Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 25-03-2014, 14.28.34   #1
Aggressor
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-07-2010
Messaggi: 405
Diseguaglianza economica

Anche se non se ne parla molto, io credo che il problema fondamentale dell'umanità e della sua economia sia il fatto che ci si possa arricchire all'infinito mentre ci dovrebbe essere una limitazione (20.000 euro mensili al massimo, tanto per fare un esempio, ma potrebbe essere anche meno) al guadagno pro capite.

Alcuni associano questo tipo di controllo del reddito al comunismo e, quando ne parlo, iniziano a dire che non si può essere comunisti perché si appiattisce la realtà, perché così cani e porci risulterebbero uguali.. ma non voglio certo creare uniformità totale, solo estinguere quella diversità disarmante attualmente preponderante!


Voi cosa ne pensate? Sembra che la vera sinistra si sia andata uniformando alle idee capitaliste e della privatizzazione, il ché non sarebbe, forse, del tutto insensato, se non si fosse perso almeno questo briciolo di coerenza; come si può sostenere l'arricchimento infinito senza limite?
Aggressor is offline  
Vecchio 25-03-2014, 19.31.42   #2
maral
Moderatore
 
L'avatar di maral
 
Data registrazione: 03-02-2013
Messaggi: 1,314
Riferimento: Diseguaglianza economica

L'aspetto più tragico che ha prodotto la rivoluzione industriale e ancor di più la finanziarizzazione dell' economia è il profondo divario tra la ricchezza concentrata in fasce sempre più ridotte di privilegiati rispetto a masse sempre più estese di poveri e affamati. Già Platone aveva ammonito che affinché nella Repubblica sussistesse un giusto equilibrio questo divario non poteva superare il valore di 5 o 6 volte, oggi siamo invece a livelli di molte centinaia di volte e la differenza di tenore di vita tra un servo della gleba e il suo signore nel medioevo era molto inferiore rispetto a quello di oggi tra un operaio e l'amministratore delegato di una multinazionale. Questo è catastrofico a livello etico, sociale e pure economico. Occorre assolutamente credo rivalutare un pensiero che ponga in primo piano l'equità conviviale anziché la contrapposizione sociale e l'accaparramento.
Recentemente uno studio della NASA http://www.theguardian.com/environme...udy-scientists ha evidenziato come proprio questo divario continuamente crescente, unito a un consumo sfrenato e al saccheggio delle risorse del pianeta indotto dai meccanismi di una crescita forsennata che nel suo delirio di potenza va a beneficio solo di pochi potrà essere causa di un collasso globale quanto mai repentino nel giro di pochi decenni.
maral is offline  
Vecchio 25-03-2014, 20.24.52   #3
Aggressor
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-07-2010
Messaggi: 405
Riferimento: Diseguaglianza economica

Per questo è opportuno che ci si concentri su questo punto, prima che sia troppo tardi; invece di cambiare qualche legge, qualche virgola qui e là, senza che, effettivamente, si migliori la situazione.

Questo tema dovrebbe diventare centrale nelle discussioni politiche ma i ricchi, ahimè, non vorranno vedersi togliere i propri averi; e poiché essi, al contempo, detengono un grande potere sociale, sembra assai difficile poter cambiare in questo senso. Speriamo che si abbia la forza, la tecnica e le pal* per fare qualcosa in merito.
Aggressor is offline  
Vecchio 25-03-2014, 23.30.37   #4
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Diseguaglianza economica

Citazione:
Originalmente inviato da Aggressor
Anche se non se ne parla molto, io credo che il problema fondamentale dell'umanità e della sua economia sia il fatto che ci si possa arricchire all'infinito mentre ci dovrebbe essere una limitazione (20.000 euro mensili al massimo, tanto per fare un esempio, ma potrebbe essere anche meno) al guadagno pro capite.

Alcuni associano questo tipo di controllo del reddito al comunismo e, quando ne parlo, iniziano a dire che non si può essere comunisti perché si appiattisce la realtà, perché così cani e porci risulterebbero uguali.. ma non voglio certo creare uniformità totale, solo estinguere quella diversità disarmante attualmente preponderante!


