Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Riflessioni > Esperienze di Vita
 Esperienze di Vita - Commenti sugli articoli della omonima rubrica presente su WWW.RIFLESSIONI.IT - Indice articoli rubrica
Vecchio 04-04-2005, 23.11.52   #1
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Da esperienze di vita: - Una vita come tante - di Chiara.
https://www.riflessioni.it/esperienze/vita.htm

Chiara, riporto la tua testimonianza per intero che non è molto lunga......... e poi ti scrivo il mio pensiero.

Ciao, è la prima volta che entro in questo sito e mi mette un po' di soggezione. Ho letto qualcosa ed era molto bello; io vorrei solo sapere se sono l'unica persona ad avere l'impressione, anzi, la sensazione viva sulla pelle, che questo mondo non va nel verso giusto. Conduco una vita che ho scelto, in linea di principio, ma che poi si è rivelata sbagliata perché i presupposti sono sbagliati. Da quando ho una vita da "adulta" ogni giorno mi rendo conto di quante cose credevo e non sono. Lo sbaglio può darsi che sia mio ma credevo veramente che tutti gli ideali dell'adolescenza fossero veri, che almeno le persone che amavo sarebbero riuscite a non perderli per la strada tra problemi, cattiveria, stanchezza. Non sono particolarmente buona o cattiva, sincera o disonesta, ma ogni giorno c'è un essere umano che riesce a sorprendermi... non voglio assuefarmi alle cattiverie. Quando avevo circa 15 anni guardavo gli occhi delle persone che incontravo ed erano tristi, inespressivi ed io sapevo che a me non sarebbe successo; E' un'altra generazione, pensavo. Beh quella generazione sono io adesso. E NON MI PIACE. Sono donna, mamma, compagna e niente. Non mi manca il benessere materiale, mi manca il calore umano, mi manca la natura, mi mancano gli animali, la pioggia la neve. Mi sento sola anche se so che basterebbe poco per dimenticare questa sensazione; ma quando ci ho provato la mia coscienza non era tanto d'accordo e, finché riesco, voglio vedere se c'è un'altra soluzione. Quanto tempo avrò prima di perdermi? Sto sbagliando ricerca? Sono solo scuse per non essere felice? Mi manca la bontà, un gesto d'amore, la solidarietà esiste anche dopo i vent'anni? Il rispetto non l'ho più da nessuno; va conquistato. So come lo avrei da chi mi sta vicino: assecondando, vivendo per avere compassione, pena e falsi elogi. E allora che mi odino pure. Che mi trattino male, che mi feriscano. Io sono così. Voglio imparare ad amare la vita, voglio tornare ad amare gli uomini e il nostro mondo. Ma non lo posso fare chiusa nel mio guscio.
Chiara


Se non si trova l’amore come noi lo vorremmo c’è un’alternativa per non farlo morire ed è amare come noi vorremmo essere amati. Cioè andare avanti a distribuire carezze laddove si ricevono schiaffi, non prevaricare laddove si è prevaricati, non approfittarsene mentre tutti lucrano sul nostro operato, essere innocenti seppur in mezzo alla malizia ed alla furbizia, dare dolcezza in cambio degli insulti. Insomma un poregere l’altra guancia, non per amore dell’altro, (come si fa ad amare uno che ci percuote?) ma per amore dell’amore.

(Ma forse perché si accenda questa fiaccola nei nostri cuori occorre che qualcuno accenda il fuoco, lo dico pensando al film “Cuore Sacro”, non so se l’hai visto, ma per me è emblematico dell’accendersi dell’amore e nel film ad accenderlo nel cuore della protagonista è stata una “monella di strada”. )

Non serve a nulla perché comunque la gente non cambierà ed anzi magari dirà: - ma guarda che tontolone/a questo/a qui - Qualcuno approfitterà di te, (ma non piu’ di quello che avrebbe fatto anche se tu fossi furba e dura). Qualcuno sorriderà, qualcuno ti compatirà, qualcuno stupirà, qualcuno proverà a farti reagire, qualcuno penserà che sei fuori dal mondo, ma tu avrai salvato un “bene”, un bene per te importante, cioè il tuo ideale di amore. Tramite te esso sopravvive e si impone, e tu avrai la certezza che quell’ideale esiste, esiste in te, esiste perché esisti tu e se ci sei tu ce ne sarò un altro come te, e poi un altro e un altro ancora……

