Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 06-01-2003, 13.50.51   #1
steppenwolf
Iscritto
 
Data registrazione: 23-12-2002
Messaggi: 13
Eterno ritorno e senso dell’essere: chi mi aiuta?

Vorrei parlarvi di due cose apparentemente scollegate (il cui nesso apparirà solo alla fine): l’una è il sentimento delle “situazioni tipiche” e l’altra è una riflessione sullo scopo dell’uomo.
Quanto al sentimento delle situazioni tipiche, mi riferisco ad una specie di deja-vu trans-generazionale. Non per voler banalizzare, ma ho sempre pensato che uno degli aspetti più affascinanti della dottrina di Nietzsche dell’eterno ritorno fosse proprio il nome stesso con il quale il filosofo citato qualificava questo suo insegnamento (die ewige Wiederkehr). All’inizio, trovandomi in solitudine al cospetto di paesaggi naturali incantevoli, mi ritornava spesso in mente la sola espressione “eterno ritorno”. Più tardi, ho capito che quell’espressione mi sovveniva in quelle circostanze di tempo e di luogo in quanto al cospetto di paesaggi naturali immutati è più facile sentire il richiamo dell’eterno ritorno che non al cospetto di paesaggi urbani profondamente modificati. In seguito, affinando il mio intuito (attraverso films, letture, documentari storici, etc…), ho provato il richiamo dell’eterno ritorno anche in situazioni più strane. Il sentimento dell’eterno ritorno è ora evoluto in qualcosa d’altro e cioè nella consapevolezza che il numero di sensazioni umane è limitato ed esse eternamente si ripetono. Come si sposa questa mia convinzione con l’osservazione dell’unicità del singolo individuo? Le due intuizioni mi sembrano non contraddittorie nel senso che di fronte ad uno stimolo dato ognuno di noi reagisce a modo proprio ma comunque con un comportamento tipico. Forse un esempio chiarirà meglio il concetto che intendo esprimere. Quando un soldato si trova in prima linea, sia che si tratti di un legionario romano nelle guerre di Dacia e sia che si tratti di un marine americano che sbarca in Normandia, il novero dei sentimenti umani ai quali attingere è sempre limitato e immutato: la paura di morire, l’idea dell’inutilità della guerra, il flash in cui rivede la propria vita, l’esaltazione che deriva dalla convinzione che si è dalla parte dei buoni, la fiducia che deriva dal sapere di poter contare su un battaglione armato meglio e più numeroso, la sfiducia che deriva dalla consapevolezza che la forza d’inerzia è sfavorevole, etc…
Più in generale, le situazioni tipiche sono molto numerose ma il loro numero è comunque finito e penso che la comprensione tra gli uomini sarebbe facilitata se ciascuno di noi avesse vissuto il maggior numero di situazioni tipiche perché, percependo la sostanziale unità dell’esperienza umana, potrebbe immediatamente vedere se stesso nell’interlocutore.
Saltando alla seconda riflessione apparentemente slegata dalla prima, vorrei parlarvi di quello che secondo me è lo scopo dell’uomo. In proposito, ne ho sentite tante: l’estrinsecazione della propria volontà di potenza, il progresso culturale e sientifico dell’umanità, la soddisfazione dei propri bisogni, etc… e ho anche sentito che la vita umana non avrebbe alcun senso (o, almeno, non necessariamente). Io ho una concezione parzialmente diversa e forse qualche autore che non ho letto la ha già espressa prima di me. Io penso che ciò che caratterizza più in generale la vita e la natura sia un eterno rinnovamento, cambiamento, rifiorire. Penso cioè che, come accade per l’ordinamento giuridico, anche per l’ordinamento naturale si possa predicare la distinzione tra leggi costituzionali e leggi ordinarie. Partendo da questa distinzione, penso che un esempio di legge naturale ordinaria sia la legge della selezione naturale e penso che l’unica legge naturale costituzionale sia quella che tutto trasmuta. In questo senso, penso che lo scopo dell’uomo sia quello di… spostare sempre più in là il limite di ciò che si ritiene possibile fino al limite… dell’autodistruzione (questo proprio perché nulla è eterno). A questo punto però sono caduto in due contraddizioni. L’una è solo apparente (e cioè: come si sposa la mia teoria delle situazioni tipiche con il mio convincimento che lo scopo dell’uomo sia quello di vivere esperienze e sfide nuove?) e l’altra è reale e non l’ho sciolta nemmeno a me stesso (se qualcuno mi può aiutare gliela dico dopo).
Quanto alla prima contraddizione apparente, essa può essere agevolmente sciolta nel senso che il sentimento di sentirsi dio che prova l’uomo nello spostare un po’ più in là il limite del possibile è sempre identico. Ognuno, nel suo piccolo, si è sentito (se non dio) almeno “demone” nella misura in cui ha spostato un po’ più il là (non già il limite umano ma) il proprio limite personale.
La seconda contraddizione reale e sulla quale chiedo aiuto è questa: la fondamentale legge di natura è il cambiamento ma non può essere che proprio questa legge imponga che essa stessa va rinnovata nel suo opposto? Non potrebbe cioè l’uomo essere quel fattore di superamento della legge di natura del cambiamento tale da essere condannato (o benedetto) a vivere per sempre? Cazzo, ho fuso…
steppenwolf is offline  
Vecchio 06-01-2003, 14.21.22   #2
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Hai fuso anche me!Fondamentalmente,partirei dicendo che tutto è possibile!Noi non possiamo conoscere il futuro,possiamo solo vivere nel nostro eterno presente,a cui siamo vincolati.Nietzsche diceva proprio questo,che noi non siamo liberi in quanto tutta una serie si avvenimenti passati sono concatenati con quelli presenti,e con quelli futuri,in un intreccio in cui l'uomo non ha libertà;se non quella di vivere in modo spontaneo la propria esistenza,come un fanciullo,accettando la vita per quello che è.Almeno,così io l'ho interpretato.Secondo me N. con "eterno ritorno" non indicava i deja-vu,o i back flash di sensazioni già vissute.Praticamente l'eterno ritorno è il presente che percorre la circonferenza del tempo.Infatti per N. il tempo non è lineare,ma ciclico.E' inutile quindi fare ipotesi campate in aria.
Per quanto riguarda la seconda parte del discorso,l'evoluzione dell'uomo e la determinazione della volontà di potenza...l'unica cosa che possiamo fare è farci guidare dalla Vita stessa lungo la "retta" via,cercando di contrastare tutti quei fenomeni nichilisti che vanno contro la vita stessa.Ma poi noi uomini,in confronto all'intero universo,siamo così piccoli,che non dobbiamo illuderci di cambiare molto le cose(per ora).Al massimo,male che vada,facciamo saltare in aria quel granellino si sabbia che è la Terra.Oppure l'evoluzione continuerà,anche se non credo che l'umanità diventerà mai eterna.Però non si sa mai.Tutto è possibile.Può anche accadere che noi uomini diventiamo così potenti da mettere sotto i piedi la Natura stessa,cosa che apparentemente sta già accadendo.Ma io non mi illuderei troppo...
Beh,qui mi fermo,perchè credo che fare ipotesi così,senza fondamento,non abbia senso.Sono fenomeni che travalicano i nostri limiti.Hai presente Odissea nello Spazio.Ecco,noi non potremo mai capire che cavolo è quell'obelisco nero....spero solo in una rinascita.
sisrahtac is offline  
Vecchio 06-01-2003, 14.34.38   #3
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Ancora sulla clonazione....

