Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 19-07-2007, 11.37.15   #1
Caesar
Combattente!
 
L'avatar di Caesar
 
Data registrazione: 12-05-2007
Messaggi: 83
L'uomo: dentro e fuori.

Leopardi diceva che la bellezza interiore, il bell'ingegno, non è valorizzato se adornato da un disadorno ammanto. Purtroppo nella nostra società ciò si va segnando sempre in maniera più forte, causa di una perdita di veri valori, che dovrebbero essere alla base di ogni uomo, con futili sedicenti ideali e valori quali la moda o la linea o la macchina da oltre 30.000€

In più c'è da dire che, come riteneva Pirandello e come fu analizzato dai realisti, dai naturalisti ecc. che la persona ha degli atteggiamenti diversi in dfiverse situazioni; si può essere pudici e rispettosi all'interno della famiglia e fuori con le persone essere completamente l'opposto. La gente può farsi un 'immagine di noi che varia di persona in persona e poi in verità l'immagine che ci siamo fatti noi di noi stessi e difersa e può ferirci... si ricadrebbe sul problema di chi siamo; ma anche su riflessioni quali i mali della società e i suoi aspetti positivi; ma anche su molto altro, voi che ne dite?
Caesar is offline  
Vecchio 20-07-2007, 12.34.55   #2
trismegistus
Ospite abituale
 
L'avatar di trismegistus
 
Data registrazione: 21-05-2007
Messaggi: 268
Riferimento: L'uomo: dentro e fuori.

Qualcuno disse una volta che gli ideali sono morti, Io penso siano solo assopiti e che aspettano di risorgere come un'araba fenice risorge dalle sue ceneri.
I grandi ideali sono caduti nel momento in cui il pensiero si è uniformato (secondo dopoguerra) e in un'atmosfera di finto bene ha iniziato il processo di plagio dell'uomo moderno.
Attraverso consumismo, società alienanti, ideale e idolatria del dio-denaro, del lavoro-guadagno, del ben presentarsi ma razzolare male, dell'uguaglianza di uso-costume, globalità, identità globali, ecc.
Concetti che hanno alienato l'uomo moderno, l'hanno reso schiavo di cliché, luoghi comuni, pregiudizi e d idiozie-idiomi angloamericani.
Con la perdita della singole identità, quelle nazionali e quelle continentali siamo diventati una brodaglia informe, mal frullata e indigesta; che rimpiange passato e futuro e non guarda adeguatamente in faccia la realtà.
Ora con tutto questo, il soggetto uomo è mutato ha perso la propria identità, egli non è più uno ma è nessuno agli occhi del mondo ed centomila persone agli occhi degli altri uomini.
Un uomo privo di identità ed ideali che si configura nell'alienata società globale di megalopoli ingoi-gente, belle per la loro cosmopòlia si antropica che culturale ma deleteria per il singolo che non ha più ruolo ed identità.
Non sa più a cosa credere, ha perso ideali, partiti, coscienza, cultura; tutto per amalgamarsi nelle figura di uomo comune, uomo medio che nella sua mediocrità avanza come uno zombie nelle strade dell'attuale società.

Ultima modifica di trismegistus : 20-07-2007 alle ore 14.58.57.
trismegistus is offline  
Vecchio 20-07-2007, 13.28.26   #3
MIMMO
Ospite abituale
 
L'avatar di MIMMO
 
Data registrazione: 21-11-2006
Messaggi: 349
Riferimento: L'uomo: dentro e fuori.

Citazione:
Originalmente inviato da Caesar
Leopardi diceva che la bellezza interiore, il bell'ingegno, non è valorizzato se adornato da un disadorno ammanto. Purtroppo nella nostra società ciò si va segnando sempre in maniera più forte, causa di una perdita di veri valori, che dovrebbero essere alla base di ogni uomo, con futili sedicenti ideali e valori quali la moda o la linea o la macchina da oltre 30.000€

In più c'è da dire che, come riteneva Pirandello e come fu analizzato dai realisti, dai naturalisti ecc. che la persona ha degli atteggiamenti diversi in dfiverse situazioni; si può essere pudici e rispettosi all'interno della famiglia e fuori con le persone essere completamente l'opposto. La gente può farsi un 'immagine di noi che varia di persona in persona e poi in verità l'immagine che ci siamo fatti noi di noi stessi e difersa e può ferirci... si ricadrebbe sul problema di chi siamo; ma anche su riflessioni quali i mali della società e i suoi aspetti positivi; ma anche su molto altro, voi che ne dite?


noi siamo la società, noi siamo i suoi mali.....
MIMMO is offline  
Vecchio 20-07-2007, 14.59.42   #4
trismegistus
Ospite abituale
 
L'avatar di trismegistus
 
Data registrazione: 21-05-2007
Messaggi: 268
Riferimento: L'uomo: dentro e fuori.

Citazione:
Originalmente inviato da MIMMO
noi siamo la società, noi siamo i suoi mali.....

Lei è il nostro male, noi ne siamo succubi e vittime, noi siamo il suo cibo e lei ci inghiotte avidamente...
trismegistus is offline  
Vecchio 20-07-2007, 17.02.36   #5
MIMMO
Ospite abituale
 
L'avatar di MIMMO
 
Data registrazione: 21-11-2006
Messaggi: 349
Riferimento: L'uomo: dentro e fuori.

Citazione:
Originalmente inviato da trismegistus
Lei è il nostro male, noi ne siamo succubi e vittime, noi siamo il suo cibo e lei ci inghiotte avidamente...

è una scusa,.....descrivimi da cosa è formata....questa astrazione?
MIMMO is offline  
Vecchio 20-07-2007, 19.56.07   #6
trismegistus
Ospite abituale
 
L'avatar di trismegistus
 
Data registrazione: 21-05-2007
Messaggi: 268
Riferimento: L'uomo: dentro e fuori.

Citazione:
Originalmente inviato da MIMMO
è una scusa,.....descrivimi da cosa è formata....questa astrazione?

Dall'attuale stato di salute della società, che come pregio ha reso le città cosmopolite e ha portato l'accrescimento del materiale culturale presente in esse con un maggiore scambio di gente e conoscenze, dall'altro lato essa aliena, elimina l'individualità e l'essere dei singoli, essere inteso nei confronti della loro singolarità; l'attuale società disgrega l'unità del singolo, inghiottendolo nella massa, rendendolo uno dei molti che cammina nei vicoli e nei viali, nella massa non è più nessuna ma è una parte del tutto.
Questo riduzionismo dell'essere del singolo rappresenta la sua stessa alienazione e morte nella società.
trismegistus is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it