Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 24-07-2007, 14.38.40   #1
psychopapero
Ospite
 
Data registrazione: 24-07-2007
Messaggi: 4
solipsismo

Salve, mi sono appena iscritto al forum di questo sito, scoperto effettuando una semplice ricerca su google. A tal proposito,
gradirei che qualcuno mi chiarisse le idee sul solipsismo, di cui riflessioni.it dà questa definizione:

"Solipsismo, dal latino solus ("solo") ipse ("stesso"); ovvero, "solo se stesso". L'atteggiamento per cui un singolo individuo accetta la sua sola esistenza e non quella degli altri enti, siano essi uomini o cose.
Il mondo esterno al soggetto che considera il solipsismo diventa così un mondo di sole idee e fenomeni creati dalla propria ed unica coscienza."

Il solipsista, quindi, crea secondo la propria coscienza la realtà che lo circonda. Ma, in quanto essere umano dotato di coscienza, dovrà riconoscere sempre e comunque l'esistenza delle coscienze di altri 6 miliardi di individui, che, peraltro, creeranno altri mondi in modo tendenzialmente sempre diverso. Da qui due osservazioni:

1. Non si può accettare la sola propria esistenza sapendo che esistono altri individui dotati di coscienza come sè.
2. La realtà che ci creiamo risulta "falsa", in quanto diversa dagli altri sei miliardi di realtà esistenti.

E' questa una contraddizione o l'essenza del solipsismo?

Ultima modifica di psychopapero : 24-07-2007 alle ore 18.24.00.
psychopapero is offline  
Vecchio 24-07-2007, 17.38.28   #2
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Riferimento: solipsismo

Ciao psychopapero, e benvenuto nel forum

Il solipsismo crede che nulla esista veramente, se non la propria attività mentale. Quindi anche l'esistenza delle altre menti è negata.


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 24-07-2007, 18.28.27   #3
psychopapero
Ospite
 
Data registrazione: 24-07-2007
Messaggi: 4
Riferimento: solipsismo

Grazie per il benvenuto!
Sinceramente la cosa non mi convince molto. L'attività mentale è presente in me come negli altri esseri umani (tralasciamo gli animali), quindi, per come la vedo io, tutti gli enti materiali possono scaturire dalla mia coscienza, ma non le altre coscienze umane. La realtà fisica me la "modello" io a mio piacimento, la coscienza umana degli altri no.
psychopapero is offline  
Vecchio 24-07-2007, 19.28.58   #4
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Riferimento: solipsismo

Citazione:
Originalmente inviato da psychopapero
Grazie per il benvenuto!
Sinceramente la cosa non mi convince molto. L'attività mentale è presente in me come negli altri esseri umani (tralasciamo gli animali), quindi, per come la vedo io, tutti gli enti materiali possono scaturire dalla mia coscienza, ma non le altre coscienze umane. La realtà fisica me la "modello" io a mio piacimento, la coscienza umana degli altri no.

Se vuoi sapere cosa sostiene il solipsismo, sappi che tutto, fuorché la propria esistenza mentale, è inesistente per il solipsista.

Per quanto mi riguardo, né l'esistenza delle altre menti né l'esistenza (per esempio) dei pianeti dipende dalla mai coscienza.
epicurus is offline  
Vecchio 24-07-2007, 21.43.53   #5
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: solipsismo

Citazione:
Originalmente inviato da psychopapero
Il solipsista, quindi, crea secondo la propria coscienza la realtà che lo circonda. Ma, in quanto essere umano dotato di coscienza, dovrà riconoscere sempre e comunque l'esistenza delle coscienze di altri 6 miliardi di individui, che, peraltro, creeranno altri mondi in modo tendenzialmente sempre diverso.
Una volta nel sito c’era uno scritto dell'antropologo e psichiatra Gregory Bateson..... che diceva:

- “Noi creiamo il mondo che percepiamo, non perché non esiste realtà fuori dalla nostra mente, ma perché scegliamo e modifichiamo la realtà che vediamo in modo che si adegui alle nostre convinzioni sul mondo in cui viviamo. Si tratta di una funzione necessaria al nostro adattamento e alla nostra sopravvivenza” -

Potrei contestare a Bateson l’affermazione che “Si tratta di una funzione necessaria al nostro adattamento e alla nostra sopravvivenza” perché non la condivido, ma sarebbe fuori 3d.
Comunque pare che sia proprio così il modo nel quale funzioniamo. Modelliamo ed inventiamo la realtà del mondo compreso i 6 miliardi di esseri umani che lo abitano.

