Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 04-09-2003, 13.42.18   #1
bluemax
Ospite abituale
 
L'avatar di bluemax
 
Data registrazione: 04-09-2003
Messaggi: 766
Question il destino...

se mi ubriaco, prendo la macchina e corro in autostrada a 300km orari e mi spalmo sul guardrail me la sono cercata...

se guido sobrio, rispettando i limiti, con estrema cautela e qualcuno mi tira un sasso dal cavalcavia e mi uccide era destino in quanto non era una cosa da me voluta nonostante le 1000 precauzioni...

il destino, il fato allora esiste ?
bluemax is offline  
Vecchio 04-09-2003, 17.02.44   #2
kaoskali
Ospite
 
L'avatar di kaoskali
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 11
....forse...non credo che si possa con la logica rispondere alla tua domanda. Credo che le possibilità siano:

1. Il caso e la libera scelta
2. Il destino e Dio

Se cammino per strada e mi cade un vaso in testa, sono stato io a cercalo, è stato il caso o Dio??

Io penso ad una terza via che devo dire con tutta sincerità non mi è chiara, spesso penso che sia solo un modo per cercare di salvare capra e cavolo.
Credo che esiste il caso, il destino e il libero arbitrio e come in una formula chimica, un pizzico di uno due di un altro...
A volte credo che nelle mie azioni ci sia molto libero arbitrio, altre volte destino (o Dio)...A volte mi sembra come in un video gioco dove tu muovi un personaggio all'interno di una storia, un labirinto precostruito. Le strade per giungere alla fine sembrano essere diversa ma spesso ti ritrovi a ripercorrere gli stessi punti. E' vero puoi muoverti come vuoi, sei libero ma anche vincolato.
Vincolato alla storia, al tuo modo di giocare, alle prove che incontri o che eviti, agli incontri che fai o non fai...

Destino, caso, Dio, libero arbitrio....forse tutti insieme
kaoskali is offline  
Vecchio 04-09-2003, 21.12.09   #3
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Il destino....

Diceva un noto personaggio di cui non ricordo il nome: - Gli uomini ammucchiano gli errori della loro vita e creano un mostro chiamato destino -
VanLag is offline  
Vecchio 05-09-2003, 10.52.24   #4
bluemax
Ospite abituale
 
L'avatar di bluemax
 
Data registrazione: 04-09-2003
Messaggi: 766
Re: Il destino....

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Diceva un noto personaggio di cui non ricordo il nome: - Gli uomini ammucchiano gli errori della loro vita e creano un mostro chiamato destino -

infatti non ho fatto un esempio a caso... la persona che va in macchina e ha il sasso sul parabrezza puo dare la colpa al destino ?

eppur enon ha fatto alcun errore... se partiva solo un minuto dopo (in teoria anche un decimo di secondo dopo) forse il sasso non l'avrebbe ucciso....

allora la domanda resta... possiamo dire che il destino esiste ?
bluemax is offline  
Vecchio 05-09-2003, 11.33.55   #5
jon
Ospite abituale
 
L'avatar di jon
 
Data registrazione: 18-08-2003
Messaggi: 55
Ciao Blue

«La realtà del destino è un dato di creazione, che esiste indipendentemente da noi. Questo dato è intrinsecamente buono o cattivo, perché, come dice il Genesi, "è stato fatto da Dio". Di questa realtà fa parte l'esperienza e il concetto di Mistero: ossia questa realtà noi la vediamo come data, come buona, se la vediamo con curiosità ed abbandono e partecipazione ad essa, perché noi stessi siamo parte di questa realtà come soggetti ragionevoli e liberi. Il Mistero c'è.

Jon
jon is offline  
Vecchio 05-09-2003, 12.17.21   #6
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Ciao,

Citazione:
....forse...non credo che si possa con la logica rispondere alla tua domanda. Credo che le possibilità siano:

1. Il caso e la libera scelta
2. Il destino e Dio

Se cammino per strada e mi cade un vaso in testa, sono stato io a cercalo, è stato il caso o Dio??


Se non si tiene conto della reincarnazione e della legge della causa ed effetto, cioè il karma, si può pensare che non esiste nessuna giustizia nell´esistenza.

Ma l´individuo può sperimentare nella vita attuale solo le conseguenze delle proprie azioni fatte nel passato, e crea oggi il suo proprio destino piacevole /spiacevole, futuro mediante le azioni quotidiane.

La risposta sulla domanda: "Se cammino per strada e mi cade un vaso in testa, sono stato io a cercalo, è stato il caso o Dio??", è dunque che è stato l´individuo stesso a crearlo.

L´individuo in questione ha nel passato causato una situazione dove è caduto un vaso in testa di un´altra persona.
Tutto che succede, ogni forma di destino, è dunque conseguenze logiche di quello che abbiamo fatto nel passato.

Con ciò è chiaro che il "caso" nel senso assoluto non esiste, ed è anche chiaro che ogni essere vivente ha un libero arbitrio ed è responsabile per il suo destino.
L´unica cosa che ostacola la volontà è l´ignoranza delle legge della vita. È questa ignoranza dell´individuo che fa si che agisce in modo sbagliato, creando così un destino contrario a quello che desidera.
Ma siccome l´energie delle azioni si ritorcono su di lui, impara col tempo di agire in modo più armonioso e in contatto con le legge della vita, la quale significa che diventa più amorevole e pacevole.

Così si capisce che tutto nell´esistenza si basa su una giustizia totale, e che ogni individuo si trova dunque in un continuo processo di sviluppo che porta a un destino sempre più piacevole.

