Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 05-04-2005, 21.45.02   #1
miky 1987
Ospite abituale
 
L'avatar di miky 1987
 
Data registrazione: 15-03-2004
Messaggi: 69
Exclamation Il suicidio dell'Occidente

La grande storia del mondo occidentale, dell’Europa e dell’America, vacilla ed è profondamente in crisi,
in particolare nel suo passaggio dal moderno al post-moderno in senso vattimiano. Ha perso sé stesso, la sua
identità, non ha più un’anima, né valori e non ha rispetto per il suo passato e per la sua tradizione:
è l’occidente dominato dal relativismo e dal nichilismo. Il vuoto e il nulla sono le sue parole d’ordine,
l’oblio una prassi quotidiana, conseguenza di una mancanza che in qualche modo deve essere riempita.
E se prima vi era almeno il tentativo di dare un senso alla realtà, adesso il nuovo atteggiamento di
porsi di fronte alla vita è di disinteresse e di leggerezza: di menefreghismo. Ci si lascia vivere,
ovvero si ripugna, si disprezza, si rifiuta la vita stessa, non più un dono, una bellezza, un tempo
prezioso da trascorrere intensamente, ma quasi una maledizione, un fluire di giornate ripetitive e
senza senso. Una continua sofferenza, una continua tristezza, una continua solitudine, un continuo tormento,
che non può essere colmato dal mondo, un mondo povero, un mondo dell’avere, incapace di fornire ricchezza,
che soffoca sempre di più l’essere e fa morire la coscienza. Il nuovo pensiero debole che si sostituisce al
vecchio pensiero forte o metafisico è intrinseco di negatività, di malattia, apre la via al suicidio
dell’occidente. Ci troviamo dinnanzi ad una scelta di non lieve entità tra la vita e la morte, e noi
stiamo scegliendo la morte.
Vattimo dice: “oggi non siamo a disagio perché siamo nichilisti, ma piuttosto perché siamo ancora troppo poco
nichilisti.” Il problema è che non potrà mai esistere un perfetto nichilista, poiché non si potranno
mai cancellare in maniera totale ed assoluta Dio e la religione. L’unica possibilità è dunque quella
che io definisco come un “folle suicidio”, di una distorsione o indebolimento delle radici metafisiche,
con non so quale scopo o fine positivo per la nostra società. Già siamo pieni di problemi esterni e in più
ci attacchiamo anche all’interno minando le nostre basi culturali e storiche, rendendole sempre più fragili,
al posto di impegnarci per rafforzarle.
Non dobbiamo dimenticarci delle nostre origini, non dobbiamo mettere da parte i frutti del passato,
non dobbiamo comportarci come i decostruzionisti derridiani, e molestarci come dei Marchesi de Sade.
I nostri principi non sono di intolleranza ma di democrazia! Noi proveniamo da quelle generazioni
che duemila anni or sono hanno ricevuto un messaggio d’amore e perché allora oggi non ci amiamo più?
Ci preoccupiamo dei problemi di razzismo che contaminano la nostra comunità, ma se prima non riusciamo
ad amare noi stessi, come pensiamo di poter amare gli altri?
Anche Sua Eminenza il cardinale Ratzinger, ha espresso la sua opinione in capitolo,
rilevando lo strano concetto che ha oggi l’occidente di sé: “Nella nostra società attuale,
grazie a Dio, viene multato chi disonora la fede di Israele, la sua immagine di Dio, le sue grandi
figure. Viene multato anche chiunque vilipenda il Corano e le convinzioni dell’islam. Se invece si tratta
di Cristo e di ciò che è sacro per i cristiani, ecco che allora la libertà di opinione diventa
