Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 07-12-2004, 12.20.55   #1
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Intelligenza e/o persona artificiale:

Si era iniziato un discorso analogo in 'Scienza e misteri', ma un po' perche` la il discorso e` morto e un po' perche` penso che la cosa interessi anche la filosofia, ne apro uno analogo qui.

Cosa ne pensate dell'intelligenza artificiale? E` davvero possibile creare una macchina intelligente? e una persona meccanica?
La mente e` tutta algoritmica, una parte o niente?


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 07-12-2004, 18.18.33   #2
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Intelligenza e/o persona artificiale:

Citazione:
Messaggio originale inviato da epicurus
Cosa ne pensate dell'intelligenza artificiale? E` davvero possibile creare una macchina intelligente? e una persona meccanica?
La mente e` tutta algoritmica, una parte o niente?

Da informatico inveterato direi di no. Non perché una macchina non ha la vita, no perché se anche l’avesse non credo che sarebbe possibile riprodurre l’incredibile sequenza di eventi che hanno fatto dire all’uomo “IO”.

La mente è molto simile ad un computer, anzi è l'inverso è il computer che stà imitando la mente, ma differiscono per i due ingredienti che citavo sopra, cioè la vita ed il senso dell'IO.
VanLag is offline  
Vecchio 08-12-2004, 00.16.29   #3
Knacker
Epicurus' very son
 
L'avatar di Knacker
 
Data registrazione: 26-12-2003
Messaggi: 375
Per essere al pari dell'uomo (o superiori), le macchine non dovrebbero solo essere in grado di autoriprodursi, ma dovrebbero essere anche in grado di creare una nuova forma di intelligenza per così dire doppiamente "artificiale" e via così ricorsivamente
Knacker is offline  
Vecchio 08-12-2004, 14.07.00   #4
iStantaNea
...?
 
 
Data registrazione: 07-12-2004
Messaggi: 117
Re: Re: Intelligenza e/o persona artificiale:

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Da informatico inveterato direi di no. Non perché una macchina non ha la vita, no perché se anche l’avesse non credo che sarebbe possibile riprodurre l’incredibile sequenza di eventi che hanno fatto dire all’uomo “IO”.

La mente è molto simile ad un computer, anzi è l'inverso è il computer che stà imitando la mente, ma differiscono per i due ingredienti che citavo sopra, cioè la vita ed il senso dell'IO.

Sono daccordo
iStantaNea is offline  
Vecchio 08-12-2004, 14.16.59   #5
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Il fatto è che vorrei entrare più nel dettaglio: capire i limiti e le potenzialità dell'analogia computer-cervello.

Se più tardi ho un po' più di tempo scriverò qualcosina...


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 08-12-2004, 21.56.57   #6
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Sprimaccio le idee

Quello che accomuna maggiormente l’uomo al computer è la caratteristica di ricevere degli input, elaborarli ed emettere degli output.

In questo caso la tua domanda iniziale è l’input al mio computer, (a me), e questo input sta facendomi elaborare delle informazioni dalle quale uscirà un output.

Per elaborare la tua domanda attingo informazioni dalla memoria, (l’hard disk) li porto in memoria centrale, (la Ram) ed attraverso il programma, cioè la mia conoscenza/cultura stò producendo questo output.

E qui si può già evidenziare una prima diversità fondamentale e cioè come il programma che gira qui dentro di mè rappresenti un compendio della mia conoscenza/cultura costruito dinamicamente per elaborare il tuo input. Ciò che rende possibile la costruzione dinamica del programma è il mio IO che un computer non ha. Infatti il programma di un computer potrà essere vasto ed esteso, sofisticato e potente, magari come windows, ma percorrerà sempre delle vie prestabilite. Può sembrare banale ma in assenza di un centro di riferimento, cioè di un IO non ci può essere scelta.

La seconda cosa che mi fa pensare che l’intelligenza artificiale potrà emulare certi aspetti dell’uomo ma mai essere come l’uomo è che l’uomo è innestato alla vita, in quanto parte della medesima. Questo significa che pulsiamo con l’universo che ci circonda e che i nostri output, in realtà, non sono mai solo un’elaborazione del programma conoscenza/cultura ma sono, nel bene e nel male, il risultato di qualche cosa di più grande e vasto.

Riassumendo: L’uomo ha come input i cinque sensi. Vista, udito, olfatto, gusto e tatto, distribuiti in diverse periferiche. Un computer con videocamera, o scanner e microfono avrebbe già due dei cinque sensi, per ricevere gli input. Ed in effetti ci sono già software che prendono input vocali o in grado di leggere scritti. In futuro si potrà dotarli anche dei tre sensi mancanti ma, secondo me, nulla fa oggi pensare che sia possibile dare ad un computer il senso dell’IO e che sia possibile dagli le peculiarità di ciò che vive.
VanLag is offline  
Vecchio 09-12-2004, 13.04.03   #7
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
AI & NI

VanLag apprezzo il tuo intervento e condivido alcune cose. be`, comunque vediamo...

