infibulazione è invece una mutilazione gravissima che crea alle donne che la subiscono (se sopravvivono) enormi problemi per tutta la vita.

Riporto qui sotto il pezzo di un articolo (*)che ho memorizzato quando ho avuto necesssità di documentarmi sull'argomento. Mi dispiace di non avere a portata di mano dati pi recenti

Mi astengo dall'esprimere giudizi di valore su culture diverse dalla mia. Anche nella cultura occidentale ci sono atrocità. Vorrei semplicemente ricordare che fino all'inizio nde '900 in Europa e in America si praticava la clitoridectomia come cura per l'isteria!!!

..........................
*) INFIBULAZIONE: Mutilazioni genitali femminili (mgf) è l’espressione adottata nel 1990 dai 118 delegati di 28 paesi e varie agenzie dell’Onu, nel corso di un seminario sull’argomento. Si tratta di una definizione tanto terribile quanto reale per questi dolorosi interventi, effettuati su bambine e preadolescenti, mettendo a repentaglio la salute della donna e la vita stessa.

I dati sotto riportati sono riferiti a pratiche di natura differente, a seconda delle zone. Per la maggioranza dei Paesi elencati si tratta di escissione e taglio della clitoride, oppure anche di infibulazione, come in Egitto meridionale, Eritrea, Gibuti, Somalia e alcune zone di Kenya, Etiopia, Mali, Burkina e Niger, oppure di pratiche limitate, per quanto riguarda gran parte del Niger e in misura ridotta anche Algeria, Libia e Ciad.
L’infibulazione totale consiste nell’asportazione della clitoride e delle piccole e grandi labbra. L’operazione viene spesso eseguita con strumenti rudimentali, senza nessun tipo di anestesia e in assenza delle più elementari norme igieniche. La ferita provocata viene poi cucita rudimentalmente riducendo l’accesso alla vagina ad un’apertura piccolissima.
Tale pratica è tuttora considerata un rito culturale in molti paesi africani, asiatici e mediorientali; riduce il piacere sessuale della donna e crea problemi di natura medica e psicologica. I rischi ai quali la donna può andare incontro sono allarmanti: oltre al rischio di contrarre infezioni e aids, di diventare sterili, il 35% delle donne muore per effetti collaterali a breve o a lungo termine.

Donne sottoposte a mutilazioni genitali
Paese.......................Nu mero attuale......................P ercentuale
Benin......................... .....1.200.000................ .............50%
Burkina....................... ....3.290.000................. ............70%
Centrafrica................... .....750.000.................. ............50%
Ciad.......................... ......1.530.000............... ..............60%
Costa d'Avorio................3.750. 000........................... ..60%
Egitto........................ ....13.625.000................ ............50%
Eritrea-Etiopia...............23.940.0 00............................ 90%
Gambia........................ .......270.000................ ............60%
Ghana......................... .....2.325.000................ ...........30%
Gibuti........................ ..........196.000............. ..............90%
Guinea........................ .....1.875.000................ ...........50%
Guinea Bissau - Kenia.........250.000......... ..................50%
Liberia....................... .......6.300.000.............. .............60%
Mali.......................... ........3.112.500............. ..............25%
Mauritania.................... .......262.500................ ...........75%
Niger......................... ..........800.000............. ..............20%
Nigeria....................... ....30.625.000................ ............50%
Senegal....................... .......750.000................ ............20%
Sierra Leone.....................1.93 5.000......................... ..90%
Somalia....................... ......3.773.000............... ............98%
Sudan (Nord)....................9.22 0.400......................... . 98%
Tanzania...................... .....1.345.000................ ...........10%
Togo.......................... ...........950.000............ ..............50%
Uganda........................ ........467.500............... .............5%
Zaire......................... ...........945.000............ .................5%
Totale........................ ...114.296.900................ ...........50%
Stime di Fran P.Hosken aggiornate al 1992.
[Dati pubblicati su "Nigrizia" nel novembre 1996].
Fragola is offline  
Vecchio 23-06-2003, 17.39.53   #4
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
a Fragola

Chiedo, può essere paragonata alla circoncisione maschile?
Quali sono gli scopi di questa pratica? Solo tradizione?
osho is offline  
Vecchio 23-06-2003, 19.21.42   #5
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: a Fragola

Citazione:
Messaggio originale inviato da osho
Chiedo, può essere paragonata alla circoncisione maschile?
Quali sono gli scopi di questa pratica? Solo tradizione?
Le pratiche più leggere di escissione sono paragonabili alla circoncisione maschile. L'infibulazione assolutamente no.
Non conosco l'origine di questa pratica che è diffusissima in africa. Non credo possa essere considerata un rito di iniziazione perchè viene spesso praticata in tenerissima età. Molto prima del momento del passaggio dall'infanzia all'etè adulta che è il momento in cui di solito si praticano i riti di iniziazione che spesso sono molto cruenti ma hanno un loro senso.
E' anche abbastanza in contrasto con la considerazione in cui sono tenute le donne nelle culture tradizionali africane che spesso sono molto meno sessiste della nostra.
Più probabile che servisse (e serva) per tenere sotto controllo il desiderio femminile. Una specie di cintura di castità decisamente cruenta. Se scopro qualcosa di più preciso te lo faccio sapere.
Ai nostri occhi è sicuramente atroce e priva di senso.
Ciao
Fragola is offline  
Vecchio 24-06-2003, 01.25.20   #6
Willow
Ospite abituale
 
