Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 21-07-2005, 15.19.42   #1
Jack Sparrow
Pirate of the Caribbean
 
L'avatar di Jack Sparrow
 
Data registrazione: 23-05-2005
Messaggi: 363
La duplice natura umana

avete mai notato come in tantissime filosofie, pensieri, religioni, persino teorie, la natura dell'uomo è resa in modo duplice?

sin dall'antichità si distinguevano due "facce della stessa medaglia":
l'anima passionale e l'anima razionale;

platone le chiama "anima concupiscibile e anima irascibile" una, e "anima razionale" l'altra;
lucrezio le chiamava anima e animus;
giunti al cristianesimo si cominciò a parlare di dio e di satana, i "leader" dei due modi di essere.

ma se si cerca in tempi più recenti, le cose non vanno in direzione diversa:

nietzsche ad esempio ci parla di apollineo e di dionisiaco, mentre freud ci spiega come, secondo lui, l'ego sia influenzato dall'es per un verso e dal superego dall'altro...

persino schopenhauer, riprendendo la filosofia orientale, contrappone la "nolontà" alle sofferenze della "volontà"...

...

io non credo che tutto ciò sia casuale;

forse davvero abbiamo una duplice natura:

- il nostro lato più naturale e istintivo (il dionisiaco, l'anima concupiscibile, la volontà, la passione), quello che ci spinge verso i piaceri del corpo (come mangiare o amare, ma anche verso la competizione)

- il nostro lato razionale e spirituale (l'anima razionale, l'apollineo, la nolontà), quello che ci porta al piacere intellettuale (lo studio, l'ascesi o l'amore platonico)

credo anche che probabilmente la felicità si raggiunge con una perfetta fusione dei due lati, mentre le sofferenze nascono quando questi entrano in conflitto (o quando si fallisce "dal primo lato")

credo inoltre che sia il secondo a distinguerci dal resto della natura;
è forse l'autocoscienza stessa?

voi che ne pensate??

Ultima modifica di Jack Sparrow : 21-07-2005 alle ore 15.21.55.
Jack Sparrow is offline  
Vecchio 21-07-2005, 19.29.30   #2
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
D'altronde siamo tutti una sintesi di mamma e papà.
sisrahtac is offline  
Vecchio 23-07-2005, 10.04.39   #3
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Re: La duplice natura umana

Citazione:
Messaggio originale inviato da Jack Sparrow
io non credo che tutto ciò sia casuale;

forse davvero abbiamo una duplice natura:

- il nostro lato più naturale e istintivo (il dionisiaco, l'anima concupiscibile, la volontà, la passione), quello che ci spinge verso i piaceri del corpo (come mangiare o amare, ma anche verso la competizione)

- il nostro lato razionale e spirituale (l'anima razionale, l'apollineo, la nolontà), quello che ci porta al piacere intellettuale (lo studio, l'ascesi o l'amore platonico)

credo anche che probabilmente la felicità si raggiunge con una perfetta fusione dei due lati, mentre le sofferenze nascono quando questi entrano in conflitto (o quando si fallisce "dal primo lato")

credo inoltre che sia il secondo a distinguerci dal resto della natura;
è forse l'autocoscienza stessa?

voi che ne pensate??


Io penso che, esaminando il nostro cervello, le due metà di cui è composto presiedono una l'istintività e l'altra la razionalità...
La nostra natura è duplice, ma pensandoci bene tutto o quasi in natura è duplice... e le due metà fanno l'intero...
Il nostro cervello possiede un immenso potenziale creativo: elaborando i dati provenienti dall'esterno, dal mondo che ci circonda, riesce e rielaborarli dal di dentro, dando loro una forma che trascende quella esterna, ricreando il mondo dal di dentro,
trasportandoli da un piano materiale a un piano spirituale, immateriale, facendo sì che evolvendo noi facciamo evolvere anche l'universo intorno a noi..., e questa facoltà del nostro cervello ci distingue dal resto della natura...
ma non credo che sia questa l'autocoscienza.
Io credo che l'autocoscienza sia l'interscambio tra la nostra parte istintuale e quella razionale, e come dici tu, se prevale una sull'altra non si può raggiungere l'equilibrio ossia la felicità....
Eppure osservando gli animali forse loro riescono molto meglio di noi a essere sereni e in pace con la natura, quante volte noi disturbati dai nostri stessi pensieri razionali non riusciamo a rilassarci completamente, essendo troppo occupati a inseguire i nostri pensieri, che se sarebbero più essenziali, eliminando tutti quelli di cui potremmo fare a meno, ci lascierebbero più spazio per vivere il mondo che ci circonda...
Il nostro lato istintuale troppe volte è soffocato da quello razionale...
Eppure uno completa l'altro, di ogni cosa ci sono due lati:
il maschile e il femminile, il positivo e negativo, il bianco e il nero,
il bene e il male, ecc. e uno non può esistere se non esiste l'altro...
E sono convinta che se la natura è duplice tutto questo non è un caso, ci vogliono due metà per fare un intero...
ci vogliono un uomo e una donna per creare una vita....
Sarà un caso???
E tornando a noi, una metà del cervello non può funzionare senza l'altra metà...
L'autocoscienza è l'uomo tutto intero, la parte razionale e quella istintiva, è questa la nostra peculiarità sulla natura.
Ciao
sunday01 is offline  
Vecchio 23-07-2005, 10.16.12   #4
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
Beh, la duplicità è sempre presente in molte concezioni.. forse perché l'iterazione fra due elementi è la via più semplice per produrre un fenomeno.. il fatto è che poi le strutture si complicano sovrapponendo dualità alle dualità, facendole toccare, manipolare, influenzare vicendevolmente.. anche io distinguo in due componenti fondamentali l'uomo: Il discorso (interiore ed esteriore) e la presenza.
SebastianoTV83 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it