Ora non so più dove postare,perchè ci sono una serie di argomenti che si intersecano a vicenda....



Non lo so,non lo so,non lo so.La clonazione è il simbolo dell'eterno dilemma umano.Fino a dove possiamo spingerci?Fino a quando potremo ancora sfidare la Natura?Dov' è giusto fermarsi?E' giusto fermarsi?O bisogna proseguire ad ogni costo?Boh...
E poi,secondo voi è giusto considerare ancora l'uomo un animale?Secondo me ci siamo talmente alienati dal contesto naturale che siamo diventati qualcosa d'altro.E' proprio questa crisi di identità collettiva che rovinerà l'uomo!Dobbiamo prendere una decisione chiara.O a favore o contro la natura.Non è detto che sia una partita persa.Magari l'uomo potrà sopravvivere grazie alla sua intelligenza,creandosi da sè l'ambiente in cui vivere,facendo a meno della natura;riscrivendo tutte le regole naturali,dalla gravità alla vita stessa.L'uomo ha subito un evoluzione.Prima era un animale,perfaettamente integrato con la natura.Poi ha subito una modificazione,simile alle cellule carcerogene,ha iniziato a seguire i suoi schemi personali e a diventare un parassita della natura.Ora,io dico,tornare indietro è impossibile,quindi tanto vale fare i parassiti fino in fondo e sfruttare la natura fino al midollo,poi quando la Terra non ci servirà più ci sposteremo,se avremo i mezzi,da qualche altra parte,se no estingueremo...oppure diventeremo autonomi,nella migliore delle ipotesi,e ci forniremo energia da soli,o comunque intaccando nel minimo la natura...
sisrahtac is offline  
Vecchio 06-01-2003, 15.48.17   #4
A.E.1879
Ospite
 
Data registrazione: 05-01-2003
Messaggi: 3
Exclamation R.e ritorno all'essere.........!!!

...Stai seguendo questa strada da troppo tempo e non ti 6 ancora reso conto che non andrài da nessuna parte,....Ti consiglio 'la scimmia nuda ' di DESMOND MORRIS
A.E.1879 is offline  
Vecchio 20-01-2003, 04.11.26   #5
Arsello Trepalle
Ospite
 
Data registrazione: 07-01-2003
Messaggi: 16
Tutto ciò di cui l'uomo necessità gli sta davanti .
tutti i limiti di cui parli sanno di limitato.
la legge di natura che tutta trasmuta è vera se prendiamo in considerazione dei sottoinsiemi visto che da come la vedo io tutte le cose sono veramente "tutto" anche singolarmente parlando.



Poi lo scopo dell'uomo secondo me è solo far nascere quel Dio che già esiste e che ci ha creato in cui viviamo e digitiamo

a proposito di quei limiti di cui parlavi
a forza di correre vero i traguardi di nuovi limiti ci ritroveremo al punto di partenza

ciao
Arsello Trepalle is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it