Non devi diventare buona e santa….. (non mi piace chi diventa qualche cosa che non è), ma se hai in te quelle cose non le devi lasciare morire…… La natura ti circonda e puoi perderti in essa ogni volta che lo vuoi. Il bene esiste basta saperlo riconoscere dietro ai comportamenti di modo, dietro alle apparenze. Magari ha il viso ruvido ed i modi un po’ strani, ma è piu’ garanzia di bene quello che tutti gli altri “beni”, serviti con mille sorrisi, su vassoi d’argento che contengono solo “falsità ed ipocrisia”.

In bocca al lupo.

VanLag is offline  
Vecchio 22-04-2005, 12.22.28   #2
chiarissima
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2005
Messaggi: 1
Re_Chiara

Il tuo testo Chiara, mi ha colpito molto, mi sembra di vedere me qualche anno fa. Non credo di essere un esempio di vita, ma penso di trascorrere abbastanza del mio tempo a pensare a come vivere meglio, a come voglio che sia la mia vita. L'adolescenza, per me è stata dura ma mi ha temprato, mi ha aiutato a capire cosa volevo. Ora la mia vita trascorre secondo il mio disegno, secondo come, per il mio carattere è meglio. Ho incontrato poche persone fantastiche nel mio passato, davvero poche, ma loro mi hanno insegnato che è giusto tirar fuori quello che si ha dentro, altrimenti il mondo sarebbe così grigio! Ho imparato a non aver paura di dire quello che penso, a non aver paura a mostrare le mie debolezze, a non aver paura di ascoltare gli altri e di capire. Capire è la parola magica! Se uno è sincero con se' stesso non può non essere acettato dagli altri.
Tu dici che il mondo non va nel verso giusto, ma siamo noi che decidiamo da che parte gira, la nostra vita è ciò che noi vogliamo, decidiamo noi cosa fare della nostra vita, non gli altri!!
Tu non sei 'donna, mamma, compagna e niente', ma tu sei tutto quello che una donna può essere nella sua vita, tutto ciò che di meglio ci offre la nostra vita!
Assecondare non serve alla felicità, ma decidere insieme e discutere possono servire, confrontarsi.
Non viviamo in un eremo, è impossibile non avere rapporti con gli altri, ed è lì che dovresti cercare la tua felicità.
Io ogni cosa del mondo esistono dei lati positivi, esiste nell'ingorgo del traffico in città (un momento di riflessione e per ascoltare l'autoradio) nella solitudine della campagna (poter vestirsi come si vuole, poter osservare la natura)... In ogni cosa ci sono dei lati positivi e degli altri negativi, ma è su quelli positivi che dobbiamo puntare la nostra vita.
La vita comincia dopo i vent'anni, dopo il rodaggio dell'adolescenza, quando siamo coscienti di ciò che siamo.
Chiara, immagino che tu avrai qualche decina d'anni più di me, ma non sei finita, la tua vita può risollevarsi, non avere paura, abbiamo una vita solo, non ne sprechiamo niente. Dimentica il passato, inizia una nuova vita, la tua, apri gli occhi, non startene chiusa in casa, aiuta gli altri, fai volontariato, fatti un giro in bici, una corsa, impara a suonare uno strumento, insegna tante cose ai tuoi figli, coccolali... Dare amore significa sempre riceverne il doppio in cambio!!
Non avere paura!

p.s. io ho 22 anni

Ciao
Chiara
chiarissima is offline  
Vecchio 13-05-2006, 20.53.51   #3
elair85
frequentatore
 
