Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 14-12-2003, 19.01.56   #1
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Tirannicidio? (Saddam Hussein catturato)

Vi giro una e-mail inviatami cortesemente da Giorgio Boratto con l'intenzione di pubblicarla.

Finalmente preso! Saddam Hussein il sanguinario dittatore dell'Iraq è stato preso. Qualcuno tempo fa sostenne che l'unica condanna a morte che si poteva giustificare fosse il tirannicidio. Ora Saddam Hussein appare come un barbone, un clochard - con rispetto per quelli che lo sono davvero- e sento pena; potremmo ucciderlo subito? Ora guardando questo terribile dittatore, appena catturato, rivedo le immagini di altri tiranni caduti e constato che con l'eccezione di pochi la fine per tutti è stata ingloriosa: rivedo le immagini di Mussolini a piazza Loreto; Hitler bruciato nel bunker; il corpo di Causescu rivolto sul corpo della moglie in un cortile di Bucarest; Milosevic con il volto mesto nel tribunale internazionale dell'Aja… Tutto questo dovrebbe farci meditare: le parabole di questi personaggi dovrebbero insegnare qualcosa, invece c'è sempre qualcuno pronto a prenderne il loro posto. La girandola del potere sembra proporre gli stessi copioni. Una cosa bisognerebbe ricordare sempre: i dittatori non potrebbero esercitare nessun potere se non avessero il consenso di buona parte del popolo; quello stesso popolo che poi esulta alla sua caduta e cui i primi a festeggiare di solito sono i servi più fedeli. Una cosa bisognerebbe allora non fare mai per imparare: il tirannicidio; uccidere il despota per lavarci la coscienza e scaricare il Male.

Giorgio Boratto
http://www.boratto.it
http://boratto.blogspot.com/
webmaster is offline  
Vecchio 14-12-2003, 19.43.50   #2
Ygramul
Anima Antica
 
L'avatar di Ygramul
 
Data registrazione: 22-07-2002
Messaggi: 423
Re: Tirannicidio? (Saddam Hussein catturato)

Sostanzialmente quanto riportato nell'articolo mi trova d'accordo. Il tirannicidio è di fatto una vendetta su un singolo di colpe più globali, e spesso anche degli stessi autori della vendetta.

Volevo un attimo riflettere su una cosa: ora si grida tanto "evviva" alla cattura di Hussein. Ma perchè? Cosa cambia in fondo, a parte che un colpevole, ormai fuggitivo e in completo declino, è stato catturato?

Per quanto mi riguarda penso che non cambi sostanzialmente un granchè. Non credo che Saddam fosse leader di organizzazioni terroristiche internazionali, penso che fosse uno dei tanti nodi in una rete complessa e molto più vasta, resa da tempo assolutamente impersonale, e dove i leader sono giusto delle immagini in tv. Credo che le cose siano molto più complicate e difficili. La rete terroristica è solo apparentemente mussulmana, ma nel campo del terrorismo le organizzazioni si scambiano addestramenti e armi, informazioni e mezzi. Ormai la leadership è astratta, non più con un nome e cognome. A questo punto uccidere Saddam diventa del tutto inutile.
Ygramul is offline  
Vecchio 14-12-2003, 20.02.35   #3
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
...infatti...anche in quel caso sono contrario alla pena di morte...

...per quanto riguarda la cattura e le conseguenza, non hanno solo catturato Saddam, ma hanno confiscato anche parecchi soldini...sicuramente è stato un brutto colpo per il terrorismo...

Ciao, .
Marco_532 is offline  
Vecchio 14-12-2003, 20.10.01   #4
Ygramul
Anima Antica
 
L'avatar di Ygramul
 
Data registrazione: 22-07-2002
Messaggi: 423
Citazione:
Messaggio originale inviato da Marco_532
...per quanto riguarda la cattura e le conseguenza, non hanno solo catturato Saddam, ma hanno confiscato anche parecchi soldini...sicuramente è stato un brutto colpo per il terrorismo...

Ciao, .

Per quanti soldi possano aver confiscato, dubito che potrà essere poi quel gran colpo. Il terrorismo ha accesso a finanziamenti inimmaginabili, attraverso vie contorte. Non è che una goccia in confronto all'oceano questa cattura.
Ygramul is offline  
Vecchio 14-12-2003, 20.40.00   #5
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
non c'è dubbio...ma pur sempre una parte...

Ciao, .
Marco_532 is offline  
Vecchio 14-12-2003, 21.12.32   #6
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
troppo facile emettere una condanna a morte nei confronti di chi è stato dittatore, allora, dovremmo agire nel medesimo modo nei confronti di un'america tiranna che impone la propria volontà al mondo, non solo, che gioca al gatto ed il topo, che incute timore e soggezione.
Ho sentito parlare in tv di tutto questo...ed una sensazione di profondo sconforto ha invaso il mio essere quando Bush ha pronunciato parole che, dette da chi emette sentenze per condannare alla sedia elettrica o all'iniezione letale, divengono stridenti.
"Una giustizia che lui ha negato"... vero, verissimo, Saddam deve pagare il male perpetrato agli irakeni... ma non posso sentire parole di "giustizia e somma compiacenza" da personaggi ambigui come il "dittatore americano"... una dittatura diversa, più sottile, più viscida poiché non percepita come tale...ma, esistente e sconcertante.

