Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 30-03-2006, 21.36.19   #1
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Il pensiero anarchico

Costruttività sociale e politica:
che posto ha l'anarchismo?


N.B: questo non vuole essere un invito all'astensionismo (!) -per carita!!

Ma un'invito alla critica del pensiero anarchico ed alla sua possibile realtà
in seno ad un mondo ormai ben affogato nella burocrazia-potere.

Riporto qui l'articolo che vorrei porre come spunto
di ricerca:

<<Chiedersi per chi votare significa chiudere ancora una volta gli occhi per non vedere lo sfruttamento e la repressione che ci circondano. Votare è apportare più o meno consapevolmente il nostro contributo alla società opprimente in cui viviamo.

Destra e sinistra sono due facce della stessa medaglia: guerre, devastazione, violenza su lavoratori, immigrati e nomadi, poveri e oppositori sono le caratteristiche intrinseche di qualsivoglia schieramento in corsa per il potere.

Dovremmo andare con la coda tra le gambe a dare il nostro consenso a chi infligge una morale agli altri e non certo a se stesso, a chi stabilirà i nostri bisogni e i nostri tempi, a chi continuerà a distruggere tutto ciò che non crea profitto annientando ogni libertà in nostro nome.

Ci chiedono di eleggere chi ci dirà cosa è lecito e cosa non lo è, chi continuerà ad erigere le recinzioni che ci circondano, chi definirà ancora una volta una legalità da rispettare, pena la perdita totale della nostra libertà fisica, controllando in dettaglio la vita di ognuno di noi, soprattutto attraverso l’uso sempre più invasivo della tecnologia. Votare insomma il nostro carceriere preferito.


Noi pensiamo che si debba vivere in armonia con l’ambiente circostante, rispettando le esigenze di ogni essere vivente e costruendo rapporti non più basati su logiche di sfrenato e crudele dominio sull’uomo, sugli altri animali o sulla terra; che l’organizzazione del lavoro così come è concepita (padrone/lavoratore) sia solo una eufemistica forma di schiavitù, quando ognuno dovrebbe invece essere libero di accordarsi con i suoi simili per provvedere alle proprie esigenze, senza dover pagare tributo a nessuno, a seconda delle locali necessità e dei propri reali bisogni.

Pensiamo che gli esseri umani, nonostante i naturali legami con il luogo ove sono nati e cresciuti, possono distinguersi per le loro idee, inclinazioni, attitudini, non certo in base a tratti somatici, razziali o nazionali per questo rifiutiamo ogni tipo di razzismo, di frontiera e di Stato.

Non affidiamo ad una croce i nostri desideri di libertà. I governi, le Istituzioni, l’Autorità costituita non rappresentano una soluzione ad alcun problema, ne sono anzi la causa principale.

E’ attraverso l’autogestione, il libero accordo e la diffusione di relazioni antiautoritarie che si costruiscono società libere.

Non partecipiamo alla formazione dei governi né all’illusione di un cambiamento radicale dell’esistente dall’interno dei palazzi del potere. Non partecipiamo alla nostra oppressione.

Partecipiamo alle lotte fuori dai partiti contro lo sfruttamento statalista e capitalista degli esseri viventi e della natura; alle lotte contro il carcere, i manicomi, contro l’isolamento e la segregazione dei corpi e delle coscienze. Sperimentiamo l’apertura di luoghi autogestiti dove i rapporti sono basati sul confronto orizzontale, dove si combatte la gerarchia, il pregiudizio religioso, la discriminazione sessista e razzista. Non deleghiamo a nessuno la nostra vita. Scegliamo la libertà. >>

("Non affidiamo ad una croce i nostri desideri di libertà"
da www.autistici.org )



I valori, gli intenti, gli ideali sono quelli di una società basata su un individuo consapevole, responsabile, ma quanto una realtà di questo tipo può aver presa su di un mondo lanciato verso tutt'altri intenti?
Greenpeace (purtroppo) spesso strappa un sorriso, amnesty segue a ruota seppur entrambe portino da anni avanti lotte e vittorie, anche se minime sulla grande mole di interventi che restano e si moltiplicano ogni giorno.

Quanto un futuro prossimo di responsabilizzazione possa mai essere fattibile in tali toni?



