Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 24-05-2006, 00.19.14   #1
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Il paradosso del pollivendolo, dell'aviaria, del capitale e degli investimenti.

Come dicevo in un altro 3d ho sentito in TV, (non ricordo se a Report), che dietro il pandemonio dell’aviaria c’era soprattutto la società, Roche che ha prodotto il vaccino (o i farmaci per curare una pandemia che non c’è mai stata) e questo è abbastanza noto. Quello che è meno noto è che la stessa società farmaceutica, ha finanziato una “convention” di luminari, proprio per discutere di questo problema. Ora è ovvio che i luminari ospitati e “coccolati” dalla Roche si siano sentiti in dovere di dire quello che la Roche voleva che dicessero e la Roche voleva drammatizzare il problema per vendere i suoi farmaci.

In un altro 3d avevo invitavo a spedire il signor Roche a spaccare pietre nelle cave di marmo a vita ma è ovvio che, oggi non esiste più un signor Roche. In questo mondo iper tecnicizzato ci sono gli azionisti, gli investitori, tra i quali anche i piccoli risparmiatori che, attraverso le banche acquistano fondi di cui, l’unica cosa che interessa è che siano redditizi.
Magari, e qui stà il “bello” (in realtà brutto), della faccenda, tra quei fondi c’erano anche i capitali dei pollivendoli, che sono falliti, ( e non sono pochi), a causa dell’alzata di ingegno della Roche.

Questo creerebbe quindi un paradosso dove, io pollivendolo, volendo punire il signor Roche punisco in realtà me stesso, condannandomi ad un duplice castigo, il primo dato dal fallimento della mia azienda, il secondo mi auto-condanno, come responsabile di un atto iniquo, a spaccare pietre.

Le implicazioni di questa piccola riflessione, (un po’ male documentata), sono molte e complesse, varie ed eventuali…… ma credo che sia importante rifletterci e pensarci, perché con una simile mancanza di etica, in un futuro non troppo lontano qualsiasi cosa che faremo ci si ritorcerà contro.

VanLag is offline  
Vecchio 24-05-2006, 00.37.24   #2
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
Il farmaco di cui parli èil Tamiflu, che non è assolutamente un vaccino (non esiste il vaccino per l'influenza aviaria) ma un sintomatico dell'influenza da virus H5N1, detto virus dei polli.

Tutti o quasi i governi ne hanno fatto ampie scorte inutilmente, dato che il farmaco risulta inutile in molti casi e sono segnalate resistenze del virus al farmaco stesso, in pratica siccome il farmaco è in commercio da qualche anno, il virus ne sta prendendo le contromosse.

...ma ovviamente i vari ministri della sanità non leggono il Lancet o il New England Journal of Medicine....

...e la Roche gongola...

...e noi paghiamo...

Spaceboy is offline  
Vecchio 24-05-2006, 03.19.41   #3
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
e' tutto il sistema che oramai va avanti cosi..chi detta"leggi" non sono piu nemmeno i governi,bensi dietro le vere decisioni le prendono le multinazionali come la roche
..abbiamo creato un mostro come frankstein e questo ci sta distruggendo!
acquario69 is offline  
Vecchio 24-05-2006, 09.59.08   #4
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da Spaceboy
Il farmaco di cui parli èil Tamiflu, che non è assolutamente un vaccino (non esiste il vaccino per l'influenza aviaria) ma un sintomatico dell'influenza da virus H5N1, detto virus dei polli.
Thank you very grazie, per la precisazione tecnica....

VanLag is offline  
Vecchio 24-05-2006, 10.59.10   #5
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Un altro esempio vergognoso è "il Caso Ritalin"
E qui faccio copia incolla da www.laleva.cc/cura/ritalin/ritalin_italia.html

"... E veniamo ora alle scoperte fatte sulle relazioni illecite fra psichiatri, governi e case farmaceutiche. Negli Stati Uniti infatti sono attualmente in corso varie in cause legali che coinvolgono l'Associazione Americana degli Psichiatri (APA) e l'Associazione degli utenti CHADD, per collusione con la casa farmaceutica Novartis (ex Ciba-Geigy) che produce il Ritalin.

L'accusa per gli psichiatri è di avere preso soldi dalla multinazionale del farmaco per formulare criteri diagnostici sempre più elastici e inclusivi per favorire la vendita del Ritalin.
La "Children and Adults with Attention Deficit/Hyperactivity Disorder" (CHADD) ufficialmente appare come un'associazione di utenti, ma in realtà è un'emanazione dell'ortodossia psichiatrica organicista; supportata da "specialisti" fanatici del Ritalin sostiene che il disturbo dell'attenzione ha una causa biologica (Causa supposta e mai trovata ovviamente, come sempre del resto in psichiatria).

In realtà una causa biologica di certi comportamenti in alcuni casi è nota da tempo, ma la psichiatria non la prende in considerazione perché troppo scomoda.

Esistono disfunzioni neurologiche causate dai vaccini al mercurio, dall'assunzione per altra via di metalli pesanti, da contaminanti chimici e additivi vari presenti nei cibi, da una dieta squilibrata che porta alla carenza di alcune vitamine, disfunzione neurologiche connesse alle meningiti causate dai vaccini.

Se esiste un'alterazione reale del funzionamento neurologico ciò può dipendere quindi dai veleni che i nostri bambini sono costretti ad ingerire, e alcuni anomalie comportamentali si potrebbero risolvere con una corretta prevenzione. Ma si sa, alle case farmaceutiche la prevenzione ruba solo clienti, e parlare dei danni dei vaccini, dopo che ci hanno inculcato l'idea della loro potenza benefica, è peggio che bestemmiare in una chiesa impossibile, come asserisce il pediatra Mendelson.