L'avatar di elair85
 
Data registrazione: 30-04-2006
Messaggi: 144
ciao chiara,
da premettere ke ho 20 anni...ma ho passato gli ultimi 19 a pensare e a osservare...osservare il mondo, osservare quanto fa skifo e quanto il ns paese sia stupido...Per fortuna ho trovato l'amore, l'uomo della mia vita e almeno in questo sono fortunatissima..il mio "problema"sn le amicizie, persone plagiate, senza personalita, che si lasciano condizionare da una societa'che non e'sbagliata, e'proprio da abbattere e rifare da zero!!!!!!gente di 30 anni immatura che si stupisce se un loro amico carino,fidanzato,con 2000 tipe che gli corrono dietro non tradisce la tipa, gente che non ha piu valori ne'aspettative se non quelle di trovarsi un uomo con i soldi o una ragazza zerbino...ragazze che credono di essere emancipate ed evolute che pero'pretendono che il proprio ragazzo gli paghi da bere quando escono....e poi l'Italia, il paese piu pagliaccio che esista: prima associavano la parola ITALIA alla parola MAFIA, be'se io fossi uno straniero vedrei l'Italia come Calcio, Grande fratello, veline, vestiti firmati...e ci sputerei sopra con tutta l'anima!!!Quando andavo al liceo nn vedevo l'ora di andare a lavorare per trovare un ambiente piu adulto...ahahahah!!!povera illusa...adesso che lavoro e l'ambiente e'ancora peggio(stessa stupidita ma piu vekki), penso"magari quando avro 70 anni e mi ritrovero a giocare a carte cn gli amici vekkiardi cm me trovero'un ambiente adulto."ma sn sicura che quando ci arrivero'diro'"speriamo che nell'al di la'qualcuno che vale ci sia"..e so gia che una volta arrivata anke li'pensero'"speriamo di rinascere e che il mondo sia cambiato"ma...credo proprio che il mondo in molte cose peggiori sempre di piu'....Io sn contenta di aver trovato un ragazzo che vede le cose nel mio stesso modo, pero'e'grave aver trovato una sola persona su sei miliardi che sappia ragionare...Ci sentiamo quasi alieni, pero'in un mondo del genere siamo anke contenti di esserlo....
elair85 is offline  
Vecchio 26-06-2008, 17.48.46   #4
Frasesia
Ospite abituale
 
L'avatar di Frasesia
 
Data registrazione: 07-02-2006
Messaggi: 140
Riferimento: Da esperienze di vita: - Una vita come tante - di Chiara.

Perfetto VanLang...hai detto giusto e anche chiarissima nel parlare di volontariato che in fondo è la stessa cosa....cioè guardare all'umanità non divisa per età ma per amore da donare.....
Frasesia is offline  
Vecchio 27-06-2008, 14.01.29   #5
anael_la
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2003
Messaggi: 41
Smile Riferimento: Da esperienze di vita: - Una vita come tante - di Chiara.

Sono d'accordo che non bisogna essere buoni, bravi e condiscendenti forzandosi nel carattere, nell'animo, nel cuore, ma migliorarsi si, avvicinarsi agli altri, al mondo, ai colori, alla vita.
Ho imparato nel corso degli anni ad accettare i comportamenti di chi mi sta accanto o di chi ho incontrato per un breve o lungo periodo e mi sforzo di non giudicare. Nessuno.....e ne sono fermamente convinta...nasce cattivo, borioso, indisponente, arrogante, è la famiglia, le situazioni della vita, gli incontri occasionali o duraturi che poi formano o sformano la singola persona.
Sono stata cresciuta con tanto amore, tanto, che poi mi è rimasto dentro, anzi nel tempo mi è cresciuto addosso, facendomi sentire libera e serena anche nei momenti difficili o tristi che ho incontrato.
Cerco di godere delle piccole cose, una stretta di mano furtiva, che ci scambiamo spesso con mio marito, sia quando siamo in macchina o in giro per strada, per ricordarci che ci siamo l'uno per l'altra e che insieme possiamo affrontare tanto ancora.
Poi, il mondo guardiamolo non solo quando piove e nel cielo ci sono nuvole nere, ma anche all'alba e in un tramonto rosso fuoco, come spesso se ne vedono sullo splendido stretto di Messina.
Ogni uomo ha i suoi tormenti, le sue difficoltà, e se ad ognuno riuscissimo a dare un sorriso? Daremmo luce agli altri e cuore sereno a noi . Dare non significa perdere, porgere l'altra guancia non ci farà passare per stupidi, spero soltanto di lasciare di me, quel ricordo di donna arguta, ironica, dolce che mi ha lasciato mia madre, talmente bello che me la fa ricordare con gioia e non con dolore.
ma ciaooooo
anael_la is offline  
Vecchio 27-06-2008, 15.13.07   #6
Frasesia
Ospite abituale
 
L'avatar di Frasesia
 
Data registrazione: 07-02-2006
Messaggi: 140
Riferimento: Da esperienze di vita: - Una vita come tante - di Chiara.

e perchè non si dovrebbe sforzare il proprio carattere per essere buoni il più possibile?....Non c'è nulla nella vita che si realizza senza impegno o sforzo.....e non c'è nessuno Santo come Dio....ci dobbiamo sforzare e impegnare invece, perchè tante volte magari non abbiamo la voglia di volgerci agli altri, ma è giusto che lo si faccia sempre e comunque.....

