Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 16-11-2006, 21.17.43   #1
cannella
Ospite abituale
 
L'avatar di cannella
 
Data registrazione: 21-09-2003
Messaggi: 611
Vendetta

Kill Bill (1 e 2) di Quentin Tarantino, Man on fire di Tony Scott, Sympathy for Mr.Vengeance di Park Chan-wook.

Ho visto recentemente questi films, che hanno un denominatore comune: la vendetta.

Niente di nuovo, il tema della vendetta era utilizzato anche nel teatro greco e la crudeltà dei personaggi nelle tragedie era un retaggio dei riti sacrificali; più recentemente, le trame dell'opera lirica riportano spesso alla vendetta,
ad esempio in "Rigoletto" di Verdi: "Sì, vendetta, tremenda vendetta di quest'anima è solo desio", canta Rigoletto davanti ai cortigiani che hanno fatto rapito la figlia Gilda.

Anche l'Antico Testamento presenta un Dio vendicativo: la cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso terrestre, il Diluvio Universale, "le colpe dei padri ricadranno sui figli".

M'incuriosisce la partecipazione emotiva nei confronti delle storie di vendetta, che io stessa ho provato.

Perchè questo? La vendetta è un sentimento atavico che consente di riequilibrare il nostro senso di giustizia?
Oppure è la nostra educazione morale che ci permette di esprimere ciò che viene in fondo represso ma mediato da un regolamento religioso?

Esiste un vendetta debole e ambigua dell'uomo meschino che cerca una rivalsa ai propri fallimenti nei confronti di altri, ignari e incolpevoli, e la vendetta forte del guerriero di spada?
cannella is offline  
Vecchio 18-11-2006, 01.05.27   #2
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: Vendetta

Citazione:
Originalmente inviato da cannella
Hanno un denominatore comune [quei films]: la vendetta.
Ciao cara

A mio modesto parere, voler mettere sullo stesso piano "Man of fire" con "Kill Bill", è leggermente fuori luogo. Sono due film completamente diversi.
Io personalmente mi sono rifiutato di andare a vedere al cinema Kill Bill, in quanto tutta la storia si basa solo ed esclusivamente sulla vendetta. Nient'altro è il tema, e nient'altro viene proposto. Solo una cosa, la famosa citazione: La vendetta è un piatto che va servito freddo.
Citazione assai interessante, e curiosa, ma... ma niente.

Il fascino di "Man of fire" sta proprio nel fatto che vengono proposte o rese note le alternative. Per non dire, che il nucleo del film non è affatto la vendetta, ma tutt'altro.

Denzel, un tentato suicida nel film, che è rimasto in vita solo per "volontà divina", non ha più un motivo per cui vivere... e cosa da far notare... la cosa migliore che lui sa fare - quanto nella vita a lui gli riesce meglio di chiunque altro - è uccidere, è la morte. Lui è un maestro in tale campo, e nessuno gli è pari.

Ordunque, cosa avviene nel film?
Una bambina, nella sua semplicità e nel suo affetto che mostra, riesce a ridare un motivo per cui vivere a Denzel... fino a quando ella non viene rapita e - come si ipotizza - uccisa in quanto le trattative non sono andate in porto.

In altre parole, cose succede?
Succede che l'unica cosa per cui Denzel stava vivendo, è andata persa...
E cosa fa Denzel?
La cosa che meglio sa fare di tutte: inizia a uccidere.
Lui si prende la briga di "rendere giustizia", cosa che la polizia non sarebbe riuscita a fare nemmeno in un decennio, mentre Denzel compie tutto in un paio di giorni: Fa fuori tutti quanti avevano a che fare con questo rapimento e presunta uccisione della bambina, nessuno escluso.

Per poi scoprire alla fine cosa...?
Per infine scoprire che in realtà, la bimba, non è stata ancora uccisa dai ricattatori...
Ed è qua, che si vede, nel film, un certo cambiamento di rotta...
Denzel rimane spiazzato da questa notizia, non pensava che lei vivesse ancora, e cosa compie infine?

Uccide forse anche i ricattatori che erano rimasti in vita, per riprendersi la bambina? Continua con la sua vendetta?
No, non lo fa.

Segue un altro principio... Non quello della vendetta, bensì...

Un principio che durante il film viene tra le altre cose pure citato:
Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene.
(Paolo in Romani 12:21)

Lui, il maestro nell'uccidere, uomo che non vedeva alcun senso in questa vita...
Sceglie la assai più difficile via dell'amore...

Nessuno ha amore più grande di quello di dar la sua vita per i suoi amici.
(Gesù in Giovanni 15:13)

Lui, Denzel, arriva a dare la sua vita, in cambio di quella della bambina.