L'avatar di Willow
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 211
Come in ogni tradizione essa rappresenta anche un rito di passaggio. Avevo letto alcuni anni or sono che viene "inculcato" il desiderio nelle bambine di sottoporsi a tale pratica, poichè questo sancisce l'ingresso nell'età adulta e quindi nel rispetto e ruolo sociale all'interno della comunità. A tal punto che a volte sono le stesse bambine che per anticipare i tempi provano a "auto" infibularsi. Avevo inoltre letto che tale pratica viene praticata, così come accennato, a mo' di cintura di castità. Rendendo doloroso (sempre e comunque) il rapporto sessuale per la donna, si previene l'adulterio.

io personalmente sono contraria a tale pratica, ma ho sentito dire che a volte gli stranieri fanno richiesta agli ospedali perchè venga effettuata, salvaguardando almeno l'aspetto igienico e potendo avere un'anestesia. Se poi i nostri dottori lo facciano, non so.
Willow is offline  
Vecchio 24-06-2003, 01.37.01   #7
Willow
Ospite abituale
 
L'avatar di Willow
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 211
Mi sono sentita troppo vaga nel mio intervento, così ho girellato qua e là in internet.
Ecco cosa penso possa interessarvi

http://www.islamitalia.it/donna/donnasudan.html

http://forum-estetico.net/articolo_027.htm

http://www.torremaura.it/ormedidonna/infibulazione.htm

http://www.ecologiasociale.org/pg/du...ulazione3.html
Willow is offline  
Vecchio 24-06-2003, 08.51.42   #8
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
A Fragola e Willow

Grazie, almeno mi sono fatto un 'idea sull'argomento.
Ma non riuscirò mai a dare un giudizio.
osho is offline  
Vecchio 24-06-2003, 10.13.41   #9
the_irish_song
ágætis byrjun
 
Data registrazione: 20-06-2003
Messaggi: 17
Salve a tutti, mi sono appena registrato e ho buttato gli occhi su questo post. Molto interessante.
Vorrei creare un po' di polemica anche se forse non è esattamente il modo giusto per presentarsi......
Pur essendo contro questa assurda pratica, che ricordo viene purtroppo utilizzata anche in Italia all'interno di alcune comunità di immigrati, non sono convinto che l'intervento esterno del mondo occidentale (organizzazionbi e associazioni umanitarie,...) sugli usi e i costumi di società così radicalmente diverse sia il modo più corretto per creare un serio processo di sviluppo culturale all'interno di quest'ultime. Anche nel caso dell'infibulazione trovo giusto che suo abbandono da parte di quelle società che ancora la praticano debba essere più il frutto di una spinta interna che esterna....
Forse il mio difetto di giudizio dipende dagli accenni di studi antropologici nel periodo universitario. Non credo che la teoria del relativismo culturale sia del tutto sballata....
Ciao a tutti
the_irish_song is offline  
Vecchio 24-06-2003, 10.19.56   #10
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da Willow
Come in ogni tradizione essa rappresenta anche un rito di passaggio. Avevo letto alcuni anni or sono che viene "inculcato" il desiderio nelle bambine di sottoporsi a tale pratica, poichè questo sancisce l'ingresso nell'età adulta e quindi nel rispetto e ruolo sociale all'interno della comunità. A tal punto che a volte sono le stesse bambine che per anticipare i tempi provano a "auto" infibularsi. Avevo inoltre letto che tale pratica viene praticata, così come accennato, a mo' di cintura di castità. Rendendo doloroso (sempre e comunque) il rapporto sessuale per la donna, si previene l'adulterio.

io personalmente sono contraria a tale pratica, ma ho sentito dire che a volte gli stranieri fanno richiesta agli ospedali perchè venga effettuata, salvaguardando almeno l'aspetto igienico e potendo avere un'anestesia. Se poi i nostri dottori lo facciano, non so.

Ho letto tante cose anche io, il fatto è che, per quello che conosco delle culture africane, non mi convincono.
Escludo l'ipotesi del rito di passaggio. Esistono altri riti di iniziazione femminili, tenuti gelosamente segreti. Inoltre l'età in cui viene praticata solitamente è veramente troppo tenera per pensare ad un rito di passaggio all'età adulta. Così come non lo è la circoncisione maschile.
Nelle culture in cui viene praticata la MGF, sono le donne stesse a difenderla ed a richiederla per le proprie figlie.
Io mi astengo dal giudicare, lo ripeto. A noi fa orrore, ovviamente. Anche a me. Ma da questo ad esprimere un giudizio di valore ne passa. Purtroppo esistono pochissimi testi validi che parlino delle culture africane, davvero pochissimi e tra quei pochi non ho trovato accenni alle motivazioni della MGF.
Le culture (non si può usare il singolare, l'Africa è immensa!) africane sono solitamente tramandate oralmente e tenute segrete.
Per quanto riguarda la pratica negli ospedali, per quanto ne so in africa alcuni medici occidentali la praticano in ospedale. Sanno che, se non lo facessero, sarebbe comunque praticata in modo più brutale. In Italia è vietata per legge.
Fragola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it