Piuttosto che tutelare gli utenti, i rappresentanti dell'associazione CHADD tengono conferenze nelle scuole per pubblicizzare il Ritalin e distribuiscono un opuscolo sul disturbo dell'attenzione stampato a cura della Novartis.

Sono questi finti tutori degli utenti della psichiatria che hanno condotto una campagna per derubricare il Ritalin dalla tabella II alla tabella III degli USA, onde eliminare certe limitazioni alla vendita del farmaco ed allargarne il mercato.

Quello che fa paura è che tale campagna fu sottoscritta dall'Accademia Americana di Neurologia, dall'Accademia Americana di Pediatria, dall'Associazione Psicologica Americana, dall'Accademia Americana della Psichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza.
Tutti insieme appassionatamente, dagli psicologi agli psichiatri passando per i neurologi, perché una droga venga considerata un po' meno pericolosa e venduta con maggiore libertà.

Per fortuna prima che la DEA si pronunciasse su tale richiesta un documentario televisivo svelò che la CHADD aveva preso 900.000 dollari dalla Ciba-Geigy, ora Novartis. E tale squallida manovra tangentizia fu citata dalla DEA (Drug Enforcement Administration) nella sua risposta alla richiesta di derubricazione. A queste manovre sembra non sia estranea neanche la FDA."

Che dire, si mettono di mezzo anche i bambini , perchè vivaci!

Ciao
Patri15 is offline  
Vecchio 26-05-2006, 03.22.47   #6
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Guarda, cara amica

Citazione:
Messaggio originale inviato da Patri15
Un altro esempio vergognoso è "il Caso Ritalin"
E qui faccio copia incolla da www.laleva.cc/cura/ritalin/ritalin_italia.html

"... E veniamo ora alle scoperte fatte sulle relazioni illecite fra psichiatri, governi e case farmaceutiche. Negli Stati Uniti infatti sono attualmente in corso varie in cause legali che coinvolgono l'Associazione Americana degli Psichiatri (APA) e l'Associazione degli utenti CHADD, per collusione con la casa farmaceutica Novartis (ex Ciba-Geigy) che produce il Ritalin.

L'accusa per gli psichiatri è di avere preso soldi dalla multinazionale del farmaco per formulare criteri diagnostici sempre più elastici e inclusivi per favorire la vendita del Ritalin.
La "Children and Adults with Attention Deficit/Hyperactivity Disorder" (CHADD) ufficialmente appare come un'associazione di utenti, ma in realtà è un'emanazione dell'ortodossia psichiatrica organicista; supportata da "specialisti" fanatici del Ritalin sostiene che il disturbo dell'attenzione ha una causa biologica (Causa supposta e mai trovata ovviamente, come sempre del resto in psichiatria).

In realtà una causa biologica di certi comportamenti in alcuni casi è nota da tempo, ma la psichiatria non la prende in considerazione perché troppo scomoda.

Esistono disfunzioni neurologiche causate dai vaccini al mercurio, dall'assunzione per altra via di metalli pesanti, da contaminanti chimici e additivi vari presenti nei cibi, da una dieta squilibrata che porta alla carenza di alcune vitamine, disfunzione neurologiche connesse alle meningiti causate dai vaccini.

Se esiste un'alterazione reale del funzionamento neurologico ciò può dipendere quindi dai veleni che i nostri bambini sono costretti ad ingerire, e alcuni anomalie comportamentali si potrebbero risolvere con una corretta prevenzione. Ma si sa, alle case farmaceutiche la prevenzione ruba solo clienti, e parlare dei danni dei vaccini, dopo che ci hanno inculcato l'idea della loro potenza benefica, è peggio che bestemmiare in una chiesa impossibile, come asserisce il pediatra Mendelson.

Piuttosto che tutelare gli utenti, i rappresentanti dell'associazione CHADD tengono conferenze nelle scuole per pubblicizzare il Ritalin e distribuiscono un opuscolo sul disturbo dell'attenzione stampato a cura della Novartis.

Sono questi finti tutori degli utenti della psichiatria che hanno condotto una campagna per derubricare il Ritalin dalla tabella II alla tabella III degli USA, onde eliminare certe limitazioni alla vendita del farmaco ed allargarne il mercato.

Quello che fa paura è che tale campagna fu sottoscritta dall'Accademia Americana di Neurologia, dall'Accademia Americana di Pediatria, dall'Associazione Psicologica Americana, dall'Accademia Americana della Psichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza.
Tutti insieme appassionatamente, dagli psicologi agli psichiatri passando per i neurologi, perché una droga venga considerata un po' meno pericolosa e venduta con maggiore libertà.

Per fortuna prima che la DEA si pronunciasse su tale richiesta un documentario televisivo svelò che la CHADD aveva preso 900.000 dollari dalla Ciba-Geigy, ora Novartis. E tale squallida manovra tangentizia fu citata dalla DEA (Drug Enforcement Administration) nella sua risposta alla richiesta di derubricazione. A queste manovre sembra non sia estranea neanche la FDA."

Che dire, si mettono di mezzo anche i bambini , perchè vivaci!

Ciao

Girerò l'articolo all'azienda interessata ed alle associazioni citate, per l'eventuale rivalsa nei confronti degli estensori dell'articolo.
Grazie per il riferimento.

Ultima modifica di Weyl : 26-05-2006 alle ore 03.25.27.
Weyl is offline  
Vecchio 26-05-2006, 08.07.21   #7
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Re: Guarda, cara amica

Citazione:
Messaggio originale inviato da Weyl
Girerò l'articolo all'azienda interessata ed alle associazioni citate, per l'eventuale rivalsa nei confronti degli estensori dell'articolo.
Grazie per il riferimento.

Facci sapere come andrà, ok?

Ciao
Patri15 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it