Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 28-03-2006, 10.17.38   #1
nin.kin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-06-2005
Messaggi: 115
Eccezionale scoperta archeologica in Iraq

Eccezionale scoperta archeologica in Iraq

Roma. Straordinaria scoperta avvenuta durante una ricognizione archeologica effettuata da un team diretto da Silvia Chiodi, ricercatrice del Cnr. Il 21 marzo scorso il sito che ospitava la biblioteca di Ur, la antica capitale del regno sumero, ha restituito oltre 500 tavole di argilla cruda e pece contenenti importanti iscrizioni. Le epigrafi – rinvenute durante una ricognizione al sito di Eridu, svolta al fine di approfondire alcuni aspetti ambientali e territoriali - riportano testi letterari, lessicali e storici risalenti dal 2.600 a.C. (periodo di Fara) fino 2.100 a.C. (III Dinastia di Ur), la cui esistenza era finora ignota agli studiosi, rappresentando dunque un patrimonio di inestimabile valore.

Il team del Consiglio nazionale delle ricerche era composto, oltre che dalla dottoressa Chiodi, responsabile scientifico e coordinatore del ‘Progetto Iraq: Museo virtuale di Baghdad’, da Giovanni Pettinato, ordinario di Assirologia presso l’Università “La Sapienza” di Roma, Mauro Mazzei, topografo del CNR, e da Carabinieri specializzati del MSU (Multinational Specialized Unit) nell'ambito della Tutela del Patrimonio Culturale, oltre che dal personale di scorta. La scoperta segue, a pochi giorni di distanza, il ritrovamento, nei pressi di Nassyria, di una pietra angolare del 2100 a.C. che commemora la costruzione del tempio di Nanna da parte del re di Ur.

“I ‘testi’ di argilla spiega la dr. Chiodi dall’Iraq “costituiscono un ritrovamento eccezionale non solo per la tipologia dei manufatti, ma anche per il luogo di ritrovamento noto per essere di epoca esclusivamente preistorica”. Le tavole sono state esaminate sul posto dal prof. Pettinato, tra i massimi esperti di questa civiltà. “La presenza di numerose tavolette in superficie” ha aggiunto l’assiriologo “fa ipotizzare che si siano conservati documenti appartenenti ad una vera e propria biblioteca, la qual cosa fa presumere l’esistenza di migliaia di testi”.

Della scoperta sono stati informati i Carabinieri del reggimento MSU (Multinational Specialized Unit), l’Ambasciatore italiano in Iraq, Gianludovico de Martino, le autorità irachene, il Ministro degli Affari Esteri, i vertici del Cnr e il Rettore dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". E’ stata, inoltre, inviata una comunicazione al President of State Board of Antiquities Irachene, il dr. Donny George, e al Consigliere del Ministro iracheno, dr. Bahaa Mayah, per un incontro urgente.

“In questo momento” conclude la Chiodi “è prioritaria la salvaguardia del sito e dei reperti lì conservati, nonché una loro catalogazione e conservazione. Dopo aver ottenuto le necessarie autorizzazioni, ritengo opportuno dedicare una finestra del Museo Virtuale, in via di realizzazione presso il Cnr, a questa straordinaria scoperta e al conseguente recupero”.

“Mentre cercavo una struttura muraria documentata da un servizio fotografico, il mio occhio è stato colpito da una piccola iscrizione su pece, per me una grande novità, e mi sono resa conta che non era l'unica. Con il prof. Pettinato abbiamo cominciato a perlustrare la zona circostante e con nostra meraviglia ci siamo accorti che c'erano anche tavolette di argilla sempre incise con la scrittura cuneiforme. Ad un primo esame fu evidente che le epigrafi non appartenevano ad un'unica tipologia, bensì di variegato contenuto: iscrizioni storiche, letterarie e lessicali. La cosa più sorprendente fu l'arco di tempo che le iscrizione abbracciavano: dal 2.700 a.C. (I Dinastia di Ur) al 2.100 a.C. (III Dinastia di Ur)”.