Voi cosa ne pensate? Sembra che la vera sinistra si sia andata uniformando alle idee capitaliste e della privatizzazione, il ché non sarebbe, forse, del tutto insensato, se non si fosse perso almeno questo briciolo di coerenza; come si può sostenere l'arricchimento infinito senza limite?


questa e' l'epoca dove cupidigia e avidità "finalmente" trionfano al loro massimo grado.
il collasso e' inevitabile..del resto non sarebbe nemmeno la prima volta,gli esempi sono innumerevoli (vedi isola di pasqua,sia pure per ragioni un po diverse)
forse pero questa e' la volta buona che ci togliamo dalle ….

l'articolo proposto da maral qui lo trovi già tradotto in italiano

http://www.comedonchisciotte.org/sit...icle&sid=13125
acquario69 is offline  
Vecchio 26-03-2014, 22.48.16   #5
paul11
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-12-2011
Messaggi: 899
Riferimento: Diseguaglianza economica

Citazione:
Originalmente inviato da Aggressor
Anche se non se ne parla molto, io credo che il problema fondamentale dell'umanità e della sua economia sia il fatto che ci si possa arricchire all'infinito mentre ci dovrebbe essere una limitazione (20.000 euro mensili al massimo, tanto per fare un esempio, ma potrebbe essere anche meno) al guadagno pro capite.

Alcuni associano questo tipo di controllo del reddito al comunismo e, quando ne parlo, iniziano a dire che non si può essere comunisti perché si appiattisce la realtà, perché così cani e porci risulterebbero uguali.. ma non voglio certo creare uniformità totale, solo estinguere quella diversità disarmante attualmente preponderante!


Voi cosa ne pensate? Sembra che la vera sinistra si sia andata uniformando alle idee capitaliste e della privatizzazione, il ché non sarebbe, forse, del tutto insensato, se non si fosse perso almeno questo briciolo di coerenza; come si può sostenere l'arricchimento infinito senza limite?



Sono (ovviamente) d’accordo. C’è chi ha un reddito di un anno( e non indico i grandi nababbi del pianeta) superiore all’intero reddito di una vita di lavoro di milioni, per non dire miliardi, di persone, senza contare chi è al limite inferiore della povertà assoluta..
Ormai questo sistema, queste leggi economiche e politiche, queste organizzazioni sociali, andranno incontro ad un destino…..

Penso che non si possa fare più di tanto. Il ciclo economico sta già segnando il ciclo politico; le sinistre storiche non hanno più capacità propositiva e si sono adeguate al liberismo economico,per cui oggi per reazione popolare vincono le destre(la Francia lo sta ad indicare).
E’ un eterno ritorno: quando le crisi economiche sono acute (Weimer in Germania e dopo la prima guerra mondiale in Italia) e i gruppi dirigenti sono inetti, sia in Germania che il trasformismo politico in Italia di allora, e si affacciano avanguardie contestative, lo sciovinismo ,il partito nazionalsocialista l’arditismo italiano, si affacciano pericolose meteore che predicano….le solite illusioni.

Ritornando all’economia liberista e capitalistica , è impossibile creare limite di reddito. E’ possibile invece ricostruire una forma di eguaglianza attraverso la tassazione dei redditi.
La legge di mercato definisce i redditi, e l’accumulazione del capitale è accettata come possibilità di reinvestimento e quindi per ricreare un nuovo ciclo economico. Ormai questo concetto non è nemmeno più contestato dai partiti politici, anzi semmai spingono con agevolazioni al credito, detassazioni e diminuzione del costo del lavoro: insomma la solita ricetta, la solita terapia.
Quindi il sistema non ha interesse a creare maggiore uguaglianza. di redditi.

L’imborghesimento, inteso non solo come concetto economico della modernità, ma anche come classe con una sua identità culturale è di una mediocrità umana disarmante. Ricorda le classi nobiliari oziose e inette della decadenza dell’Impero Romano. E adatto che gli ex proletari di fatto si sono illusi di diventare borghesi economicamente, ma lo sono diventati consumisticamente e culturalmente sposandone i modelli socio-culturali, l’appiattimento e il livellamento è garanzia di una umanità remissiva e vigliacca pronta a subire…urlando.

Il terzo aspetto è come si sono configurate le organizzazioni sociali e aziendali.
I management delle aziende, i funzionari degli Stati ,sono i veri garanti della prosecuzione del sistema. I capitalisti strapagano un amministratore delegato che sceglie il suo management di riferimento che penserà, gestirà una strategia aziendale, così come il funzionario statale garantisce quella continuità burocratica dello Stato. Gli asserviti al capitale privato e al capitale pubblico, sono i grandi garanti della continuità del sistema.
Il grande capitalista è ....invisibile così come lo è la moneta elettronica.
Paga profumatamente un ....prestanome che faccia le sue veci, mentre lui c'è,....ma non c'è.

