Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 22-03-2006, 20.28.50   #1
Rael86
Imperial Aerosol Kid
 
L'avatar di Rael86
 
Data registrazione: 18-01-2006
Messaggi: 145
Perchè non parliamo di Mangano e Dell'Utri?

Visto che si parla sempre di "illazioni immotivate" o "complotti comunisti" contro il nostro ( ? ) PresDelCons, ecco un po' di fatti concreti. Questa è la trascrizione di una parte dell'intervista che Paolo Borsellino rilasciò a due giornalisti francesi, Jean Pierre Moscardo e Fabrizio Calvi, due giorni prima della strage di Capaci. (Perchè se un magistrato viene ucciso, può essere interessante sapere di cosa si stava occupando prima di subire un attentato):

Borsellino
Sì, Vittorio Mangano l'ho conosciuto anche in periodo antecedente al maxi-processo e precisamente negli anni fra il 1975 e il 1980, e ricordo di aver istruito un procedimento che riguardava delle estorsioni fatte a carico di talune cliniche private palermitane. Vittorio Mangano fu indicato sia da Buscetta che da Contorno come "uomo d'onore" appartenente a Cosa Nostra.

Giornalista
"Uomo d'onore" di che famiglia?

Borsellino
L'uomo d'onore della famiglia di Pippo Calò, cioè di quel personaggio capo della famiglia di Porta Nuova, famiglia della quale originariamente faceva parte lo stesso Buscetta. Si accertò che Vittorio Mangano, ma questo già risultava dal procedimento precedente che avevo istruito io e risultava altresì da un procedimento cosiddetto procedimento Spatola, che Falcone aveva istruito negli anni immediatamente precedenti al maxi-processo, che Vittorio Mangano risiedeva abitualmente a Milano, città da dove come risultò da numerose intercettazioni telefoniche, costituiva un terminale del traffico di droga, di traffici di droga che conducevano le famiglie palermitane.

Giornalista
E questo Mangano Vittorio faceva traffico di droga a Milano?

Borsellino
Vittorio Mangano, se ci vogliamo limitare a quelle che furono le emergenze probatorie più importanti risulta l'interlocutore di una telefonata intercorsa fra Milano e Palermo, nel corso della quale lui, conversando con un altro personaggio mafioso delle famiglie palermitane, preannuncia o tratta l'arrivo di una partita di eroina chiamata alternativamente, secondo il linguaggio convenzionale che si usa nelle intercettazioni telefoniche, come magliette o cavalli.

Giornalista
Comunque lei in quanto esperto, può dire che quando Mangano parla di cavalli al telefono, vuol dire droga.

Borsellino
Si, tra l'altro questa tesi dei cavalli che vogliono dire droga, è una tesi che fu avanzata alla nostra ordinanza istruttoria e che poi fu accolta al dibattimento, tanto è che Mangano fu condannato al dibattimento del maxi processo per traffico di droga.

Giornalista
Dell'Utri non c'entra in questa storia?

Borsellino
Dell'Utri non è stato imputato del maxi processo per quanto io ne ricordi, so che esistono indagini che lo riguardano e che riguardano insieme Mangano.

Giornalista
A Palermo?

Borsellino
Sì, credo che ci sia un'indagine che attualmente è a Palermo con il vecchio rito processuale nelle mani del giudice istruttore, ma non ne conosco i particolari.

Giornalista
Marcello Dell'Utri o Alberto Dell'Utri?

Borsellino
Non ne conosco i particolari, potrei consultare avendo preso qualche appunto, cioè si parla di Dell'Utri Marcello e Alberto, di entrambi.

Giornalista
I fratelli

Borsellino
Sì.

Giornalista
Quelli della Publitalia?

Borsellino
Sì.

Giornalista
Perché c'è nell'inchiesta della San Valentino, un'intercettazione fra lui e Marcello Dell'Utri in cui si parla di cavalli.

