Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 26-01-2005, 15.34.02   #21
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: origine pensiero occidentale - X VanLag

Citazione:
Messaggio originale inviato da Ettore
1) Il concetto di astrazione non è un concetto greco, ma creato a posteriori
2) L'opera di Platone non è astrazione, ma è il primo tentativo nella cultura occidentale di interpretare le modalità con cui il pensiero pensa...cosa che non ha eguali (nemmeno in oriente..)
3)Il concetto di Dio Unico nel pensiero platonico è una astrazione successiva non presente nel pensiero originario platonico
Ettore, quando scrivo: - L’arrivo in occidente della concezione asiatica del “Dio unico” che andò piano, piano ad integrarsi col pensiero pagano è la vera origine del nostro pensiero moderno come lo conosciamo oggi. Parlo dell’approdo del cristianesimo a Roma, (quindi 500 anni circa dopo Platone ed i Presocratici).
Attribuisco poi al “sincretismo” tra il pensiero pagano e il pensiero religioso la vera origine del nostro pensiero moderno come lo conosciamo oggi.

In sostanza quello che ho riportato era un supporto e forse una precisazione a quanto tu affermi. Precisazione perché mentre tu indichi l’origine del pensiero occidentale a Platone, io colloco la ”vera origine del nostro pensiero”, all’incontro tra le filosofie greche e la religione giudaico cristiana.

Mi scuso se non era chiaro e sono d’accordo sicuramente col punto 1 e 3 della tua precisazione. Sul punto due mi astengo perché non sono un profondo conoscitore del pensiero Platonico.

VanLag is offline  
Vecchio 26-01-2005, 15.36.09   #22
fabiobasile
Ospite
 
Data registrazione: 13-01-2005
Messaggi: 23
Niestzche

Epicuro, non penso di aver bisogno di rileggere N. anche perchè non è un pensatore coi cui testi non ho particolare affinità, ma che il penssiero di N non sia relativo!
Il pensiero di N. non è la fine di una filosofia, o di um modo di fare la fllosofia...è la fine della filosofia, la fine della ragione, mi sembra che N su questo sia abbastanza chiaro.
Per quanto riguarda il riferimento alla tragedia greca ed al pensiero presocratico, e al mito di Dioniso, mi pare che sia un riferimento strumentale, come da molti sostenuto, per giustificare la critica della ragione, in nome di una "notte degli Dei" e di una attesa dell'avventodi Dioniso che tra l'altro è preso pari pari da Schelling
fabiobasile is offline  
Vecchio 26-01-2005, 15.39.01   #23
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
x Van Lag

Sono un pò sulle difensive in questi giorni...sorry

effettivamente rileggendo avevo capito proprio l'incontrario.
Inoltre adoro Platone..quindi, un pò pregiudizialmente, se me lo toccano mi infervoro..ma stavolta avevo capito male...


Ettore is offline  
Vecchio 26-01-2005, 16.04.41   #24
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Precisazio... per Ettore.....

Citazione:
Messaggio originale inviato da Ettore
Sono un pò sulle difensive in questi giorni...sorry
La sintesi che ho riportato fa parte di uno scritto in cui ho inseguito la nascita dei concetti del “Dio unico” nel corso della storia, dalla Mesopotania, all’Egitto, poi alla Palestina fino all’occidente romano dove ha trovato, appunto, le filosofie pagane.
Per mè i riferimenti erano chiari ma capisco che leggendo solo quello stralcio era facile fraintendere. La colpa è mia che stò cercando di scrivere tre cose importanti assieme, mentre ne stò leggendone due altrettanto importanti, ma tutte diverse tra loro, se a questo aggiungi il rinc. senile che avanza a grandi passi…. Beh insomma hai capito….

Platone non lo attacco tanto….. ma se lo farò terrò conto della tua “passione” per lui.

VanLag is offline  
Vecchio 26-01-2005, 16.59.18   #25
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
per FabioBasile

FabioBasile says:

"Niestzche
Epicuro, non penso di aver bisogno di rileggere N. anche perchè non è un pensatore coi cui testi non ho particolare affinità, ma che il penssiero di N non sia relativo!
Il pensiero di N. non è la fine di una filosofia, o di um modo di fare la fllosofia...è la fine della filosofia, la fine della ragione, mi sembra che N su questo sia abbastanza chiaro.
Per quanto riguarda il riferimento alla tragedia greca ed al pensiero presocratico, e al mito di Dioniso, mi pare che sia un riferimento strumentale, come da molti sostenuto, per giustificare la critica della ragione, in nome di una "notte degli Dei" e di una attesa dell'avventodi Dioniso che tra l'altro è preso pari pari da Schelling"


E' evidente che abbiamo avuto "maestri" diversi in filosofia.