Economicamente,culturalmente,s toricamente, non vedo traccia di una possibile originale, onesta capacità …di trovare una via d’uscita. Speriamo…..
paul11 is offline  
Vecchio 30-03-2014, 16.58.28   #6
Live
Ospite
 
Data registrazione: 31-07-2013
Messaggi: 22
Riferimento: Diseguaglianza economica

Citazione:
Originalmente inviato da Aggressor
Anche se non se ne parla molto, io credo che il problema fondamentale dell'umanità e della sua economia sia il fatto che ci si possa arricchire all'infinito mentre ci dovrebbe essere una limitazione (20.000 euro mensili al massimo, tanto per fare un esempio, ma potrebbe essere anche meno) al guadagno pro capite.

Alcuni associano questo tipo di controllo del reddito al comunismo e, quando ne parlo, iniziano a dire che non si può essere comunisti perché si appiattisce la realtà, perché così cani e porci risulterebbero uguali.. ma non voglio certo creare uniformità totale, solo estinguere quella diversità disarmante attualmente preponderante!


Voi cosa ne pensate? Sembra che la vera sinistra si sia andata uniformando alle idee capitaliste e della privatizzazione, il ché non sarebbe, forse, del tutto insensato, se non si fosse perso almeno questo briciolo di coerenza; come si può sostenere l'arricchimento infinito senza limite?

Giusto o ingiusto che sia, l'enorme diseguaglianza economica è ciò che fa andare avanti l'economia e che quindi mantiene quella parvenza d'ordine all'interno della società che a noi piace tanto. La maggior parte dei benefici derivati dal progresso scientifico-tecnologico non sono certo manifestazioni di filantropia. Sono uomini e donne che hanno deciso di investire in un determinato settore con lo scopo di arricchirsi, di guadagnare cioè molto di più del semplice impiegato che quasi neanche contribuisce a quello che noi chiamiamo progresso. La tassazione di redditi molto alti la vedo più come una pacca sulle spalle del ceto medio-basso, così come la lotta all'evasione fiscale. In ogni caso, è chiaro che un governo non sia realmente motivato a sradicare l'evasione fiscale, perché se il pagare le tasse fosse un'inevitabilità allora che differenza ci sarebbe fra essere impiegato o il proprietario di una multinazionale se il netto ricavato non differisce più di tanto?
Questo non lo dico per difendere il capitalismo: si tratta di un'analisi imparziale. Un sistema sociale è una delle cose più complesse che esistano al mondo, non lo si può trattare come qualcosa di facilmente malleabile. Se esistessero soluzioni semplici, sono convinto che sarebbero già state attuate perché al potere, nonostante si facciano orecchie da mercante, ci sono degli esseri umani.
La diseguaglianza economica non è un problema del capitalismo, ma della natura stessa del denaro. Il capitalismo non ha fatto altro che integrare questa problematica nella sua stessa struttura, ed è il motivo per cui fin'ora ha funzionato così bene (e questo non lo si può negare). Indipendentemente dal sistema economico adottato, la diseguaglianza economica rimane perché è causata dalla stratificazione sociale, ossia dalla divisione del lavoro. Lotta di classe: sostanzialmente siamo ancora a questo punto.
Se ne può uscire? Ovviamente si, ma non so se prima o dopo il tanto decantato collasso (che comunque potrebbe anche non esserci). La stratificazione sociale, come ogni altra cosa, diverrà obsoleta. Non voglio trasformare questa discussione su un perché e percome di quanto ho detto, ma è lo stesso buon senso a suggerirci che nulla è per sempre. Quello che dobbiamo fare è adoperarci affinché quel momento arrivi il più presto possibile, senza girare per le strade con cartelli da "The end is near".
Live is offline  
Vecchio 30-03-2014, 20.12.42   #7
maral
Moderatore
 
L'avatar di maral
 
Data registrazione: 03-02-2013
Messaggi: 1,314
Riferimento: Diseguaglianza economica