il bene supremo, limitare il quale sarebbe minacciare o addirittura abolire la tolleranza e la libertà
in generale. […] C’è qui un odio di sé dell’occidente che è strano e che si può considerare solo come
qualcosa di patologico.”
Il vuoto e il nulla di cui siamo macchiati sono la causa dell’aumento di crisi depressive e suicidi.
E’ la mancanza di valori vitali forti, di stabili punti di riferimento che ci fanno morire, ci portano
ad obliarci nell’alcool e nelle droghe, visti come unici rifugi, uniche illusioni di salvezza in un mondo
che non sa proporre e dare all’uomo qualcosa di veramente concreto, in grado di guarirlo dall’infelicità.
Quella sì che è una malattia mortale altro che cancro! Teniamo tanto alla nostra salute fisica, spendiamo
miliardi di bigliettoni in aiuti per la ricerca, con quale tentativo? Qual’ è il fine, lo scopo che vogliamo
raggiungere? Eliminare il dolore. Già perché proviamo compassione per l’altro che soffre, per l’amico che
sta male. Dobbiamo andargli incontro e fare tutto il possibile per scansare da lui la passione. Dove sarebbe
il senso della vita se fossimo felici e immortali? E’ impensabile una vita terrena priva di dolori,
priva di tormenti, perché questa è l’essenza della vita, il dolore, allontanarsi dal quale equivarrebbe
ad allontanarsi dalla vita stessa.
Schopenhauer definisce l’uomo come un animale metafisico, portato a stupirsi della realtà che lo circonda
e ad interrogarsi intorno al suo mistero. Oggi l’uomo potrebbe essere definito come un animale nichilista,
che ha smesso di cercare, ha scelto il vuoto privilegiandolo alla scelta, e ha chiuso con la vita decidendo
di lasciarsi vivere.
Dove sarebbe la soluzione per salvarci dalle tenebre, chi potrebbe darci la salute dell’anima,
chi sarebbe la sorgente della forza vitale, chi la fonte della nostra gioia se non Dio? Tutti noi lo
sentiamo premere con potenza nella nostra coscienza, con forza la sua voce ci pressa e ci chiama, ci
rincorre atei, agnostici, credenti e noi abbiamo due possibilità: accoglierlo e salvarci oppure
respingerlo e perderci. Quante volte si presenta sulla porta di casa e noi con arroganza gliela
ribattiamo in faccia? Oppure bussa e non gli apriamo? A mio modo di vedere abbiamo una sola possibilità
per riprenderci dalla notte oscura che ci avvolge, ovvero non smettere mai di cercare, di interrogarci,
di confrontarci continuamente con la realtà quotidiana e sarebbe presunzione, qualsiasi posizione si sia
assunto, non agire in tale modo.
Ormai lontana, appena scorgibile all’orizzonte è la Verità e pochi hanno ancora voglia di aguzzare
la vista per scovarla. La realtà di oggi sono le mezze verità.
E’ tardi, è il tramonto, cala il Sole e non vi è alba a salutarci. Mi risveglio al buio. Non una fiaccola,
non un barlume di luce. Non scorgo più le cose, non vi sono più differenze, tutto è tremendamente uguale,
omogeneo. Scomparso, eclissato il valore, addio dolce identità, ti saluto vecchio uomo forte, vecchio passato
glorioso e defunto. Si innalzano voci nuove, gridano tutte le stesse parole, ululano i mannari, ululano
il non senso. Trionfa il vuoto, vince il nulla agli squilli di tromba. E a grandi voci innalzano inni
al loro re: perdizione, morte. Nichilismo si chiama il loro re.
E’ finita l’era della vita per l’Occidente, è giunta al termine quella del benessere, siamo ai minimi,
siamo all’apocalisse, siamo al suicidio della nostra civiltà.

