Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 27-03-2006, 14.21.17   #1
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Ci interessa cosa dicono all'estero di noi?

Vi mando due paragrafi di un articolo di un quodidiano inglese di grande tiratura che critica l'amicizia del loro primo ministro con in nostro.



Credo che il lavoro da fare per ritrovare un po' di stima vada ben oltre le elezioni.

Martin Jacques, Giovedi 16 marzo 1966

"The Guardian"


".......Berlusconi è il fenomeno politico più pericoloso in Europa. Rappresenta la minaccia più seria alla democrazia in Europa occidentale dal 1945. Si potrebbe obiettare che l’estrema destra rappresentata da figure sfacciatamente razziste e xenofobe come Jean-Marie Le Pen e Jörg Haider costituiscono un pericolo più serio. Queste figure, però, rimangono relativamente marginali sulla scena politica europea. Berlusconi no. Durante i due periodi in cui è stato primo ministro c’è stata un’erosione molto seria della qualità della democrazia italiana e del tono della vita pubblica.

La democrazia riposa sulla separazione dei poteri politico, economico, culturale e giudiziario. Il fatto che Berlusconi sia proprietario dei più importanti canali televisivi (ed abbia il controllo della rete statale, Rai, durante il suo mandato) insieme alla sua volontà di usare questo potere mediatico per le sue proprie palesi ambizioni politiche ha minato la democrazia. Inoltre, ha cambiato le leggi del paese a piacimento – usando la maggioranza in parlamento – per proteggere i suoi interessi personali e salvarsi dai tribunali......"

Monica 3 is offline  
Vecchio 27-03-2006, 15.41.46   #2
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Il Guardian è un giornale di sinistra. Ed è naturale che critichi Bush, Blair e Berlusconi.
Lord Kellian is offline  
Vecchio 27-03-2006, 16.24.30   #3
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Citazione:
Messaggio originale inviato da Lord Kellian
Il Guardian è un giornale di sinistra. Ed è naturale che critichi Bush, Blair e Berlusconi.

piccolo inciso: Blair non è conservatore.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 27-03-2006, 16.26.07   #4
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
piccolo inciso: Blair non è conservatore.

Sì, ma il Guardian è più a sinistra di lui...
Lord Kellian is offline  
Vecchio 27-03-2006, 16.44.18   #5
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
all'estero

A all'estero cosa ne pensano? Quando Berlusconi fu assolto con
prescrizione nel processo Sme, El Pais, Suddeutsche Zeitung, Taz,
Liberation, The Independent, New York Times, scrissero parole di fuoco
che certo non migliorarono l'immagine dell'Italia in Francia,
Spagna, Germania, America, Inghilterra.


Siamo certi che se i nostri giornalisti si comportassero allo stesso
modo nelle trasmissioni televisive, il capo del governo non ne
uscirebbe con le ossa rotte e non sarebbe costretto alle dimissioni e
non da oggi?


Ma il caso Mills pone anche un altro problema di grande rilevanza,
ignorato dal governo e da Tremonti, che, purtroppo, non trova spazio
nel programma di Prodi. Ed è il problema delle società off shore
collocate nei paradisi fiscali.


Tutte le vicende giudiziarie riguardanti enormi evasioni fiscali,
costituzione di fondi neri, crac finanziari, scalate a banche e
industrie, fatti di terrorismo, chiamano in causa società off-shore e
paradisi fiscali.


Inoltre è lì che la finanza pulita si incrocia e si mescola spesso
con la finanza sporca.


In un articolo sull'Espresso di Moises Naim (8 settembre 2005) si
legge: «L'attivo delle principali banche centrali del mondo è
cresciuto dai 6,8 trilioni di dollari del 1990 ai 19,9 trilioni di
dollari del 2004; il volume giornaliero di valuta cambiata è passato
dai 590 miliardi di dollari al giorno del 1989 agli 1,88 trilioni del
2004».


Per farla breve: «Il mondo è diventato il paradiso dei trafficanti di
denaro sporco e l'incubo dei governi che cercano di monitorare e
regolare tale riciclaggio».


L'Espresso scrive che «secondo il fondo monetario internazionale oggi
il riciclaggio di denaro sporco rappresenta tra il 2 e il 5 per cento
del Prodotto interno lordo mondiale, ovvero tra gli 800 miliardi e i
due trilioni di dollari».


Il rischio di una condanna per chi traffica in denaro sporco è di
circa il 5 per cento annuo. Secondo Nigel Morris Cottrill direttore del
World Money Laundering Report chi ricicla denaro sporco cerca una
struttura legale capace di fornirgli un rifugio e gli Stati Uniti sono
un vero e proprio paradiso fiscale. Il regno Unito non è da meno.


Cosa si può fare?


Una grande battaglia nell'Unione Europea mettendo il problema al
primo posto dell'agenda politica dei prossimi tre anni con
l'obiettivo di portarlo, con l'Europa compatta, in sede Onu.


L'Italia potrebbe dare l'esempio vietando alle società quotate e
alle banche di aprire sedi nei paradisi fiscali. Perché anche i fondi
neri, l'evasione fiscale e i proventi della corruzione costituiscono
denaro sporco.

Argomento in it.politica

Ultima modifica di klee : 27-03-2006 alle ore 16.45.48.
klee is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it