Innanzitutto vediamo quello che non ci serve: non ci serve una rete di compilatori e neppure un computer quantistico, infatti in entrambi i casi si ha sempre e comunque a che fare con le macchine di Turing (ossia si riescono a calcolare solo le funzioni parziali ricorsive). Quindi evitiamo di addentrarci in questi due campi, e concentriamoci sulla macchina di turing (cioe` su un calcolatore ideale).

Costriamo una Macchina di Turing cosi`:
- ha tutti i 5 sensi umani (come dicevi tu VanLag)
- dotiamo la macchina di un complesso sistema di random-generator 'intelligenti' (dove ogni numero non ha eguale probabilita` degli altri ad uscire, ma dipende da qualcosa) dinamico, cioe` che cambia con l'aumentare delle stimolazioni sensoriali
- l'output (voce, ed eventualmente comportamento) dipende dalle stimolazioni sensoriali, e le stimolazioni sensoriali modificano i vari programmi che la MdT sta facendo girare.
- ogni programma non e` esente da modifiche apportate per stimolazioni esterne (non e` esente da modifica neppure il programma preposto a modificare gli altri programmi).

Io credo che questa MdT sia una macchina intelligente.

Cosi` ho mostrato che l'intelligenza (con tutte le sue sfaccettature) e` algoritmica.

Pero`, e c'e` un grosso pero`, la macchina e` intelligente ma non e` consapevole di se`. Questa caratteristica (cioe` l'essere consapevoli di se`) ci e` quasi del tutto ignota, ma, da quel che ci sembra ora, non pare minimamente algoritmica.

Quindi la morale che vorrei trarre e` che e` possibile costruire un'intelligenza artificiale al 100%, ma non una persona artificiale (perche` gli mancherebbe la consapevolezza di se`).

Ultima modifica di epicurus : 09-12-2004 alle ore 13.07.34.
epicurus is offline  
Vecchio 09-12-2004, 13.10.23   #8
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Ma dicendo quel che ho detto nel precedente post ho veramente mostrato che non e` possibile costruire una persona meccanica?

No, io ho solo mostrato come non sia possibile (almeno per ora) creare una persona algoritmica, pero` nulla ci vieta di pensare che si possano costruire macchime non algoritmiche...


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 09-12-2004, 14.00.33   #9
bert
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-06-2004
Messaggi: 105
ciao,

penso che sia difficile dire qualcosa adesso, dal momento che la potenza di calcolo è troppo poco elevata per ottenere sistemi conoscitivi automatici patagonabili alla potenza della mente umana.

In ogni caso la robotica più semplice, legata all'apprendimento di strategie di movimento semplici ha dato frutti notevoli.

Il cervello, a mio parare, è chimica, e come tale per quanto la sua chimica sia enormemente complessa, è analizzabile e quindi, tra diverse decine di anni, chissà, magari riproducibile. Non prendete questa mia posizione per scentismo qualunquista: questa è la mia visione delle questione dal punto di vista analitico, in cui credo a spada tratta. Non credo, come forse alcuni di voi avranno intuito, all'immateriale, penso che la complessità intrinseca non esista, e che ci sia sempre una analisi finita di ciò che osservo. Il problema è arrivare a questa analisi, ma è una questione di tempo.

Si parla molto di "vita" basata sul silicio inceve che sul carbonio, e devo dire che non mi sembra fantascienza: basta prendere in mano un libro un po' recente sulle nanotecnologie per capire che il trend futuro è nella direzione del controllo completo di sistemi e/o eventi di netevole complessità.

Ma ci sono altre posizioni.

Le ricerche nel campo della biologia molecolare sono sconvolgenti, e con un strenuo lavoro, secondo me nel giro che pochi decenni sarà possibile la progettazione di sistemi biologici ex novo. Del resto c'è chi pensa che se la mente umana funziona con quei meccanismi chimici, allora anche un eventuale intelligenza artificiale dovrà funzionare allo stesso modo.

Un consiglio finale, un po' artistico.
Il compositore americano Steve Reich ha scritto recentissimamente una video opera dal titolo "three tales". Il terzo di questi racconti parla proprio dell'intelligenza artificiale, in un modo artisticamente e intellettualmente così notevole, da diventare imperdibile. Se vi capita il dvd di questa cosa, merita molto molto.
bert is offline  
Vecchio 09-12-2004, 17.11.48   #10
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
condivido con te, bert, la tua fiducia nella possibile realizzazione di una persona artificiale: ma perchè, poi, solo il nostro cervello biologico dovrebbe aver la capacità di interpretare la mente?

epicurus is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it