Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 01-05-2003, 20.45.23   #1
Kninos
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2003
Messaggi: 117
Volontà - facoltà propria dell'uomo?

Volontà: facoltà propria dell'uomo di tendere con decisionie alla realizzazione di fini determinati

- questa capacità che l'uomo crede di avere, potrebbe essere una sua invenzione oppure potrebbe essere qualche cosa che è stato già fissato (da chi però?).

- se questa cosa, che noi chiamiamo volontà, esiste anche al di fuori dello spazio-tempo (=materia-movimento) in cui noi viviamo, cioè la possiede anche l'essere che è al di sopra di noi, è una variabile indipendente, ne deriva la seguente considerazione:

- questo essere perfetto non può possedere una "volontà", perché ha un solo modo di essere: quello che gli deriva dalla sua perfezione immutabile, che non può essere variabile.

- l'espressione "volontà di Dio" può ancora avere un significato?
Kninos is offline  
Vecchio 10-05-2003, 19.27.30   #2
Kninos
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2003
Messaggi: 117
kninos

Ma proprio il concetto di "volontà" non desta alcun interesse?

Io attendo sinceramente le vostre osservazioni, qualsiasi esse siano.
Kninos is offline  
Vecchio 10-05-2003, 20.33.23   #3
david
Ospite abituale
 
L'avatar di david
 
Data registrazione: 09-10-2002
Messaggi: 143
ti rispondo io dicendoti che:
la Volontà può essere intesa in due modi opposti e tra loro incompatibili. Libertà di esprimere in facto il proprio pensiero o istinto (della cui ineluttabilità l'uomo non se accorge).
La mia opinione è che la Volontà sia, e non è un controsenso, entrambe le cose: l'uomo spesso agisce istintivamente (e da qui si comprende quanto poco libero in realtà sia nella maggior parte dei casi) ma a volte e sempre di più con l'aumentare del grado di coscienza possa diventare un atto libero, quando diviene reale rappresentazione del Pensiero.
Logicamente la Libertà del Pensiero e della Volontà sono incompatibili col determinismo e con il materialismo, che non ammettono alcuno spazio possibile per tale concetto.

Palla al centro e ciao
david is offline  
Vecchio 13-05-2003, 15.12.06   #4
Antonio Franco
Ospite abituale
 
L'avatar di Antonio Franco
 
Data registrazione: 23-04-2003
Messaggi: 150
Angry non so se si è capito che sono determinista

domanda fuori luogo: da chi? se cercate di dimostrare l'esistenza di Dio come i Testimoni di Geova che cercano di dimostrarla scrivendo su brillanti opuscoli che non esiste un orologio senza un orologiaio, non andiamo d'accordo.

Dio non ha volontà, fino a che non rinuncia:

a) alla perfezione.

b) all'onniscenza

Con l'aumentare del grado di coscienza, l'azione dell'uomo non diventa un atto libero, bensí un atto (predeterminato sempre, non ci torno piú) con una piú vasta gamma di soluzioni possibili agli occhi di chi ignora il futuro (e cioè tutti). Credo si possa dire che diventi una questioni di lungimiranza.

Ho fatto il mio.
Antonio Franco is offline  
Vecchio 13-05-2003, 16.08.34   #5
Luken3
Ospite
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 7
Arrow Per tutti.

Il problema sta nelle variabili:

- Secondo quale criterio questa é "una capacitá che l'uomo crede di avere"?
Mi spiego meglio: il volere fare una cosa non é strettamente colleggato alla sua realizione. Vorrei volare, ma non ho le ali;sono cosciente della mia incapacitá di volare. Ciononostante lo vorrei lo stesso.

- Ora, ammesso e non concesso che esista un essere superiore: se ci ha creato, lo ha fatto perché VOLEVA farlo. Altrimenti, se lo ha fatto "controvoglia", sarebbe subordinato a colui il quale gli ha "commissionato" la nostra creazione. Questo renderebbe a sua volta il secondo essere in questione, "L'ESSERE SUPERIORE" -che sarebbe quindi dotato di una volontá.

- L'onniscenza, a mio avviso, proprio per la vasta gamma di soluzioni di fronte alle quali ci mette comporta un piú alto grado di volontá. Avere centinaia di soluzioni comporta comunque una scelta dettata da un ben preciso fine: di conseguenza dalla volontá di vedere ralizzato il fine in questione.