Borsellino
Beh, nella conversazione inserita nel maxi-processo, si parla di cavalli da consegnare in albergo, quindi non credo potesse trattarsi effettivamente di cavalli, se qualcuno mi deve recapitare due cavalli, me li recapita all'ippodromo o comunque al maneggio, non certamente dentro l'albergo.

Giornalista
C'è un socio di Marcello Dell'Utri, tale Filippo Rapisarda che dice che questo Dell'Utri gli è stato presentato da uno della famiglia di Stefano Bontade.

Borsellino
Palermo è la città della Sicilia dove le famiglie mafiose erano più numerose, si è parlato addirittura in un certo periodo almeno di duemila uomini d'onore con famiglie numerosissime, la famiglia di Stefano Bontade sembra che in un certo periodo ne contasse almeno 200, si trattava comunque di famiglie appartenenti a una unica organizzazione, cioè Cosa Nostra, i cui membri in gran parte si conoscevano tutti, e quindi è presumibile che questo Rapisarda riferisca una circostanza vera.

Giornalista
Lei di Rapisarda ne ha sentito parlare?

Borsellino
So dell'esistenza di Rapisarda, ma non me ne sono mai occupato pesonalmente.

Giornalista
Perché quanto pare, Rapisarda, Dell'Utri, erano in affari con Ciancimino, tramite un tale Alamia.

Borsellino
Che Alamia fosse in affari con Ciancimino è una circostanza da me conosciuta e che credo risulti anche da qualche processo che si è già celebrato. Per quanto riguarda Rapisarda e Dell'Utri, non so fornirle particolari indicazioni, trattandosi ripeto sempre di indagini di cui non mi sono occupato personalmente.

Giornalista
Non le sembra strano che certi personaggi, grossi industriali come Berlusconi, Dell'Utri, siano collegati a uomini d'onore tipo Vittorio Mangano?

Borsellino
All'inizio degli anni Settanta, Cosa Nostra cominciò a diventare un'impresa anch'essa, un'impresa nel senso che attraverso l'inserimento sempre più notevole, che a un certo punto diventò addirittura monopolistico, nel traffico di sostanze stupefacenti, Cosa Nostra cominciò a gestire una massa enorme di capitali, dei quali naturalmente cercò lo sbocco, perché questi capitali in parte venivano esportati o depositati all'estero e allora così si spiega la vicinanza tra elementi di Cosa Nostra e certi finanzieri che si occupavano di questi movimenti di capitali.

Giornalista
Lei mi dice che è normale che Cosa Nostra si interessi a Berlusconi?

Borsellino
è normale che chi è titolare di grosse quantità di denaro cerchi gli strumenti per poter impiegare questo denaro, sia dal punto di vista del riciclaggio, sia dal punto di vista di far fruttare questo denaro.

Giornalista
Mangano era un pesce pilota?

Borsellino
Sì, guardi le posso dire che era uno di quei personaggi che ecco erano i ponti, le teste di ponte dell'organizzazione mafiosa nel nord Italia.

Giornalista
Si dice che abbia lavorato per Berlusconi?

Borsellino
Non le saprei dire in proposito o anche se le debbo far presente che come magistrato ho una certa ritrosia a dire le cose di cui non sono certo, so che ci sono addirittura ancora delle indagini in corso in proposito. Non conosco quali atti siano ormai conosciuti, ostensibili e quali debbano rimanere segreti. Questa vicenda che riguarderebbe i suoi rapporti con Berlusconi, è una vicenda che la ricordi o non la ricordi, comunque è una vicenda che non mi appartiene, non sono io il magistrato che se ne occupa quindi non mi sento autorizzato a dirle nulla.

Giornalista
C'è un'inchiesta ancora aperta?

Borsellino
So che c'è un'inchiesta ancora aperta.

Giornalista (in francese)
Su Mangano e Berlusconi a Palermo?

Borsellino
Sì.

Ultima modifica di Rael86 : 22-03-2006 alle ore 20.31.01.
Rael86 is offline  
Vecchio 22-03-2006, 21.15.11   #2
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Re: Perchè non parliamo di Mangano e Dell'Utri?