Altro non ho da dire ora..se non narrare la tristezza di un mondo infelice, in cerca di idoli e di capre da sacrificio. Il desiderio di sangue accompagna l'uomo dalla sua venuta sulla terra... innegabile la necessità di quel "sapore". Utopia la fine dei termini schiavitù, guerra, odio, razzismo, sudditanza..e ne avrei ancora...

Per il resto...sono concorde con Ygramul... quando si dice convinta che la fine del terrorismo sia ben lontana

Buona serata

Ultima modifica di deirdre : 14-12-2003 alle ore 21.18.02.
deirdre is offline  
Vecchio 14-12-2003, 21.46.05   #7
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Concordo con tutti per quanto riguarda l'inconsistenza di questa cattura in relazione alla lotta al terrorismo.

Sono però una voce fuori dal coro per quanto riguarda il tirannicidio, sono quindi pronto a NON condannare l'eventuale uccisione immediata di un riconosciuto tiranno preso durante un'azione di guerra.
Chi si mette in certe posizioni politico-militari (quella del dittatore) riconosce automaticamente il rischio di fare quella fine, infatti il buon Saddam è relativamente tranquillo.
Detto in chiave ironica, mi sembra crudele non concedergli la fine che si sono cercati tanto tenacemente.

Vedo come due cose distaccate l'uccidere un dittatore ed uccidere un regime con tutte le sue sfaccettature (guerriglia, classi sociali stravolte etc.). Sono quindi convinto come voi che uccidendo un dittatore non si cancella un regime: però si uccide un dittatore, con tutto il carico socio-emotivo che si porta con sé.
Se parliamo del fatto che il regime è composto da tanti "dittatori" con un capo che è IL dittatore, spesso vediamo che nella storia del regime questo dittatore la fa da padrone facendo allegramente sparire persone che l'hanno aiutato a salire al potere ma che successivamente si sono dimostrati scomodi. Spesso il dittatore resta l'ultimo superstite del corpo dittatoriale originario, evidenziando il fatto che con lui si ucciderebbe qualcosa di significativo.

Sono contrario alla pena di morte ed alla guerra, ma quando la guerra già c'è (ed io non posso farci niente oltre che esprimere il mio dissenso) sono pronto a riconoscere che alcune sue leggi sono umanamente legittime. La legge marziale vale solo in guerra, e va giudicata vedendola nel suo "habitat" naturale: la guerra.
Sono anche stato fortemente contrario all'inizio di questa guerra (ed anche ora lo sono, perchè è cominciata come una buffonata americana), non per questo devo diventare compassionevole nei confronti di un dittatore.

Si potrebbe poi ampliare il discorso alla difficoltà di scardinare organizzazioni come il terroristi attualmente attivi, ma non vogli farlo qui.
Attilio is offline  
Vecchio 15-12-2003, 16.45.31   #8
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Condivido il pensiero di tutti voi, pienamente.

Qualsiasi fine facciano fare al tiranno caduto in disgrazia a causa di un dittatore più potente e scaltro di lui, il mondo non avrà certo la pace.

Ai tg non si parla che di questo, credono davvero di essere giunti ad una svolta pacifica?! non credo, solo gli sciocchi lo crederebbero.

Io temo soltanto che un giorno ad un tg qualunque dicano che Bush ha saputo che il tal paese possiede armi di distruzione di massa e che è cosa buona e giusta renderlo inoffensivo.

Con il passare del tempo e delle spedizioni punitive potrebbe toccare anche a noi se un giorno ci sogniamo di fare qualche cosa di sbagliato per chi ormai è padrone del mondo.

Alcuni anni fa sentii in una trasmissione televisiva che trattava delle quartine di Nostradamus che sarebbe venuto il tempo in cui la colomba si sarebbe trasformata in falco. Un grande capo, presentato come salvatore del mondo, si sarebbe trasformato in un feroce dittatore.

Credo che ci siamo.

Mary
Mary is offline  
Vecchio 15-12-2003, 19.06.20   #9
alessandro
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 176
Nell' uccisione dei simboli l'uomo ha corrotto e mascherato la storia, la tirannia è sempre il prodotto di una società che l' ha permessa, di una legittimazione che l'ha fatta passare. Nascondersi dietro a questo velo non serve è questa l'unica lezione che dobbiamo imparare.
alessandro
alessandro is offline  
Vecchio 15-12-2003, 19.28.06   #10
Ygramul
Anima Antica
 
L'avatar di Ygramul
 
Data registrazione: 22-07-2002
Messaggi: 423
Autobombe

Ecco.... questo mi ha riempito di una sconfinata tristezza.
Che senso dare alla cattura di un dittatore in declino? Che senso ha spostare l'attenzione del mondo? Saddam è uno, ormai da tempo è uno qualsiasi. Il terrrorismo è invece una rete anonima i cui punti nodali sono interscambiabili senza alcun problema. E' l'essere costituito da persone che hanno smesso di essere tali che costituisce la sua forza, la sua attuale invincibilità...
Ygramul is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it