miky 1987 is offline  
Vecchio 05-04-2005, 22.08.13   #2
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Il suicidio dell'Occidente

Citazione:
Messaggio originale inviato da miky 1987
...........Dove sarebbe la soluzione per salvarci dalle tenebre, chi potrebbe darci la salute dell’anima, chi sarebbe la sorgente della forza vitale, chi la fonte della nostra gioia se non Dio? Tutti noi lo sentiamo premere con potenza nella nostra coscienza, con forza la sua voce ci pressa e ci chiama, ci rincorre atei, agnostici, credenti e noi abbiamo due possibilità: accoglierlo e salvarci oppure respingerlo e perderci.
Perché assumi che tutti sentano “Dio” premere con potenza alla coscienza? Non è così non lo è per me. Io non lo sento e come non lo sento io non lo sentono molti altri.

La coscienza di ciascuno di noi è vuota e si riempie di volta in volta dei contenuti della realtà che la circonda.
Indicare dei contenuti della coscienza preconfezionai è un’opera di plagio che le religioni hanno perpetrato per millenni.

Non amo anche io il vuoto di valori in cui è piombato l’occidente, ma diversamente da te indico come responsabili da una parte le religioni, che hanno fatto all’uomo promesse disattese, nutrendolo con sogni di “paradisi futuri” o di illuminazioni permanenti che non si sono realizzate e non si realizzeranno perché sono ipotesi di menti visionarie. L’altro responsabile è l’assolutismo del positivismo scientifico che è emerso come reazione al baratro lasciato dalle religioni. Un positivismo che è cieco e sordo alle pulsioni emotive ed affettive degli esseri umani.

L’uomo è davvero sull’orlo del baratro ma non sarà riesumando valori che non hanno retto alla trasformazione che si salverà. Occorre uno sforzo immane dell’intelletto affinché riprenda in mano questo periodo di transizione.

VanLag is offline  
Vecchio 05-04-2005, 22.28.22   #3
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Caro Van,
dì pure che sono un pazzo ma, pur con i limiti del web, io percepisco che tu sei una persona veramente valida. Sobria, discreta, garbata. Intelligente, sensibile, umile ma assolutamente non per questo imbelle. O pavida.

Per adesso sono 50 euro.

Continuiamo.........sono certo che ricordi perfettamente la mia entrata in Riflessioni.it e la mia opinione di allora: mi pare che condividemmo un certo idem sentire. Fosti inoltre tra i primi, se non il primo in assoluto, a darmi il benvenuto. Questo, mi dispiace per te , ha suscitato in me, un forte legame di stima e rispetto.

Sono 100 euro.

Ed oggi che ho cambiato radicalmente (inversione a U) opinione (strada) delle due l'una: od ho trovato qualcosa o mi illudo di averlo fatto.

Per dimostrarti che non sono matto (o meglio lo sono ma fingo equilibrio mentale con rara abilità ) ti aprirei la mia casa: ti farei conoscere mia moglie, il mio bimbo, i miei genitori, i miei colleghi di lavoro, i miei vicini di casa che, sono convinto, affermerebbero coralmente che non hanno mai visto gente in camice bianco che mi rincorre!

Insomma....perchè ho cambiato idea? Perchè amo Dio?

Lo sai cosa è brutto per me? Non vederti venire incontro a me dicendomi: <amo il Signore!> Sia esso musulmano, ebraico, cristiano, o tutto il resto (so che ami l'Oriente) non mi interessa più di tanto.

Ciao Van

P.S.
scusami.....mi sono lasciato andare......è stata una giornata un pò duretta.........
freedom is offline  
Vecchio 05-04-2005, 22.43.18   #4
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da freedom
scusami.....mi sono lasciato andare......è stata una giornata un pò duretta.........
E’ difficile andare contro ad uno che mi offre cento euro e che a suo tempo commentò il mio scritto: - un banalissimo fiore di campo –
Che dire Freedom? Come disse il profeta a te la tua religione a me la mia.

Io non amo Dio perché non lo conosco, per me è solo un suono nell’aria, è solo la massima astrazione, la massima fantasia. E' lo specchio magico nel quale riflettiamo all'infinito il nostro ego gonfiandolo. Ma i non ho il dono della fede.
Ed allora che si fa?

Flagelliamo i non credenti?
Bruciamo le streghe?
Obblighiamo chi non ha i nostri valori a condividerli?
Cacciamo la verità con l’imbuto in gole riottose?

Le religioni hanno sempre imposto il loro punto di vista, il loro credo, i loro valori. Oggi alle soglie del terzo millennio non possono farlo piu’, se il loro messaggio è vero, se come dicono è frutto del “divino”, devono trovare altri sistemi per comunicare le loro verità a chi non le conosce e non le vede.

Ora caccia i 100 euro….

VanLag is offline  
Vecchio 05-04-2005, 23.26.48   #5
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Flagelliamo i non credenti?
Bruciamo le streghe?
Obblighiamo chi non ha i nostri valori a condividerli?
Cacciamo la verità con l’imbuto in gole riottose?
Assolutamente no! Il bene della libertà è prezioso. Sui valori fondanti la dignità dell'uomo penso non ci divideremo mai. Neanche se mi facessero Papa!

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag

Le religioni hanno sempre imposto il loro punto di vista, il loro credo, i loro valori. Oggi alle soglie del terzo millennio non possono farlo piu’, se il loro messaggio è vero, se come dicono è frutto del “divino”, devono trovare altri sistemi per comunicare le loro verità a chi non le conosce e non le vede.
Non è piaggeria la mia: CONDIVIDO! Sono i cuori che vanno conquistati!