Sulle osservazioni direi che la 1

Citazione:
Originalmente inviato da psychopapero
1. Non si può accettare la sola propria esistenza sapendo che esistono altri individui dotati di coscienza come sè.

È vera per quelli che sanno che esistono altri individui dotati di coscienza come sè ...... e non sono molti.

Sull’osservazione 2

Citazione:
Originalmente inviato da psychopapero
2. La realtà che ci creiamo risulta "falsa", in quanto diversa dagli altri sei miliardi di realtà esistenti.

Direi che la realtà che ci creiamo risulta falsa non perché è diversa dagli altri 6 miliardi di realtà, ma perché è diversa dall’unica realtà che fa da base comune alla nostra esistenza, parlo ovviamente del mondo fisico e di tutto quello che in esso è contenuto, che risplende, nonostante la nostra opera di deformazione.

VanLag is offline  
Vecchio 25-07-2007, 12.58.58   #6
psychopapero
Ospite
 
Data registrazione: 24-07-2007
Messaggi: 4
Riferimento: solipsismo

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Sulle osservazioni direi che la 1

È vera per quelli che sanno che esistono altri individui dotati di coscienza come sè ...... e non sono molti.
Non ho bene inteso il senso di questa frase. Non sono molti?

Citazione:
Sull’osservazione 2

Direi che la realtà che ci creiamo risulta falsa non perché è diversa dagli altri 6 miliardi di realtà, ma perché è diversa dall’unica realtà che fa da base comune alla nostra esistenza, parlo ovviamente del mondo fisico e di tutto quello che in esso è contenuto, che risplende, nonostante la nostra opera di deformazione.
Sì, ovvio. Sei miliardi di realtà diverse tra loro che non permettono di riconoscere una realtà unica da tutti condivisa.


Grazie anche a te per l'intervento
psychopapero is offline  
Vecchio 25-07-2007, 20.14.37   #7
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: solipsismo

Citazione:
Originalmente inviato da psychopapero
Non ho bene inteso il senso di questa frase.

Sulle osservazioni

1. Non si può accettare la sola propria esistenza sapendo che esistono altri individui dotati di coscienza come sè.


direi che la 1 è vera per quelli che sanno che esistono altri individui dotati di coscienza come sè ...... e non sono molti.

Un po’ laconicamente stavo asserendo che sembrano ben poche le persone che si sono accorte che non sono solo loro dotate di coscienza, ma che anche gli altri possiedono la loro stessa coscienza.

VanLag is offline  
Vecchio 26-07-2007, 23.00.49   #8
Bige
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 114
Lightbulb Riferimento: solipsismo

Citazione:
Originalmente inviato da psychopapero
1. Non si può accettare la sola propria esistenza sapendo che esistono altri individui dotati di coscienza come sè.
2. La realtà che ci creiamo risulta "falsa", in quanto diversa dagli altri sei miliardi di realtà esistenti.

E' questa una contraddizione o l'essenza del solipsismo?
Per il solipsista, come tutto il resto del mondo a lui esterno, anche le coscienze delle altre persone sono una sua creazione; perciò non sono "autonome" ed in contrasto con lui.

Ne consegue che:
1- Si può accettare la sola propria esistenza sapendo che le coscienze altrui sono pur sempre una propria creazione.
2- La realtà che ci creiamo risulta "vera", in quanto quella degli altri sei miliardi di persone è pur sempre una propria creazione.

