Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 03-12-2005, 14.08.04   #11
z4nz4r0
weird dreams
 
L'avatar di z4nz4r0
 
Data registrazione: 22-05-2005
Messaggi: 483
la parola 'conoscere'

trovo che sia un termine troppo vago per parlarne in modo chiaro. Piuttosto le scienze si occupano di trovare un ordine tra le esperienze in modo da aumentare quello che è, in una qual certa misura, l'intervallo di 'prevedibilità' derivato dai ricordi di esperienze passate. Ecco, quell'intervallo potrebbe intendersi come una misura della conoscenza.
Non è possibile conoscere completamente un 'qualcosa' ignorandone una 'qualsiasi altra'.
Il fatto è forse che taluni quando parlano di conoscenza sembrano volergli attribuire un valore assoluto (tipo Socrate), talaltri la usano questa parola con sciolta disinvoltura.
L'intervallo di prevedibilità, può anche pensarsi come un'estensione diciamo 'atemporale' poichè in quel solitamente breve e sfumato intervallo, sull'ignoto futuro si addensano grumi di probabilità e valori attesi.
Ora è chiaro che una 'coscenza' che 'conoscesse' o meglio che avesse completa esperienza "della nostra realtà, del nostro mondo", vivrebbe al di fuori del "nostro tempo", guardando il "nostro mondo" non percepirebbe movmento alcuno; poichè queli che per noi sarebbero cambiamenti per essa sarebbero fissati intervalli di dimensioni spaziali. Penso che la conoscenza tenda timidamente ad allontanare i limiti sulle dimensioni verso il trascendiment della separazione.
z4nz4r0 is offline  
Vecchio 04-12-2005, 03.32.00   #12
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Re: Il paradosso di Menone: ha senso la filosofia?

[quote]Messaggio originale inviato da Elijah
[b]Ciao a tutti...




Il paradosso di Menone, pur essendo controintuitivo, pone un problema serio: come è possibile l'avanzamento della conoscenza?

Si può cercare ciò di cui non si sa che cosa sia?



Come è possibile...
Si può vedere ciò di cui non si sa che forma abbia?
Si può udire ciò il cui suono non si è mai udito?

Menone avrebbe risposto: "Vedere non è cercare" "Udire non è intendere".

Bene. E l'ombra, prodotta dall'assenza della luce, è dunque un "vedere"?
Ed il silenzio, quando è avvertito come silenzio, non è forse un sentire?

Nessuno pretenda di dare un colore all'intento di capire e di sapere: la filosofia non ha colore.
"Quando la filosofia tinge il suo grigio sul grigio del comprendere, allora la nottola di Minerva spicca il suo volo: sul far della sera." (Hegel).

Menone, ricreduto, darebbe fuoco alla lampada ed aprirebbe il libro.
Weyl is offline  
Vecchio 07-12-2005, 00.18.45   #13
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
x quelli che sono intervenuti...

Le cose sono un po' più complicate di quel che io ho esposto... appena posso spiego meglio il paradosso...

Nel frattempo,
vorrei ricordarvi che Menone ha esposto per un motivo di stizza il paradosso, in quando è incappato (per volere di Socrate)
nel problema, logico-ontologico, della definizione, del logos che manifesta la ousia. Ma Menone avrebbe ben desiderato di non esporlo...
Spero che non sia arabo quello che ho appena scritto...

Qua c'è una versione meglio tradotta del passo... [tra parentesi c'è il termine in greco x chi lo conoscesse]. Più un breve commento...

"E in che modo, Socrate, cercherai [zêtêseis] ciò che non sai [mê oistha] assolutamente [to parapan] che cosa sia [oti estin]? Quale delle cose che non sai ti proporrai di cercare? E se anche ti capiterà di imbatterti in essa, come saprai che è ciò che non conoscevi? - Capisco che cosa vuoi dire, Menone. Guarda un po’ che argomento eristico introduci [eristikon logon]! Non è possibile all’uomo cercare né quello che sa, né quello che non sa: infatti non cerca quello che sa, perché lo sa e non ha bisogno quindi di cercarlo, né ciò che non sa, perché non sa neppure che cosa cercare. - Non ti sembra allora che questo sia un bell’argomento?" [80d-81a]
(mitico l'humor di Socrate!)

La obiezione eristica di Menone è forse il suo contributo più interessante, soprattutto perché riflette probabilmente un autentico imbarazzo platonico. Vi si esprime l'aporia di un non-sapere da Socrate costantemente ma contraddittoriamente (almeno nell’ottica che il discepolo manifesta attraverso Menone) coniugato con l’impulso alla indagine. Platone, come abbiamo segnalato, appare disposto, in una qualche misura, ad ammettere la potenziale sterilità dell’approccio del maestro, più efficace sul piano catartico che non su quello propositivo. Assistiamo forse a un passo decisivo nella crisi del giovanile socratismo platonico, sollecitata dal maturare di opinioni originali, da una esigenza contemplativa cui ci siamo riferiti a proposito della insistenza sulla definizione.

La difficoltà proposta da Menone vuole marcare la impossibilità della ricerca di ciò che in assoluto non si conosce. Infatti, quanto si ignora (assolutamente: ritorna la forma avverbiale to parapan), proprio perché ignorato, non sarà neppure cercato. D'altra parte, anche ammesso che si cerchi qualcosa, se non lo si conosce preventivamente, neppure sarà possibile ri-conoscerlo nel caso lo si incontri nel corso della indagine. In questo modo si manifesta il fondo eristico nella versione socratica: ogni ricercare sarà vano, dal momento che quando si conosce non si cerca, né è possibile farlo quando non si conosce.


Insomma... il paradosso comprende una marea di cose... varie sono le soluzioni possibili... quando ho tempo - se volete - provo a metterle giù...

Altri problemi che possono sorgere dal paradosso...
Affermazioni dei sofisti: è vero quel che dicono i sofisti e uno dei loro più grandi esponenti, Gorgia, cioè che non si può imparare e quindi neanche insegnare?

E poi...
Il fatto che non si conosce, e non si può sapere, implica forse che quel qualcosa non ci sia?
Se no, allora perché affidarsi alla conoscenza, se essa è limitata...?

Elia



P.S.: ho notato che il link ke ho messo non va (più)...

Ultima modifica di Elijah : 07-12-2005 alle ore 00.27.55.
Elijah is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it