Si dice bene.....lo Stretto di Messina è meraviglioso.....almeno lo sarà fino a quando non sarà deturpato dalla "ferraglia" per far assurgere qualcuno a vette più ambite e a riempire più pagine di storia a suo nome!!!!
Frasesia is offline  
Vecchio 01-07-2008, 03.35.13   #7
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Riferimento: Da esperienze di vita: - Una vita come tante - di Chiara.

Chiara, la tua amarezza di vita, che trapela e si sente benissimo da quello che hai scritto, è collegata alla vostra "sfortuna" (parlo dei ventenni) di esser nati dentro un periodo che sta a sua volta dentro la pancia dell'inarrestabile mostro delle nuoveformedicomunicazione. Personalmente, non sono mai riuscito a vedere questo mostro sennon come una chimera in forma di incubo invece che di sogno. Questa chimera composta di cellulari, dello stesso internet, del linguaggio fashion, dei cocktail's, questa chimera dicevo è arrivata anche nei paesini, e dopo aver sgranocchiato il buon vecchio babau, si è mangiata le biciclettate nel bosco dall'uscita di scuola fino a cena, i capannini tra i campi (chi sa + rubare con coscienza un pò di uva ai contadini?), il pallone (supertele) 20 contro 20, i bar pieni di gente (che a carte ci giocano per cultura e AMICIZIA, non per noia) e tutte le Estati che erano dentro le canzoni fino alla fine degli anni '80. Stasera forse c'era lo stesso vento di quei Luglio che riuscivo a percepire benissimo come VITA (chiamatelo pure tutt'uno con la NATURA), dico forse perché il pianeta non è ancora del tutto morente di emanazioni, eppure il mio sentore è stato solo un pallido eco di quello che mi rimbalzava dentro un tempo. Non è solo perdita dei 20 anni (io ne ho 34), per questo realisticamente ti posso dire di non preoccuparti, è proprio perdita dell'atmosfera umana, che interferisce sul sentire di ognuno. Probabilmente il solo modo che c'è oggi di RiAvvertire qualche "Good Vibration", anche se senza quegli ingredienti che ho elencato sopra, è davvero trovare dei ritagli di tempo personali lontani da certe pertubazioni, e fortuna sarebbe che tali luoghi naturali non siano già presi di mira da certi esseri. Perché Prima, gli unici esseri che potevano fare paura a dei bimbi di 11 anni che volevano andare ad avventurarsi in un bosco, erano i cinghiali...
Sté-detonator is offline  
Vecchio 09-07-2008, 21.09.10   #8
anael_la
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2003
Messaggi: 41
Smile Riferimento: Da esperienze di vita: - Una vita come tante - di Chiara.

Che lo stretto di Messina sia meraviglioso... te lo posso assicurare visto che me lo ritrovo, fortunatamente, davanti tutti i santi giorni, e non mi stanco mai di ammirare la costa siciliana e l'etna in particolare, non c'è giorno che sia uguale. Spettacolo bello e temibile quando piove e il cielo è nero, fantastico quando c'è il sole, limpido e luminoso all'alba, struggente al tramonto. Per quanto riguarda il ponte sono tra il si ed il no, potrebbe togliere fascino o aggiungerne. Ma non parlavamo di ponte o di stretto ma credo di una sorta di malessere di vita che si vive oggi, senza più tempo per pensare, per godere anche del caldo che ora i condizionatori hanno abolito e che un tempo si accettava tranquillamente solo perchè sapevamo che era estate e "caldo doveva fare", alla fine bastava una di quelle fontanelle che ornavano strade e piazze per alleviare il disagio.
C'è chi dice che ricordare il passato con nostalgia è indice di vecchiaia che avanza....ma se i ricordi sono belli, appagano, rinfrancano perchè soffocarli?
Troviamo un pò di tempo per noi, e saremo più felici con gli altri.