Citazione:
Messaggio originale inviato da Rael86
Visto che si parla sempre di "illazioni immotivate" o "complotti comunisti" contro il nostro ( ? ) PresDelCons, ecco un po' di fatti concreti. Questa è la trascrizione di una parte dell'intervista che Paolo Borsellino rilasciò a due giornalisti francesi, Jean Pierre Moscardo e Fabrizio Calvi, due giorni prima della strage di Capaci. (Perchè se un magistrato viene ucciso, può essere interessante sapere di cosa si stava occupando prima di subire un attentato):

Borsellino
Sì, Vittorio Mangano l'ho conosciuto anche in periodo antecedente al maxi-processo e precisamente negli anni fra il 1975 e il 1980, e ricordo di aver istruito un procedimento che riguardava delle estorsioni fatte a carico di talune cliniche private palermitane. Vittorio Mangano fu indicato sia da Buscetta che da Contorno come "uomo d'onore" appartenente a Cosa Nostra.

Giornalista
"Uomo d'onore" di che famiglia?

Borsellino
L'uomo d'onore della famiglia di Pippo Calò, cioè di quel personaggio capo della famiglia di Porta Nuova, famiglia della quale originariamente faceva parte lo stesso Buscetta. Si accertò che Vittorio Mangano, ma questo già risultava dal procedimento precedente che avevo istruito io e risultava altresì da un procedimento cosiddetto procedimento Spatola, che Falcone aveva istruito negli anni immediatamente precedenti al maxi-processo, che Vittorio Mangano risiedeva abitualmente a Milano, città da dove come risultò da numerose intercettazioni telefoniche, costituiva un terminale del traffico di droga, di traffici di droga che conducevano le famiglie palermitane.

Giornalista
E questo Mangano Vittorio faceva traffico di droga a Milano?

Borsellino
Vittorio Mangano, se ci vogliamo limitare a quelle che furono le emergenze probatorie più importanti risulta l'interlocutore di una telefonata intercorsa fra Milano e Palermo, nel corso della quale lui, conversando con un altro personaggio mafioso delle famiglie palermitane, preannuncia o tratta l'arrivo di una partita di eroina chiamata alternativamente, secondo il linguaggio convenzionale che si usa nelle intercettazioni telefoniche, come magliette o cavalli.

Giornalista
Comunque lei in quanto esperto, può dire che quando Mangano parla di cavalli al telefono, vuol dire droga.

Borsellino
Si, tra l'altro questa tesi dei cavalli che vogliono dire droga, è una tesi che fu avanzata alla nostra ordinanza istruttoria e che poi fu accolta al dibattimento, tanto è che Mangano fu condannato al dibattimento del maxi processo per traffico di droga.

Giornalista
Dell'Utri non c'entra in questa storia?

Borsellino
Dell'Utri non è stato imputato del maxi processo per quanto io ne ricordi, so che esistono indagini che lo riguardano e che riguardano insieme Mangano.

Giornalista
A Palermo?

Borsellino
Sì, credo che ci sia un'indagine che attualmente è a Palermo con il vecchio rito processuale nelle mani del giudice istruttore, ma non ne conosco i particolari.

Giornalista
Marcello Dell'Utri o Alberto Dell'Utri?

Borsellino
Non ne conosco i particolari, potrei consultare avendo preso qualche appunto, cioè si parla di Dell'Utri Marcello e Alberto, di entrambi.

Giornalista
I fratelli

Borsellino
Sì.

Giornalista
Quelli della Publitalia?

Borsellino
Sì.

Giornalista
Perché c'è nell'inchiesta della San Valentino, un'intercettazione fra lui e Marcello Dell'Utri in cui si parla di cavalli.

Borsellino
Beh, nella conversazione inserita nel maxi-processo, si parla di cavalli da consegnare in albergo, quindi non credo potesse trattarsi effettivamente di cavalli, se qualcuno mi deve recapitare due cavalli, me li recapita all'ippodromo o comunque al maneggio, non certamente dentro l'albergo.

