Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 25-04-2007, 09.32.52   #1
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Stare al gioco degli altri..ovvero Ehi! Basta!

Propongo questo tema (se ne esce fuori uno), tema qui data la mia tendenza al personale, anche se starebbe bene in società e cultura. This one is a longtime reflection, bin schon seit langem darueber ueberzeugt, o altre lingue volendo..una conclusione che trascino da tempo: La gente ormai non è più capace di stare al gioco degli altri! Mha, giusto-nemmeno per chenesò il gusto di avventurarsi nel mondo dell'altro più approfonditamente, per ambire al profondo...nel tempo, nello spazio. Snobati e selezionati più o meno subito da 'sta aria di cinismo e arroganza in giro, per quanto ben nascosta, e rimandando lo scartamento forti di una diplomazia "segreta", sono stufo della gente credente nell'unico gioco fattibile - il loro, il pre stabilito, quello rituale.....tutti figli e figlie di Matrix! Avventurieri scarsi, diventati! Mendicatori di riconoscenze! Ognuno per strade pretracciate..bah..a giocare al mago alchimista di preconcetti regalati, detentori della bellezza e critici improvvisati d'estetica...per sentirsi eccelsamente originali!
Mha, certo, con tutto il mondo che si prostra davanti ai piedi, proveniente dai media. Come altrimenti sentirsi?
Ormai, sentendomi zoppo che da altri zoppi ha imparato cedo di nuovo all'isolamento, alla quarantena totale....mi ridò al vagabondaggio solitario, negando frontiere e confini di tutti i generi. Troppi maestri e troppo pochi alievi, veri! E da generazione in generazione, vedo sempre peggio! I 19enni che nei momenti in cui si lasciano andare chiamano i 16enni gia cinni. Mha, come siamo messi?
E poi, la curiosità, quella ingenua, dov'è andata? Troppe domande (mi basta accorgermele pensate) trabocchetto. Troppe domande indagatrici su posizioni socio-economici, "coordinate terrestri" in giro: Di dove sei? Che lavoro fai? Sei sposato? Di che specializazzione sei? LA CULTURA! La quale viene tutt'ora associata inscindibilmente all'istruzione....Come siamo messi!? Vabbè che la gente è imbranata di intraprendere un dialogo, però...basta coi esebizionismi di quanto si possa godere e conoscere l'esistenza, eh! Tutti potenziali mnemonici sprecati nel tempo per me. Basta con impressionismi di pensieri e vedute stabili se è la concentrazione e la tenacia, la coerenza nel fare che manca. Troppi adepti alla signorilità, senza voler considerare che la nobiltà, scambiata volentieri con la fierezza, senza voler accettare che la dignità, a sua volta scambiata affrettatamente con la testardaggine,vengono ereditate. E' un fatto di globuli! E GUARDA CHE CI SONO DEI BARBONI, BANTU' O OPERAI CINESI CHE CE L'HANNO PIU' DRITTA LA SCHIENA DELLA TUA!!!

Scusate, il mio è un mare in perenne tempesta...sin dai primi ricordi. Visitata, emigrato nell'ennesima nazione, l'ennesimo domicilio (1 per anno vissuto in ics mete non "commerciali"), quindi, le ennesime persone conformate le quali per quanto "tifando" per i più forti, i più fighi sono catalogabili e cambiato l'ennesimo posto di lavoro (che grazie a...c'è , seppur non sempre sotto casa e non sempre di gradimento immediato) , scusate, non vi aggiungo niente di nuovo senno "l'attraversare a piedi" il mondo. Il mio non è nemmeno più uno sfogo. Forse era intenzionato così, ma in queste poche righe già sublimato...non sono ben visti i sfoghi in questi tempi, non fa fighi...lo so, ognuno porta i suoi fardelli, mi è chiaro. Non mi rimane che riprendere con il non scervellarmi molto sull'alienamento di quest'umanità in cui la funzionalità ueber alles, ma i ritmi naturali, sequenze quotidiane e le volontà personali aggrediti da migliaia di interferenze e selezioni giornaliere. Bho, forse il bello del gioco è questo? Ditemi voi! Vi sentite radicati talmente in questa società da sentirvi invitare appartenenti gli altri a giocare con queste regole? Ne avete la forza di introdurre qualcuno? Hmmm, certo, quando la si ha non serve...aggrapparsi..e poveretto chi cerca di farlo. Fiori! A voi. Commenti e critiche, consapevole che le cose lanciate possono tornare come un boomerang.
Bha, un'occhiata veloce per rileggermi..posto lo stesso.Ciao


P.S. Buon 25 aprile
neman1 is offline  
Vecchio 25-04-2007, 14.17.41   #2
individuo
Ospite abituale
 
L'avatar di individuo
 
Data registrazione: 09-09-2006
Messaggi: 184
Riferimento: Stare al gioco degli altri..ovvero Ehi! Basta!