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 30-03-2006, 22.05.50   #2
argos
Ospite abituale
 
L'avatar di argos
 
Data registrazione: 30-03-2006
Messaggi: 80
son favorevole ha ciò che hai scritto. In teoria sarebbe fattibile, anzi forse solo in teoria. Solo nelle menti libere e ribelli di alcuni è possibile costruirsi un mondo simile, dove la politica aiuti a risolvere i problemi piuttosto che moltiplicare gli interessi di qualcuno, solo nelle menti che hanno fantasia e che sanno volare con le proprie idee è possibile. Solo dentro ognuno di noi è possibile e non necessariamente ricorrendo all'anarchismo.
La civiltà non è altro che quell'insieme di concetti evoluti di una società che provano a gestire la violenza e la volgarità dell'uomo, se ricorriamo all'anarchismo tutto ciò salta.
penso sia il buon senso quello da usare.

Essere onesti piuttosto che furbi, solidali piuttosto che ingordi.. essere meno materialisti e più divini, più vivi, più veri!

Serve usare la voce del cuore, quella che tutti dentro hanno, politici o meno: la coscienza, l'UMANITA'.

Inoltre sono convinto che il freno più grande ad un mondo come tu lo hai descritto non sono i politici ma la società...
la gente pigra quella che non pensa, quella che segue la moda del momento pensando di trovare gloria, quella che si lascia andare a gioie effimere di poco conto come una pizzettina al bar, quella gente che legge il corriere dello sport, quella che guarda i reality show, perchè queste cose non gli danno problema... capisci?..
nonostante tutto come ti dicevo prima un mondo come piacerebbe te dobbiamo prima di tutto costruircelo dentro di noi, poi passo dopo passo costruirlo fuori!
Bella speranza eh..
argos is offline  
Vecchio 31-03-2006, 09.23.29   #3
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Il pensiero anarchico

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
un'invito alla critica del pensiero anarchico ed alla sua possibile realtà in seno ad un mondo ormai ben affogato nella burocrazia-potere.
In teoria è bellissimo, come è bellissimo sempre in teoria il messaggio di Cristo basato sull’amore, ma credo che purtroppo entrambi siano ipotetici, almeno per ora.

La realtà sembra essere che: - Dati due o più individui che convivono, ed in assenza di capacità dialettiche e di buona volontà reciproca, è necessaria una legge che stabilisca le regole di interazione. –
Ma il problema, secondo me, non è tanto la legge in se quanto il fatto che la legge, soprattutto quella italiana, non vuole solo stabilire delle regole di convivenza tra persone che siano frutto di convenzioni, ma pretende di stabilire il “valore” e di dirci cosa è bene e cosa è male e da lì il grande senso di oppressione sull’individuo che tutti percepiamo. Questa pretesa di guidare le coscienze degli individui creando una legge morale invece di una legge funzionale, ha prodotto questa società corrotta e decadente, perché ha esautorato le coscienze dei singoli dall’assumersi la responsabilità del bene e del male, e di questa esautorazione sono responsabili le religioni.

VanLag is offline  
Vecchio 31-03-2006, 16.17.12   #4
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
L'anarchia è una utopia cioè qualcosa che non è possibile realizzare in alcun luogo.
La legge è necessaria in questo universo fisico, come è evidente, ed è necessaria anche sul piano sociale perchè l'uomo è libero di scegliere:
l'assoluta libertà di coscienza di uno può confliggere con la libertà di coscienza dell'altro, perciò è necessaria una "terzietà" che giudichi: la legge appunto.
Se tutte le coscienze degli uomini, dalla nascita alla morte, fossero informate dal principio, " fa agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te", se così fosse, allora la legge sarebbe superflua.
Questo non è possibile perchè ogni coscienza percorre un cammino evolutivo e, nel migliore dei casi, solo al termine del cammino la sua coscienza è perfettamente Umana ed è informata da quel principio.

Ultima modifica di Giorgiosan : 31-03-2006 alle ore 16.22.26.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 01-04-2006, 13.33.54   #5
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Ricorrente nelle vostre osservazioni è che il pensiero anarchico
sia pensiero utopico e perciò irrealizzabile..

"Usando le parole di Rudolf Rocker, azione diretta è: ogni metodo di guerra immediata dei lavoratori (o altre persone nella società) contro i loro oppressori economici o politici. Tra questi le più note sono: lo sciopero, in tutte le sue forme, dalla lotta per gli stipendi allo sciopero generale; il boicottaggio; il sabotaggio in tutte le sue forme; occupazioni; propaganda antimilitarista, e in casi particolarmente critici, (...) resistenza armata della gente per proteggere la propria vita e libertà.
L’azione diretta non è applicabile soltanto sul luogo lavorativo, deve avvenire ovunque con mancati pagamenti di affitto e tasse, boicottaggio di certi prodotti, occupazioni, impedimento di costruzioni per motivi ecologici ecc... Semplicemente, azione diretta significa agire da solo senza aspettare che qualcuno lo faccia per te, poiché solo agendo direttamente le cose possono cambiare.
Quindi, rifiuto l’idea che la società sia statica, e che le coscienze delle persone, le loro idee ed ideali non possano essere cambiate. L’azione diretta provoca una trasformazione degli stessi che la fanno, perché agendo per se stessi, oltre a soddisfare la propria voglia di libertà, dimostrano che ogni cosa è possibile, se esiste la volontà per farla. Liberandoci dalle catene mentali, ci rendiamo conto che tutto è possibile, collaborando ed agendo direttamente.
Grazie all'azione diretta ci siamo liberati dalla schiavitù dei secoli passati, e con questa forza diretta abbiamo anche ottenuto le cosiddette "libertà civili".
" (da http://www.ecn.org/contropotere/)

