Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 15-03-2015, 15.32.21   #1
jolly666
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 23-11-2014
Messaggi: 168
La vera conoscenza e data dal suo opposto..

In un mondo in cui non sappiamo neanche se sia reale o meno, l'unica vera conoscenza ne deriva dal suo opposto..
Tutto comincia col buio...poi venne il giorno...e così nacque il buio..
Tutto comincia col freddo..poi venne il caldo..e così nacque il freddo..
Tutto comincia col non essere..poi venne l'essere..e così nacque il non essere...

Il collante dell'opposto è la nostra memoria la memoria cellulare che si espande in memoria pratica..
La memoria come nasce..seguendo la stessa regola..
Tutto comincia con la non memoria..poi venne la memoria..e così nacque la non memoria..
Tutto ciò che non fa parte della momoria dovrebbe non esistere anche se in realtà esiste..
Ci sono cose della nostra vita che nonostante abbiamo fatto o meglio vissuto,non c'è le ricordiamo,poi ad un tratto risorge nonei nostri ricordi quindi non esistenti, ma esistenti nello stesso tempo..quindi viviamo un esperienza che si trasforma in memoria..
L'esperienza è un flusso continuo, solo che sembra che ad un tratto noi riusciamo a prenderne visione e momorizzare quest'esperienza, come una stampante che ad un tratto comincia a funzionare stampando copie di esperienza che si trasformano in memoria..questo fa riflettere su ciò che avviene con gli elettroni nel momento in cui li guardiamo solo particelle quando non li guardiamo sono onde, l'effetto onda dovrebbe essere l'esperienza, l'effetto particella dovrebbe essere la memoria che stampa a puntini o a punti nello spazio, trasformando l'esperienza in memoria per noi..
Ma come abbiamo detto l'esperienza esiste già. .quindi essere vivi o morti significa vedere l'esperienza e immagazzinarla come una stampante e rinchiudere quest'esperienza in un archivio..
Ricapitolando l'esperienza è qualcosa che sta intorno a noi già esistente, poi noi ne prendiamo visione stampando punti nello spazio funzionanti come particelle, creando mondi, stelle,galassie,eletroni atomi.., perché ovunque guardiamo ed è proprio grazie alla nostra visualizzazione che stampiamo, illuminando puntini e punti grandi nello spazio, creando il tutto, la realtà. .una realtà fatta di esperienza, ma che quest'esperienza alla sua visualizzazione o al punto di vista di chi ne prende visione, seguendo regole ben precise, ecco perché esiste la nostra realtà non la realtà, perché l'esperienza dell'universo si adatta a chi la crea, come il tipo di immagine che stampi si adatta al tipo di stampante che usi..
Queste sono le mie ultime occlusione, dopo aver letto tanti libri..la evostre conclusioni sulla rrealtà quali sono??
jolly666 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it