N. non ha mai detto queste frasi!
Quando parla di fine della filosofia, fine della ragione, fine di Dio non va mai inteso letteralmente. Ma simbolicamente rispetto a certa ragione, certa filosofia.....

la testimonianza più grande del suo pensiero è dato dalla storia:
Niet. ha cambiato la filosofia, la sua è stata una svolta epocale del pensiero, condivisa non da me , ma da tutti gli esponenti filosofici più grandi in Germania e Francia ( da Heidegger a Sartre, ecc...): disconoscere questo significa chiudere gli occhi rispetto agli ultimi 200 anni di pensiero filosofico..

Il riferimento a Dioniso non è strumentale! Ma fondativo rispetto al suo pensiero...

Niet. va letto sempre tra le righe, mai letteralmente, almeno così mi hanno insegnato....
tant'è che il suo pensiero non mi è mai parso un pensiero di morte e di relativizzazione...tutt'altro casomai!

Non voglio avere assolutamente ragione...è che ai miei occhi i tuoi pensieri mi sembrano come quelli di una persona che vede giallo e dice che è verde...ma forse tu pensi di me la stessa cosa...

l'importante è comunque confrontarsi...

ti saluto
Ettore is offline  
Vecchio 28-01-2005, 12.01.34   #26
fabiobasile
Ospite
 
Data registrazione: 13-01-2005
Messaggi: 23
Niestzche

non c’è alcun dubbio che N abbia influenzato gli ultimi sviluppi della filosofia, la questione è in che modo lo abbia fatto.
Non è un caso che dopo Nietzschte, chi più chi meno, i suoi seguaci abbiano parlato di “fne” della filosofia o simili.Non c’è alcun dubbio che Heidegger sia la testimonianza della grandezza del pensiero di N., ma cos’è la sua ripresa del messianismo dionisiaco se non la conferma della fine della filosofia?
Non voglio certo dire che quando H. parla della fine della metafisica parli della fine della filosofia, probabilmente ha in mente quello che dici tu, un nuovo modo di fare filosofia. Ma quando questa viene presentata come una poco chiara attesa di una ventura dell’Essere in cui l’uomo non ha più alcun ruolo attivo, ma deve solo disporsi all’attesa, di che filosofia stiamo parlando?
MI PIACEREBBE CAPIRE MEGLIO COSA INTENDI QUANDO PARLI DEL CARATTERE NON RELATIVIZZANTE E POSITIVO DEL PENSIERO DI N., ANCHE PERCHÈ NEMMENO IO PRETENDO DI ESSERE NEL GIUSTO IN ASSOLUTO, E POICHÈ COME TUTTI, SONO CERTAMENTE INFLUENZATO DALLA PROSPETTIVA DEGLI AUTORI CON CUI HO PIU FAMILIARITA MI PIACEREBBE CONFRONTARMI CN PROSPETTIVE DIVERSE

ps. chi sn i tuoi maestri?
fabiobasile is offline  
Vecchio 30-01-2005, 14.07.16   #27
Fredric
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-01-2005
Messaggi: 22
Vorrei rispondere al primo post di fabio partendo dall'ultima frase.Volontà individuale.Vedi,oggi noi umani siamo giunti ad una evoluzione tale che chiunque può essere chiunque.Mi spiego.Dopo Nietzche,nella storia della filosofia è stato abbattuto il muro della metafisica introdotta da Platone e Aristotele.L'essere va verso una coscienza di essere generalizzato ed esteso ad una totalità.Il grande merito di N. infatti,è proprio quello di averci fatto render conto che tutto è frutto di interpretazione,già questo cambia il punto di vista,perchè ogni interpretazione può valere.In più.N.intendeva per verità dell'essere la volontà,la volontà di individualità,questa nel mondo di oggi non può esistere.Si sta perdendo l'individualità con la nuova introduzione dell'essere tutti tutto.Non ti sembra quello che un pò diceva anche Gesù?!Siamo tutti fratelli perchè tutti siamo specie umana.Oggi le razze non esistono più,si parla di culture.La differenza tra individui non è più per differenze fisiche perchè il dna basilare è lo stesso per tutti,che tu sia bianco,nero,giallo,arancione,b lu....siamo diversi solo perchè abitiamo in posti diversi,come è logico che sia.Perciò il problema è quello di far giungere in un punto comune tutte le culture diverse per poter concepire l'uomo come uomo e basta.Spero possa dare un contributo con questo post,mi farebbe piacere una tua risp.
Bye
Fredric is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it