Il film insomma, va assai al di là della semplice vendetta, anzi, alla fin fine, passa proprio in secondo - per non dire terzo - piano.
Il messaggio che passa alla fin fine, è un messaggio totalmente - o quasi - in contrapposizione con il resto del film - quando si vede gironzolare Denzel per la città del Mexico per vendicarsi.
È un film che a me ha fatto parecchio riflettere... e dà la possibilità di farlo, appunto in quanto mostra un'alternativa alla vendetta, e il finale coglie - diciamo - di sorpresa colui che visiona la pellicola.

"Kill Bill"... non so se è anche tutto questo, oltre che la semplice vendetta.

Citazione:
Perché questo? La vendetta è un sentimento atavico che consente di riequilibrare il nostro senso di giustizia?
Perché? Bella domanda...
E che cavolo ne so?

Citazione:
Oppure è la nostra educazione morale che ci permette di esprimere ciò che viene in fondo represso ma mediato da un regolamento religioso?
L'"occhio per occhio, dente per dente" - immagino che tu stia pensando a questo - ha in realtà poco a che fare con la vendetta personale...
Il tutto ha a che fare con un sistema legislativo, composto dalla trasgressione e una pari sanzione dell'atto di trasgressione che si è commesso. Bene o male, la nostra giustizia-legge moderna, funziona esattamente allo stesso modo: Se tu uccidi qualcuno, rimani in prigione fino a quando non hai scontato una pena pari all'atto "malefico" che hai compiuto.

Prima di tal norma, accadeva che se io ti davo uno schiaffo, magari dopo tu mi uccidevi, pretendendo di avere pure ragione. Insomma, mancava un qualcosa che regolasse il rapporto tra trasgressione e sanzione, sanzione imposta dalla società a danno del colpevole, per mantenere una certa pace e tranquillità tra le persone.

Quindi, più di parlare di regolamento "religioso", io parlerei di regolamento "legislativo", che aveva (e ha) strettamente a che fare con la società, le persone, una via per vivere in pace, senza che si permetta a coloro che compiono "danni" di continuare a farlo liberamente.

Mi pare che sono uscito un po' fuori tema, come al solito, ma vabbè - chiedo venia.

Elijah is offline  
Vecchio 21-11-2006, 21.52.21   #3
cannella
Ospite abituale
 
L'avatar di cannella
 
Data registrazione: 21-09-2003
Messaggi: 611
Riferimento: Vendetta

Citazione:
Originalmente inviato da Elijah
Ciao cara

A mio modesto parere, voler mettere sullo stesso piano "Man of fire" con "Kill Bill", è leggermente fuori luogo. Sono due film completamente diversi.
Io personalmente mi sono rifiutato di andare a vedere al cinema Kill Bill, in quanto tutta la storia si basa solo ed esclusivamente sulla vendetta. Nient'altro è il tema, e nient'altro viene proposto. Solo una cosa, la famosa citazione: La vendetta è un piatto che va servito freddo.
Citazione assai interessante, e curiosa, ma... ma niente.

Il fascino di "Man of fire" sta proprio nel fatto che vengono proposte o rese note le alternative. Per non dire, che il nucleo del film non è affatto la vendetta, ma tutt'altro.

Denzel, un tentato suicida nel film, che è rimasto in vita solo per "volontà divina", non ha più un motivo per cui vivere... e cosa da far notare... la cosa migliore che lui sa fare - quanto nella vita a lui gli riesce meglio di chiunque altro - è uccidere, è la morte. Lui è un maestro in tale campo, e nessuno gli è pari.

Ordunque, cosa avviene nel film?
Una bambina, nella sua semplicità e nel suo affetto che mostra, riesce a ridare un motivo per cui vivere a Denzel... fino a quando ella non viene rapita e - come si ipotizza - uccisa in quanto le trattative non sono andate in porto.

In altre parole, cose succede?
Succede che l'unica cosa per cui Denzel stava vivendo, è andata persa...
E cosa fa Denzel?
La cosa che meglio sa fare di tutte: inizia a uccidere.
Lui si prende la briga di "rendere giustizia", cosa che la polizia non sarebbe riuscita a fare nemmeno in un decennio, mentre Denzel compie tutto in un paio di giorni: Fa fuori tutti quanti avevano a che fare con questo rapimento e presunta uccisione della bambina, nessuno escluso.

Per poi scoprire alla fine cosa...?
Per infine scoprire che in realtà, la bimba, non è stata ancora uccisa dai ricattatori...
Ed è qua, che si vede, nel film, un certo cambiamento di rotta...
Denzel rimane spiazzato da questa notizia, non pensava che lei vivesse ancora, e cosa compie infine?