Bello!

...se fossi direttore di un giornale te lo pubblicherei al volo...anche se qualche punto non mi è chiarissimo.

Bella pure la firma.


Quoto le cose per me poco chiare:

" ...tutti figli e figlie di Matrix! "

D: Qua ti riferisci al programma televisivo vero, non al film spero?


"...basta coi esebizionismi di quanto si possa godere e conoscere l'esistenza, eh! Tutti potenziali mnemonici sprecati nel tempo per me. Basta con impressionismi di pensieri e vedute stabili se è la concentrazione e la tenacia, la coerenza nel fare che manca..."

D: potresti essere un pò più chiaro? ( se vuoi ovviamente )



"(1 per anno vissuto in ics mete non "commerciali")"

D:ics?

" ...Vi sentite radicati talmente in questa società da sentirvi invitare appartenenti gli altri a giocare con queste regole? ..."

D:credo di avere intuito, ma ho il dubbio per via di com'è scritto.
individuo is offline  
Vecchio 25-04-2007, 22.20.37   #3
neman1
Ospite abituale
 
L'avatar di neman1
 
Data registrazione: 24-04-2004
Messaggi: 839
Ehi, Individuo

Il quale sei. Mi devi scusare
Citazione:
...anche se qualche punto non mi è chiarissimo.

L'Italiano è la quarta lingua delle cinque con cui barato....non sono paesano tuo e non serve esserlo. Niente istruzione (medio-bassa seppure con un curriculum d'oro), pochissime letture preferendo serate al pub a chiaccherare, passeggiare con le persone. E sinceramente, ormai, mi interessa più scrivere la propria storia che leggere quelle altrui. E' per lei che vivo, la mia storia! Il fatto di essere poco chiaro e apparentemente confusionale deriva da un gioco intrapreso in passato ma diventato abitudine, quasi un principio per me, pur di schivare le chele dello standard sociale e intelletuale imposto. Mi va bene l'etichetta del fuori di testa. Mi vanno bene individui che compiono quel tanto di sforzo in piu per cercare di capire le cose ancora non tritte. Tanta rabbia in me, sai...e mi stupisce che possa piacere a qualcuno. Ovviamente, lo ammetto, trasmetto stati emotivi in tumulto, scariche elettriche poco armoniche, poco estetiche, i miei scritti...le regole e le leggi della società civile che cozzano contro il personale senso di giustizia. La stessa legge che in più riprese si è dimostrata insufficientemente articolata per individui come me. Posso? Dell'Alegale e dell'apolita m'hanno dato, i vari signori potenti. Chino la testa! Ma non è questo il punto....

Si, conduco una vita solitaria e spinto da bisogni primari, penso anch'io alla famiglia, l'unione e all'assicurarci la continuità di questa specie.Ma non sono il tipo che elargisce colpe di qua e di là neppure, puntando il dito contro, denunciando questa o quella causa. Semplicemente, mi trovo impotente di fronte al andamento sociale di questi tempi. E questo senso di impotenza mi dà fastidio! Mi danno fastidio i tanti fermi! ricevuti perche non rientrante nei requisiti (d'amore?) richiesti..eppure non son malvagio fisicamente! Il fatto di ricondurmi, svolgermi a interpretazioni psicologiche Freudiane, mi danno fastidio: Ecco a voi le redini, Tenetele, mi raccomando! Sei tu il padrone del tuo destino! Fai tutto da solo!
Certo, mi sono messo in cinta e partorito da solo!

Mi da fastidio persino la reazione al senso di impotenza che spine di trovare altre soluzioni per penetrare o modificare questa società. Nell parallelismo, in cui ho vissuto fin'ora ho trovato l'agio, il rifugio, sissì! Insomma, spesso e volentieri perdo la cognizione del valore da dare al vivere (comune)..!!!!..il vivere a tutti i costi!
Ebbene! Ed ecco perche sostenitore dell'eutanasia! La gente deve essere libera di scegliere, valutare , prima e dopo aver assagiato la scuola di vita disumana che imponendosi...la quale rende solo disumani come il compito stesso.

Ma poi, mi vengono adosso con dei criteri, desideri scaricati da realizzare che, puah........e tu cosa dai a me? Ecco, che l'equilibirio nei rapporti va a mancare. Sei maschio, ti tocca a pendere l'iniziativa, dare un esempio pratico, all'altezza. Sei un'amico, ti tocca essere fedele e sottostare la prova del: quanto sostieni questo valore?...entrando ed adeguandoti sempre e comunque al mondo dell'altro. E' un mettersi alla prova continuo Individuo...senza fine. Basta!!! Provatevi pure! E la fiducia quand'è???? Ciao Fiori!!!
neman1 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it