Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 04-07-2006, 13.46.43   #1
Kleine
Ospite
 
Data registrazione: 17-11-2005
Messaggi: 19
Tornare in Italia dopo lungo soggiorno all'estero...

Che ne pensate?

qualcuno l'ha fatto? E se si come vi siete trovati?
Kleine is offline  
Vecchio 08-07-2006, 19.03.23   #2
Richard
Ospite
 
Data registrazione: 17-07-2005
Messaggi: 32
Ci devo riflettere un po', abito a Colonia da piu`di 15 anni ed il periodo piu`lungo d'assenza dall'Italia fu`5 anni consecutivi. Ho fatto le scuole ed il servizio militare a Milano (da dove provengo).
Cosi`su due piedi devo dire che non mi manca niente, anzi quando sono in Italia mi manca la scelta. La scelta di notizie da seguire nei media, la scelta da amicizie anche se si dice che i tedeschi siano freddi (qua quando entri ad abitare in un nuovo appartamento sei obbligato ad organizzare un party ed invitare i vicini per presentarti), la scelta nel fare la spesa di alimentari. Proprio perche`la cucina italiana e`una delle migliori nel mondo...in Italia puoi mangiare solo italiano, qua trovi la varieta`.

Saranno i confini geografici, ma oltre le alpi la mentalita' e' piu' aperta, a partire dall'interesse per le lingue straniere.


..un'altra cosa mi manca...l'espresso sotto l'euro.
Richard is offline  
Vecchio 10-07-2006, 00.29.47   #3
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
È tutto molto chiaro.....da più di 25 anni vivo all'estero , l'Italia che lasciai era migliore , era tutto e di più di quello che è oggi. L'esempio di Milano credo sia sintomatico , la città sul piano sociale ha perso la sua milanesità , interi quartieri hanno regredito nell'aspetto ambientale , la multinazionalità è dirompente , sembra abbia perduto una guerra e il vincitore ne ha preso possesso , strutturalmente è logora , sbiadita , le facciate delle case non sono state rinfrescate , nei negozi volti cinesi , tutto l'insieme non è più Milano , Milano era diversa , più signorile , oggi è più povera , sciatta , l'occhio è deluso non vede il progresso , la miglioria , unica nota brillante dopo aver i criticato vecchi tram , davanti al Pirellone ho visto transitare un nuovissimo tram , bello , elegante , ma peccato che così non lo erano i suoi trasportati.....Milano , l'Italia è abusata , violata , violentata , gli italiani siamo sempre meno protagonisti nelle vie , nei mercati , nelle assistenze , è sufficente una famiglia africana o orientale e il deprezzamento dell'edificio è notevole , così si riflette su tutto il resto......stiamo perdendo di....valore. Ma non nel calcio.......dove siamo "campioni del mondo" e ciò ci fa dimenticare tutta la nostra tragedia.......
svirgola is offline  
Vecchio 10-07-2006, 09.09.04   #4
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Io, per il momento non sono ancora andato all'estero, se non per vacanze e vacanzestudio. Normalmente non torno sui miei passi, per cui, se mi capitasse, credo che tornerei solo per le vacanze o per motivi familiari (lutti et similia)
Mr. Bean is offline  
Vecchio 10-07-2006, 09.17.47   #5
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Dopo venti anni all'estero il desiderio di tornare è grande, anche se è vero che all'estero ho trovato cose nuove e, tutto sommato, buone. Naturalmente altre cose buone le ho lasciate lì.

Sto cercando un progetto che mi permetta sintesi nuove fra quello che ho lasciato e quello che ho trovato. Forse è più facile farlo da qui con frequentissimi viaggi a casa. Scrivendo, mi rendo conto di aver usato la parola "casa" per l'Italia.

Monica 3 is offline  
Vecchio 10-07-2006, 11.04.02   #6
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Talking deprezzamento

buon giorno!
è sufficente una famiglia africana o orientale e il deprezzamento dell'edificio è notevole , qui invece è una famiglia italiana che deprezza l'edificio........come la mettiamo? è l'abitante o il vicino che sbaglia? claudio

ps ho viaggiato parecchio, ogni volta che sono tornato ho apprezzato moltissimo Roma e i miei concittadini .....per 5 minuti eh!eh!

Ultima modifica di fallible : 10-07-2006 alle ore 11.06.59.
fallible is offline  
Vecchio 10-07-2006, 15.30.25   #7
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Anch'io di Milano, anch'io in Germania, da 3 anni.

E' bello ritornare a casa per ritrovare gli amici, e bersi un vero espresso. Per il resto purtroppo non potrei mai rinunciare all'aria di libertà e internazionalità che si respira qua in Germania.

Non è un luogo comune che al nord siano tutti più aperti, ed è proprio un luogo comune che i tedeschi siano freddi: le generazioni cambiano. La sensazione di quando si ritorna, è simile a quella di quando si ritorna al proprio villaggio di origine: senz'altro piacevole, ma piccolo, troppo piccolo.