Uccide forse anche i ricattatori che erano rimasti in vita, per riprendersi la bambina? Continua con la sua vendetta?
No, non lo fa.

Segue un altro principio... Non quello della vendetta, bensì...

Un principio che durante il film viene tra le altre cose pure citato:
Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene.
(Paolo in Romani 12:21)

Lui, il maestro nell'uccidere, uomo che non vedeva alcun senso in questa vita...
Sceglie la assai più difficile via dell'amore...

Nessuno ha amore più grande di quello di dar la sua vita per i suoi amici.
(Gesù in Giovanni 15:13)

Lui, Denzel, arriva a dare la sua vita, in cambio di quella della bambina.

Il film insomma, va assai al di là della semplice vendetta, anzi, alla fin fine, passa proprio in secondo - per non dire terzo - piano.
Il messaggio che passa alla fin fine, è un messaggio totalmente - o quasi - in contrapposizione con il resto del film - quando si vede gironzolare Denzel per la città del Mexico per vendicarsi.
È un film che a me ha fatto parecchio riflettere... e dà la possibilità di farlo, appunto in quanto mostra un'alternativa alla vendetta, e il finale coglie - diciamo - di sorpresa colui che visiona la pellicola.

"Kill Bill"... non so se è anche tutto questo, oltre che la semplice vendetta.


Perché? Bella domanda...
E che cavolo ne so?


L'"occhio per occhio, dente per dente" - immagino che tu stia pensando a questo - ha in realtà poco a che fare con la vendetta personale...
Il tutto ha a che fare con un sistema legislativo, composto dalla trasgressione e una pari sanzione dell'atto di trasgressione che si è commesso. Bene o male, la nostra giustizia-legge moderna, funziona esattamente allo stesso modo: Se tu uccidi qualcuno, rimani in prigione fino a quando non hai scontato una pena pari all'atto "malefico" che hai compiuto.

Prima di tal norma, accadeva che se io ti davo uno schiaffo, magari dopo tu mi uccidevi, pretendendo di avere pure ragione. Insomma, mancava un qualcosa che regolasse il rapporto tra trasgressione e sanzione, sanzione imposta dalla società a danno del colpevole, per mantenere una certa pace e tranquillità tra le persone.

Quindi, più di parlare di regolamento "religioso", io parlerei di regolamento "legislativo", che aveva (e ha) strettamente a che fare con la società, le persone, una via per vivere in pace, senza che si permetta a coloro che compiono "danni" di continuare a farlo liberamente.

Mi pare che sono uscito un po' fuori tema, come al solito, ma vabbè - chiedo venia.


Eppure i due films hanno qualcosa in comune,oltre la vendetta: stranamente in entrambi la rabbia vendicatrice è causata da una bimba: in un caso presumibilmente perduta, nell'altro presumibilmente nemmeno nata.
Non voglio anticipare il finale di Kill Bill 2, ma anche in questo film oltre alle citazioni filmiche alla Sergio Leone (anche nel genere western la vendetta è un tema ricorrente), ci sono sfumature che riportano ad altro, almeno a mio parere.
Tu poni, caro Elija un altro tema, che è quello dell'occhio che vede, e la sua interpretazione: nel caso specifico è interessante come la vendetta, che a mio parere accomuna i due films, possa essere letta e in qualche modo purificata in un caso, mentre nell'altro no.
Perchè nel caso di Man on fire, è vero che alla fine il protagonista, in passato killer per professione, più recentemente guardia del corpo, poi passato a vendicatore, si eleva all'estremo sacrificio dello scambio (vita contro vita), per un amore puro e filiale; ma nel frattempo ha ucciso, per vendetta, per rabbia, per ristabilire una sorta di equilibrio.

E la vendetta è comunque sempre data dall'aver subito una profonda ingiustizia, è quindi una reazione.

E' questa la cosa che ho trovato più interessante, e che, sono certa,ha fatto sì che lo spettatore partecipasse per il cattivo, poichè il pluriomicidio è giustificato da un sentimento di giustizia.

In questo caso mi riferivo al Vecchio Testamento; dici bene: "occhio per occhio" è stato da secoli giustificato da riferimenti biblici.

Ma non solo questo; mi riferisco in genere al sentimento traslato del credente che,nell'insegnamento religioso ha appreso il giudizio divino che si concreta nella vendetta.

Non prenderla come una provocazione: so bene che il messaggio religioso è ben altro, addirittura contrario.

Rimane però un insegnamento di tipo sociale di segno diverso, avvalorato appunto dal deux ex machina del giudizio.
cannella is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it