Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 12-10-2015, 13.27.57   #1
elsire
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 27-08-2014
Messaggi: 162
Socrate E I Cani

SOCRATE E I CANI
Un mio colto e dottissimo amico, si è sorpreso di ascoltare un giornalista che (durante un talk-show) aveva attribuito a Socrate la seguente frase: "Più conosco gli uomini, e più amo il mio cane"; a suo giudizio, infatti, tale asserzione non rientra affatto nella "Weltanschauung" socratica.
Cosa su cui sono assolutamente d'accordo.
Tuttavia ho visto che, su INTERNET, praticamente TUTTI attribuiscono "tel quel" tale motto al grande filosofo ateniese...dando la citazione per "scontata".
Senza citare la fonte, però.
Ho pertanto effettuato una attenta ricerca delle fonti, ed ho rilevato quanto segue:
A)
PLATONE, nei "Dialoghi", riferisce che Socrate ha nominato qualche volta i cani, relativamente a diverse tematiche; e, in particolare, nell'EUTIDEMO (1), nella REPUBBLICA (2) e nel LISIDE (3).
In quest'ultimo dialogo, in effetti, Socrate afferma l'esatto contrario della frase attribuitagli: e, cioè, che PREFERISCE AVERE UN BUON AMICO UMANO, PIUTTOSTO CHE UN CANE.
B)
SENOFONTE, nei "Detti memorabili di Socrate", riferisce che Socrate, una volta, disse: "Pertanto ancor io, come qualunque altro, d' un cane mi diletto, e così e più ancora mi diletto de buoni amici." (4)
Anche in questo caso, Socrate afferma l'esatto contrario della frase attribuitagli: e, cioè, che SI DILETTA, SI', DEI CANI, MA ANCOR PIU' DEGLI AMICI UMANI.
Da cosa è nata, quindi, la "leggenda metropolitana", che attribuisce a Socrate il motto in questione?
A mio modesto avviso, il "
misunderstanding" è nato dal fatto che, secondo DIOGENE LAERZIO, Platone usava definire Diogene di Sinope (il cinico):"SOCRATE IL PAZZO (5).
In effetti, a quanto mi risulta, neanche Diogene il Cinico (derivato dalla parola "cane", in greco antico), disse mai, letteralmente, la frase in questione; ma asseriva di essere un cane lui stesso, e come tale viveva.
Per cui, la frase "Più conosco gli uomini, e più amo il mio cane", gli si attaglia perfettamente.
Ed evidentemente, la confusione tra i due SOCRATI (il savio ed il pazzo), ha ingenerato l'equivoco.
Voi cosa ne pensate?


NOTE
1) «Dimmi, hai un cane?» «Sì , anche molto cattivo», ribatté Ctesippo. «Ha dei cagnolini?» «Sì , certamente altri cani somiglianti a lui», replicò. «Il cane è, dunque, loro padre?» «Io l'ho visto accoppiarsi con la cagna», disse. «Ma non è tuo il cane?» «Certo», rispose. «Allora, essendo tuo, è padre, cosicché il cane diventa tuo padre e tu diventi fratello dei cagnolini».
2) «Anche questo potrai vederlo nei cani», seguitai, «ed è un fatto straordinario in un animale».
«Che cosa?» «Che quando il cane vede uno sconosciuto, si irrita anche se non ha ricevuto da lui alcun male; viceversa, quando vede una persona conosciuta, la saluta con affetto anche se non ha mai ricevuto da lei alcun bene.
Non te ne sei mai meravigliato?»
«Finora non ci avevo proprio fatto caso», rispose,«Ma è chiaro che fa così ».
«Eppure questa sua dote naturale appare sottile e veramente filosofica».
«In che senso?» «Nel senso», dissi, «che distingue una figura amica da una nemica solo per il fatto che conosce l'una e ignora l'altra. E come può non amare l'apprendimento chi distingue il proprio e l'altrui grazie alla conoscenza e all'ignoranza?» «Non può non amarlo», rispose.
3) «Menesseno, rispondi a ciò che ti chiedo. Fin da ragazzo io desidero una cosa come un altro ne desidera un'altra; uno desidera avere dei cavalli, un altro dei cani, uno dell'oro, un altro onori. Io invece non smanio per queste cose, mentre desidero ardentemente avere degli amici e preferirei avere un buon amico piuttosto che un cavallo o un cane."
4) I "Quattro libri di Senofonte dei detti memorabili di Socrate "traduzione di M.A. Giacomelli - Capo sesto 55.
5) VITE DEI FILOSOFI Libro VI Cap.2.
elsire is offline  
Vecchio 12-10-2015, 18.09.54   #2
sgiombo
Ospite abituale
 