Giornalista
C'è un socio di Marcello Dell'Utri, tale Filippo Rapisarda che dice che questo Dell'Utri gli è stato presentato da uno della famiglia di Stefano Bontade.

Borsellino
Palermo è la città della Sicilia dove le famiglie mafiose erano più numerose, si è parlato addirittura in un certo periodo almeno di duemila uomini d'onore con famiglie numerosissime, la famiglia di Stefano Bontade sembra che in un certo periodo ne contasse almeno 200, si trattava comunque di famiglie appartenenti a una unica organizzazione, cioè Cosa Nostra, i cui membri in gran parte si conoscevano tutti, e quindi è presumibile che questo Rapisarda riferisca una circostanza vera.

Giornalista
Lei di Rapisarda ne ha sentito parlare?

Borsellino
So dell'esistenza di Rapisarda, ma non me ne sono mai occupato pesonalmente.

Giornalista
Perché quanto pare, Rapisarda, Dell'Utri, erano in affari con Ciancimino, tramite un tale Alamia.

Borsellino
Che Alamia fosse in affari con Ciancimino è una circostanza da me conosciuta e che credo risulti anche da qualche processo che si è già celebrato. Per quanto riguarda Rapisarda e Dell'Utri, non so fornirle particolari indicazioni, trattandosi ripeto sempre di indagini di cui non mi sono occupato personalmente.

Giornalista
Non le sembra strano che certi personaggi, grossi industriali come Berlusconi, Dell'Utri, siano collegati a uomini d'onore tipo Vittorio Mangano?

Borsellino
All'inizio degli anni Settanta, Cosa Nostra cominciò a diventare un'impresa anch'essa, un'impresa nel senso che attraverso l'inserimento sempre più notevole, che a un certo punto diventò addirittura monopolistico, nel traffico di sostanze stupefacenti, Cosa Nostra cominciò a gestire una massa enorme di capitali, dei quali naturalmente cercò lo sbocco, perché questi capitali in parte venivano esportati o depositati all'estero e allora così si spiega la vicinanza tra elementi di Cosa Nostra e certi finanzieri che si occupavano di questi movimenti di capitali.

Giornalista
Lei mi dice che è normale che Cosa Nostra si interessi a Berlusconi?

Borsellino
è normale che chi è titolare di grosse quantità di denaro cerchi gli strumenti per poter impiegare questo denaro, sia dal punto di vista del riciclaggio, sia dal punto di vista di far fruttare questo denaro.

Giornalista
Mangano era un pesce pilota?

Borsellino
Sì, guardi le posso dire che era uno di quei personaggi che ecco erano i ponti, le teste di ponte dell'organizzazione mafiosa nel nord Italia.

Giornalista
Si dice che abbia lavorato per Berlusconi?

Borsellino
Non le saprei dire in proposito o anche se le debbo far presente che come magistrato ho una certa ritrosia a dire le cose di cui non sono certo, so che ci sono addirittura ancora delle indagini in corso in proposito. Non conosco quali atti siano ormai conosciuti, ostensibili e quali debbano rimanere segreti. Questa vicenda che riguarderebbe i suoi rapporti con Berlusconi, è una vicenda che la ricordi o non la ricordi, comunque è una vicenda che non mi appartiene, non sono io il magistrato che se ne occupa quindi non mi sento autorizzato a dirle nulla.

Giornalista
C'è un'inchiesta ancora aperta?

Borsellino
So che c'è un'inchiesta ancora aperta.

Giornalista (in francese)
Su Mangano e Berlusconi a Palermo?

