Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 23-01-2005, 11.37.01   #1
Maurizia
Ospite
 
Data registrazione: 06-11-2004
Messaggi: 23
Giornalismo

Io dico…a proposito di giornalisti, quelli veri e competenti.
Che il popolo e popolino se deve essere al corrente ed avere
un'opinione su tutti gli affari pubblici ( e questo è un'incantesimo
o una follia) dovrebbe delegare esperti, tecnici professionisti della parola documentata, cioè una classe politica separata, gente che vive di politica e per la politica.(… parlo di politica vera non quella d'occasione e dei dilettanti.) tanto per dare anche un significato alla storia.
Vi risulta che esista questa brancha?
Io sento solo una specie di grammofono che trasmette notizie in un presente di grande bonaccia, dove le menzogne dei media ci impongono di tutto
So che le parole sono sempre contaminate dalla politica ed è
impensabile che un giornalista e/o scrittore oltre a non accettare
imposizioni dai politici debba astenersi dallo scrivere di politica. Però lo potrebbe fare come individuo come outsider
Ma ho l'impressione che ne esistono pochi (in Italia quali sono?) e
come riconoscergli..? Non è facile soprattutto per chi non è
acculturato.
E chi lo è gli rimane, solo, questo bisogno di ecologia mentale e
di autodifesa
Quale è la formula, nel giornalismo , per mantenersi integri ,
fedeli a se stessi, indipendenti?
A me sembra che la migliore approssimazione da noi sia l'Agenzia di Stampa.
Quella grande e seria, naturalmente – l'ANSA -- che non per questo è esente da influenze politico-economiche.
L'ANSA ha più o meno un centinaio di giornali da servire -- a parte
le radio, TV ed Enti ed Aziende pubblici e privati , che coprono
l'intero spettro politico
e tutti ci devono trovare dentro di che riempire le pagine senza
intervenire sui testi.
Cioè, la completezza supplisce all'eventuale difetto di obiettività. .
Purtroppo, però, l'Agenzia arriva al pubblico attraverso i media --
e lì casca l'asino. Il padrone dei media qua s'è comprato il paese...
Maurizia is offline  
Vecchio 28-01-2005, 16.18.52   #2
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
io credo sia difficile mantenersi integri in ogni realtà, e non solo quindi nel giornalismo. Per il solo fatto di essere a contatto con tante altre persone, pensanti ed agenti in modo simile o differente dal nostro, dobbiamo accettare che ognuno di noi non è più "puro". A maggior ragione, credo che ciò possa dirsi per i giornalisti.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 31-01-2005, 23.13.47   #3
sanjaya
Ospite
 
L'avatar di sanjaya
 
Data registrazione: 20-01-2004
Messaggi: 17
SCRIVI:
Quale è la formula, nel giornalismo , per mantenersi integri ,
fedeli a se stessi, indipendenti?
A me sembra che la migliore approssimazione da noi sia l'Agenzia di Stampa.
Quella grande e seria, naturalmente – l'ANSA -- che non per questo è esente da influenze politico-economiche.

Non credi sia contraddittorio quanto da te scritto?
Se non è esente da influenze politico-economiche come può essere l'appossimazione di quanto da te detto prima?

Comunque il giornalismo italiano ha un modo tutto suo di presentare le notizie. Io sono convinto che al di là di alcune sfumature, il più delle volte i giornali raccontano i fatti così come appaiono. Poi è normale che ci siano diverse interpretazioni

Al di là di questo, in mezzo a centinaia di parole, il fatto, la notizia vera c'è.

Pensate comunque che grigiore se ci fosse un solo grande giornale obiettivo senza condizionamenti nè colori politici..

Sarebbe quanto mai inumano!!
sanjaya is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it