Citazione:
Originalmente inviato da Live
Giusto o ingiusto che sia, l'enorme diseguaglianza economica è ciò che fa andare avanti l'economia e che quindi mantiene quella parvenza d'ordine all'interno della società che a noi piace tanto. La maggior parte dei benefici derivati dal progresso scientifico-tecnologico non sono certo manifestazioni di filantropia. Sono uomini e donne che hanno deciso di investire in un determinato settore con lo scopo di arricchirsi, di guadagnare cioè molto di più del semplice impiegato che quasi neanche contribuisce a quello che noi chiamiamo progresso. La tassazione di redditi molto alti la vedo più come una pacca sulle spalle del ceto medio-basso, così come la lotta all'evasione fiscale. In ogni caso, è chiaro che un governo non sia realmente motivato a sradicare l'evasione fiscale, perché se il pagare le tasse fosse un'inevitabilità allora che differenza ci sarebbe fra essere impiegato o il proprietario di una multinazionale se il netto ricavato non differisce più di tanto?
Questo non lo dico per difendere il capitalismo: si tratta di un'analisi imparziale. Un sistema sociale è una delle cose più complesse che esistano al mondo, non lo si può trattare come qualcosa di facilmente malleabile. Se esistessero soluzioni semplici, sono convinto che sarebbero già state attuate perché al potere, nonostante si facciano orecchie da mercante, ci sono degli esseri umani.
La diseguaglianza economica non è un problema del capitalismo, ma della natura stessa del denaro. Il capitalismo non ha fatto altro che integrare questa problematica nella sua stessa struttura, ed è il motivo per cui fin'ora ha funzionato così bene (e questo non lo si può negare). Indipendentemente dal sistema economico adottato, la diseguaglianza economica rimane perché è causata dalla stratificazione sociale, ossia dalla divisione del lavoro. Lotta di classe: sostanzialmente siamo ancora a questo punto.
Se ne può uscire? Ovviamente si, ma non so se prima o dopo il tanto decantato collasso (che comunque potrebbe anche non esserci). La stratificazione sociale, come ogni altra cosa, diverrà obsoleta. Non voglio trasformare questa discussione su un perché e percome di quanto ho detto, ma è lo stesso buon senso a suggerirci che nulla è per sempre. Quello che dobbiamo fare è adoperarci affinché quel momento arrivi il più presto possibile, senza girare per le strade con cartelli da "The end is near".
In realtà invece è proprio l'accentuata differenza economica una delle cause principali di ogni collasso economico, oltre che sociale ed etico come la storia ha ampiamente dimostrato (e come dimostra attualmente con tre quarti del mondo che premono alle porte dei paesi più benestanti che inevitabilmente verranno sommersi). Tutti gli stati e gli imperi in decadenza sono da sempre caratterizzati da una stratificazione sociale molto accentuata in cui la ricchezza va sempre più concentrandosi nelle mani di pochi con un potere corruttivo enorme che mina alle radici ogni rapporto sociale, scatenando un meccanismo degenerativo che si autosostiene fino al collasso completo che coinvolge anche le classi più ricche e potenti. Lo stesso capitalismo liberista se ne sta rendendo conto in quanto richiede come requisito essenziale al profitto proprio quel consumo crescente all'infinito che è supportato quasi esclusivamente dalla classe media la quale, attraverso i meccanismi di concentrazione della ricchezza, tende sempre più a scomparire. E' ovvio, una persona ricca più di 1000 volte rispetto alla massa, nemmeno volendo potrebbe consumare quanto 1000 persone con quel reddito equamente ripartito, quindi economicamente la concentrazione illimitata della ricchezza è economicamente autodistruttiva proprio secondo il principio dell'aumento di profitto.
Proprio perché un sistema sociale è un sistema complesso la concentrazione della ricchezza non temperata da una ripartizione equa è uno dei più chiari sintomi di degenerazione (lo è stato persino in quei paesi che si ispiravano al comunismo e le crisi economiche sempre più gravi che il mondo sta via via incontrando sono determinate proprio da questo accumulo irresponsabile che, come un'idrovora, trasforma l'abbondanza tecnicamente prodotta in penuria effettiva).
Forse dovremmo cominciare a rivedere nel lavoro non un mezzo di alienazione separato dal vivere a cui costringere gli altri sotto il ricatto della sopravvivenza, ma un mezzo di espressione della propria piena individualità vitale che comprende anche la capacità di garantirsi la sopravvivenza non solo materiale. La soluzione sta nella nostra capacità di intendere il significato del lavoro in modo corretto. ossia finalizzato al singolo essere umano e non il contrario. La differenza tra individuo e individuo è valore, non il denaro, concezione astratta e del tutto immaginaria che si attribuisce a questo valore per illudersi di misurarlo, mentre è solo comodità di scambio.
E' da tempo ormai che il liberismo è alle corde, tecnicamente non funziona, anche se potrà sopravvivere per inerzia (e anche tutelarsi ferocemente) per un certo lasso di tempo. La sua necessità assoluta di mantenere e aumentare la miseria illudendo di ricchezze spropositate a cui sognare di accedere è radicalmente fallimentare proprio come obiettivo tecnico, come lo è il continuo sfruttamento di cui è artefice.
In ogni caso proseguendo su questa strada the end is near, inutile illudersi.
maral is offline  
Vecchio 30-03-2014, 22.14.35   #8
Mymind
Ospite
 