La presenza di numerose tavolette in superficie fa ipotizzare che in quella collinetta siano conservati documenti facenti parti di una vera e propria biblioteca, la qual cosa fa presumere un numero imprecisato di migliaia di testi. Se a tutto ciò si aggiunge che fino adesso il sito di Eridu risultava puramente preistorico, quindi privo di scrittura, questa scoperta apre un nuovo spiraglio per l'approfondimento dell'antica storia della Mesopotamia. A seguito del ritrovamento il capo missione ha immediatamente informato il Colonnello Comandante del MSU, le autorità irachene ed italiane al fine di tutelare il sito e porre in sicurezza le numerose tavolette lì rinvenute.
nin.kin is offline  
Vecchio 28-03-2006, 12.38.06   #2
Richard
Ospite
 
Data registrazione: 17-07-2005
Messaggi: 32
Insomma... hanno trovato un motivo "lecito" per poter rimanere i prossimi 10 anni a scavare tra le colline di Nassyria. Non discuto l'importanza ed il valore di queste scoperte, in quanto non sono niente in confronto all'acqua e all'energia elettrica che non è stata ancora ripristinata.

Scusa il sarcasmo, ma mi chiedo se queste tavolette siano sporche di sangue.
Richard is offline  
Vecchio 28-03-2006, 12.43.44   #3
nin.kin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-06-2005
Messaggi: 115
Citazione:
Messaggio originale inviato da Richard
Insomma... hanno trovato un motivo "lecito" per poter rimanere i prossimi 10 anni a scavare tra le colline di Nassyria. Non discuto l'importanza ed il valore di queste scoperte, in quanto non sono niente in confronto all'acqua e all'energia elettrica che non è stata ancora ripristinata.

Scusa il sarcasmo, ma mi chiedo se queste tavolette siano sporche di sangue.

Complimenti per la cultura! Scusa sai, ma una sciocchezza simile!
Sono decenni e decenni e anni che gli archeologi scavano in Iraq, in collaborazione cogli archeologi iracheni.
E quando "scoppiò" la guerra ci furono disperati appelli della comunità internazionale degli archeologi, americani compresi, perchè i tesori dell'Iraq fossero salvaguardati.
Con quale rispondenza da parte del Pentagono ... si è visto!

Ultima modifica di nin.kin : 28-03-2006 alle ore 12.45.05.
nin.kin is offline  
Vecchio 28-03-2006, 14.45.15   #4
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Io invece spero che questa scoperta faccia cessare i combattimenti, anche se dubito.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 28-03-2006, 22.16.23   #5
Richard
Ospite
 
Data registrazione: 17-07-2005
Messaggi: 32
Appunto la cultura, essendo sciocco ed ignorante mi chiedo chi ha svuotato i musei quando marciavano i "liberatori" con i loro carri armati nella terra da dove provengono tutti i nostri profeti?

La mia non cultura non trova riscontri di proporzione logica tra tavolette di altissimo valore archeologico per istituti, musei e privati con la richiesta di ricostruire ciò che è stato distrutto dalla mano occidentale.

Mi auguro che il tutto finisca presto, così da poter effettuare scavi senza scorta armata.
Richard is offline  
Vecchio 28-03-2006, 23.26.25   #6
nin.kin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-06-2005
Messaggi: 115
Citazione:
Messaggio originale inviato da Richard
[b]Appunto la cultura, essendo sciocco ed ignorante mi chiedo chi ha svuotato i musei quando marciavano i "liberatori" con i loro carri armati nella terra da dove provengono tutti i nostri profeti?

Chi li ha svuotati materialmente sono stati degli iracheni, chi glielo ha lasciato fare sono gli americani

Citazione:
La mia non cultura non trova riscontri di proporzione logica tra tavolette di altissimo valore archeologico per istituti, musei e privati con la richiesta di ricostruire ciò che è stato distrutto dalla mano occidentale.

Non è stato distrutto dalla mano occidentale, anche se gli americani hanno colpevolmente lasciato fare.
Comunque tra gli archeologi e Cheney e Rumsfield c'è una bella differenza!

Quello che gli archeologi stanno facendo è fatto su richiesta del governo iracheno
nin.kin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it