Quello che conta non è tanto l'idea ma la capacità di crederci fino in fondo.
anael_la is offline  
Vecchio 10-07-2008, 11.48.58   #9
tarachiara
Ospite
 
Data registrazione: 28-01-2008
Messaggi: 9
Riferimento: Da esperienze di vita: - Una vita come tante - di Chiara.

ciao Chiara, mi chiamo come te anchio
per caso ho letto il tuo post e.. leggo dietro alle tue parole qualcosa di molto piu' profondamente doloroso.
ognuno trova il suo modo per andare avanti, cercando di avere un occhio sempre oltre per non soccombere di fronte al tanto dolore che esiste ..
ma ricorda che l'universo e' sempre in equilibrio e se c'e' tanto dolore c'e' altrettanta gioia.. quello che noi percepiamo e' solo cio' che la nostra mente vuole percepire.. semplicemente, il nostro stato interiore (emotivo, mentale) e' l'unica chiave di lettura.. e' solo li' che la tua attenzione deve porsi.. al Sentirti..sempre di piu'!
fare o non fare non ha molta importanza, importante e' nn lasciare che parti di te doloranti, angosciate, piene di noia, o impotenti..col tempo comincino ad urlare e li' si, sono guai
essere donna non e' semplice..sentirsi pienamente donna e' difficile perche' siamo spugne d'amore e dolore..
come donna adulta , fiera di esserlo insieme alla bambina che sono, ti mando un grande abbraccio ricordandoti che non dobbiamo avere paura di distruggere ,come di creare.
Che i tuoi occhi trovino sempre un sorriso d'amore per la tua vita!
tarachiara is offline  
Vecchio 25-11-2008, 17.53.02   #10
TippetE
Ospite abituale
 
L'avatar di TippetE
 
Data registrazione: 11-07-2007
Messaggi: 47
Riferimento: Da esperienze di vita: - Una vita come tante - di Chiara.

Ciao Chiara !
Ti chiami come mia nipote che oggi ha 27 anni e, ricordarla quando è nata è facile....è come se il tempo non fosse mai passato, come se certe emozioni non fossero mai morte, come se qualcosa di me fosse rimasto attaccato a "quel" periodo.

Nonostante ciò il nostro modo di percepire, e la vita con esso, si trasforma con gli anni. Cambia il nostro corpo e la nosta mente e, cambiano molte cose in quella scatola che chiamiamo vita.

Inutile raccontarti la mia storia, manco da molto nel Forum a causa della mia incostanza, del mio girovagare sempre alla ricerca di qualcosa con i conseguenti sensi di colpa che provo quando sempre alla ricerca di qualcosa, spesso mi sfugge proprio quello che già ho il quale è solo frutto di conquiste attaraverso le lotte di anni di sacrifici e oceani di solitudine e dove il nemico da sconfiggere non era fuori di me ma era una parte di me.

Dice un testo: "....immaginate il dolore di una donna sola che sotto la pioggia, seduta sul marciapiede, soffre e si dispera per la morte del figlio ancora giovane. Le persone che passano in strada e la osservano provano imbarazzo e abbassano lo sguardo affrettando il passo di fronte al dolore della donna, qualcuno tenta di dire qualcosa ma in modo così impacciato che subito dopo lascia la poverina in compagnia della sua disperazione.
Ad un certo punto una persona si siede accanto a lei e sotto la pioggia tace e ascolta il pianto; in silenzio, senza commenti, senza dire nulla. Solo allora la donna alza gli occhi da terra, guarda l'uomo che a sua volta la fissa negli occhi e, vede in lui un uomo!..."

Non siamo soli, anche se la percezione di esserlo non ci lascerà mai forse e, ovunque in ogni angolo di vita qualcuno aspetta una carezza, un sorriso, un amore, una fortuna, qualcosa che possa riempire il vuoto da cui proveniamo e dove, chissà, siamo diretti.

Coraggio, alzati, cammina, cerca, trova....poi, quando avrai ripreso fiato, puoi continuare la ricerca che solo noi vivi possiamo permetterci.

In bocca al lupo.
TippetE is offline  

 

« Acting life | - »


Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it