L'avatar di Mymind
 
Data registrazione: 20-08-2013
Messaggi: 67
Riferimento: Diseguaglianza economica

A ragion d'argomento ove la cause a parer mio non son d'attribuire al capitalismo, ma ad un capitaliso violento spinto da una psicologia marcia. Anche se resto nel dubbio che il seme del capitalismo non possa che evolversi in questo modo. A parte questo c'è stato un economista, di cui condivido le idee, un certo Silvio Gesell che propone un cambio alle regole del sistema in modo che il divario abnorme tra il vertice della piramide e la sua base non siano in contrasto, e secondo me è geniale la sua idea di attribuire al denaro una scadenza. Il che proibisce l'accumulo di denaro stantio favorendo il circolo della moneta che dovrà continuar a girare per non venir svalutata. A chi fosse interessato consiglio di leggere il suo libro: l'ordine economico. Le risoluzioni alla crisi e allo sfruttamento delle risorse esistono e son praticabili, non è l'unico economo a proporne qualcuna di geniale e funzionante, ma pare sia la volontà di chi deve accendere il meccanismo a mancare ed anche tra gli economisti le idee son contrastanti e opposte. La domanda è: siamo sicuri che chi può aver influenza sul mercato voglia modificare il mercato quale attualmente è?

Chi crede che una crescita esponenziale possa continuare all'infinito in un mondo finito è un pazzo, oppure un economista. Kenneth Boulding


http://it.wikipedia.org/wiki/Economia_keynesiana

Anche al giorno d'oggi c'è chi ne vede i difetti e ne propone le soluzioni, ma la massa ignorantata continua nella sua confusione condizionata.
https://www.youtube.com/watch?v=LIP2BqCHfxs
Mymind is offline  
Vecchio 31-03-2014, 14.18.16   #9
paul11
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-12-2011
Messaggi: 899
Riferimento: Diseguaglianza economica

Citazione:
Originalmente inviato da Mymind
A ragion d'argomento ove la cause a parer mio non son d'attribuire al capitalismo, ma ad un capitaliso violento spinto da una psicologia marcia. Anche se resto nel dubbio che il seme del capitalismo non possa che evolversi in questo modo. A parte questo c'è stato un economista, di cui condivido le idee, un certo Silvio Gesell che propone un cambio alle regole del sistema in modo che il divario abnorme tra il vertice della piramide e la sua base non siano in contrasto, e secondo me è geniale la sua idea di attribuire al denaro una scadenza. Il che proibisce l'accumulo di denaro stantio favorendo il circolo della moneta che dovrà continuar a girare per non venir svalutata. A chi fosse interessato consiglio di leggere il suo libro: l'ordine economico. Le risoluzioni alla crisi e allo sfruttamento delle risorse esistono e son praticabili, non è l'unico economo a proporne qualcuna di geniale e funzionante, ma pare sia la volontà di chi deve accendere il meccanismo a mancare ed anche tra gli economisti le idee son contrastanti e opposte. La domanda è: siamo sicuri che chi può aver influenza sul mercato voglia modificare il mercato quale attualmente è?

Chi crede che una crescita esponenziale possa continuare all'infinito in un mondo finito è un pazzo, oppure un economista. Kenneth Boulding


http://it.wikipedia.org/wiki/Economia_keynesiana

Anche al giorno d'oggi c'è chi ne vede i difetti e ne propone le soluzioni, ma la massa ignorantata continua nella sua confusione condizionata.
https://www.youtube.com/watch?v=LIP2BqCHfxs


Sono economisti con effetti placebo, girano in giro ai problemi senza andare alla radice: queste non sono soluzioni.
Ad esempio il capitale si divide in mobile (capitale circolante cioè quelle che in econometria vengono individuate come masse monetarie di liquidità, che vanno dal denaro che abbiamo nel portafoglio, contanti ,al denaro in banca, al denaro investito in titoli azionari o obbligazionari,ecc) e il capitale immobile o capitale fisso, che vanno dalle case,terreni ai beni strumentali delle aziende.
Altro esempio, il capitale azionario delle società è un capitale di rischio imprenditoriale, come andrebbe collocato?
La Banca europea ha richiesto dopo la bolla speculativa finanziaria che il capitale di rischio degli istituti finanziari si alzasse affinchè il capitale di rischio coprisse le eventuali perdite speculative di investimento delle banche stesse: come collocherebbero questo gli illuminati nuovi economisti?