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag

Ora caccia i 100 euro….
E tutti i salmi finiscono in gloria: che hai capito? Sei tu che me li devi! T'ho fatto più complimenti che alla mia prima morosa!




P.S.
preferisco mille volte non credenti come te che credenti di un certo tipo. Che per carità cristiana preferisco non descrivere.
P.P.S.
Rimane un arcano non ancora svelato: perchè ho cambiato idea? Ma questo non posso dirtelo!
freedom is offline  
Vecchio 05-04-2005, 23.39.12   #6
dani62
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 26-11-2004
Messaggi: 245
perchè ho cambiato idea? Ma questo non posso dirtelo!

Ho letto fin qui e mi lasci così? E come mi addormento ora??

dani62 is offline  
Vecchio 05-04-2005, 23.42.53   #7
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da freedom
che hai capito? Sei tu che me li devi! T'ho fatto più complimenti che alla mia prima morosa!
Come te li devo dare io?
Ma allora è vero che non c'è piu' religione!

Citazione:
Messaggio originale inviato da freedom
P.P.S.
Rimane un arcano non ancora svelato: perchè ho cambiato idea? Ma questo non posso dirtelo!
Io non te l'ho chiesto e per la verità pur essendo curioso come un bambino, non mi era passato per la mente.
Spero solo che nel tuo cammino almeno ti trovi bene e che evolvi in fretta per raggiungere la mia "assenza di strade". Così comunichaimo un po' assieme.

VanLag is offline  
Vecchio 05-04-2005, 23.46.05   #8
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Citazione:
Messaggio originale inviato da dani62
perchè ho cambiato idea? Ma questo non posso dirtelo!

Ho letto fin qui e mi lasci così? E come mi addormento ora??



Carissima.............

.......non posso dirtelo perchè non mi crederesti e sciuperei una straordinaria occasione..............

............ti addormenterai ti addormenterai........

Ma poi ti risveglierai anche!

Buonanotte e sogni d'oro.
freedom is offline  
Vecchio 05-04-2005, 23.57.49   #9
dani62
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 26-11-2004
Messaggi: 245
Citazione:
Messaggio originale inviato da freedom
Carissima.............

.......non posso dirtelo perchè non mi crederesti e sciuperei una straordinaria occasione..............

............ti addormenterai ti addormenterai........

Ma poi ti risveglierai anche!

Buonanotte e sogni d'oro.

Infatti sono sveglia....

grazie, mi violento perchè sono curiosa da matti e spengo!

'Notte a entrambi...

dani62 is offline  
Vecchio 06-04-2005, 00.35.04   #10
indigesto
Utente bannato
 
Data registrazione: 16-03-2005
Messaggi: 237
Il ridimensionamento............

Sono perfettamente d'accordo sul tema e il significato!! Non ho la capacità colturale dell'esposizione concettuale con le parole più adeguate , ma con un po' di pazienza proverò ugualmente a definire il mio pensiero!!.I guai vengono dalla GLOBALIZZAZIONE!! e mancanza di stimare i modi e i tempi del ridimensionamento a livello mondiale!! nel senso che la gara della prevaricazione socioeconomica necessita di un ampio respiro di pausa di riflessione e riordino nelle file di ogni paese emancipato!! Ripristinare il concetto AUTARCHICO , serrare le file!! , segnare il passo!! fermare il progresso tecnologico , scentifico , produrre per sè , depurarsi dell'ansia di strafare per sè e per altri!!. Impossibile capirlo!! e solo pensarlo , ma mentre si corre necessita pure riposarsi e riflettere , cioè rifinire la filosofia della vita , rivalorizzare la semplicità , la moderatezza , l'ansia del possesso , insomma riorganizzare la nostra società , almeno a livello europeo , preparare le nuove generazioni partendo da un punto zero con dogmi e dicipline nell'omogeneità europea del pensiero e delle singole nazionalità!! Le insopprimibili necessità barattarle con compensazioni senza uscire dalla parità . È assurdo??? è improponibile?? è stupido?? prima che sia troppo tardi nella prevenzione è la cura!!]]]
indigesto is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it