Bige is offline  
Vecchio 27-07-2007, 10.39.52   #9
psychopapero
Ospite
 
Data registrazione: 24-07-2007
Messaggi: 4
Riferimento: solipsismo

Questo modo di pensare mi appare veramente inapplicabile, quasi inconcepibile. Come si può rifiutare l'autonomia delle altre coscienze?
Comunque sia, grazie a tutti per le delucidazioni.
psychopapero is offline  
Vecchio 28-07-2007, 10.55.28   #10
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: solipsismo

Solipsismo

Forse perché siamo d’estate e i colpi di sole sono possibili, ma mi sembra di poter risolvere il problema del solipsismo con un confronto fra uomini e donne. Un paradosso? O un apologo buono per una religione avvenire?
Comincio dal principio. Che cosa viene prima: la coscienza di sé o quella degli altri? Credo che chiunque riesca a sprofondare nei suoi primordi si renda conto che non ricorda nulla, e forse era solo sangue e respiro in attesa di ciò che potrà divenire….Ma presto, si dice, siamo in rapporto con gli altri e con essi maturiamo voce e pensiero, seppure la psicanalisi - che nonostante qualche protesta ha studiato di preferenza il bambino maschio - potrà dimostrare ch’egli non esce dal proprio ego e dal piacere che gli è connesso tanto che, nonostante genitori e maestri, il solipsismo rimarrà una sua caratteristica per tutta la vita, fino a non riconoscere più se chi si ha di fronte è un individuo reale, si imbracceranno le armi e ci si darà al terrorismo oppure, per chi è vittima del super-ego ed è destinato alla filosofia, riconoscendo che la sua coscienza (maschile) costituisce l’essenza dell’io e non si può uscirne - poiché qualunque tentativo troverebbe la porta sbarrata – si farà un vanto di saper ragionare… Perché qui parliamo di noi filosofi: e ricordate l’osservazione di quella frequentatrice di forum che lamentava:. “perché i filosofi sono tutti maschi?” E se una sensazione di assurdità può coglierci pensando di essere davvero soli, se proviamo per un momento l’orrore di essere sospesi sopra un abisso con l’incubo che nessuno possa sentire il nostro appello e venirci in aiuto - nemmeno Dio, che potrebbe aver creato il solipsismo come dannazione infernale senza pensare che l’uomo se ne potesse fare una gloria – , se neppure allora rinunciamo ad abbarbicarci al nostro solitario pensiero….ebbene, il maschio è così: conoscete una donna che veramente creda di essere sola? E non solo una donna buona, perché è proprio la donna cattiva quella che riserba un odio insanabile verso qualcuno che si trova nel mondo. Forse è proprio questa la ragione per cui la filosofia è cosa da uomini e le donne non sanno o non osano essere sole, nel bene e nel male non conoscono il solipsismo.
E allora la soluzione, per un filosofo maschio, potrebbe essere proprio quella di farsi in qualche modo donna, di fare quello che la donna sa fare mostrando, in un modo addirittura animale, che qualcuno, e non solo un’idea, è nato da lei….Ma questa forse non è più che una sciocca metafora, e il filosofo potrebbe pretendere convincimenti più alti di un esempio corporeo e in fondo banale: no, per uscire davvero dal solipsismo – questa antropica malattia – non c’è che dare addio al proprio pensiero e salire oltre di esso: a quel mondo etico di cui l’eroe non è uomo ma donna – forse quell’Antigone tragica, per cui non vale né potere né genio, ma una pietà che comanda di fare o non fare, in cui l’abilità della donna è superiore a quella di tecnici e costruttori di imperi. Un’abilità sulla quale – chi sa quando e come – potrà forse essere fondata una religione – meno maschilista - nell’avvenire.
(Ho inserito questo post sotto il tema del solipsismo, ma potrebbe essere adatto, con i dovuti ritocchi, a quello intitolato: “perché l’uomo è cattivo?” o addirittura a quello, che a Aegritudo non sfugge, della tragedia greca).
emmeci is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it