Sarebbe noioso fare un elenco di ciò che reputo di gran lunga migliore.

Solo un esempio di queste ultime settimane: i mondiali. E' stata una festa incredibile. Una sola parola per descriverla: internazionale. C'erano realmente tifosi di tutte le nazionalità, bandiere per ogni squadra, festeggiamenti di ogni sorta lungo tutta la durata del mondiale, spirito di solidarietà e amicizia. Lo spirito di questo mondiale è stato ben altro da quello in Italia nel 90. E' stato tutto organizzato in funzione di un festeggiamento generale e per nulla solo a misura dei tedeschi, anzi...

Non voglio parlare di colpe e meriti, ma io lo preferisco, e secondo me anche molti italiani, se lo sapessero, lo preferirebbero.
odos is offline  
Vecchio 10-07-2006, 16.40.59   #8
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Citazione:
Messaggio originale inviato da odos
Anch'io di Milano, anch'io in Germania, da 3 anni.

E' bello ritornare a casa per ritrovare gli amici, e bersi un vero espresso. Per il resto purtroppo non potrei mai rinunciare all'aria di libertà e internazionalità che si respira qua in Germania.

Non è un luogo comune che al nord siano tutti più aperti, ed è proprio un luogo comune che i tedeschi siano freddi: le generazioni cambiano. La sensazione di quando si ritorna, è simile a quella di quando si ritorna al proprio villaggio di origine: senz'altro piacevole, ma piccolo, troppo piccolo.

Sarebbe noioso fare un elenco di ciò che reputo di gran lunga migliore.

Solo un esempio di queste ultime settimane: i mondiali. E' stata una festa incredibile. Una sola parola per descriverla: internazionale. C'erano realmente tifosi di tutte le nazionalità, bandiere per ogni squadra, festeggiamenti di ogni sorta lungo tutta la durata del mondiale, spirito di solidarietà e amicizia. Lo spirito di questo mondiale è stato ben altro da quello in Italia nel 90. E' stato tutto organizzato in funzione di un festeggiamento generale e per nulla solo a misura dei tedeschi, anzi...

Non voglio parlare di colpe e meriti, ma io lo preferisco, e secondo me anche molti italiani, se lo sapessero, lo preferirebbero.


Credo anch'io che ieri sera agli italiani sarebbe piaciuto vedere come le autorità lussemburghesi hanno dato spazio e protezione alla nostra festa (abbiamo letteralmente invaso il paese).

Ora sta a noi dimostrare lo stesso rispetto e la stessa tolleranza verso le altre nazionalità che abitano da noi.

Monica 3 is offline  
Vecchio 10-07-2006, 19.31.48   #9
cannella
Ospite abituale
 
L'avatar di cannella
 
Data registrazione: 21-09-2003
Messaggi: 611
Leggendovi ed avendo ascoltato testimonianze di chi si è trasferito in un altro Paese, mi sono convinta che la cosa più deprimente dell'Italia siano gli impedimenti a sviluppare un'idea.
Da una parte gli italiani sono famosi per la loro creatività, dall'altra questa viene frustrata in continuazione: mi vengono in mente quei bambini cui è impedito di giocare coi colori perchè sporcano.
Ecco qui l'innovazione a qualsiasi livello "sporca": meglio mantenere il salotto buono per i pochi che si ritrovano a parlare.
E non importa se da altre case del vicinato si vive diversamente, conviene tenersi la benda sugli occhi e lamentarsi perchè mancano i fondi, invece di capire.
E' terribile una burocrazia che genera solo carte invece che idee.
cannella is offline  
Vecchio 10-07-2006, 20.05.57   #10
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Solo una piccola parentesi sulla Germania in riferimento all'osservazione di Cannella:

L'italia ha molto di cui andare fiera, e pochi italiani sarebbero disposti a negarlo. Non è un caso che l'italia piaccia molto all'estero. Ci sono motivi validi per tenersi stretta la propria casa.

I tedeschi sono il popolo meno patriottico d'europa, a causa del loro trauma storico. Per chi non lo sapesse, ad esempio, il mostrare la bandiera tedesca o cantare l'inno con la mano sul cuore, è stato proprio uno dei fenomeni nuovi di questo mondiale per loro; prima e fino a pochi anni fa era pressochè inconcepibile o comunque oggetto di disapprovazione morale.

Questa internazionalità ed esterofilia nasce proprio da questa serie di fenomeni.

Dico questo solo perchè volevo evitare un discorso che attribuirebbe meriti ai tedeschi e colpe agli italiani.

Ciò non toglie che ci si possa rendere conto di ciò che avviene fuori dall'italia, e magari cominciare ad apprezzare quegli aspetti che noi non conosciamo, e che magari condivideremmo.

Ciao
odos is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it