Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 10-07-2005, 18.20.06   #1
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Question la vita da dove viene?

La domanda è semplice: questo universo e ognuno di noi è composto di atomi, che di per se stessi non pensano e non ragionano: da dove viene dunque l'intelligenza, e il fatto che tutto l'universo obbedisce a delle leggi fisiche ben precise, per mezzo delle quali è stato possibile il formarsi della vita nella sua molteplicità...
Da dove vengono la vita e l'intelligenza secondo voi?

sunday01 is offline  
Vecchio 10-07-2005, 19.16.16   #2
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
re: Sunday 01

DA DOVE VIENE LA VITA?

Ho avuto l'impressione che nel tuo post tu ti sia fatto la domanda e dato la risposta: la vita viene dalla materia con cui è formato l'universo.

Caso mai, la domanda che dovremmo porci, se accettiamo per valida questa ipotesi, è la seguente: allora dovremmo tenere in altra considerazione la materia, poiché in qualsiasi parte dell'universo si dovessero formare le condizioni adatte, sarebbe in grado di formare la memoria e, quindi, il pensiero?

Il segreto della materia è quello di saper formare la memoria; in un primo momento la memoria fisica poi quella mentale.

Da lì parte tutto il processo che va a creare l'intelligenza, cioè: saper risolvere i problemi che ci si pongono davanti.

Se vuoi approfondire il concetto fammi un fischio.

Vapensiero is offline  
Vecchio 10-07-2005, 19.55.25   #3
Plat
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2004
Messaggi: 63
Ci sarebbe da considerare anche l'ipotesi "non poteva non saltar fuori", che esclude sia il caso che la creazione (entrambi partono dal presupposto che la vita poteva anche non esserci).
Plat is offline  
Vecchio 10-07-2005, 20.03.14   #4
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
re

Citazione:
Messaggio originale inviato da Plat
Ci sarebbe da considerare anche l'ipotesi "non poteva non saltar fuori", che esclude sia il caso che la creazione (entrambi partono dal presupposto che la vita poteva anche non esserci).

..tolto le parole di bocca...lo aggiungerei come terza opzione..

,klara
klara is offline  
Vecchio 10-07-2005, 20.33.51   #5
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
la vita

grazie per il suggerimento, ma come si fa ad aggiungere una terza opzione al sondaggio???

Ciao

sunday01 is offline  
Vecchio 10-07-2005, 21.17.52   #6
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Citazione:
Messaggio originale inviato da Vapensiero
re: Sunday 01



Il segreto della materia è quello di saper formare la memoria; in un primo momento la memoria fisica poi quella mentale.

Da lì parte tutto il processo che va a creare l'intelligenza, cioè: saper risolvere i problemi che ci si pongono davanti.

Se vuoi approfondire il concetto fammi un fischio.



Certo che vorrei approfondire: mi piacerebbe sapere in quale modo la materia può formare la memoria.
Grazie, è un argomento che mi interessa molto.
Ciao
sunday01 is offline  
Vecchio 10-07-2005, 21.49.18   #7
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
MI PIACEREBBE SAPERE IN QUALE MODO LA MATERIA PUO' FORMARE LA MEMORIA.
-------------------------------------------------------------------

Se ammettiamo che la vita sia nata dalla "Non vita", ovvero: dalla materia inerme, a causa di quel famoso brodo prebiotico, la domanda che dovremmo porci è la seguente: "Una volta nata la prima forma di vita, di cosa deve avere avuto bisogno per sopravvivere?"

Secondo il mio modo di vedere, la prima forma di vita per sopravvivere doveva avere bisogno di una memoria.

Tu obbietterai: ma come poteva avere una memoria una forma così primordiale?

La forma di vita primordiale poteva avere una memoria, non come oggi l'intendiamo noi, ma una memoria "fisica", perchè tale memoria era nella stessa materia con cui era formata; ovvero, la memoria fisica dello stato: liquido, solido e gassoso della materia stessa.

Mi spiego meglio: sappiamo che la vita è nata solo quando si sono verificate le condizioni elettrochimiche ottimali ma, soprattutto, la temperatura ottimale.