Borsellino
Sì.
Il clientelismo nel passato é servito ( Diliberto alla giustizia) infiltrare , infiltrare a piú non posso "afecionados" o simpatizzanti dei partiti al potere nei ruoli di comando , lo sá Andreotti quello che ha patito per mano dei suoi "amici" , figurarsi Berlusconi dai suoi "nemici" , costoro gli "afecionados" nello scorrere delle loro carriere sopravvivono ai 5 anni , anzi lavorano dall'interno per preparare il trinfale ritorno di chi per 5 anni ha dall'opposizione lavorato con ostruzionismo , calunnie , vedi ( Storace ) , scioperi , continuo diffondere di pessimismo , insomma uno scandalo!. Ho apprezzato il lavoro di questo governo , lo ho capito , ha dovuto partire da un meno molto negativo , eppure ha fatto , ha riformato , sanitá , istruzione , giustizia se ce la fará , grandi opere , legiferato , snellimento burocratico , ecc... ecc... di piú non poteva fare!. Sono contento di questo governo e se continuerá andremo migliorando sicuramente , ormai ci stiamo sgrossando e abituando ai nuovi prezzi delle materie prime , la disoccupazione tende a calare . Non per niente i prodotti e i ristoranti cinesi vanno snobbati , costano poco e valgono anche meno!. Io guardo i risultati , dopo 50anni di schifezze ed ignobili politici non me ne frega proprio niente dei Dell'Utri & Co. o simili , il parco é pieno dei peggio e meno peggio , tra tutti il meglio sono quelli al comando oggi , per me che continuino sará un bene per tutti , quello che hanno promesso lo hanno quasi mantenuto tutto nonostante enormi avversitá , ora dovrebbero andare in .....discesa , e senza freni spero......cosí mi pare e cosí lo dico!.Ciao.
svirgola is offline  
Vecchio 22-03-2006, 22.17.34   #3
Rael86
Imperial Aerosol Kid
 
L'avatar di Rael86
 
Data registrazione: 18-01-2006
Messaggi: 145
Citazione:
Messaggio originale inviato da svirgola
ha riformato , sanitá , istruzione , giustizia se ce la fará , grandi opere , legiferato , snellimento burocratico , ecc... ecc... di piú non poteva fare!.

Hai ragione, di più non poteva fare per mettere in ginocchio il paese.

Citazione:
Messaggio originale inviato da svirgola
Io guardo i risultati , dopo 50anni di schifezze ed ignobili politici non me ne frega proprio niente dei Dell'Utri & Co. o simili

A te che lo voti non interessa che il braccio destro di Berlusconi e cofondatore di forza italia sia un criminale (condannato in terzo grado a due anni per frode fiscale e false fatturazioni) sospettato di avere rapporti con la mafia, a me che lo subisco perché tu lo voti, da un po' fastidio...

Io con questo post volevo solo parlare di FATTI, ma ero sicuro che qualcuno l'avrebbe usato per fare della demagogica campagna elettorale.
Rael86 is offline  
Vecchio 22-03-2006, 23.12.51   #4
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Citazione:
Messaggio originale inviato da Rael86
Hai ragione, di più non poteva fare per mettere in ginocchio il paese.



A te che lo voti non interessa che il braccio destro di Berlusconi e cofondatore di forza italia sia un criminale (condannato in terzo grado a due anni per frode fiscale e false fatturazioni) sospettato di avere rapporti con la mafia, a me che lo subisco perché tu lo voti, da un po' fastidio...

Io con questo post volevo solo parlare di FATTI, ma ero sicuro che qualcuno l'avrebbe usato per fare della demagogica campagna elettorale.
Prima chiarificazione , non ho mai votato Berlusconi , secondo non ho letto il tuo libello , terzo , sai per frode fiscale quanta gente dovrebbe essere condannata in Italia , siamo un paese di frodatori , specialisti in arrangiarsi , sospettato? , ma che vuol dire sospettato? , anche Starace é stato sospettato , era una calunnia , e credo che in altre occasioni vi siano veritá , ma tant'é in politica lo sappiamo il sudiciume morale é ai massimi livelli. E allora? non é spulciando il meglio o il peggio , per i sentito dire , ma per il fatto! ed il Berlusca ha fatto i fatti . Molti la pensano come te , forse pochi la pensano come me , comunque ció mi consola , non sono il.......solo. Di una cosa sono peró sicuro , chi vincerá non sará un migliore , ma uno dei.....meno migliori. Ciao.
svirgola is offline  
Vecchio 23-03-2006, 02.07.15   #5
Rael86
Imperial Aerosol Kid
 