Spero di essere stato chiaro
Luken3 ;-)>

P.S.
Se poi mi spiegate perché é logica l'incompatibilitá tra Volontá e determinismo mi fate un piacere.
Luken3 is offline  
Vecchio 13-05-2003, 16.17.20   #6
Antonio Franco
Ospite abituale
 
L'avatar di Antonio Franco
 
Data registrazione: 23-04-2003
Messaggi: 150
Angry Luken3: lo insulto perché lo conosco

Uagliò, se c'è un'entità onniscente, di tutte le soluzioni sa per certo qual'è quella migliore, quindi non ha alternative.

Il Determinismo non esclude la volontà: semplicemente la relega al regno dell'ignoranza (relativa)

Non sei stato chiaro, ma stanotte è stato bello lo stesso.
Antonio Franco is offline  
Vecchio 13-05-2003, 16.19.56   #7
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Questa me la godo... Napoli vs Napoli...
Ci voleva, ci voleva.... una passione!

Non mollate, mi raccomando.


Ciao e benvenuto al nuovo
visechi is offline  
Vecchio 13-05-2003, 16.34.49   #8
Luken3
Ospite
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 7
Cool Fa lo sprucido, ma in fondo é un tenerone!!!

Dottissimo Herr Fränko,
hai ragione: l'onniscente sa per certo qual'é la soluzione migliore.
Ma adesso io ti chiedo: migliore rispetto a cosa? Rispetto ad un fine correlato alla volontá di realizzarlo.
E dai, fai il bravo!
Ancora:
Perché il determinismo relega la volontá al regno dell' ignoranza?
Es. Pensi che, poiché le persone abbiano un fine concentrino su diesso la propria volontá affinché riescano a realizzarlo, adoperandosi quindi in pratiche limitate a quel solo, unico fine?
Herr ma forse cosí é l'uomo o chiunque altro che si relega nell'ignoranza (relativa)

Sará, ma io stanotte ho dormito come un angioletto...
1) Non sei stato un granché bravo;
2) Cazzo: allora é un complotto....ARGH!!!
A dopo Luken3 ;-)>

P.S.
Ciao visechi!
Luken3 is offline  
Vecchio 13-05-2003, 20.26.11   #9
david
Ospite abituale
 
L'avatar di david
 
Data registrazione: 09-10-2002
Messaggi: 143
ops...

il determinismo, oggetto del desiserio di Antonio Franco, annulla il concetto di Volontà (credo di volere perchè sono ignorante, in realtà il mio prossimo pensiero è già fin d'ora predeterminato)
di Pensiero ( vedi Volontà),
di Libertà ( pura illusione, tutto ciò che faccio è determinato da una causa materiale precedente, credo di scegliere ma non è così, neanche tra solo 2 possibilità).
di Amore ( il vero Amore è puro atto libero ma il determinismo non lo ammette).
e, tanto per finire...
annulla il Tempo ( noi crediamo di essere immersi nel Tempo ma in realtà il Futuro è già determinato fino all'ultimo istante e non solo da ora ma dall'inizio dei tempi e quindi il Tempo non avrebbe uno svolgimento: sarebbe in realtà già compiuto solo che noi lo ignoriamo...).
Ultima considerazione: il determinismo annulla anche, come risulta facile capire, l'individuo: io e tutti voi crediamo di vivere, in realtà siamo già morti prima ancora di nascere...

No, Antonio Franco, non ci siamo. Ti ritengo un interlocutore reale e non uno scherzo della nostra irreale esistenza. Non cercare di convincerci tutti di non esistere...
A proposito: perchè insistere se tanto il fatto di far capire agli altri che tutto è predeterminato e di riuscirci è già determinato o meno e non dipende da te???


david is offline  
Vecchio 14-05-2003, 01.32.21   #10
Kninos
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2003
Messaggi: 117
volontà

Se accettiamo la definizione di volontà, che è scritta all'inizio del mio primo messaggio, cioè che essa è una facoltà propria dell'uomo, allora automaticamente questa facoltà non possiamo attribuirla anche a dio.
Per l'uomo abbiamo tre fasi: pensiero > volontà > azione.

Cioè, l'uomo ha delle idee, vuole realizzarle (in questo caso deve anche poterle realizzare, perchè altrimenti dobbiamo parlare di "desiderio" e non di "volontà) ed infine le realizza.

Per completare queste tre "fasi di lavoro" trascorre un certo tempo.

Però solo l'uomo "vive" nel tempo...
Kninos is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it