Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 06-06-2006, 00.03.13   #1
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
Testamento biologico

Testamento biologico, cosa ne pensate?

Può essere una via d'uscita al dilemma eutanasia vs accanimento terapeutico?

Io sono favorevole, come la maggioranza dei colleghi e infermieri?
Penso sia la via migliore adottabile nel nostro paese, ancora troppo acerbo e cattolico per affrontare in modo pragmatico e laico, il tema eutanasia.

In questo forum mi piacerebbe sentire qualche parere dei non "addetti ai lavori"...


Ultima modifica di Spaceboy : 06-06-2006 alle ore 00.04.48.
Spaceboy is offline  
Vecchio 06-06-2006, 11.14.45   #2
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
che bell'argomentino leggero.....

Non c'è un comintato "biogenetico" nazionale che si esprime su questa cosa?

Penso che i quesiti centrali dell'eutanasia siano gli stessi del testamento biologico.
Alla fine un medico (addetto ai lavori)si trova sempre in conflitto fra dovere deontologico (qualcosa con cui ha a che fare a partire dal giuramento di Ippocrate) e la volontà del paziente, che magari è quella di lascirsi morire.

Forse il testamento biologico è effettivamente l'unica strada percorribile, perchè quella propria dell'eutanasia è ancora in salita e piena di pericolose buche. Però in fondo il dilemma non cambia: che cosa sia una vita dignitosa, che cosa non lo sia, e quando è giusto interromperla....sono domande che si pone anche chi impugna un regolare testamento.
Il fatto che ci siano delle volontà scritte e legalizzate non risolve completamente i dubbi che può avere un dottore mentre stacca la spina, o dei cari che stanno vicino al malato.

credo però che sia un diritto, e se fossi gravemente malata o soffrissi di dolori indicibili, vorrei poter avere la possibilità di scegliere come morire. Il fatto di avere un diritto, non risolve domande e non rende la cosa assolutamente cristallina e priva di conflitti; avere un diritto rende possibile la realizzazione del principio che l'ha ispirato.....dobbiamo accontentarci di questo.
odissea is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it