L'avatar di Rael86
 
Data registrazione: 18-01-2006
Messaggi: 145
Citazione:
Messaggio originale inviato da svirgola
Prima chiarificazione , non ho mai votato Berlusconi , secondo non ho letto il tuo libello , terzo , sai per frode fiscale quanta gente dovrebbe essere condannata in Italia , siamo un paese di frodatori , specialisti in arrangiarsi , sospettato? , ma che vuol dire sospettato? , anche Starace é stato sospettato , era una calunnia , e credo che in altre occasioni vi siano veritá , ma tant'é in politica lo sappiamo il sudiciume morale é ai massimi livelli. E allora? non é spulciando il meglio o il peggio , per i sentito dire , ma per il fatto! ed il Berlusca ha fatto i fatti . Molti la pensano come te , forse pochi la pensano come me , comunque ció mi consola , non sono il.......solo. Di una cosa sono peró sicuro , chi vincerá non sará un migliore , ma uno dei.....meno migliori. Ciao.

Per "libello" intendi la trascrizione dell'intervista? Se è così perchè hai risposto ad un post senza avere letto ciò di cui parlava?
Sospettato significa che qualcuno ha aperto un fascicolo su delle basi concrete, ti riporto per questo un passo del "libello":

Citazione:
Giornalista
lei in quanto esperto, può dire che quando Mangano parla di cavalli al telefono, vuol dire droga.

[...]

Giornalista
Perché c'è nell'inchiesta della San Valentino, un'intercettazione fra lui e Marcello Dell'Utri in cui si parla di cavalli.

Borsellino
Beh, nella conversazione inserita nel maxi-processo, si parla di cavalli da consegnare in albergo, quindi non credo potesse trattarsi effettivamente di cavalli, se qualcuno mi deve recapitare due cavalli, me li recapita all'ippodromo o comunque al maneggio, non certamente dentro l'albergo.

Inoltre il fatto che "siamo un paese di frodatori , specialisti in arrangiarsi" non mi pare un buon motivo per mandare in parlamento dei frodatori, esistono anche moltissime persone con la fedina penale pulita, sai?
Comunque stiamo andando off-topic, volevo parlare dei rapporti tra mafia e politica ma siamo finiti di nuovo in campagna elettorale...
Rael86 is offline  
Vecchio 23-03-2006, 10.10.07   #6
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Citazione:
Messaggio originale inviato da Rael86
Per "libello" intendi la trascrizione dell'intervista? Se è così perchè hai risposto ad un post senza avere letto ciò di cui parlava?
Sospettato significa che qualcuno ha aperto un fascicolo su delle basi concrete, ti riporto per questo un passo del "libello":



Inoltre il fatto che "siamo un paese di frodatori , specialisti in arrangiarsi" non mi pare un buon motivo per mandare in parlamento dei frodatori, esistono anche moltissime persone con la fedina penale pulita, sai?
Comunque stiamo andando off-topic, volevo parlare dei rapporti tra mafia e politica ma siamo finiti di nuovo in campagna elettorale...
Ma non immagini gli intrallazzi a cui deve sottostare un tipo prima di diventare Onorevole in parlamento o al Senato? , suvvia amico senza favoritismi , ricevuti o dati non si vá avanti in politica , io preferisco condannare tutti che assolverne uno , sicuro sono piú nel giusto! , non temere siamo sempre attinenti alle elezioni , tu sei contro gli attuali amministratori ed io invece sono pró , che poi nella fruttiera vi siano una o piú mele marce non influisce , come anche nell'altra fruttiera é la stessa cosa , ed allora diamine andiamo oltre , guardiamo il futuro........
svirgola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it