Ovvero: la vita primordiale, essendo nata a quelle temperature (per esempio 50° C) in lei vi era impressa la memoria fisica di quelle temperature, come d'altronde sono impresse in noi, con i recettori termici che abbiamo nella pelle.

Allora avremo che, se abbiamo una temperatura troppo alta ci scansiamo dalla fonte di calore mentre se troppo bassa ci avviciniamo alla fonte di calore. Un pò come fanno le pecore quando sono in branco.

Soltando avendo già in lei questa "memoria fisica" la prima forma di vita poteva svilupparsi ed evolversi, poichè sapeva riconoscere i suoi paletti termici o limiti termici.

Fammi sapere.

Ultima modifica di Vapensiero : 10-07-2005 alle ore 21.57.14.
Vapensiero is offline  
Vecchio 11-07-2005, 10.25.08   #8
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
E allora possiamo includere qualunque cosa nella memoria.. ricordo che è da distinguere la memoria dall'intelletto nell'accezione di ragione.. qualunque informazione può essere memorizzata su supporto fisico. Questo non spiega dunque la ragione che è prerogativa umana.
SebastianoTV83 is offline  
Vecchio 11-07-2005, 11.36.05   #9
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
la vita da dove viene...

Citazione:
Messaggio originale inviato da Vapensiero


Se ammettiamo che la vita sia nata dalla "Non vita", ovvero: dalla materia inerme, a causa di quel famoso brodo prebiotico, la domanda che dovremmo porci è la seguente: "Una volta nata la prima forma di vita, di cosa deve avere avuto bisogno per sopravvivere?"

Secondo il mio modo di vedere, la prima forma di vita per sopravvivere doveva avere bisogno di una memoria.

Soltando avendo già in lei questa "memoria fisica" la prima forma di vita poteva svilupparsi ed evolversi, poichè sapeva riconoscere i suoi paletti termici o limiti termici.


La tua spiegazione è chiara per quanto riguarda la prima forma di vita, ammesso che poteva possedere già una “memoria fisica”, ma quello che mi chiedo è come da una materia inerte, o, per specificare meglio, da una combinazione di atomi, può essere nata una forma vivente, seppure molto semplice.
Con questo non voglio fare una disquisizione sulla fisica degli atomi!!!
Ma il mio quesito va oltre, e cioè che anche il più semplice atomo di idrogeno (per fare un esempio) deve pur avuto origine da qualcosa…
Perché ogni spiegazione sull’origine della vita dà per scontato che qualcosa esisteva già prima…
Lo so, questa è una domanda impossibile, eppure la vita è sotto i nostri occhi e non c’è dubbio che ogni forma di vita possiede in sé quell’intelligenza o “memoria” che fa sì che la vita trovi le condizioni ottimali per perpetrarsi…
Pure noi siamo fatti di atomi o “polvere” e sappiamo per certo che atomi o “polvere” ritorneremo…
Quindi, ammesso che questi esistono da sempre, pure gli atomi di cui siamo composti, esisteranno sempre…

sunday01 is offline  
Vecchio 11-07-2005, 12.08.00   #10
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
Re: la vita da dove viene...

Citazione:
Messaggio originale inviato da sunday01
La tua spiegazione è chiara per quanto riguarda la prima forma di vita, ammesso che poteva possedere già una “memoria fisica”, ma quello che mi chiedo è come da una materia inerte, o, per specificare meglio, da una combinazione di atomi, può essere nata una forma vivente, seppure molto semplice.


..il fenomeno dell'auto-organizazione..negli ultimi anni e' ormai diventato chiaro che molti sistemi fisici e chimici,in certe circostanze,possono compiere spontaneamente un balzo verso stati di maggiore complessita' organizzativa...si ipotizza che le leggi della fisica e della chimica agiscono in modo tale che,date le giuste condizioni,la materia si evolve naturalmente e automaticamente lungo certi percorsi evolutivi che portano a stati di sempre maggiore complessita' organizzativa;quando questa complessita' supera una certa soglia il sistema si puo' considerare vivente...(ti ho citato alcune estrapolazioni dalle lezioni italiane di P.C.W. Davies..)...quindi e' una proprieta' della materia?

,klara
klara is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it