Eppure è innegabile che è proprio stato così:
ogni forte rinnovamento è nato da una presa di coscienza individuale quindi (in secondo tempo) collettiva tradotta in una forza contrapposta; qualunque miglioramento è stata proprio ottenuto tramite la lotta collettiva partita dall'opposizione del singolo individuo di fronte alle forme di potere oppressivo dominante e verso l'ingiustizia, attraverso il non sostentamento, l' astensionismo contro il sistema di potere vigente. La lotta per la parità razziale, di classe, di sesso, e prima ancora verso le dittature straniere e gli stessi autoritarismi statali!!
Quale negro, quale donna, quale parità al diritto d' alfabetizzazione, al pane ci sarebbe mai stata senza la lotta partita dall'astensionismo di un singolo <folle> idealista se con la sua propria <disperata> rivoluzione tirante dietro sé folle intere e col tempo la stessa <massa> dell'opinione pubblica???!!
Spesso si cita ad esempio il forte potere della non-azione gandhiana, e diamo pure forza al credo d'un inghilterra fondamentalmente senziente al progetto di volontà indipendentista (indiana), ma cosa se non l'opinione pubblica fu proprio perno trascinante nella decisione finale di togliere gli artigli da una terra che con grande volontà di ribellione portò a galla agli occhi di tutta la comunità internazionale la netta distinzione tra il senso di giustizia e la violenza?!!

Questo potere nelle mani del singolo c'è
ed è fortissimo!!!
C'è una <politica> d'indottrinamento mirante all'oblio di questo potere attivo.. Ce ne si rende conto?! Il nostro "si" ed il nostro "no" passa prima dall'ipotetica approvazione di un pensiero di massa inesistente!!! Perché se al singolo chiediamo cosa sia "giustizia" sa ben rispondere guardando direttamente alla sua propria vita di ogni giorno; perché allora riusciamo a trovare lecito ciò che visibilmente senza tacito plagio mistificante diverrebbe agli occhi di tutti abuso di potere!!!!!
E parlo di quella "economia" dove un povero cristo qualunque si rende conto che qualcosa "non marcia" e tentandone la comprensione gli par di metter mano ad un universo parallelo tanto questo risulti distante ed occultante il potere base legittimo della decisione individuale(!)

Un sistema politico statale di verticalità che in definitiva toglie di mezzo dalla reale partecipazione collettiva
l'individuo ed suo potere decisionale soggiogandolo di fatto nell'illusione d'esserne invece l'ipotetico seppur latente fautore:

<Una legge importante come quella di revisione costituzionale del 22 novembre 1999 (riferimento a: L. cost. 22 novembre 1999, n. 1, "Disposizioni concernenti l'elezione diretta del Presidente della Giunta regionale e l'autonomia statutaria delle Regioni" >www.camera.it ), che disciplina la forma di governo regionale standard e quella transitoria attualmente in vigore, parla anche della cultura politica e istituzionale della classe politica che l’ha voluta e del più generale “ambiente” che quella cultura ha prodotto: assumendo questo punto di vista, propongo le seguenti osservazioni.
La legge dimostra che è prevalente oggi in Italia una cultura per descrivere la quale si può far ricorso alle parole [...] in chiave critica – di Giuseppe De Rita :“gli anni Novanta sono stati segnati da una dinamica politica pervasa da opzioni diverse ma tutte disattente al problema del riassetto complessivo del nostro sistema istituzionale e incentrata su tre scelte correlate fra di loro: la scelta del primato della decisionalità; la scelta della concentrazione e verticalizzazione del potere; la scelta della personalizzazione delle decisioni e del potere”. La prima “talvolta corrivamente scivolata nel più arrogante decisionismo ... ha squilibrato ... il necessario equilibrio fra decisionalità e rappresentanza”, determinando “la pratica inutilità odierna dei consigli comunali, provinciali e regionali, veri e propri fantasmi istituzionali senza ruolo” ridotti “a mere comparse dell’attività e dell’attivismo personale del sindaco, del presidente della provincia, del presidente ... della regione”.
Ne è derivato – e si passa così alla seconda scelta – lo “spostamento delle decisioni in ambiti sempre più ristretti di potere; [la] tendenza a cercare o imporre leader anche improbabili in ristrette cerchie di interesse e d’opinione; [la] coltivazione del mito del capo, necessario e spesso mitico delle istituzioni”. Polemizzando con chi afferma “che è proprio il carattere di proliferazione molecolare della nostra società che impone come sua singola unificazione possibile il presidenzialismo al vertice”, si fa notare che questa ipotesi è “intimamente vecchia, in quanto risente ancora dell’antica concezione piramidale del potere, con un «faraone» che opera sul fluire della domanda e della risposta decisionale lungo dinamiche squisitamente gerarchiche”.
Quanto infine alla terza scelta – strettamente correlata alle prime due – De Rita parla di “ricerca regressiva di decisionalità e di «capi»” in chiave, aggiungerei, più d’incarnazione di tipo populista3, che di rappresentanza liberaldemocratica, tale dunque da non richiamarsi alla statemanship e cioè al “peso del valore personale dei leader che ha sempre connotato la politica e lo Stato”, ma a “un più pesante e ambiguo fenomeno di identificazione della politica con figure e vicende squisitamente personali”: se la rappresentanza “ha bisogno di un paziente lavoro collettivo, il decisionismo ha bisogno di uomini che sappiano «impersonarlo»; se la partecipazione ha bisogno di canali e di dinamiche di tipo collettivo, la verticalizzazione del potere ha bisogno di uomini che siano o almeno appaiano straordinari leader maximi”.[..]
(da www.costituzionalismo.it/articolo.asp?id=116 )

Siamo davvero sicuri che ciò che è stato motore storico
del progresso civile, la lotta collettiva <al singolare>, sia oggi
defunto in una legittimazione di una <dittura maggioritaria> per così dire??!


(qualche domanda a Chomsky intorno alle prospettive anarchiche in http://www.zmag.org/italy/chomsky-ot...deanarchia.htm)



Gyta

Ultima modifica di gyta : 01-04-2006 alle ore 13.46.24.
gyta is offline  
Vecchio 01-04-2006, 13.59.29   #6
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Ma Chomsky non è quello che ha detto una cosa tipo.....

"se c'è un gruppo di uomini che non stanno facendo nulla, fagli scavare un buca anche se non serve a nulla, quando l'hanno scavata fagliela riempire"

Questo mi basta per capire cosa pensa dell'anarchia , saggio uomo.
E questo post lo ha scritto un "anarchico" fautore del "vivi e lascia vivere"
(che però si rende conto che l'uomo nella massa ha bisogno di essere regolamentato)

Uno is offline  
Vecchio 01-04-2006, 14.11.23   #7
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
E bravo Uno!
Qualcuno cantava: "..e dubbi di qualunquismo son quello che mi resta!"

Non ti bacchetto.. ti "odoro" e mi basta!
(che significa"potresti spremerti unpo' di più
..nutro grandi speranze su di te! " )



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 02-04-2006, 03.10.01   #8
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Mentre io

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
E bravo Uno!
Qualcuno cantava: "..e dubbi di qualunquismo son quello che mi resta!"

Non ti bacchetto.. ti "odoro" e mi basta!
(che significa"potresti spremerti unpo' di più
..nutro grandi speranze su di te! " )



Gyta


Io, cara Gyta, da liberale radicale quale sono e sempre sono stato, con le botte sul groppone prese negli anni '70 e ''80, tante dai "rossi" quante dai "neri", io ti bacchetterei le idee, amica vicinissima, fino a farle "rosse", o, "nere"...
Perchè un colore, vedi, è meglio dell'incolore.
"Sis quodcumque voles, non aliena tamen".
Weyl is offline  
Vecchio 02-04-2006, 13.30.38   #9
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da Uno
Ma Chomsky non è quello che ha detto una cosa tipo.....

"se c'è un gruppo di uomini che non stanno facendo nulla, fagli scavare un buca anche se non serve a nulla, quando l'hanno scavata fagliela riempire"

se non erro, ciò è stato detto da Keynes, e costui non era certo un anarchico
epicurus is offline  
Vecchio 02-04-2006, 17.41.40   #10
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
Messaggio originale inviato da Weyl
..Perchè un colore, vedi, è meglio dell'incolore..

Ma il pensiero, caro Weyl, è pieno di.. colore!!




Gyta
gyta is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it