La liquidità finanziaria è gestita dal tasso bancario ufficiale della banca europea o dalla Fed in USA e dovrebbe essere il punto in cui la massa della liquidità monetaria e le richieste di prestiti per investimenti si incontra.
Quando si abbassa il tasso ufficiale di sconto si alza la liquidità finanziaria e si aumentano i consumi e gli investimenti in quanto il tasso del profitto se è superiore al tasso ufficiale di sconto fa sì che vi siano richieste di prestiti. Ma se aumenta la massa monetaria, i prezzi di mercato scaricano i costi aumentando i margini di profitto e così i tassi di inflazione monetaria conseguentemente si alzano i tassi di mercato dei prestiti del debito pubblico, quindi aumenta il disavanzo economico (rapporto fra pil / debito pubblico).

Ma soprattutto il capitalismo accetta che io senza un soldo possa investire speculativamente ad esempio nel mercato a termine sul prezzo del barile di petrolio ad esempio il 31 agosto del 2014, determinando come rialzista o ribassista ,il prezzo futuro di una materia prima fondamentale.
E così vale persino sui tassi finanziari a medi otermine e su tutti le materie prime

In altri termini uno dei più grandi problemi dell'attuale capitalismo è che vive sulle promesse, sui pagherò, sui debiti, generando ulteriori capitali e interessi che entrano continuamente nel circuito internazionale finanziario continuamente gonfiandolo .

Dovrebbero chiudere allora proprio i santuari del capitalismo: la Borsa e la sua vestale la Banca.
paul11 is offline  
Vecchio 31-03-2014, 17.00.23   #10
donquixote
Moderatore
 
Data registrazione: 23-05-2007
Messaggi: 241
Riferimento: Diseguaglianza economica

Da qualunque punto di vista lo si guardi il problema economico per come è attualmente impostato non può che sfociare in un imminente disastro epocale.
Se, come dice Maral, i più ricchi tenderanno ad accumulare sempre più denaro a danno di tutti gli altri, ad un certo punto costoro non potranno più vendere merci e servizi perchè la maggioranza della gente avrà sempre meno denaro a disposizione, oppure quest'ultima farà una rivoluzione sul modello di quella francese o russa travolgendoli.
Se invece i più ricchi "rinsavissero" e fossero disponibili ad adottare una certa forma di equilibrio nella distribuzione delle risorse monetarie i consumi aumenterebbero esponenzialmente prosciugando in poco tempo tutte le risorse terrestri. Se si immaginasse gli oltre 5 miliardi di persone attualmente lontanissime dagli standard occidentali che improvvisamente si mettessero a consumare come un individuo del ceto medio europeo o americano non si potrebbe che prevedere un imminente e disastroso collasso del pianeta, che avverrebbe nel giro di pochissimi decenni.
È il sistema che è completamente sbagliato, indipendentemente dalla sua interpretazione in senso keynesiano, ultraliberista o marxista.
La felicità dell'uomo fatta dipendere esclusivamente dallo sfruttamento e dal consumo di risorse materiali è una trappola nella quale l'umanità si è introdotta e non riesce più ad uscire perchè non vede più le pareti che la delimitano come trappola, che si sono ampliate fino a rinchiudere tutto il mondo conosciuto.
Paradossalmente l'aumento delle disuguaglianze economiche è un bene (o perlomeno un male minore) perchè più i ricchi arpagoni del mondo accumulano e più scavano la fossa sotto i loro piedi; sempre più persone infatti, non avendo a disposizione un reddito sufficiente, si adatteranno a consumare di meno trovando nel tempo un proprio equilibrio, e i grandi imprenditori e i grandi finanzieri non avranno più a chi vendere le loro inutilità, e tutti i loro soldi non serviranno più a nulla poichè nel frattempo avranno comprato tutto quel che era possibile comprare, e come dei novelli Mida non potendo mangiare i propri soldi saranno costretti ad elemosinare un frutto o un piatto di verdura o un pollo da coloro che nel frattempo si saranno organizzati in un clima di autosussistenza e collaborazione in modo da non dipendere dal denaro, come ad esempio molti in Grecia stanno già facendo .
donquixote is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it