Ciao


www.martinus.it
Rolando is offline  
Vecchio 05-09-2003, 12.55.05   #7
basil
Ospite abituale
 
L'avatar di basil
 
Data registrazione: 16-08-2003
Messaggi: 242
più che sapere se si tratta di caso o destino, bisognerebbe prima di tutto valutare se ciò che ci accade è davvero "bene" o "male" per noi, cosa che spesso non siamo assolutamente in grado di fare: una malattia, un lutto, un qualsiasi evento generalmente etichettato come "negativo", può rivelarsi decisivo per l'affinamento della nostra sensibilità, compassione verso il prossimo, ecc., mentre un evento "fortunato", come una grossa vincita, può chiuderci sempre più nel guscio del nostro egoismo e della nostra presunzione. E gli esempi potrebbero moltiplicarsi.

Ultima modifica di basil : 05-09-2003 alle ore 13.05.59.
basil is offline  
Vecchio 05-09-2003, 21.25.20   #8
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Unhappy

Perché continuare ancora con gli opposti? Quelli si fuori logica di natura. Perché non vederci delle semplici possibilità nell'infinità di eventi attuabili? Un esempio: quando cade un fulmine, se va a distruggere un albero rinsecchito magari è 'bene' e se coglie un albero con frutti è 'male'? Addirittura se non va a vuoto e uccide un uomo, allora la natura è 'maligna' o 'noncurante' o dio ci mette il dito perché nelle altre vite quella persona si è creato un karma tale da...La natura opera completamente fuori da questa logica che noi imponiamo e trasformiamo in concetti dualistici. Sarà forse che l'albero che cade sulla strada per il fulmine, non è poi così sprovveduto, ma siamo noi che abbiamo gettato del bitume coprendo quel pezzo di terra da cui lui stesso traeva vita? Sapete.., mentre ero invischiato in un lavoro 'sciamanico' ero vittima del dogma del 'maestro' che mi incuteva paura , sebbene non dichiarato e sottilmente giocato. Avevo paura e sarei probabilmente andato incontro a crearmi opportunità per giustificare questa 'verità' anche a discapito della mia vita. Come mai ora che tutte le buffonate da lui dette, tipo 'C'è Anubi che è il maestro del karma e se si vuole scioglierlo si deve chiedere a lui...-sigh-', ora che le vedo per quello che sono e ci rido come una yenaridens, non funzionano per nulla?, anzi il pensiero che gironzolava sempre intorno a quelle questioni (è crescita personale spirituale! altrimenti senza dolore come si lavora su se stessi..., èh!) e che mi dirigeva è sparito del tutto. A detta di questi maestri di luce, terribili con chi pecca con la sessualità, avrei dovuto pagare non so che! Il fatto che uscito da quegli impedimenti mentali (macché spirituali) abbia continuato in modo più saggio ma anche più libero e piacente per me (veramente rispettoso del mio corpo) la mia sessualità, la dice lunga: come mai non sono ancora a bruciare su chissà quale pianeta eterico dopo la condanna al tribunale del palazzo karmiko? Aspettano davvero tutti questi maestri astrali con la compassione punitiva degli dei che io esaurisca il mio karma 'buono' per poi farmela pagare? Non sento nulla di tutto questo, tantomeno ho , come sarebbe dovuto accadere, degli 'avvisi di garanzia' da parte delle mie percezioni 'spirituali', p.s.: se viene un terremoto improvviso e spacca tutto, (e non ti dice mai: scansati, sto arrivando) ci si lamenta della tragedia, o si fa buon viso a cattiva sorte sapendo che dio ha il suo disegno. Perché abbiamo costruito qualcosa proprio lì? Non conoscevamo la natura del luogo, chiaro...ma, ecco dov'è l'intelligenza del pensiero funzionale: ora che abbiamo i mezzi, possiamo un pò prevenire e quindi non costruire più in quel punto, è chiaro che cadranno case e moriranno esseri sennò! (addirittura l'esempio del vulcano è palese, no?) Tutto l'organico vivente è un sistema aperto, indeterministico. La Terra non guarda in viso chi la distrugge, reagisce con VITA a qualunque impulso contronatura, compresi i nostri intenti distruttivi, e la conseguenza è: 'a chi tocca 'un pianga'! Se questo si può considerare karma nel senso di causa-effetto, facciamo pure..., è semplice: se tagli un albero, quello cade! Non ti ce lo riincolla nessuno dov'era!
Sté-detonator is offline  
Vecchio 05-09-2003, 22.04.18   #9
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
................allora la domanda resta... possiamo dire che il destino esiste ?

Potenza di internet, la frase - Gli uomini ammucchiano gli errori di tutta la loro vita e creano un mostro che chiamano destino. - era del famosissimo: John Oliver Hobbes, (ma chi è/era? – Beh dopo lo cerco con google).

Comunque per restare in tema, devo dire che fatico a mettere a fuoco la parola destino. Destino come predestinazione?
No! Credo che non esista.
Ogni evento contiene in se l’universo, nel senso che ci sono infinite concause che lo generano, (tutto è la causa di tutto), ma non penso proprio che ci sia qualche cosa già definito. E chi lo avrebbe definito a priori poi?
VanLag is offline  
Vecchio 05-09-2003, 22.29.56   #10
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Thumbs up

Siamo fregati in partenza. Non solo la parola destino possiamo mettere a fuoco, ma nessuna. E con che vorremmo farlo? Sarebbe invece bello se queste domande sapessero 'bruciarsi' da sole.
Sté-detonator is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it