Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 29-06-2004, 00.21.14   #1
FiloCarter
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 28-06-2004
Messaggi: 1
Il tempo per i Greci e il mito di Kronos

Ciao a tutti ho bisogno di aiuto per un esame, quindi spero mi risolviate questo dubbio!Allora la differenza fondamentale fra la concezione del tempo per i Greci e quello biblico è che per i primi è ciclico, quindi tutto torna e si ripete, come le stagioni, gli anni, la vita e la morte, collegandosi all'eterno ritorno di N., mentre per i cristiani, il tempo si configura una retta(spirale?), comunque, come ciò che non si ripete, partendo dalla creazione per arrivare al fine ultimo dell'avvento di Cristo.E fin qui ci siamo.Però poi ho letto(da Internet, perchè sul libro non c'è)che c'è un'a ltra distinzione del tempo greco in Kronos, il tempo in divenire, il fluire dei momenti, il tempo misurabile poi c'è il Kairos, il momento propizio, l'opportunità e l'Aion, il tempo divino dell'essere.E qui ho le domande:
1)quale di queste 3 tipi di tempi, riflette la concezione propria dei greci, quindi del tempo ciclica, oppure tutte e 3?(spiegate!)
2)il mito di Kronos/che si lega appunto al tempo Chronos, il divenire, che inghiotte i suo figli è simbolo del tempo che incessante che frammenta il passato(castra il babbo Urano) e distrugge il futuro(i figli) o (e questa si rifà al tempo ciclico) dell'eterno ritorno, in quanto dopo Chronos vomita i figli inghiottiti(e quindi c'è il ritorno..)Ho letto entrambe su internet, prob. andranno bene , però la 1 si rifà al concetto di Kronos come divenire, la 2 come tempo ciclico,e in alc siti questo tempo viene definito come ciclico, e in altre def. come il divenire...!O è un divenire ciclico?
E in un altro sito ho trovato:"Nell'ordine del setting viene accettato il tempo lineare, quello che può essere numerato dalla coscienza :Kronos / Senex, legge paterna e finitezza, ma anche punto d'appoggio e di contenimento. E' questa presenza delimitante a permettere l'apparire del tempo ciclico come Kairòs, la miscela propizia, il tempo del fanciullo, del Puer e non del caos."ma non era il Kronos, il divenire??
E se come avevo pensato io, era il tempo"kronos", concepito come ciclico e come un divenire,però se un divenire incessante come fa a ripetersi?
3)il tempo cristiano è retta o spirale?
ho un pò confusione...quindi spero di esser stato chiaro e vi prego di aiutarmi, grazie! Filo
FiloCarter is offline  
Vecchio 29-06-2004, 20.26.21   #2
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Oh, dai...ci provo a darti una mano anche se e' materia questa che ho studiato molti, molti anni fa'....magari ragionando insieme mi rinfresco la memoria anche io?
Vediamo quanto mi ricordo: Urano, rapresenta il cielo stellato, sposo' Gaia, la proria madre terra e da cui naquero' gli Ecatonchiri, Ciclopi e Titanidi tra cui Kronos che con la falce taglio i genitali di Urano liberando la madre dalla sua oppressione....etc, etc Giusto?
Kronos secondo me e' inteso come il tempo (il ciclico ripetersi del passato-futuro), si, pero' concentrato in un punto, concentrato perennemente sul presente, "fluendo" verso il divenire- da intendere come direzione un cui la ciclicita' si muove. Da cui nascono anche le varie prospettive (prese di coscienza) di percezione del tempo. Pero' non ho capito per niente l'Aion, scusami.
Credo che per il stare sempre nel presente, cioe' il punto attraverrso cui scorrono il passato e futuro di un tempo creato dal/nel Puer o addiritura caos, comporta di conseguenza la percezione lineare, retta del tempo. Uno cosi non puo essere cosciente (o non vuole esserlo) della ciclicita'.
Per quanto riguarda il vomitare dei propri figli (grazie a Zeus, giusto?) credo che abbia qualcosa a che fare con la dimenticanza (voluta) di prendere appunto, coscienza dell'altra prospettiva, la ciclicita' (il perche la paura dei figli).
Ma qui andiamo gia sulla personalita' di Kronos e non il meccanismo del tempo stesso. Mo' sono confuso anche io: il tempo che nasce dal tempo stesso, boh....
Oh allora, almeno c'ho provato...il compito non era facile per me,sai. Spero ti possa essere d'aiuto e sopratutto di non aver detto delle cavolate. Ciao.

neman1 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it