Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 06-09-2015, 02.37.45   #11
jolly666
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 23-11-2014
Messaggi: 168
Riferimento: l'uomo costruttore di gabbie..

Ragazzi capisco la divisione di gabbie tra naturali e sociali, infatti ho premesso che siamo i nostri genitori che ci imprigionano in nome dell'amore nelle gabbie naturali, poi in quelle sociali è la società e il fatto che condividiamo queste gabbie insieme. .io sto parlando della gabbia in generale tra naturale e societaria sempre di gabbia parliamo anche se le distinguiamo, è logico che quella societaria venga dopo quella naturale, prima devi nascere(gabbia naturale) per poi intrappolarti in quella societaria, io è giusto che decido di fare un figlio in nome dell'amore se questo mio figlio sarà destinato ad una gabbia?? E ne ho la consapevolezza di ciò. .. .gli animali non hanno la possibilità di riflettere in questo, ma noi si. .per questo ho detto che metaforicamente se esiste un Dio o un satana, forse il Satana tenta di liberarci dalle gabbie mentre il Dio di intrappolarci. .poi che ci sia qualcosa o no dopo la morte da poter dire che la libertà sia il nulla questo non lo so, sono solo teorie, la scienza sta pensando che sia qualcosa dopo la morte, quindi, può essere che la vita in terra sia solo una gabbia e noi continuiamo a metterci persone (figli) in nome e dell'amore..ed è per questo che ho anche detto che la chiave che chiude le porte delle gabbie è l'amore/egoismo...
jolly666 is offline  
Vecchio 06-09-2015, 13.47.58   #12
paul11
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-12-2011
Messaggi: 899
Riferimento: l'uomo costruttore di gabbie..

Citazione:
Originalmente inviato da jolly666
Ragazzi capisco la divisione di gabbie tra naturali e sociali, infatti ho premesso che siamo i nostri genitori che ci imprigionano in nome dell'amore nelle gabbie naturali, poi in quelle sociali è la società e il fatto che condividiamo queste gabbie insieme. .io sto parlando della gabbia in generale tra naturale e societaria sempre di gabbia parliamo anche se le distinguiamo, è logico che quella societaria venga dopo quella naturale, prima devi nascere(gabbia naturale) per poi intrappolarti in quella societaria, io è giusto che decido di fare un figlio in nome dell'amore se questo mio figlio sarà destinato ad una gabbia?? E ne ho la consapevolezza di ciò. .. .gli animali non hanno la possibilità di riflettere in questo, ma noi si. .per questo ho detto che metaforicamente se esiste un Dio o un satana, forse il Satana tenta di liberarci dalle gabbie mentre il Dio di intrappolarci. .poi che ci sia qualcosa o no dopo la morte da poter dire che la libertà sia il nulla questo non lo so, sono solo teorie, la scienza sta pensando che sia qualcosa dopo la morte, quindi, può essere che la vita in terra sia solo una gabbia e noi continuiamo a metterci persone (figli) in nome e dell'amore..ed è per questo che ho anche detto che la chiave che chiude le porte delle gabbie è l'amore/egoismo...

Se allora per gabbia intendi le condizioni naturali e i condizionamenti sociali, sappi che è inutile fare il Don Chisciotte:sono dentro l'esistenza. Il dover respirare e alimentarsi significa vivere biologicamente e simbioticamente con un ambiente naturale:è uno scambio energetico.
Il condizionamento sociale è invece un arteficio umano, è di sua costruzione.Ma adatto che dobbiamo farne i conti perchè non esiste più un luogo su questo pianeta di cui qualcuno pretenda proprietà o sovranità, si tratta di capirne i significati e proporre alternative qualora ci sentissimo "prigionieri". Sono parte della vita con cui dobbiamo necessariamente confrontarci.
paul11 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it