L'avatar di sgiombo
 
Data registrazione: 26-11-2008
Messaggi: 1,234
Riferimento: Socrate E I Cani

Citazione:
Originalmente inviato da elsire
SOCRATE E I CANI
Un mio colto e dottissimo amico, si è sorpreso di ascoltare un giornalista che (durante un talk-show) aveva attribuito a Socrate la seguente frase: "Più conosco gli uomini, e più amo il mio cane"; a suo giudizio, infatti, tale asserzione non rientra affatto nella "Weltanschauung" socratica.
Cosa su cui sono assolutamente d'accordo.
Tuttavia ho visto che, su INTERNET, praticamente TUTTI attribuiscono "tel quel" tale motto al grande filosofo ateniese...dando la citazione per "scontata".
Senza citare la fonte, però.
Ho pertanto effettuato una attenta ricerca delle fonti, ed ho rilevato quanto segue:
A)
PLATONE, nei "Dialoghi", riferisce che Socrate ha nominato qualche volta i cani, relativamente a diverse tematiche; e, in particolare, nell'EUTIDEMO (1), nella REPUBBLICA (2) e nel LISIDE (3).
In quest'ultimo dialogo, in effetti, Socrate afferma l'esatto contrario della frase attribuitagli: e, cioè, che PREFERISCE AVERE UN BUON AMICO UMANO, PIUTTOSTO CHE UN CANE.
B)
SENOFONTE, nei "Detti memorabili di Socrate", riferisce che Socrate, una volta, disse: "Pertanto ancor io, come qualunque altro, d' un cane mi diletto, e così e più ancora mi diletto de buoni amici." (4)
Anche in questo caso, Socrate afferma l'esatto contrario della frase attribuitagli: e, cioè, che SI DILETTA, SI', DEI CANI, MA ANCOR PIU' DEGLI AMICI UMANI.
Da cosa è nata, quindi, la "leggenda metropolitana", che attribuisce a Socrate il motto in questione?
A mio modesto avviso, il "
misunderstanding" è nato dal fatto che, secondo DIOGENE LAERZIO, Platone usava definire Diogene di Sinope (il cinico):"SOCRATE IL PAZZO (5).
In effetti, a quanto mi risulta, neanche Diogene il Cinico (derivato dalla parola "cane", in greco antico), disse mai, letteralmente, la frase in questione; ma asseriva di essere un cane lui stesso, e come tale viveva.
Per cui, la frase "Più conosco gli uomini, e più amo il mio cane", gli si attaglia perfettamente.
Ed evidentemente, la confusione tra i due SOCRATI (il savio ed il pazzo), ha ingenerato l'equivoco.
Voi cosa ne pensate?


NOTE
1) «Dimmi, hai un cane?» «Sì , anche molto cattivo», ribatté Ctesippo. «Ha dei cagnolini?» «Sì , certamente altri cani somiglianti a lui», replicò. «Il cane è, dunque, loro padre?» «Io l'ho visto accoppiarsi con la cagna», disse. «Ma non è tuo il cane?» «Certo», rispose. «Allora, essendo tuo, è padre, cosicché il cane diventa tuo padre e tu diventi fratello dei cagnolini».
2) «Anche questo potrai vederlo nei cani», seguitai, «ed è un fatto straordinario in un animale».
«Che cosa?» «Che quando il cane vede uno sconosciuto, si irrita anche se non ha ricevuto da lui alcun male; viceversa, quando vede una persona conosciuta, la saluta con affetto anche se non ha mai ricevuto da lei alcun bene.
Non te ne sei mai meravigliato?»
«Finora non ci avevo proprio fatto caso», rispose,«Ma è chiaro che fa così ».
«Eppure questa sua dote naturale appare sottile e veramente filosofica».
«In che senso?» «Nel senso», dissi, «che distingue una figura amica da una nemica solo per il fatto che conosce l'una e ignora l'altra. E come può non amare l'apprendimento chi distingue il proprio e l'altrui grazie alla conoscenza e all'ignoranza?» «Non può non amarlo», rispose.
3) «Menesseno, rispondi a ciò che ti chiedo. Fin da ragazzo io desidero una cosa come un altro ne desidera un'altra; uno desidera avere dei cavalli, un altro dei cani, uno dell'oro, un altro onori. Io invece non smanio per queste cose, mentre desidero ardentemente avere degli amici e preferirei avere un buon amico piuttosto che un cavallo o un cane."
4) I "Quattro libri di Senofonte dei detti memorabili di Socrate "traduzione di M.A. Giacomelli - Capo sesto 55.
5) VITE DEI FILOSOFI Libro VI Cap.2.

Mi sembra un' ottima spiegazione (la tua) di un colossale e stupidissimo equivoco; leggendo l' inizio del tuo pregevole e documentato intervento (l' esatto contrario della faciloneria imperante di cui il giornalista di cui parli é un "ottimo" -si fa per dire...- esempio), anch' io avevo pensato a una confusione con i Cinici, se non altro per il significato letterale dell' appellativo e per il fatto che sono considerati una "scuola socratica minore".
sgiombo is offline  
Vecchio 13-10-2015, 10.07.32   #3
Perché?
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 13-05-2015
Messaggi: 5
Riferimento: Socrate E I Cani

Non sono un filosofo, ma:

"Più conosco gli uomini, e più amo il mio cane"

L'ho sentita pure io ma non l'ho mai condivisa,è come dire più conosco me stesso più il amo il mio cane,non capisco affatto perchè il padrone ami se stesso meno del suo cane .Dubito che possa trovarsi concettualmente in Platone.Forse ai tempi d'oggi bisogna farla dire come massima animalista comunque,magari fatta dire a "Socrate" (che poi non si sà come abbiano tante fonti storiche su Socrate stesso),evoca più accettazione,perchè sai,dopotutto,"ipse dixit."
Modello della comunicazione di massa,puoi far dire qualunque cosa a chiunque,basta che faccia audience.
Perché? is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it